ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Priscilla

    80. Mostra del cinema di Venezia (30-Agosto-9 Settembre 2023) - E dopo Maria Antonietta (Marie ..

    Ferrari

    80. Festival del Cinema di Venezia (30 Agosto-9 Settembre) - Adam Driver è Enzo Ferrari ..

    The Palace

    80. Mostra del cinema di Venezia (30-Agosto-9 Settembre 2023) (?) - Dal 28 Settembre - ..

    Fidanzata in affitto

    Dal 21 Giugno ..

    Asteroid City

    USA: Dal 23 Giugno; ITALIA: dal 14 Settembre - Da 76. Cannes (16-27 Maggio 2023) ..

    Indiana Jones e il Quadrante del Destino

    76. Cannes (16-27 Maggio 2023) - Palma d'Oro Onoraria ad HARRISON FORD - Tra i ..

    Home Page > Movies & DVD > Rachel

    RACHEL

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE ITALIANA e Preview in English by PETER DEBRUGE (www.variety.com) - Il regista di Notting Hill Roger Michell gira My Cousin Rachel con Rachel Weisz e Sam Claflin - Dal 15 Marzo

    "Tanti bei film sono stati tratti dalle opere di Daphne Du Maurier - 'A Venezia' ... 'Un Dicembre Rosso Shocking', 'Gli Uccelli', 'Rebecca La Prima Moglie' - ed ecco un altro dei suoi classici, che è al contempo dettagliato, cupo, sensuale, cinematografico e pieno di sorprese... Spero che il pubblico ami il mistero irrisolto tanto quanto è piaciuto a me e che si diverta in una sorta di corsa sulle montagne russe insieme a questa coppia mal assortita catapultata in un turbine emotivo che scombussola entrambi, mentre ciascuno tenta di capire le motivazioni, le convinzioni e i valori dell’altro, e di coglierne il senso di autenticità".
    Il regista Roger Michell

    (My Cousin Rachel; REGNO UNITO/USA 2016; Commedia romantica; 106'; Produz.: Fox Searchlight Pictures/Free Range Films/Mestiere Cinema (servizio di produzione per l'Italia); Distribuz.: 20th Century Fox)

    Locandina italiana Rachel

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis

    Titolo in italiano: Rachel

    Titolo in lingua originale: My Cousin Rachel

    Anno di produzione: 2016

    Anno di uscita: 2018

    Regia: Roger Michell

    Sceneggiatura: Roger Michell

    Soggetto: Adattamento del romanzo My Cousin Rachel di Daphne Du Maurier del 1951.

    PRELIMINARIA - Le origini:

    Mia Cugina Rachele è stato adattato per la prima volta per il grande schermo nel 1952 da Henry Koster e interpretato da Richard Burton e Olivia de Havilland. Una serie della BBC in quattro parti basata sul romanzo è stata trasmessa nel 1983 e ci sono stati anche adattamenti radiofonici e teatrali.

    Trama del libro:

    Rimasto orfano, Philip Ashley viene cresciuto con affetto filiale dal cugino Ambrose. Ma il loro legame è turbato dalla partenza di Ambrose per Firenze. La prolungata assenza preoccupa Philip, le cui paure sono confermate dalla notizia del matrimonio e della successiva morte del cugino. Philip sospetta della vedova, Rachele. Ma ogni certezza vacilla quando lei bussa alla sua porta: può una donna così affascinante e generosa essere implicata in un omicidio? La seduzione, l’amore avventato, il sospetto diventano i protagonisti di questo romanzo, in cui ciò che una pagina prima era certo diventa dubbio nella successiva, in un crescendo d’inquietudine.

    Cast: Rachel Weisz (Rachel Ashley)
    Sam Claflin (Philip)
    Iain Glen (Nick Kendall)
    Holliday Grainger (Louise Kendall)
    Pierfrancesco Favino (Enrico Rainaldi)
    Andrew Knott (Joshua)
    Tim Barlow (Seecombe)
    Simon Russell Beale (Couch)
    Poppy Lee Friar (Mary Pascoe)
    Katherine Pearce (Belinda Pascoe)
    Tristram Davies (Wellington)
    Andrew Havill (Parson Pascoe)
    Vicki Pepperdine (Mrs. Pascoe)
    Bobby Scott Freeman (John)
    Harrie Hayes (Tess)
    Cast completo

    Musica: Rael Jones

    Costumi: Dinah Collin

    Scenografia: Alice Normington

    Fotografia: Mike Eley

    Montaggio: Kristina Hetherington

    Effetti Speciali: Chris Reynolds (supervisore)

    Makeup: Renata Gilbert

    Casting: Fiona Weir

    Scheda film aggiornata al: 06 Agosto 2022

    Sinossi:

    In breve:

    L'orfano Philip Ashely (Sam Claflin) viene cresciuto in Cornovaglia dal ricco cugino Ambrose (Iain Glen), che in seguito sposa in Italia la misteriosa quanto affascinante Rachele (Rachel Weisz).

    Dopo qualche mese, però, Philip inizia a ricevere alcune lettere in cui suo cugino gli accenna alcuni dubbi sulla giovane moglie, perciò parte per Firenze dove purtroppo scopre che Ambrose è morto e Rachele è già partita.

    Benché l'avvocato della donna gli provi che la causa della morte del cugino è stata un tumore, l'uomo continua a nutrire sospetti in proposito e rientrato nella sua villa vi trova Rachele... Tuttavia, i suoi sentimenti diventano sempre più confusi quando si rende conto di cedere al fascino della seducente cugina...

    Short Synopsis:

    A young Englishman plots revenge against his mysterious, beautiful cousin, believing that she murdered his guardian. But his feelings become complicated as he finds himself falling under the beguiling spell of her charms

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Lei era innocente? Era colpevole? Chi è colpevole? Ero un orfano, Ambrose si prese cura di me, era mio cugino ma l’ho amato come un padre. Dicevano ‘il bambino ha bisogno di una madre', ma le uniche femmine in questa enorme casa erano le cagne. Avevo finito gli studi, che cosa avrei imparato? … Mi piaceva solo stare qui, ma Ambrose si ammalò, i dottori lo mandarono a curarsi dove c’era il sole! Quanto mi mancava!

    La voce fuori campo del protagonista Philip Ashley (Sam Claflin) avvia un racconto d’altri tempi che è un classico nelle pagine della celebre scrittrice Daphne Du Maurier (My Cousin Rachel del 1951), nientemeno che l’autrice di Rebecca, la prima moglie. Un classico ampiamente celebrato da svariati adattamenti radiofonici e teatrali, nonché al cinema, a ruota dall’uscita del libro, nel 1952, dal regista Henry Koster, che ne realizzò un film con la coppia Olivia de Havilland

    e Richard Burton. Ora il compianto regista Roger Michell (Notting Hill, Il buongiorno del mattino, Royal Weekend, Il ritratto del duca) lo ha riesumato dalla polvere per un nuovo adattamento che, per lo più fedele al romanzo cui si ispira, mostra d’altra parte non pochi scricchiolii, a cominciare dalla mancanza di profondità e di graduale evoluzione dei sentimenti di questi personaggi. La natura hitchicockiana del racconto, affiora qua e là da lettere e appunti vari lasciati dal cugino Ambrose come indizi di una rivelazione di verità mai del tutto emersa, nonché dai supposti avvelenamenti con speciali, corroboranti tisane. La donna di cui Ambrose si è innamorato durante il suo soggiorno in Toscana, a Firenze, e che ha sposato, brilla di una bellezza abbagliante pari alla sua ambiguità, quella che Rachel Weisz tornisce come una scultura, ma solo in bassorilievo.

    Quanto al Philip di Claflin, appare sempre arrabbiato e quasi schizofrenico

    fin dalle prime battute, e ancor più quando, nel raggiungere il cugino in Toscana - che gli ha chiesto aiuto parlando malissimo della donna sposata - scopre che non è più in vita. E così, tra tutori, avvocati - tra cui il Rainaldi di Pier Francesco Favino - ed eredità pendenti, il nostro Philip/Claflin, dall’alto di tutte le velleità di vendetta, capitola in un istante alla sola visione di questa donna di gran fascino, che finisce per baciare troppo presto e per la quale si adopererà in ogni modo, al punto da innescare tutta una serie di cose più che avventate, mentre ignora sistematicamente la gentile e innamorata Louise (Holliday Grainger), messa da parte spesso pure in malo modo. Finché non si giunge ad un epilogo, che, in un certo qual modo, sembra prendere le distanze dalla pagina scritta, per partorirne uno in grado di camminare con le proprie gambe,

    senza peraltro giungere ad alcuna verità certa.

    Chi è il colpevole? Ero un orfano, Ambrose si prese cura di me, era mio cugino ma l’ho amato come un padre. Ora sono un padre, che cosa dirò ai miei figli? … Lei era colpevole? Era innocente? Rachel è il mio tormento!

    Secondo commento critico (a cura di PETER DEBRUGE, www.variety.com)









    trailer ufficiale:



    clip 'Estremamente femminile':



    clip 'Un infuso misterioso':



    featurette 'Amore e follia' (sub ITA):



    Rachel Weisz steps into Olivia de Havilland's shoes, playing the elusive black widow of Daphne du Maurier's deliciously ambiguous novel

    The words “your reputation precedes you” may as well have been coined with “My Cousin Rachel” in mind: From the title of Daphne du Maurier’s novel, which stirs an air of fevered

    anticipation around a character that doesn’t actually make her entrance until more than 20 minutes into the story, to the wild rumors swirling around her early on — that she’s a sex fiend, a murderess and maybe even a witch — “My Cousin Rachel” encourages us to jump to conclusions before using its tricksy ways to call all of those hasty half-truths into question.

    Du Maurier’s novel was adapted for the big screen once before, with Olivia de Havilland in the title role, though the enigmatic antiheroine has never been as seductive, cunning or deliciously ambiguous as she is in the hands of Rachel Weisz, who steps into a character practically overshadowed by others’ idea of her and unlocks more hidden dimensions than we might have thought possible. Whereas it was Richard Burton’s Philip whom Rachel seduced in the 1952 version, the update offers a shirtless, stubble-bearded Sam Claflin (Finnick O’Dair

    in the “Hunger Games” franchise) in his place, all but ensuring that Weisz dominates the picture.

    Female characters are seldom allowed to loom so large, and “My Cousin Rachel” reminds what a delight it can be when they do — which surely explains why Fox thought to revive this classic title, whose overripe 1952 sensibility (with its gothic sets, silvery cinematography and wall-to-wall score) leaves the novel open for an update. Even if this Searchlight-backed refresh is bound to have a relatively short shelf life, in “Notting Hill” director Roger Michell’s hands, it makes for a smart summer counter-programmer: While “Wonder Woman” wows the fanboys, art-house crowds have their own mysterious lady to marvel over.

    Until Rachel’s arrival, the Ashley estate — an atmospheric stretch of green-grey marshes and moors along the coast of Cornwall, England, given texture through Rael Jones’ hypnotically repetitive piano score — is a nearly all-male domain. As

    a boy, Claflin’s orphaned Philip was raised there by his considerably older cousin Ambrose, who falls ill at one point and ships off to warmer climes to mend his health. While Ambrose is recovering in Florence, Italy, Philip starts to feel like the man of the manor, which he’s positioned to inherit when Ambrose dies. But then a series of strange letters start to arrive, first announcing how Ambrose has fallen in love and plans to get married, and then, referring to his wife as “Rachel, my torment” and insisting that Philip come quickly to his aid.

    At this point, the only love young Philip has ever known is the one he feels toward his guardian, and now, flushed with concern, he travels to the sunshine of Florence (which stands in stark contrast with the overcast and shadowy Cornwall) to find Ambrose dead and Rachel gone. In her place is a

    strange Italian man, Guido Rainaldi (Pierfrancesco Favino), who could conceivably be another of Rachel’s lovers. Philip is outraged, vowing revenge upon the black widow: “Whatever it cost him in pain and suffering before he died, I will return in full measure upon the woman who caused it.”

    In Philip’s youthful naïveté, his hatred of Rachel manifests itself as a kind of misogyny, in which he holds womankind responsible for Ambrose’s death (when, in fact, the condition seems to have originated at Cornwall). Apart from tomboyish family friend Louise Kendall (Holliday Grainger), who clearly dotes upon the young bachelor, Philip has had so little experience with the fairer sex that he’s entirely unprepared for the effect Rachel herself will have on him — but, of course, she’s not at all the monster he had imagined, and in fact, he starts to fall for her from the moment they finally meet.

    It’s pure pleasure

    to watch Weisz as Rachel, who is also an actress of sorts, adapting to suit the needs and desires of whoever she’s seducing. Her manipulations feel more intuitive than conniving and need not be explicitly sexual per se. In Philip’s case, when she assumes a nurturing dynamic, as if trying to provide him with the mother he has always lacked. (Yet things take a carnal turn after a point, when he can no longer control his physical urges.) In return, she receives an allowance and a measure of stability, without forcing her to remarry.

    Since Ambrose never got around to including her in his will, Rachel is doing what society requires of her, and before long, she has convinced Philip to sign over the entire estate as only the best con artists can, in such a way that he thinks it’s his idea. To everyone else — whether Louise and her

    skeptical father (Iain Glen) or the audience itself — Philip’s obsession seems a cause for alarm, as Claflin transforms the character from a rational, level-headed young gentleman to a wild-eyed dope fiend, where Rachel is his drug. When he doesn’t get what he wants, Philip first throws tantrums (as when he’s forced to take back his mother’s pearls, which he’d given to Rachel as a Christmas gift) and later falls dangerously and deliriously ill.

    As written, we’re meant to wonder whether Rachel may be directly responsible for Philip’s rapidly declining health, which could be the product of her home-brewed tisana recipe (the very mention of the exotic tea sounds poisonous on Weisz’s tongue). By this point, Philip’s paranoia is starting to get the better of him, and yet, Michell cheats, trying to create ambiguity by depriving the audience of information that the characters themselves have access to in the final stretch.

    By

    contrast with du Maurier’s “Rebecca,” in which the title character haunts the novel even though she never appears, on screen, it’s hard to maintain the aura of mystery that surrounds Rachel’s motives. The more explaining the script does, the less we’re allowed to lose ourselves in the dark shadows of Weisz’s performance, which is where the character’s sense of dimension comes from in the first place.

    Bibliografia:


    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di RACHEL

    Links:

    • Roger Michell (Regista)

    • Rachel Weisz

    • Pierfrancesco Favino

    • Iain Glen

    • Sam Claflin

    • Holliday Grainger

    1| 2 | 3

    Galleria Video:

    Rachel - trailer

    Rachel - trailer (versione originale) - My Cousin Rachel

    Rachel - clip 'Estremamente femminile'

    Rachel - clip 'Un infuso misterioso'

    Rachel - featurette 'Amore e follia' (versione originale sottotitolata)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Renfield

    Nicolas Cage può dire di aver finalmente realizzato il suo sogno nel cassetto di interpretare ..

    Avatar: La via dell'acqua

    In streaming dal 7 Giugno 2023 - BAFTA 2023: VINCITORE come 'Migliori Effetti Speciali' ..

    Alien

    'Celluloid Portraits Vintage' - Cult Movie-I Bellissimi! - TORNA AL CINEMA solo il 29,30 ..

    Marlowe

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Ancora inedito in Italia - 2023 (?) ..

    Blueback

    Mia Wasikowska, Radha Mitchell, Eric Bana portano sul grande schermo la favola ecologica ispirata al ..

    The Last Song

    MOVIE RETRÒ – MILEY CYRUS; Greg Kinnear; Liam Hemsworth - Greg Kinnear padre poco ..

    L'esorcista del Papa

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Russell Crowe affronta il tema spinoso dell'esorcismo ..