/B>, "www.celluloidportraits.com") Il regista DARREN ARONOFSKY (π - π-il teorema del delirio, 1998; Requiem for a Dream, 2000; The Fountain - L'albero della vita, 2006; Leone d'Oro per The Wrestler, 2008), figura chiave del cinema contemporaneo e talento artistico spiccatamente creativo nei termini di un'inedita familiarità con i nuovi linguaggi delle arti visive, ha inaugurato la 67. Mostra del Cinema di Venezia con IL CIGNO NERO (BLACK SWAN), IN CONCORSO e in PRIMA MONDIALE. Un thriller psicologico ambientato nel mondo del balletto newyorkese per un viaggio in cui le emozioni sfiorano il terrore interiorizzato. A tratteggiare i chiaroscuri di questo suo nuovo affresco sono chiamati in causa NATALIE PORTMAN (Nina), MILA KUNIS (Lily), VINCENT CASSEL (il produttore teatrale Karolyevnae), WINONA RYDER (Beth). Ben lontano dal classico thriller ambientato in un ambiente criminale o in case infestate, il ritratto intimo che DARREN ARONOFSKY realizza di una donna che svela i lati più nascosti della sua psiche si svolge in un luogo inatteso, il mondo eccitante e faticoso del balletto professionale. Per il regista, si trattava dell'ambiente perfetto per dar vita a un racconto visivamente esplosivo sulla pressione legata al fatto di raggiungere la perfezione. Come avveniva con The Wrestler, la pellicola gli ha anche offerto la possibilità di immergersi in un mondo poco conosciuto e far notare le cose che spingono le persone a compiere sacrifici enormi. Sebbene abbia iniziato a pensare a questa storia quindici anni fa, ARONOFSKY fa notare come IL CIGNO NERO (BLACK SWAN) sia volutamente collegato al suo film più recente, THE WRESTLER. Anche se il wrestling e il balletto potrebbero sembrare due mondi agli antipodi, IL CIGNO NERO (BLACK SWAN) offre momenti di puro horror psicologico, diversi da tutto quello che ARONOFSKY ha fatto finora. Questi due titoli sono collegati dalle tematiche di corpi estremi, anime in pena e da uno stile realizzativo che pone il pubblico all'interno degli affascinanti mondi abitati dai personaggi: "Alcune persone considerano il wrestling come la più bassa delle forme d'arte, mentre altri ritengono che il balletto sia la più alta, ma in realtà hanno qualcosa di molto simile. Mickey Rourke come wrestler viveva delle esperienze assolutamente paragonabili a quelle di Natalie Portman come ballerina. Entrambi sono degli artisti che utilizzano i loro corpi per esprimersi, ma sono minacciati dai malanni fisici, perché i loro corpi sono gli unici strumenti che hanno per comunicare. La cosa interessante per me era trovare due storie collegate in quelli che potrebbero sembrare dei mondi distanti. I due film sono legati anche da un'interpretazione principale che va ben oltre quello che appare in superficie... Il ruolo di Nina è decisamente diverso da tutto quello che Natalie ha fatto finora e lei è arrivata a un altro livello. Interpretare Nina è stato un impegno atletico tanto quanto recitativo... Il balletto è qualcosa per cui devi iniziare ad allenarti quando hai quattro o cinque anni, cambia i corpi e li trasforma. E' veramente difficile che un'attrice che non abbia vissuto questa esperienza possa interpretare una ballerina professionista in maniera convincente... Sono convinto che questo lavoro fisico le abbia permesso di trovare un collegamento con l'impegno emotivo che doveva esprimere". Darren Aronofsky (P. Ferretti>/B>, "www.celluloidportraits.com") Darren Aronofsky" />

ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Ella & John - The Leisure Seeker

    In Omaggio a DONALD SUTHERLAND (Miami, 20 Giugno 2024) - Categoria 'film da non perdere'!!! ..

    The Bikeriders

    Dal 19 Giugno - Il regista, sceneggiatore e soggettista Jeff Nichols ha rivelato che da ..

    Fuga in Normandia

    Dal 20 Giugno - Michael Caine al centro di una vicenda ispirata ad una storia ..

    Shoshana

    Dal 27 Giugno - Dal 48. Toronto International Film Festival (7-17 Settembre 2023) - ..

    Hit Man - Killer per caso

    Dal 27 Giugno - Designato 'Film della Critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani – ..

    Horizon: An American Saga - Capitolo 1

    Da Cannes 77. - Fuori Concorso: Anteprima Mondiale domenica 19 Maggio - Ancora alle prese ..

    Home Page > Ritratti in Celluloide > Registi > Darren Aronofsky

    Il cinema di Darren Aronofsky

    The Darren Aronofsky Touch

    SCHEGGE DI STILE IN CELLULOIDE

    SCHEGGE DI STILE IN CELLULOIDE:

    Alla 63a Mostra con THE FOUNTAIN - IN CONCORSO, l'acclamato regista di Requiem for a Dream spiazza con questa personale, millenaria, sfaccettata e intrecciata odissea, una plurima trasfigurazione temporale che si ricongiunge sul binario di un unico obiettivo: cercare l'incontro con la morte per la fonte della vita. ("www.celluloidportraits.com")
    Ogni cineasta, attore o regista che sia, non sa resistere ad una nuova sfida. Soprattutto quando scarta dalla cifra stilistica o tematica con cui si è soliti riconoscerlo. Così anche DARREN ARONOFSKY (
    Il regista DARREN ARONOFSKY (
    DARREN ARONOFSKY - NOAH:

    "Penso che sarà molto emozionante per il pubblico fargli rievocare la straordinarietà di queste storie; perciò ho fatto di tutto per rendere questo film alla portata sia dei credenti che dei non credenti".
    Darren Aronofsky
    Darren Aronofsky - The Whale:

    "Il film nasce dal cuore e dall’esperienza personale di Sam Hunter, che ha voluto portare la sua pièce sullo schermo. Sam ed io siamo sempre stati insieme, in tutte le fasi della sceneggiatura; lui è stato presente sul set ogni giorno, ha visionato i vari montaggi, e in tutto questo viaggio siamo diventati grandi amici, e lo stesso dicasi per Brandan. Secondo me il focus del soggetto è un altro: è opportuno raccontare certe storie? E secondo me sì, sempre, soprattutto nel mondo dei perdenti, degli sfiduciati. Io lo faccio come esercizio di empatia, so che in tutti i personaggi c’è questa incredibile speranza per/nel futuro del mondo. Quello che amo di Charlie è che non ha un briciolo di cinismo, sta cercando di fare del bene, di amare il mondo, anche se è un personaggio molto imperfetto, visto che è egoista, dispotico e ha commesso molti errori nella sua vita, un paio piuttosto capitali. Ho pensato però che questa fosse una storia che andava raccontata, voglio che il pubblico possa ritrovarsi e dire: 'Anch’io conosco una persona come Charlie, un essere umano con pregi e difetti'. È assurdo che ci siano tutti questi pregiudizi e preconcetti nel mondo. Spero solo che la gente vada a vedere il film con il cuore aperto, che presti attenzione e si connetta con Charlie, un personaggio che può cambiare le persone, che può aiutare a innalzare un po’ il dibattito su certi temi"
    Darren Aronofsky

    <- torna alla pagina principale di Darren Aronofsky

    Neverland - Un sogno per la vita

    Stasera, 21 Giugno, in TV, su LA7d, Canale 29, ore 21,15 - I bellissimi ..

    Edge of Tomorrow - Senza domani

    Stasera, 21 Giugno, in TV, su Sky Collection, Canale Sky, ore 21.15 - Seconde ..

    Next

    Stasera, 21 Giugno, in TV, su 20 Mediaset, Canale 20, ore 21.03 - Uscito il ..

    A Quiet Place II

    Stasera, 21 Giugno, in TV, su Italia 2, Canale 49, ore 21.15 - RECENSIONE - ..

    C'é ancora domani

    Cinema sotto le stelle - Estate 2024 - 8 Marzo 2024: Festa della ..

    Un mondo a parte

    Cinema sotto le stelle - Estate 2024 - RECENSIONE - Riccardo Milani torna sul ..

    Cento domeniche

    Cinema sotto le stelle - Estate 2024 - RECENSIONE - Dalla 18. Festa ..