ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Dune - Parte 2

    RECENSIONE - Denis Villeneuve torna su Dune dirigendo l'atto secondo della saga sci-fi tratta dal ..

    Estranei

    Dalla 21. Festa del Cinema di Roma - Alice nella Città - Dal 29 Febbraio ..

    Spaceman

    Berlinale 2024 il 20 Febbraio - Dal 1° Marzo in streaming su Netflix ..

    Ci sei Dio? Sono io, Margaret

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 2 Marzo - Rachel McAdams, Kathy Bates alle prese con ..

    The Old Oak

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Dal 76. Locarno Film Festival e dal 76. Festival del ..

    Yesterday

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal Taormina Film Festival 2019 - Dal 26 ..

    Wild Four O'Clocks

    New Entry - Michelle Pfeiffer nonna vivace di due giovani ragazzi per Peter Craig, qui ..

    Home Page > Movies & DVD > Made in Italy

    MADE IN ITALY

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - L'esordio alla regia dell'attore inglese James D'Arcy (Dunkirk, Homeland) è una commedia italo-britannica che vede protagonisti Liam Neeson e suo figlio Micheál Richardson - Uscito negli USA il 7 Agosto

    (Made in Italy; ITALIA/REGNO UNITO 2019; Commedia; 94'; Produz.: CrossDay Productions Ltd., Indiana Producion, Rojovid Films)

    Locandina italiana Made in Italy

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis

    Titolo in italiano: Made in Italy

    Titolo in lingua originale: Made in Italy

    Anno di produzione: 2019

    Anno di uscita: 2020

    Regia: James D'Arcy

    Sceneggiatura: James D'Arcy

    Soggetto: Ambientato in Toscana il film racconta la storia di un artista inglese bohémien che torna in Italia insieme al figlio, con cui non ha più contatti da anni, per vendere una casa che entrambi hanno ereditato dalla defunta moglie e madre. I lavori di ristrutturazione della casa iniziano a coincidere con un lavoro di riavvicinamento tra i due.

    Le riprese sono state realizzate nel 2019 a Monticchiello e in alcune strade panoramiche della Val d’Orcia. Il film è sostenuto da Toscana Film Commission nell’ambito del programma Sensi Contemporanei Toscana per il Cinema.

    Cast: Liam Neeson (Robert)
    Micheál Richardson (Jack)
    Valeria Bilello (Natalia)
    Lindsay Duncan (Kate)
    Marco Quaglia (Luigi)
    Gian Marco Tavani (Marzio)
    Helena Antonio (Raffaella)
    Yolanda Kettle (Ruth)

    Musica: Alex Belcher

    Costumi: Louise Stjernsward

    Scenografia: Stevie Herbert

    Fotografia: Mike Eley

    Montaggio: Anthony Boys e Mark Day

    Effetti Speciali: Franco Galiano e John Rafique (supervisori)

    Makeup: Carla Vicenzino (supervisore)

    Scheda film aggiornata al: 31 Gennaio 2021

    Sinossi:

    In breve:

    Robert, un artista londinese bohémien (Liam Neeson), torna in Italia con il figlio, con cui non ha contatti da anni, per vendere la casa che hanno ereditato dalla defunta moglie (e madre).

    In altre parole:

    L'artista bohémien londinese Robert (Liam Neeson), ha ereditato una casa appartenuta alla sua defunta moglie. Robert è intenzionato a vendere la villa il prima possibile e per questo motivo si reca in Toscana insieme a suo figlio Jack (Micheál Richardson), con cui non ha un buon rapporto. Una volta sul posto i due si rendono conto che la villa è in rovina e che ha bisogno di essere ristrutturata. Robert e Jack cercano di sistemare la casa al meglio, ma iniziano subito a litigare. Il ragazzo infatti sta attraversando un periodo difficile ed è alla disperata ricerca di piacevoli ricordi di sua madre. Inoltre, la mancanza di esperienza con in lavori di ristrutturazione, porta Robert a chiedere aiuto ad alcune persone del luogo. E' così che incontra Kate (Lindsay Duncan), anziana e stravagante agente immobiliare. Mentre Jack s'innamora di una giovane cuoca italiana, Natalia (Valeria Bilello), proprietaria di una trattoria. Riuscirà Robert a riportare la villa al suo antico splendore e a recuperare il suo rapporto con il figlio?

    Short Synopsis:

    The story centres on Robert (Liam Neeson), a bohemian artist who travels from London to Tuscany with his estranged son Jack (Micheál Richardson) to make a quick sale of the house they have inherited from his late wife

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Parlare di occasione sprecata è voler essere gentili! Perché questo Made in Italy, debutto alla regia dell’attore James D’Arcy, è riuscito a far franare una pellicola dal potenziale, di per sé, quanto meno interessante. A cominciare dalla location, nel cuore della Toscana e dagli interpreti, in particolare Liam Neeson. Eppure, la mancanza di un’impalcatura solida, armata solo dei soliti cliché, ‘made in Italy’, appunto - qui estesi malamente anche sul piano musicale (Mina, Bocelli & Co.), per non dire della solita cucina ridotta a pizza e spaghetti - con la scalata dei facili sentimenti melò, tra rimpianti a grappolo e parole non dette tra padre e figlio, riduce questa pellicola ad una storiella da piccolo schermo. Neppure il casolare di famiglia da ristrutturare nel bel mezzo della campagna senese, il ristorantino tipico in cui lavora la giovane separata con figlia al seguito (Valeria Bilello) e marito comicamente stalker, smuovono il

    basso livello di produzione cinematografica, di fatto televisiva. Lo stesso movente del viaggio, riesce a mortificare una Toscana ad effetto cartolina, priva di autenticità in panoramica e respiro, qui alquanto asfittici, contribuisce a mancare l’effettivo decollo di questa storia, dominata oltretutto da una recitazione stanca, sfibrata nelle emozioni più genuine.

    All’orizzonte, un padre vedovo, pittore alla deriva, il Robert di Liam Neeson, e suo figlio Jack, non solo per finzione, giacché Micheál Richardson è veramente il figlio di Liam Neeson. Lo scarso potenziale artistico di Jack si direbbe ahimé, speculare al livello di recitazione dell’interprete, giacché neanche sfiora i livelli del padre Neeson. Il Jack di Richardson lo conosciamo nel suo punto di rottura: già al servizio della galleria d’arte dei suoceri che ora deve lasciarsi alle spalle, in vista della separazione dalla giovane eppure già arcigna moglie (personaggio davvero cartoonesco quello della Ruth di Yolanda Kettle). Il sogno di

    acquistare quella stessa galleria d’arte ora messa in vendita, esige per il figlio un riscatto economico da quel casolare di famiglia in Toscana, abbandonato al destino dell’oblio in quanto scrigno di troppi dolorosi ricordi. E’ questo a muovere i passi di entrambi in quella direzione, loro malgrado, il cui rispettivo lutto - della moglie e madre italiana - mai metabolizzato e mai condiviso, li ha affettivamente distanziati. Per inciso, occhieggia tra le righe un parallelismo tra la finzione e la vita reale degli interpreti: come non rievocare il triste incidente sciistico di Natasha Richardson, già moglie di Liam Neeson e madre di Micheál Richardson? Ma tornando al film, il loro inevitabile e scontato ritrovarsi - scavalcando qualche scena madre esasperata fuori tempo massimo - mentre si attraversa tristemente un’atmosfera stagnante, finisce per condurci dritti dritti nelle spire di un epilogo assolutamente prevedibile, complice un affresco inguardabile, d'altra parte, essenza

    di un amore inestinguibile.

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)






    trailer ufficiale (V.O.):

    Links:

    • Liam Neeson

    • Micheál Richardson

    • Valeria Bilello

    • Debutto con stile made USA con Shainee Gabel, il ritorno ravvicinato del ciclone Travolta, e della talentuosa Scarlett Johansson in A Love Song for Bobby Long (Interviste)

    • BLACK SWAN richiama riflessioni sulla danza anche dagli 'addetti ai lavori' made in Italy - INTERVISTA al ballerino FRANCESCO MARIOTTINI (Interviste)

    • 64a MOSTRA DEL CINEMA: 'APPEAL' E GLAMOUR SEMPRE PIU' A STELLE E STRISCE. TRA GLI OMAGGI MADE IN ITALY IL MITICO WESTERN NOSTRANO (Speciali)

    • Dalla 67. Mostra del Cinema di Venezia alla sala cinematografica: esce il 12 Novembre 'NOI CREDEVAMO' il KOLOSSAL MADE IN ITALY di MARIO MARTONE (Anteprime)

    1 | 2

    Galleria Video:

    Made in Italy - trailer (versione originale)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    La zona d'interesse

    RECENSIONE - Bafta 2024: 'Miglior Film Britannico'; 'Miglior Film in Lingua Straniera'; 'Miglior Sonoro' ..

    The Boys in the Boat

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - George Clooney torna alla regia con biopic sportivo degli anni Trenta ..

    L'imprevedibile viaggio di Harold Fry

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Una celebrazione della vita, un ritratto sincero ..

    Sound of Freedom - Il canto della libertà

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Quando il cinema fa eco ad una storia vera! Alejandro Monteverde ..

    Land of Bad

    RECENSIONE - Russell Crowe nella terra dei cattivi con Liam e Luke Hemsworth - Dal ..

    Emma e il giaguaro nero

    Dai creatori dei successi Il lupo e il leone e Mia e il leone bianco ..

    Madame Web

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Spin-off di Spider-Man incentrato su una mutante chiaroveggente di nome Madame ..