ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Conclave

    Aggiornamenti freschi di giornata! (7 Febbraio 2023) - Dall'omonimo romanzo di Robert Harris, Peter Straughan ..

    Golda

    Aggiornamenti freschi di giornata! (3 Febbraio 2023) - Berlinale 2023 - Sez. Special Gala (Fuori ..

    She Came to Me

    Aggiornamenti freschi di giornata! (3 Febbraio 2023) - Berlinale 2023 - Sez. Special Gala (Fuori ..

    Lee

    New Entry - Kate Winslet nei panni di Lee Miller, fotografa di guerra di "Vogue" ..

    Niente di nuovo sul fronte occidentale

    Oscar 2023: 9 Nominations; Golden Globes 2023: Nomination al 'Miglior Film in Lingua Straniera' - ..

    Poker Face

    I recuperati di CelluloidPortraits - RECENSIONE - Dalla 17. Festa del Cinema di Roma (13-23 ..

    Fratello Sole, Sorella Luna

    Centenario dalla nascita di Franco Zeffirelli - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - RECENSIONE ..

    The Pale Blue Eye - I delitti di West Point

    RECENSIONE - Christian Bale, Robert Duvall, Gillian Anderson, Charlotte Gainsbourg, Timothy Spall, Toby Jones nel ..

    Avatar: La via dell'acqua

    Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Sequel del primo Avatar di James Cameron con ..

    Lamborghini - L'uomo dietro la leggenda

    Dalla 17. Festa del Cinema di Roma (13-23 Ottobre, Auditorium della Musica) - Alice nella ..

    Home Page > Movies & DVD > I fratelli De Filippo

    I FRATELLI DE FILIPPO

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal 13 Dicembre

    "I miei fratelli De Filippo non hanno nulla di monumentale sono trasgressivi, sono dei rivoluzionari con la voglia di cambiare le regole del gioco, di cambiare il teatro, ma soprattutto con la voglia di affermarsi. Partono da una condizione di svantaggio e quindi hanno tanto talento, ma conoscono bene sangue, sudore e lacrime. È un film a lieto fine, penso che il lieto fine sia un atto di coraggio perché indica una strada. Questi tre ragazzi ce l’hanno fatta mentre c’era la guerra ed è quello che dobbiamo fare noi che siamo alle prese con la pandemia: uscire da questo momento e con la parte sana del Paese ribaltare questa condizione di difficoltà"
    Il regista e co-sceneggiatore Sergio Rubini

    "Quando ho scoperto la storia segreta dei De Filippo mi sono venuti i brividi. La loro è una storia epica, è la vita di tre ragazzi il cui destino era segnato perché erano dei bastardi di un grande drammaturgo che li aveva condannati a svolgere dei lavori servili e invece con coraggio e fatica si sono riscattati, si sono vendicati e facendo questo hanno fatto la più grande rivoluzione culturale del Novecento italiano. Con loro è nato il neorealismo e la commedia all’italiana e ancora oggi Eduardo è il terzo drammaturgo più rappresentato al mondo. Questa è una storia di ferite, riscatto e vendetta. E quindi è cinema, cinema puro"
    Il produttore Agostino Saccà

    (I fratelli De Filippo; ITALIA 2020; Biopic; 142'; Produz.: Pepito Produzioni, Rai Cinema in collaborazione con Nuovo Teatro; Distribuz.: 01 Distribution)

    Locandina italiana I fratelli De Filippo

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: I fratelli De Filippo

    Titolo in lingua originale: I fratelli De Filippo

    Anno di produzione: 2020

    Anno di uscita: 2021

    Regia: Sergio Rubini

    Sceneggiatura: Sergio Rubini, Carla Cavalluzzi e Angelo Pasquini

    Cast: Mario Autore (Eduardo De Filippo)
    Domenico Pinelli (Peppino De Filippo)
    Anna Ferraioli Ravel (Titina De Filippo)
    Giancarlo Giannini (Eduardo Scarpetta)
    Susy Del Giudice (Luisa De Filippo)
    Biagio Izzo (Vincenzo Scarpetta)
    Marisa Laurito (Rosa De Filippo)
    Marianna Fontana (Adele Carloni-De Filippo)
    Jennifer Bianchi (Dorothy Pennington)
    Francesco Maccarinelli (Pietro Carloni)
    Giovanni Corsicato (Edoardo da bambino)
    Christian Chiummariello (Peppino da bambino)
    Annapaola Minardi (Titina da bambina)
    Maurizio Micheli (Nicola Urcioli)
    Vincenzo Salemme (Proprietario del cinema-teatro Kursaal)
    Cast completo

    Musica: Nicola Piovani

    Fotografia: Fabio Cianchetti

    Montaggio: Giogiò Franchini

    Casting: Adele Gallo, Salvatore Massimiliano Pacifico

    Scheda film aggiornata al: 07 Marzo 2022

    Sinossi:

    È l'inizio del Novecento, i tre fratelli Peppino, Titina ed Eduardo, vivono con la bella e giovane madre, Luisa De Filippo. In famiglia un padre non c’è, o meglio si nasconde nei panni dello “zio” Eduardo Scarpetta, il più famoso, ricco e acclamato attore e drammaturgo del suo tempo. Scarpetta, pur non riconoscendo i tre figli naturali, li ha introdotti fin da bambini nel mondo del teatro.
    Alla morte del grande attore, i figli legittimi si spartiscono la sua eredità, mentre a Titina, Eduardo e Peppino non spetta nulla. Ai tre giovani, però, “zio” Scarpetta ha trasmesso un dono speciale, il suo grande talento, che invece non è toccato al figlio legittimo Vincenzo, anche lui attore e drammaturgo, diventato titolare della compagnia paterna.
    Il riscatto dalla dolorosa storia familiare passa per la formazione del trio De Filippo, sogno accarezzato per anni da Eduardo e dai suoi fratelli e finalmente realizzato, superando difficoltà e conflitti.
    Quella dei De Filippo è la storia di una ferita familiare che si trasforma in arte. E di tre giovani, che, unendo le forze, danno vita a un modo del tutto nuovo di raccontare la realtà con uno sguardo che arriva fino al futuro.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Quando la storia di una ferita familiare si trasforma in arte: Eduardo, Peppino e Titina avrebbero dovuto chiamarsi Scarpetta e invece sono stati i De Filippo, ma con il teatro nel sangue e nell’anima, faticosamente, e nel tempo, hanno fatto la differenza

    E’ tanta e tale la condivisione di un amore incomparabile per l’arte, del teatro così come del cinema, che Sergio Rubini si prende tutto il tempo che ritiene più opportuno per svelare una storia insospettabile riguardo al trio dei fratelli De Filippo: Edoardo, Peppino e Titina. Un cognome tanto roboante quanto, in realtà, carico di sofferenza, fin dall’infanzia. Una cosa questa, che non ci saremmo mai immaginati. Non è difatti troppo conosciuto il fatto, imbarazzante direi, che lo zio Eduardo Scarpetta, attore e drammaturgo di successo, fosse di fatto anche il padre dei tre ragazzi, misconosciuti al punto da non voler loro concedere quel che sarebbe loro spettato di

    diritto: il cognome del padre. Quale padre, per quanto gloriosamente artista ed avido di fama, potrebbe mettere al mondo tre figli, frequentarli come zio, e non riconoscere loro la paternità, di contro agli altri, di famiglia legalmente riconosciuta, diciamo così? Un conflitto affettivo e di trattamento che ha pesato e fatto la differenza sui tre ragazzi prima e sui tre adulti dopo: che poi, un giorno per caso, ancora bambini, hanno scoperto, loro malgrado, la verità. Verità sofferta sempre e subita quando l’eredità dello zio/padre è andata integralmente ai figli riconosciuti, ma non a loro. Eppure, da sempre perseguire il sogno di fare arte, ha richiesto denaro.

    Beh, è di questo che parla la pellicola, un po' esasperatamente prolissa, intitolata semplicemente I fratelli De Filippo, di Sergio Rubini, per la quale si chiama in causa un cast di tutto rispetto: da Mario Autore per Eduardo De Filippo, a Domenico Pinelli per

    Peppino De Filippo, da Anna Ferraioli Ravel per Titina De Filippo a Giancarlo Giannini per Eduardo Scarpetta, da Susy Del Giudice per Luisa De Filippo, a Biagio Izzo per Vincenzo Scarpetta, da Marisa Laurito per Rosa De Filippo a Vincenzo Salemme per il proprietario del cinema-teatro Kursaal: quando ancora la dimensione dei cinema-teatro godeva di ottima salute!

    Quando il teatro è vita e la vita è teatro

    E con i primi fotogrammi in bianco e nero che scorrono sul grande schermo, Natale 1931, c’è sotto pelle una strana titubanza da parte di Eduardo in procinto di entrare in scena - titubanza che capiremo solo molto più tardi in odore dell’epilogo - prima che veniamo introiettati nell’epoca del colore, ma non della serenità. Aspetto rimarcato in lungo e in largo, mentre il montaggio alterna la fase dell’infanzia a quella adulta di tre fratelli, pure dal canto loro, non propriamente sulla stessa lunghezza d’onda,

    in fatto di vedute e di visione in merito alla vita e all’arte. Laddove, come ben si sa, e in particolar modo vale per questo caso, il confine tra arte e vita è indistinguibile tanto da sconfinare spesso l’una nelle braccia dell’altra, e viceversa. Per i De Filippo sembrerebbe proprio che l’arte abbia istruito la vita, più che l’inverso, e l’arte è stata il sogno, l'‘obiettivo’ da coltivare e perseguire ad ogni costo, per quanto non facile, né scontato. E i litigi si sono inanellati copiosi in svariate circostanze, mentre l’orgoglio ferito punge e si fa sentire, soprattutto in Peppino che, ad un certo punto, vedendo trattare a pesci in faccia il fratello Eduardo, ci tiene a rimarcare una cosa di focale importanza: “Tu sei un fetente, ma te lo posso dire solo io. Se li lasciamo fare, noi resteremo sempre quelli che non possono prendere l’ascensore”. Alle innumerevoli occasioni

    di conflitto, anche aspro e feroce, fanno da contraltare, quasi una punteggiatura qua e là, le prese di coscienza a seguire certi impulsi fallimentari. E’ ad esempio il caso di Eduardo, di ritorno da Milano: “Ti dovevo stare a sentire” - confessa a Peppino - “Il nostro teatro può nascere solo qua, ma bisogna uscire dal teatro, andare per strada, spiare la verità, la vita è una commedia”.

    Noi semo noi"

    Ma poi l’arte ha vinto sopra ogni peripezia, e la vita di pari passo. Un riscatto sudato e meritato, in cui finalmente il proposito diventa realtà: “E’ arrivato il momento che i De Filippo vadano per la loro strada senza gli Scarpetta”. E, all’altezza di Natale in Casa Cuppiello il miracolo dei De Filippo è esaudito, in piena consapevolezza. “Noi semo noi”.

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)





    trailer ufficiale:



    clip 'Il trio De Filippo':



    featurette 'Festa del cinema di Roma 2021 - Intervista al regista':

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO de I FRATELLI DE FILIPPO

    Links:

    • Sergio Rubini (Regista)

    • Biagio Izzo

    • Vincenzo Salemme

    • Maurizio Micheli

    • I fratelli De Filippo (DVD)

    1 | 2 | 3 | 4

    Galleria Video:

    I fratelli De Filippo - trailer

    I fratelli De Filippo - clip 'Il trio De Filippo'

    I fratelli De Filippo - featurette 'Festa del cinema di Roma 2021 - Intervista al regista'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Babylon

    Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Brad Pitt e Margot Robbie per Damien ..

    The Lincoln Lawyer

    Mai Uscito al cinema in Italia - RECENSIONE - Matthew McConaughey avvocato di difesa in ..

    Black Panther: Wakanda Forever

    Dal 1° Febbraio in Streaming su Disney+ - Golden Globes 2023 VINCITORE come 'Miglior ..

    Titanic (Nuova edizione 3D)

    In occasione del XXV° Anniversario torna al cinema dal 9 FEBBRAIO - Nel ..

    Everything Everywhere All At Once

    Ritorna al Cinema dal 2 Febbraio - RECENSIONE - Golden Globes 2023: VINCITORE come ..

    Asterix & Obelix - Il regno di mezzo

    RECENSIONE - Dal 2 Febbraio ..

    Un matrimonio esplosivo

    RECENSIONE - Dal 27 Gennaio su Prime Video ..