ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Il gatto con gli stivali - L'ultimo desiderio

    IL GATTO CON GLI STIVALI - L'ULTIMO DESIDERIO

    Dal 7 Dicembre .... [continua]

    Longing

    LONGING

    New Entry - Richard Gere protagonista della pluripremiata dramedy - Longing alla lettera .... [continua]

    The Making of

    THE MAKING OF

    New Entry - Richard Gere in una storia romantica che intreccia vita reale e .... [continua]

    Proxy

    PROXY

    New Entry - Blake Lively protagonista in un Sci-Fi che inscena una nuova vita .... [continua]

    Bones And All

    BONES AND ALL

    Dalla 79. Mostra del Cinema di Venezia - Timothée Chalamet e Taylor Russell sono .... [continua]

    Glass Onion - Knives Out

    GLASS ONION - KNIVES OUT

    Sequel del film Cena con delitto-Knives Out (2019) con il ritorno del bizzarro detective Benoit .... [continua]

    Poker Face

    POKER FACE

    Dalla 17. Festa del Cinema di Roma (13-23 Ottobre, Auditorium della Musica) - Alice .... [continua]

    Black Beauty: Autobiografia di un cavallo

    BLACK BEAUTY: AUTOBIOGRAFIA DI UN CAVALLO

    I recuperati di CelluloidPortraits - Nell'ennesimo adattamento di un romanzo del 1877 scritto da .... [continua]

    Medieval

    MEDIEVAL

    RECENSIONE - Nella Boemia del XIV secolo il debole re Venceslao di Lussemburgo fatica a .... [continua]

    Causeway

    CAUSEWAY

    RECENSIONE - VINCITORE come 'Miglior Opera Prima BNL BNP PARIBAS' alla 17. Festa del .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Nostalgia

    NOSTALGIA

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Da Cannes 2022 - Concorso - Dal 25 Maggio

    (Nostalgia; ITALIA/FRANCIA 2022; drammatico; 118'; Produz.: Picomedia - Mad Entertainment in associazione con Medusa Film e in coproduzione con Rosebud Entertainment Pictures; Distribuz.: Medusa Film)

    Locandina italiana Nostalgia

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: Nostalgia

    Titolo in lingua originale: Nostalgia

    Anno di produzione: 2022

    Anno di uscita: 2022

    Regia: Mario Martone

    Sceneggiatura: Mario Martone, Ippolita Di Majo

    Soggetto: Dall'omonimo romanzo di Ermanno Rea.

    Cast: Pierfrancesco Favino (Felice Lasco)
    Francesco Di Leva (Don Luigi Rega)
    Tommaso Ragno (Oreste Spasiano)
    Aurora Quattrocchi (Teresa Lasco)
    Sofia Essaidi (Fidanzata di Felice)
    Nello Mascia (Raffaele)
    Emanuele Palumbo (Felice da giovane)
    Artem (Oreste da giovane)
    Salvatore Striano (Don Giuseppe)
    Virginia Apicella (Elena)
    Daniela Ioia (Teresa giovane)
    Margherita Mazzucco (Nina)

    Costumi: Ursula Patzak

    Scenografia: Carmine Guarino

    Fotografia: Paolo Carnera

    Montaggio: Jacopo Quadri

    Scheda film aggiornata al: 18 Ottobre 2022

    Sinossi:

    Napoli nel Rione Sanità. È qui che il protagonista Felice (Pierfrancesco Favino) torna dopo quarant'anni di assenza, lontano dalla sua terra. L'uomo, tornato per sua madre, resterà qui dove è nato più a lungo di quanto aveva previsto, mentre riscopre i luoghi, i codici del quartiere e fa i conti con un passato che lo divora. Da giovane Felice insieme a Oreste (Tommaso Ragno), suo amico d'infanzia, nonché compagno di bravate, ha commesso qualche piccolo crimine, fino a quando un uomo non è morto. È per questo motivo che Felice si è allontanato dalla città, andando a vivere all'estero, ma non tradendo mai l'amicizia con Oreste.
    Ora che è tornato nel rione Felice vorrebbe rivedere il suo vecchio amico, ma Oreste, noto ormai come il delinquente del quartiere, non si è mai allontano da quel mondo, che sembra averlo assorbito totalmente...

    Short Synopsis:

    After 40 years of absence, Felice returns to her hometown: Naples. He rediscovers the places, the codes of the city and a past that eats away at him.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    La conoscenza è nella nostalgia: chi non si è perso non possiede” Pier Paolo Pasolini

    Non è certo il primo Mario Martone ad esprimersi sul legame viscerale con la propria terra. E con Napoli poi! Un legame d’amore autentico, schietto, nostalgico e drammatico, ma soprattutto indissolubile. E lo stile del racconto non poteva essere altrimenti. Un racconto asciutto, persino scarnificato, che trae proprio da una sceneggiatura silente, o comunque fatta di poche parole, tutta la sua potenza. Una potenza condivisa dall’interprete protagonista caricato del maggior fardello: che è l’immenso Pierfrancesco Favino nei panni di Felice Lasco, un affermato e benestante imprenditore in edilizia, migrato all’estero per 40 anni, prima a Beirut in Libano e poi in Sud Africa dove ha lasciato la bella moglie medico egiziana ad attenderlo. E’ lui che fa ritorno a Napoli, nel rione Sanità dell’infanzia, per rivedere la madre ormai molto anziana, la Teresa Lasco di un

    altrettanto intensa Aurora Quattrocchi.

    Che Martone sia un autore, un vero Maestro di cinematografia lo si coglie ovunque, e in particolare in tre parti fondamentali di questa storia raccolta dalla prosa del best seller omonimo, Nostalgia, appunto, di Ermanno Rea. La prima ad avvolgerci in tutto lo struggente dramma naturale, è quella che pone sotto i riflettori l’inevitabile decadimento della madre. Decadimento fisico e psicologico che il figlio non può fare a meno di constatare, iniziando fuori tempo massimo ad adoperarsi per confortarla in ogni modo: la scena del bagno nella grande tinozza è una di quelle che non si dimenticheranno facilmente. E’ il languido trionfo dell’implosione di sentimenti forti, inespressi se non con semplici gesti, accorati e lenti, fino al pianto della madre, quando l’elegia del dolore gronda tutto il verismo di un affresco di vita rubato, al tempo che inesorabilmente è ormai trascorso lontano da quella terra e

    da quegli affetti. Una familiarità dispersa di cui parla la stessa lingua di Felice/Favino, all’inizio caricata di un italiano a cadenza straniera, fino al graduale recupero di un dialetto strettamente partenopeo, di quelli che richiedono la massima attenzione da parte dello spettatore per non perdersi qualcosa per strada. Una lingua riassimilata tra i vicoli percorsi a piedi, assorto tra mille pensieri, mentre assapora di nuovo le usanze, gli odori, le atmosfere, seppure ‘inquinate’ dai disagi e dalle piaghe di una criminalità che corre sul filo della camorra. Una criminalità che parte dal basso, con un boss che arma i giovani e che ci va giù pesante. Con estremo dinamismo Martone dipana tra questi vicoli quei flashback misurati che svelano i trascorsi non troppo tranquilli di Felice nell’adolescenza, così come il tragico legame che lo lega all’amico e compagno di scorribande allora legate alla microcriminalità fatta di furti, scippi e similari.

    Almeno fino ad un evento in cui i due giovani varcano il limite tanto da cambiare per le loro vite sempre, per quanto in maniera opposta.

    Altra parte del racconto che sa tingersi di speciale è proprio l’incontro tanto cercato da Felice/Favino, con il famigerato amico d’infanzia, ora diventato il più temuto boss della camorra del paese: l’inquietante Oreste Spasiano di Tommaso Ragno. Non valgono gli avvertimenti, i tentativi di dissuasione, e le mediazioni del parroco per far conoscere Felice alle famiglie di certi quartieri, cercando di proteggerlo mentre lo presenta come una brava persona. Diventato musulmano, Felice aveva poi trovato il modo di aprirsi con questo parroco - il Don Luigi di Francesco Di Leva - vestito di una spiritualità operativa molto umana e perennemente teso alla ricerca di una giustizia terrena oltre che celeste, mentre lotta ogni giorno con la malavita.

    Beh, anche quell’’incontro limite’, che poi avrà luogo

    nei remoti anfratti della classica tana del lupo, trasuda di un verismo basculante: tra un’umanità perduta che ha toccato il fondo tante di quelle volte da aver dimenticato il senso della misura, e l’umanità pentita e animata da tutta la nostalgia possibile, di poter ritrovare il proprio posto nel mondo, riabbracciando proprio quel respiro mediterraneo di cui, a dispetto di tutto il male possibile, Felice è convinto di poter rivivere senza più scappare dall’ingombrante passato. Ma il passato ti ritrova sempre, anche quando mai te lo aspetteresti. E il finale è un pugno nello stomaco assestato come si deve, ancora una volta, netto e crudo, asciutto e inesorabile.
    Eppure, a restare nel cuore e nella mente, oltre la tragedia, è quel respiro mediterraneo interculturale cui inneggia la magica musica arabeggiante danzata dai ragazzi e dai migranti confluiti sotto l’ala protettrice di quella parrocchia, una mosca bianca di confine che vola e

    fa volare, schivando la malavita, fin dove possibile. Ma capita che neppure il salvabile possa essere salvato, e indorare la pillola, oltre che inutile, suonerebbe falso e menzognero.

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)









    trailer ufficiale:



    teaser trailer ufficiale:



    clip 1:



    clip 3:



    clip 6:



    clip 8:



    clip 9:

    Perle di sceneggiatura

    Madre di Felice: Tu sei figlio a me, vedi di stare attento. Tu non sei come lui!

    Parroco (Francesco di Leva): Te ne sei andato, hai conosciuto altri mondi.

    Felice (Pierfrancesco Favino): Io lo voglio incontrare, Oreste è come me. Lei mi deve guardare come uno dei suoi ragazzi: possono fare altre scelte, ma non potranno mai tradirsi l'uno con l'altro.

    Parroco: Tu ti illudi, i cuori si richiudono col tempo.
    Felice: No, i nostri no.

    Links:

    • Mario Martone (Regista)

    • Pierfrancesco Favino

    1

    Galleria Video:

    Nostalgia - trailer 2

    Nostalgia - trailer

    Nostalgia - clip 1

    Nostalgia - clip 2

    Nostalgia - clip 3

    Nostalgia - clip 4

    Nostalgia - clip 5

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    The Menu

    THE MENU

    RECENSIONE - Dai produttori Adam McKay e Betsy Koch di Don't Look Up e Fresh, .... [continua]

    The Woman King

    THE WOMAN KING

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Con Viola Davis nel ruolo di Nasisca, generale dell’unità militare tutta .... [continua]

    Una notte violenta e silenziosa

    UNA NOTTE VIOLENTA E SILENZIOSA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 1° Dicembre .... [continua]

    Silent Night

    SILENT NIGHT

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Keira Knightley protagonista - al fianco di Lily-Rose Depp, Annabelle Wallis, .... [continua]

    Spirited - Magia di Natale

    SPIRITED-MAGIA DI NATALE

    Dal 18 Novembre su Apple TV+ - RECENSIONE - Nell'adattamento in chiave musicale del racconto .... [continua]

    Come per disincanto - E vissero infelici e scontenti

    COME PER DISINCANTO - E VISSERO INFELICI E SCONTENTI

    Dal 18 Novembre in streaming su Disney+ - Sequel metà animato e metà live action .... [continua]

    Black Panther: Wakanda Forever

    BLACK PANTHER: WAKANDA FOREVER

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 9 Novembre

    "Distruggi una cosa che non conta solo ....
    [continua]