ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Comedians

    COMEDIANS

    New Entry - Gabriele Salvatores traspone sul grande schermo l'omonima e celebre pièce teatrale .... [continua]

    Casa della notte

    CASA DELLA NOTTE

    New Entry - Dal Sundance Film Festival 2020 in prima mondiale - Rebecca .... [continua]

    Swan Song

    SWAN SONG

    New Entry - .... [continua]

    Valley of the Gods

    VALLEY OF THE GODS

    New Entry - L’uomo più ricco sulla terra. Un giovane scrittore in crisi. Un’ancestrale .... [continua]

    Another Round Remake

    ANOTHER ROUND REMAKE

    New Entry - Leonardo DiCaprio acquisisce i diritti per il remake americano dell'originale danese .... [continua]

    The Nest - L'inganno

    THE NEST - L'INGANNO

    New Entry - Dal 14 Maggio on demand su: Sky Primafila, Chili, Google Play, .... [continua]

    Blacklight

    BLACKLIGHT

    New Entry - Liam Neeson torna a collaborare con il regista Mark Williams dopo .... [continua]

    Nomadland

    NOMADLAND

    Oscar 2021 - VINCITORE di 3 Premi: 'Miglior Film'; 'Miglior Regia' (Chloé Zhao), 'Miglior .... [continua]

    The Song of Names - La musica della memoria

    THE SONG OF NAMES-LA MUSICA DELLA MEMORIA

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal SAN SEBASTIÁN 2019 - Clive Owen .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Reality

    REALITY: DOPO 'GOMORRA' MATTEO GARRONE TORNA SULLA CROISETTE PER UN ALTRO SCOTTANTE TEMA DI ATTUALITA'

    RECENSIONE - VINCITORE del 'GRAND PRIX della GIURIA al 65. Festival del Cinema di CANNES (16-27 Maggio 2012) - Dal 28 SETTEMBRE

    "Dopo 'Gomorra' volevo fare un film diverso, cambiare registro e così ho provato a fare una commedia. Il film nasce da una storia semplice, documentata, che abbiamo trasfigurato per fare una riflessione su un paesaggio contemporaneo; un viaggio attraverso un Paese. Un percorso fatto di sogni e attese di questi sogni, che si sviluppa su due piani: uno esterno, geografico e l’altro interno, psicologico. Due piani che sono fortemente connessi fra loro, infatti è proprio quel tipo di paesaggio culturale a generare i personaggi che animano la nostra storia. 'Reality' è un film sulla percezione del reale, la storia di un uomo che esce dalla realtà ed entra nel proprio immaginario. Ho sempre pensato a Luciano, il protagonista del film, come ad un moderno Pinocchio, un personaggio con un’innocenza e un candore infantili. Infatti, filmandolo, l’ho seguito come se stesse vivendo un’avventura fantastica. Durante le riprese ero di continuo alla ricerca di quel sottile equilibrio tra realtà e sogno, ricercando anche dal punto di vista figurativo una dimensione favolistica, una sorta di 'realismo magico'".
    Il regista e co-sceneggiatore Matteo Garrone

    (Big House; ITALIA 2011; Dramedy; 115'; Produz.: Archimede-Fandango/Le Pacte-Garance Capital/Rai Cinema; Distribuz.: 01 Distribution)

    Locandina italiana Reality

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Titolo in italiano: Reality

    Titolo in lingua originale: Big House

    Anno di produzione: 2011

    Anno di uscita: 2012

    Regia: Matteo Garrone

    Sceneggiatura: Matteo Garrone, Ugo Chiti, Massimo Gaudioso e Maurizio Braucci

    Soggetto: Matteo Garrone, Massimo Gaudioso.

    Cast: Aniello Arena (Luciano)
    Claudia Gerini (Presentatrice GF)
    Loredana Simioli (Maria)
    Nando Paone (Michele)
    Graziella Marina (Mamma di Luciano)
    Nello Iorio (Massimone)
    Nunzia Schiano (Zia Nunzia)
    Rosaria D'Urso (Zia Rosaria)
    Giuseppina Cervizzi (Giusy)
    Raffaele Ferrante (Enzo)
    Paola Minaccioni (Cliente romana)
    Ciro Petrone (Barista)
    Salvatore Misticone (Calzolaio)
    Vincenzo Riccio (Vincenzo)
    Martina Graziuso (Martina)
    Cast completo

    Musica: Alexandre Desplat

    Costumi: Maurizio Millenotti

    Scenografia: Paolo Bonfini

    Fotografia: Marco Onorato

    Montaggio: Marco Spoletini

    Effetti Speciali: Leonardo Cruciano

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Luciano è un pescivendolo napoletano che per integrare i suoi scarsi guadagni si arrangia facendo piccole truffe insieme alla moglie Maria. Grazie a una naturale simpatia, Luciano non perde occasione per esibirsi davanti ai clienti della pescheria e ai numerosi parenti. Un giorno, spinto dai familiari, partecipa a un provino per entrare nel "Grande Fratello". Da quel momento la sua percezione della realtà non sarà più la stessa.

    IN ALTRE PAROLE:

    Per mantenere la moglie e i due figli e soddisfare i bisogni indotti dalla modernità, il napoletano Luciano (Aniello Arena) fa il pescivendolo insieme al cugino e si districa tra piccole truffe. Nel suo piccolo, ha però un grande desiderio: sogna di partecipare al reality Grande Fratello, con la speranza di avere un ritorno economico dall'avventura televisiva che gli permetterebbe di cambiare vita e futuro e di assecondare una certa dose di narcisismo insita in lui. Divenendo ossessionato dall'idea, finisce con il perdere il senso della realtà, distorcendo la percezione di ciò che lo circonda.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    MATTEO GARRONE USA LA CHIAVE DEL 'REALISMO MAGICO' PER APRIRE UNA PORTA SUL VUOTO DELL'ANIMA COLLASSATA SOTTO IL PESO DI UNA EFFIMERA CHIMERA: QUELLA CHE SOTTOMETTE E SCHIAVIZZA L'ESSERE SOTTO L'AMMALIANTE ATROFIZZATORE MENTALE DELL'APPARIRE

    Definire commedia il Reality di Matteo Garrone potrebbe quasi suonare come un'offesa. Reality gronda tutta l'amara malinconia di una tragedia umana che per nostra sfortuna non si limita al personaggio del pescivendolo Luciano. Personaggio che ha valso l'interessante prova di introspezione a tutto tondo di Aniello Arena, resa ancor più protagonista dalla ripresa intimista di Matteo Garrone, il cui obiettivo centra e accerchia il personaggio in sostenuti piani sequenza finché non riesce a metterne a nudo pensieri e ansie, di quelli in grado di creare solchi profondi per danni difficilmente riparabili. Luciano non è che un tragico figlio del nostro tempo, tra le moltitudini lampeggianti da una realtà che spesso supera la finzione. Fattore questo, confermato

    dalla stessa Claudia Gerini che in Reality, dall'alto della sua contenuta 'compostezza', non interpreta affatto la reale conduttrice tipo del Grande Fratello, piuttosto in stile, come dire, 'scimmia urlatrice'. Un tempo tanto decadente e blasfemo quanto arrogante e stupido. Un tempo che persevera nel votarsi anima e corpo a terrificanti 'mistificazioni' pescando sempre più nel fondo del barile della spazzatura. Un tempo che ama specchiare il proprio putrido aspetto in un piccolo schermo, per gloriarsene follemente, e ancora, e ancora, e ancora. Non so - e neppure ci tengo a saperlo - a quale 'girone' siamo arrivati con gli annuali appuntamenti televisivi di massa del Grande Fratello ma nutro solo la speranza che i sensibili cali di ascolto degli ultimi anni possano voler significare che forse qualcuno si va accorgendo di quanto si sia toccato il fondo e che il vuoto non può che produrre, inesorabilmente, altro vuoto.

    Così il

    Reality di Matteo Garrone si impone dunque all'attenzione piuttosto come un altro film di denuncia. Dopo Gomorra Garrone si era prefisso di alleggerire i toni ma direi che abbia ottenuto quasi il risultato contrario, offrendoci in una languida 'confezione regalo', un vibrante dramma moderno. E dramma nel dramma, a mio avviso la cosa più tragica che trapela da Reality, congiuntamente alla visione e percezione adulta di Luciano & Co. è quella dei bambini, suoi figli, più fanatici che fan del piccolo schermo e del GF in particolare, dell'idea che il padre possa dimostrare pubblicamente il talento comico trasformista esibito abitualmente in famiglia. Un dramma moderno dunque, sia pure espresso da Garrone con un tocco di stile anticheggiante che paga volentieri pegno a quel classicismo pieno, reso florido dall'apporto nutritivo di branche artistiche diverse, tutte riunite sotto l'unica egida portante di quel che lo stesso Garrone ha riconosciuto come Realismo

    Magico. Chiave stilistica cui si affida fin dalla sequenza di apertura, con quel cocchio in stile Luigi XIV che avanza guadagnando terreno in pieno centro cittadino, accompagnato da un tintinnìo musicale di rintocchi cristallini idealmente riconducibile al genere favolistico. Da qui inizia la sua auto dichiarata "ricerca di quel sottile equilibrio tra realtà e sogno" che contraddistingue il percorso del suo personaggio chiave. "... Un percorso fatto di sogni e attese di questi sogni, che si sviluppa su due piani: uno esterno, geografico e l’altro interno, psicologico. Due piani che sono fortemente connessi fra loro...." Motivo rinforzato sul piano musicale con note struggenti che a tratti sembrano quasi rievocare quelle create da Ennio Morricone per le silenziose elucubrazioni psicologiche compresse dei personaggi di Sergio Leone.

    E' dunque tra lunghissimi piani sequenza (quasi un leit motiv del film per un altro tratto che accomuna Garrone a Leone), carrellate di macchina laterali e

    soggettive sfocate - segno tangibile del graduale deragliamento del personaggio ancora in bilico tra realtà e sogno - con generoso ricorso a scenografie di caratterizzazione marcatamente teatrale dal pronunciato tocco pittorico, modulato sulla profondità degli scuri stemperati a parsimoniose fonti luministiche a luce calda, che Garrone rintocca i passi del nostro personaggio - seguito nel graduale affondo in un'ottica percettiva sempre più distorta e irrazionale - verso il patibolo di un collasso umano, assimilato in un tutt'uno con la Via Crucis celebrata nel film anche liturgicamente. Proprio il lato su cui questa pellicola, di indubbio valore, sembra farsi più sottile, tradendo qualche arrendevole cedimento alla semplificazione, quasi che questa sua trasfigurazione della realtà lo avesse portato ad una lettura epidermica e trasognata del fenomeno, cadenzata da una sceneggiatura un pò laconica e talora preconfezionata in fuggevoli e riduttivi sermoni sull'essere e l'apparire, didascaliche etichette messe in bocca al parroco

    officiante. Ma Garrone torna presto in forze sempre a cavalcioni di quel Realismo Magico che ha scelto qui come inseparabile alleato e cavallo di battaglia per guadagnare le sponde di un epilogo surreale in grande stile, a metà tra il sogno felliniano e la trasognata estasi di Noodle (Robert De Niro) in C'era una volta in America di Sergio Leone che, per inciso, sta per tornare per l'appunto nelle nostre sale il prossimo 19 ottobre in una inedita versione restaurata e integrata.

    Pressbook:

    PRESSBOOK in ITALIANO di REALITY

    Links:

    • Matteo Garrone (Regista)

    • Claudia Gerini

    • Ciro Petrone

    • Paola Minaccioni

    • 65. Festival del Cinema di CANNES (16-27 Maggio 2012) - DAILY 18 MAGGIO - LA SCELTA DI 'CELLULOIDPORTRAITS': 'REALITY' di MATTEO GARRONE (Speciali)

    1

    Galleria Video:

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    The Father - Nulla è come sembra

    THE FATHER - NULLA E' COME SEMBRA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Oscar 2021 - VINCITORE di 2 Premi: al 'Miglior Attore' .... [continua]

    Rifkin's Festival

    RIFKIN'S FESTIVAL

    RECENSIONE - Woody Allen torna a mettere le mani in pasta su riflessioni esistenziali di .... [continua]

    Un altro giro

    UN ALTRO GIRO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Oscar 2021: VINCITORE del Premio al 'Miglior Film Internazionale' (dedicato .... [continua]

    The Invisible Woman

    THE INVISIBLE WOMAN: RALPH FIENNES TORNA ALLA REGIA CON UN DRAMMA NEL QUALE INTERPRETA CHARLES DICKENS

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - La segretissima storia d'amore di Charles Dickens .... [continua]

    Honest Thief

    HONEST THIEF

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Liam Neeson rapinatore di banche pronto a .... [continua]

    L'amico del cuore

    L'AMICO DEL CUORE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 18 Marzo .... [continua]

    Morgan

    MORGAN

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Un essere artificiale a rischio pone un .... [continua]