ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Conclave

    Aggiornamenti freschi di giornata! (21 Luglio 2024) - Dall'omonimo romanzo di Robert Harris, Peter Straughan ..

    Eyes Wide Shut

    'Celluloid Portraits Vintage' - I bellissimi! Tom Cruise, Nicole Kidman Retrò - 25° Anniversary: 2024 ..

    La versione di Giuda

    New Entry - Il regista, sceneggiatore, produttore, soggettista e attore Giulio Base ha annunciato l'inizio ..

    Ghost-Fantasma

    'Celluloid Portraits Vintage' - Patrick Swayze, Demi Moore e Whoopi Goldberg Retrò - Jerry Zucker ..

    Felice Estate!

    ..

    Felice Estate!

    ..

    Sotto il cielo delle Hawaii

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Cameron Crowe dirige un cast All-Star per una rom-com con ..

    La memoria dell'assassino

    Dal 4 Luglio - Dal Toronto Film Festival 2023 - Michael Keaton si mette dietro ..

    Hit Man - Killer per caso

    Dal 27 Giugno - Designato 'Film della Critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani – ..

    Il diritto di uccidere

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Helen Mirren, colonnello militare dell'intelligence, conduce un'operazione remota con droni ..

    Home Page > Movies & DVD > Asteroid City

    ASTEROID CITY

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - dal 28 Settembre - Da 76. Cannes (16-27 Maggio 2023) - Cast all-star per la nuova commedia romantica di Wes Anderson: Tom Hanks, Scarlett Johansson, Margot Robbie, Jason Schwartman, Adrien Brody, Tilda Swinton, Bryan Cranston, Jeff Goldblum, Liev Schreiber, Jeffrey Wright e Matt Dillon

    Stanley Zak (Tom Hanks): "Non siete qui".
    Augie Steenbeck (Jason Schwartzman): "Non siamo lì, vieni a prendere le ragazze, devo restare con Woodrow..."
    Stanley Zak: "Dove siete?"
    Augie Steenbeck: "Asteroid City".

    Generale Gibson (Jeffrey Wright): "Giovani astronomi e cadetti spaziali, ogni anno festeggiamo il giorno dell'asteroide".

    June (Maya Hawke): "Credo che alcune delle nostre informazioni sullo spazio profondo non siano più così esatte, ma ancora ci sono nove pianeti nel sistema solare e..."
    Billy (Brayden Frasure): "Ora, però, c'è un alieno".

    Augie Steenbeck: "Non mi piace il modo in cui ci guardava... l'alieno".
    Midge Campbell (Scarlett Johansson): "E come ci guardava?"
    Augie Steenbeck: "Come se fossimo spacciati".
    Midge Campbell: "Forse lo siamo".

    (Asteroid City; USA 2022; Commedia romantica; 104'; Produz.: American Empirical Pictures, Indian Paintbrush; Distribuz.: Universal Pictures)

    Locandina italiana Asteroid City

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis

    Titolo in italiano: Asteroid City

    Titolo in lingua originale: Asteroid City

    Anno di produzione: 2022

    Anno di uscita: 2023

    Regia: Wes Anderson

    Sceneggiatura: Wes Anderson e Roman Coppola

    Cast: Tom Hanks (Stanley Zak)
    Scarlett Johansson (Midge Campbell)
    Jason Schwartzman (Augie Steenbeck)
    Jeffrey Wright (Generale Grif Gibson)
    Tilda Swinton (Dott.ssa Hickenlooper)
    Bryan Cranston (Ospite)
    Edward Norton (Conrad Earp)
    Adrien Brody (Schubert Green)
    Liev Schreiber (J. J. Kellogg)
    Hope Davis (Sandy Borden)
    Steve Park (Roger Cho)
    Rupert Friend (Montana)
    Maya Hawke (June Douglas)
    Steve Carell (Manager del Motel)
    Matt Dillon (Meccanico)
    Cast completo

    Musica: Alexandre Desplat

    Costumi: Milena Canonero

    Scenografia: Adam Stockhausen

    Fotografia: Robert D. Yeoman

    Montaggio: Barney Pilling

    Effetti Speciali: Pau Costa (supervisore effetti speciali); Franz Brandstaetter, Tim Ledbury e Anthony Lyant (supervisori effetti visivi)

    Makeup: Julie Dartnell (direzione)

    Casting: Douglas Aibel

    Scheda film aggiornata al: 10 Ottobre 2023

    Sinossi:

    In breve:

    1955. In una cittadina statunitense isolata nel deserto si tiene l'annuale Junior Stargazer, convention di astronomia che accoglie studenti e genitori di tutto il paese, riuniti per partecipare a competizioni scolastiche, ma anche per godersi una vacanza educativa e del meritato riposo. Il tutto a beneficio di una poetica meditazione sul senso della vita.

    In altre parole:

    1955. I visitatori della cittadina di Asteroid City assistono a un incredibile incontro ravvicinato. A seguito di ciò, l'esercito americano costringe tutti i testimoni ad una quarantena in città, durante la quale si seguono vari personaggi, alcuni che cercano di fuggire, altri a passare il tempo tentando di tornare alla realtà dopo l'apparente visita aliena e a riflettere sulle proprie credenze esistenziali e religiose dopo avere appreso di non essere soli nell'universo.

    Short Synopsis:

    Following a writer on his world famous fictional play about a grieving father who travels with his tech-obsessed family to small rural Asteroid City to compete in a junior stargazing event, only to have his world view disrupted forever.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Cornice più ambiziosa di questa per trattare temi reali tra i più urticanti non la si poteva trovare! Ci ha pensato l’eccentrico regista e sceneggiatore Wes Anderson (I Tenenbaum, Il treno per Darjeeling, Grand Budapest Hotel, L’isola dei cani, The French Dispatch, La meravigliosa storia di Henry Sugar) in una rischiosa prova di virtuosismo a tratti lirica, ma anche, volutamente, comica. E dire che è tutta una finzione, per giunta ibrida, tra teatro (la parte in bianco e nero) e cinema (la parte a colori). Sezioni alternate in un montaggio serrato che le mette l’una in comunicazione con l’altra, a cavallo dei suoi particolarissimi movimenti di macchina e un generoso uso di split screen: perché, di fatto, è di scena il processo di creazione! Quello fatto di idee e di interpreti, sia a teatro che al cinema, e pure di atti e scene numerate che scandiscono il copione. E tutto

    questo porta ad una location: la Asteroid City del titolo. Una location desolata, assolata ed essenziale come un paesaggio dell’Arizona, popolato da cactus e montagne all’orizzonte, così come di sporadiche abitazioni e negozi, alla stregua di un dipinto di Edward Hopper, quel che si dice, un maestro nel ritrarre la solitudine incastonata in una sospesa dimensione psicoanalitica. In effetti, l’impronta cartoonesco-pittorica delle scenografie salta subito agli occhi. E sapete perché? Perché Asteroid City non esiste o, per meglio dire, esiste come set cinematografico, e vive delle battute di un copione esilarante, espresse da interpreti stellari, tanto quanto il cast ingaggiato dal regista, così come, d’altra parte, è sua consuetudine.

    Ironia e comicità serpeggiano ovunque, fin dall’inizio, con il narratore sul palcoscenico che, in un immaginario dialogo a tu per tu con lo spettatore, preferisce abbozzare la biografia del drammaturgo (il Conrad Earp di Edward Norton) per passare subito alla prima lettura

    del copione sul palco di una compagnia teatrale. Lo scarno fraseggio levato in uno scenario in bianco e nero, prima di passare al colore e al manifesto che ne rimarca l’inizio della prima scena nel I atto, all’ombra di un immaginario settembre del 1955. Il canovaccio essenziale della trama trova una sua logica di essere in un evento annuale ubicato in una cittadina statunitense isolata nel deserto: si tratta dello Junior Stargazer, convention di astronomia che accoglie studenti e genitori di tutto il paese, riuniti per partecipare a competizioni scolastiche, ma anche per godersi una vacanza educativa e del meritato riposo. Il tutto a beneficio di una poetica meditazione sul senso della vita. Così le varie schegge esistenziali individuali e ad ampio spettro, devono farsi largo tra: la caduta di un meteorite; l’intrusione di un piccolo alieno che torna a riprenderselo prima di rigettarlo di nuovo sulla Terra poco più

    tardi - il motivo forse più esilarante di tutto il film sia sul piano estetico che di contenuto - con tutte le strumentalizzazioni del caso, come il risibile merchandising, consueto in simili circostanze; test nucleari; la quarantena indetta dall’esercito americano a seguito dell’incontro ravvicinato ‘di qualche tipo’, con tutti i protocolli e le assurde regole che, per altri versi, abbiamo malauguratamente sperimentato davvero nella realtà, e al punto da averne immagazzinato un’eco indelebile.

    Così, se non fosse per la continua alternanza di stralci di pellicola in bianco e nero (teatro) e colore (cinema), che appesantisce inevitabilmente l’impalcatura narrativa generale, Asteroid City avrebbe potuto ergersi a ‘piccolo capolavoro’, laddove l’Arte comunica con la vita e viceversa, mentre ironizza su errori e paradossi comportamentali di noi poveri umani, da sempre condizionati da qualcosa di superiore e di incomprensibile. Ma, ecco che interviene in soccorso, l’ombra lunga dell’ispirazione artistica:

    “Gli attori di teatro,

    una cerchia di trovatori e anticonformisti, dalle vite anticonvenzionali, a volte persino pericolose, che nutre e arricchisce le proprie aspirazioni artistiche e rischiara la condizione umana”

    Uno dei personaggi centrali di questa storia è il fotografo di guerra Augie (Jason Schwartzman), che ha perduto la moglie e che dopo tanto tempo non ha ancora detto la verità ai suoi tre figli. Questione spinosa ed oltremodo drammatica se non fosse gestita - ed è questo per l’appunto il caso - con stupenda leggerezza, ma senza perderne peso e profondità di significato: dalle ceneri nel tupperware, alla conversazione telefonica con il padre della moglie defunta (lo Stanley Zak di Tom Hanks), in cui i due si fronteggiano in un tragicomico split screen, alimentato dall’esilarante sceneggiatura. Ma di personaggi, grandi e più piccoli, noti e meno noti, se ne incontrano a grappolo, in questa affollata Asteroid City, in cui condividono, non esattamente nella stessa

    misura o portata, spazi e riflettori. Così, riprese dall’alto, piani sequenza, pause soppesate su una bilancia tutta cerebrale, e virtuosistici movimenti di macchina, veicolano piccoli e grandi interpreti, tra cui brilla e si distingue, ad esempio, la magnifica Scarlett Johansson nei panni della celebre attrice Midge Campbell: ‘l’attrice nell’attrice’ come già in Ave, Cesare! dei fratelli Coen! Esilarante il cocktail di messaggi - da selezionare a seconda dell’umore dell’attrice e della sua scelta se accettare il ruolo o meno - da cui il ‘messo sostituto’ del regista deve estrapolare quello giusto da comunicarle! Una sintesi sarcastica sui dietro le quinte della cinematografia e il genere di rapporto che spesso va ad instaurarsi tra regista maschio ed attrice femmina. La recita del copione al dirimpettaio fotografo, è pure occasione per un fugace nudo integrale della Johansson, per quanto più allusivo, che realistico, com’è negli umori dell’intero film.
    Allusivo e ammiccante come tutta

    la questione legata a quella spaurita figurina di alieno dall’occhio pallato come in ogni film di animazione che si rispetti:

    “E’ una realtà, non siamo soli: l’alieno ha rubato l’asteroide. Creduto sempre un frammento della luna minore, è considerato ora una cometa pigmea errante…”

    Un qualcosa con cui è impossibile non fare i conti, al punto che, com’è da sempre nelle corde degli Stati Uniti d’America, non si può fare a meno di sfruttare in occasione della commemorazione della caduta dell’asteroide: premiazione del cervellone in erba di turno, autore di una pubblicità interstellare che vede la bandiera americana appuntata (proiettata) sulla luna come il francobollo su una lettera; mercatino variopinto un tantino kitsch e con ‘strilli’ pubblicitari da ‘bombardone’ che va ad includere persino il ‘parcheggio dell’alieno’ - That’s America! - così come i fantasmagorici studi sulle ellissi astronomiche della dott.ssa Hickenlooper (una divertente Tilda Swinton).

    Gli umori sono questi, con la cromia

    del fondo immagine che - alieno in vista! - vira dal verde al rosso a seconda di chi si appropria della soggettiva, mentre il regista non manca di scandire la partizione narrativa: “L’alieno ha rubato l’asteroide - Fine dell’atto - Intermezzo facoltativo”. E che dire delle sequenze che rivelano come un regista abbia vissuto per tutte le 785 rappresentazioni teatrali dietro le quinte anziché a casa propria? La finzione preferibile alla realtà, almeno a seconda delle circostanze! E poi arrivò la quarantena… ‘non si entra e non si esce’, e con quella i militari, le sirene, il piano di emergenza per la sicurezza nazionale, con i vari punti del protocollo enucleati da un generale, i cui toni sono tutto un programma, così come i commenti ironici ‘a latere’. Potremmo continuare ad esemplificare all’infinito tanti e tali sono i siparietti che si inanellano in Asteroid City, tra cui la lezione scolastica

    e il surreale intervento del cowboy Montana, emblema tragicomico dell’orgoglio americano. Tutto questo e molto altro succede nell’Asteroid City di Wes Anderson, vale a dire… ‘Ai confini della realtà’!

    Links:

    • Wes Anderson (Regista)

    • Tom Hanks

    • Scarlett Johansson

    • Adrien Brody

    • Edward Norton

    • Margot Robbie

    • Liev Schreiber

    • Jeffrey Wright

    • Hope Davis

    • Jason Schwartzman

    • Steve Carell

    • Bob Balaban

    • Willem Dafoe

    • Jeff Goldblum

    • Tilda Swinton

    • Rupert Friend

    • Bryan Cranston

    • Steve Park

    • Matt Dillon

    • Sophia Lillis

    • ASTEROID CITY di WES ANDERSON. Dal 14 Settembre (Anteprime)

    1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6

    Galleria Video:

    Asteroid City - secondo trailer ufficiale

    Asteroid City - trailer ufficiale

    Asteroid City - trailer ufficiale (V.O.)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Deadpool & Wolverine

    Shawn Levy dirige il terzo capitolo della saga su 'Deadpool', il supereroe più scorretto e ..

    L'ultima vendetta

    Da Venezia 80. - Orizzonti Extra - Liam Neeson in cerca di redenzione dopo ..

    Twisters

    Dal 17 Luglio ..

    Padre Pio

    Da Venezia 79. - Il regista americano Abel Ferrara (da tempo residente a Roma) ..

    Era mio figlio

    Dal 18 Luglio - VINCITORE del Premio del Pubblico a Venezia 80.-Giornate degli ..

    Cult Killer

    In Anteprima al Filming Italy Sardegna Festival 2024 - Antonio Banderas ed Alice Eve ..

    Fly Me To The Moon - Le due facce della luna

    Una storia d'amore ambientata negli anni Sessanta, durante la corsa allo spazio tra gli Stati ..