ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Comedians

    COMEDIANS

    New Entry - Gabriele Salvatores traspone sul grande schermo l'omonima e celebre pièce teatrale .... [continua]

    Casa della notte

    CASA DELLA NOTTE

    New Entry - Dal Sundance Film Festival 2020 in prima mondiale - Rebecca .... [continua]

    Swan Song

    SWAN SONG

    New Entry - .... [continua]

    Valley of the Gods

    VALLEY OF THE GODS

    New Entry - L’uomo più ricco sulla terra. Un giovane scrittore in crisi. Un’ancestrale .... [continua]

    Another Round Remake

    ANOTHER ROUND REMAKE

    New Entry - Leonardo DiCaprio acquisisce i diritti per il remake americano dell'originale danese .... [continua]

    The Nest - L'inganno

    THE NEST - L'INGANNO

    New Entry - Dal 14 Maggio on demand su: Sky Primafila, Chili, Google Play, .... [continua]

    Blacklight

    BLACKLIGHT

    New Entry - Liam Neeson torna a collaborare con il regista Mark Williams dopo .... [continua]

    Nomadland

    NOMADLAND

    Oscar 2021 - VINCITORE di 3 Premi: 'Miglior Film'; 'Miglior Regia' (Chloé Zhao), 'Miglior .... [continua]

    The Song of Names - La musica della memoria

    THE SONG OF NAMES-LA MUSICA DELLA MEMORIA

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal SAN SEBASTIÁN 2019 - Clive Owen .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Il discorso del re

    IL DISCORSO DEL RE: COLIN FIRTH VESTE I PANNI DELLA DISCUSSA PER QUANTO REGALE PERSONALITA' DI RE GIORGIO VI, IL PADRE DELL'ATTUALE REGINA ELISABETTA II, AFFETTO DA BALBUZIE E GRAVATO DAL PESO DI CRITICHE INSIDIOSE

    Seconde visioni d'Autore - Cinema sotto le stelle - In DVD & BLU-RAY - VINCITORE al TORONTO FILM FESTIVAL 2010 - VINCITORE di 4 PREMI OSCAR nelle principali categorie: 'MIGLIOR FILM', 'MIGLIOR REGIA', 'MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE' e 'MIGLIOR ATTORE' (COLIN FIRTH) - 7 NOMINATION ai GOLDEN GLOBES 2011 ('Miglior Film Drammatico', 'Miglior Attore Non Protagonista' (Geoffrey Rush), 'Migliore Attrice 'Non Protagonista' (Helena Bonham Carter), 'Miglior Regia' (Tom Hooper), 'Miglior Sceneggiatura' (David Seidler), 'Miglior Colonna sonora' (Alexandre Desplat), di cui 1 GOLDEN GLOBE vinto da COLIN FIRTH come 'Miglior Attore Protagonista - 14 NOMINATIONS ai BAFTA 2011 - 12 NOMINATION all'OSCAR 2011 tra cui 'Miglior Film', 'Miglior Regia', 'Miglior Attore Protagonista' (COLIN FIRTH), 'Miglior Attore Non Protagonista' (Geoffrey Rush), 'Miglior Attrice Non Protagonista' (Helena Bonham Carter) - RECENSIONE - Dal 28 GENNAIO

    (The King's Speech REGNO UNITO/AUSTRALIA 2010; storico drammatico; 111'; Produz.: See Saw Films/Bedlam Productions; Distribuz.: Eagle Pictures)

    Locandina italiana Il discorso del re

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Il discorso del re

    Titolo in lingua originale: The King's Speech

    Anno di produzione: 2010

    Anno di uscita: 2011

    Regia: Tom Hooper

    Sceneggiatura: David Seidler

    Soggetto: Basato sulla vera storia di Re Giorgio VI, IL DISCORSO DEL RE racconta la vicenda di questo Monarca Reale impegnato nell‟ardua ricerca della sua voce.

    Cast: Helena Bonham Carter (Regina Elisabetta )
    Michael Gambon (Re Giorgio V)
    Guy Pearce (Edward VIII )
    Colin Firth (Re Giorgio VI )
    Geoffrey Rush (Lionel Logue )
    Timothy Spall (Winston Churchill )
    Jennifer Ehle (Myrtle Logue )
    Derek Jacobi (Dr. Cosmo Lang )
    Anthony Andrews (Stanley Baldwin )
    Max Callum (Royal Footman )
    James Currie (Binky )
    Tim Downie (Duca di Gloucester )
    Sean Talo (Tecnico BBC/Soldato)
    Dominic Applewhite (Valentine Logue )

    Musica: Alexandre Desplat

    Costumi: Jenny Beaven

    Scenografia: Eve Stewart

    Fotografia: Danny Cohen

    Montaggio: Tariq Anwar

    Effetti Speciali: Mark Holt (supervisore)

    Makeup: Nana Fischer

    Casting: Nina Gold

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Il film narra le vicende di Re Giorgio Bertie VI (Colin Firth), padre dell'attuale regina d'Inghilterra Elisabetta II, affetto da balbuzie e criticato da popolo e regno per la presunta incapacità ad assumere le vesti del Re.

    In seguito all'abdicazione di suo fratello Edoardo VIII per sposare la più comune Wallis Simpson, Giorgio VI è costretto a salire al trono: suo arduo impegno sarà quello di superare la sua balbuzie nervosa con l'aiuto del logopedista Lionel Logue, al fine di ritrovare la sua voce ed essere in grado di guidare il paese verso la guerra.

    IN DETTAGLIO:

    Dopo la morte di suo padre Re Giorgio V (Michael Gambon) e la scandalosa abdicazione di Re Eduardo VIII (Guy Pearce), Bertie (Colin Firth), che soffre da tutta la vita di una forma debilitante di balbuzie, viene improvvisamente incoronato Re Giorgio VI d'Inghilterra. Con il suo paese sull'orlo della guerra e disperatamente bisognoso di un leader, sua moglie, Elisabetta (Helena Bonham Carter), la futura Regina Madre, organizza al marito un incontro con l'eccentrico logopedista Lionel Logue (Geoffrey Rush). Dopo un inizio burrascoso, i due si mettono alla ricerca di un tipo di trattamento non ortodosso, finendo col creare un legame indissolubile. Con l'aiuto di Logue, della sua famiglia, del suo governo e di Winston Churchill (Timothy Spall), il Re riuscirà a superare la sua balbuzie e farà un discorso alla radio che ispirerà il suo popolo e lo unirà in battaglia.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    IL PRIMO DISCORSO IN TEMPO DI GUERRA E’ RESO POSSIBILE DA PICCOLI MIRACOLI DI ‘ORDINARIA’ E PERSONALISSIMA, INTIMISTA, QUOTIDIANITA’, DI QUELLI CHE AFFONDANO LE RADICI IN ESEMPLARI VALORI DI AMORE, RISPETTO SOSTANZIALE AL DI LA’ DELLE APPARENZE E SOLIDALE, GRANDE AMICIZIA. IL TANDEM ‘COLIN FIRTH-GEOFFREY RUSH’ IN ODORE DI OSCAR, DOPO I GOLDEN GLOBE, LASCIA UN SEGNO MEMORABILE MENTRE LA REGIA DI HOOPER SCEGLIE UNA CIFRA STILISTICA DISCRETA, ACCURATA FACENDO PERNO SU VISSUTO E INTERRELAZIONI PERSONALI PER UNA BELLA PAGINA DA ‘DIETRO LE QUINTE’ DELLA STORIA

    Ci sono film che travolgono emotivamente come fiumi in piena nell’immediato ma non è detto che lascino al contempo un segno talmente incisivo da durare nel tempo. Il discorso del re del britannico Tom Hooper (Il maledetto United, 2009) è invece uno di quei film che gioca sulla distanza, non propriamente prorompente a caldo ma sinuoso quanto basta per farsi largo nelle nostre riflessioni a

    freddo, quale elegante e raffinata cornice di uno dei capitoli più singolarmente intimisti con cui si sia fatta la Storia. Una Storia che deve glorificazioni e ‘grandi gesta’ - le rare che ci possono esser state in una realtà autentica oltre la siepe delle enfatizzazioni che flirtano con la leggenda - a piccoli episodi di umanissimi disagi congiunti ad un non facile processo di crescita personale: piccoli miracoli di una quotidianità gelosamente nascosta, resi possibili dal respirare a pieni polmoni valori preziosamente esemplari come l’amore, l’amicizia, il rispetto e la solidarietà. Là dove la regalità reclamata da contratto e status sociale deve farsi da parte per essere conquistata nei fatti - e meritata a tutti gli effetti - attraverso un durissimo lavoro su se stessi, così che Sua Altezza dovrà accettare di indossare i panni, per dirla con un clichè di moda, dell’uomo della porta accanto. E dovrà anche trovare

    il coraggio di voltarsi indietro e scoperchiare pentolini ammuffiti negli anni: gli anni che si sono lasciati indietro un’infanzia, quella del Duca di York Bertie, secondogenito di Re Giorgio V e padre dell’attuale Regina Elisabetta II d’Inghilterra – per un’interpretazione da Oscar annunciato, dopo il già vinto Golden Globe, per Colin Firth, sempre più ‘spiazzante’, intenso e profondo, dopo A Single Man - all’ombra di un padre estremamente esigente ed autoritario, diremmo oggi ‘anaffettivo’, ma forse è questo un modo improprio, o quanto meno semplicistico di interpretare quel sentimento paterno, considerate epoca e circostanze, legate a filo doppio all’etichetta (vedi anche in epoche successive per le quali docet il The Queen di Stephen Frears). E’ anche vero che con entrambe le figliolette e la moglie (una squisita Helena Bonham Carter che ha conferito al suo personaggio un cotè particolarmente frizzante, spiritoso e amorevolmente complice, solidale del marito), lo stesso Duca

    di York mostra, all’opposto, un calore ben diverso.

    Siamo nell’arco decennale che va approssimativamente dal 1924/25 al 1936, quando l’Inghilterra, sull’orlo di una guerra dichiarata dalla Germania Hitleriana, ha il disperato bisogno di un leader autentico, soprattutto in seguito alla morte del Re (Giorgio V) e alla scandalosa abdicazione al trono da parte del fratello di Bertie, Edoardo VIII, per sposare Wally Simpson, una donna divorziata, incompatibile con la corona di una monarchia insignita anche come capo della Chiesa. Rapporti e condizionamenti di figli con il proprio padre e con i propri fratelli, il disturbo nervoso di una balbuzie sempre disagevole per chiunque ma ovviamente inaccettabile per un Re che ha il dovere di tenere ‘discorsi ufficiali’ alla nazione, sono il nodo che mantiene la tenuta de Il discorso del re, ‘un dietro le quinte’, per così dire, di un focale capitolo di Storia.

    Non è un caso che la

    prima protagonista ad entrare in scena sia una postazione radiofonica in perfetto stile anni Trenta: all’epoca la magniloquente risonanza della voce al microfono regalava al discorso ivi pronunciato tutta l’aura di solennità che si andava cercando. Le foto scattate per l’invio alla stampa poi, costituivano il degno corredo per sottoscrivere tale ufficialità. Ma quel che interessava mostrare ad Hooper era lasciare in sottofondo il momento storico, pure respirato a pelle tra le righe di ambientazioni e costumi rievocati con lenticolare e palpabile precisione, a cominciare dal completo pannoso e lievemente stropicciato del logopedista Lionel (personaggio dal fascino unico e irripetibile nella performance di uno straordinario Geoffrey Rush) estendibili agli abiti regali, da cerimonia o di ordinaria quotidianità dell’epoca nonché, alle ambientazioni patinate sia di nobili che ordinari focolari domestici, in alcuni casi ad ‘effetto cartolina vintage’: che si tratti di arredi o suppellettibili, di praterie occultate da nebbioline prettamente inglesi,

    luoghi ed epoca sono ricreati alla perfezione, mentre a parlare incisivamente della drammaticità del contesto storico basta e avanza quell’inserto di proiezione filmica che segue il ‘discorso del re’, vale a dire l’esemplare di ‘ars oratoria’ del leader della Germania nazista: Adolph Hitler. La battuta di Bertie/Firth: “Non lo so (che cosa abbia detto o inteso dire) ma sembra che lo dica molto bene” la dice lunga sui metodi di allora (da cui non sembra essersi distanziato più di tanto l’oggi) nell’ingraziarsi i consensi delle masse. Con le dimissioni del I° Ministro, Hooper sottoscrive che c’è sempre chi si accorge della vera sostanziale carenza di principi morali ma è evidente che rappresenta una minoranza.

    Ma il cuore de Il discorso del re pulsa all’unisono con quello del balbuziente Bertie (il futuro Re Giorgio VI) e del suo straordinario interprete Colin Firth, sul filo della sua lotta interiore esternata spesso con tutta

    la rabbia e il dolore - fino alle lacrime - di sentirsi inadeguato in una regalità da cui vorrebbe fuggire più che volentieri, trovandosi paradossalmente impaurito ancora come un bambino. Un battito auscultato, seguito e condiviso, con metodi alquanto singolari e malgrado l’esasperata ritrosia del ‘capriccioso’ allievo, dal fedele e determinato logopedista Lionel. Un tandem dall’intesa perfetta anche sul piano umoristico dal ‘british touch’, controbilanciato da alcuni intensi momenti di commozione: uno per tutti - a parte il grande finale ‘discorso’ e i passi epilogativi che seguono, ‘alcuni da manuale’ - il deragliamento di Bertie (Firth) sul filo di una delle sue reiterate esplosioni di rabbia, quando riesce a toccare il fondo ferendo nel profondo il povero Lionel (Rush) fino a farlo vacillare nella sua inaffondabile perseveranza, non riuscendo ad evitarsi di mostrare un palpabile spiazzamento. Interessante anche il focale supporto femminile giocato nelle decisioni più importanti (le due consorti

    rispettivamente di Bertie e di Lionel). Una lotta congiunta e sofferta - rimarcata a colpi di grandangolo, e non solo, dalla macchina da presa di Hooper - solidale al punto da generare un’amicizia entrata nella Storia che ha finito per diventare alimento indispensabile per fare la Storia.

    Pressbook:

    PRESSBOOK di IL DISCORSO DEL RE in ITALIANO

    Links:

    • Tom Hooper (Regista)

    • Colin Firth

    • Michael Gambon

    • Geoffrey Rush

    • Helena Bonham Carter

    • Timothy Spall

    • Guy Pearce

    • Jennifer Ehle

    • LA MIGLIORE OFFERTA di GIUSEPPE TORNATORE - INTERVISTA agli attori GEOFFREY RUSH, JIM STURGESS e SYLVIA HOEKS (Interviste)

    • TRACKS - ATTRAVERSO IL DESERTO - VIDEO-INTERVISTA all'attrice MIA WASIKOWSKA e al regista JOHN CURRAN (Interviste)

    • OSCAR 2011 - DOMINA 'IL DISCORSO DEL RE' VITTORIOSO DELLE STATUETTE PIU' PRESTIGIOSE (Miglior Film, Miglior Regia, Miglior Sceneggiatura, Miglior Attore) (Speciali)

    • Il discorso del re (BLU-RAY + DVD)

    1 | 2 | 3 | 4

    Galleria Video:

    Il discorso del re - trailer

    Il discorso del re - trailer HD

    Il discorso del re - trailer HD 1080p

    Il discorso del re - trailer (versione originale) - The King's Speech

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Un altro giro

    UN ALTRO GIRO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Oscar 2021: VINCITORE del Premio al 'Miglior Film Internazionale' (dedicato .... [continua]

    Una donna promettente

    UNA DONNA PROMETTENTE

    Oscar 2021: VINCITORE del Premio alla 'Miglior Sceneggiatura Originale' (Emerald Fennell) - Oscar .... [continua]

    The Father - Nulla è come sembra

    THE FATHER - NULLA E' COME SEMBRA

    Aggiornamenti freschi di giornata! (8 Maggio 2021) - Oscar 2021 - VINCITORE di .... [continua]

    The Invisible Woman

    THE INVISIBLE WOMAN: RALPH FIENNES TORNA ALLA REGIA CON UN DRAMMA NEL QUALE INTERPRETA CHARLES DICKENS

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - La segretissima storia d'amore di Charles Dickens .... [continua]

    Honest Thief

    HONEST THIEF

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Liam Neeson rapinatore di banche pronto a .... [continua]

    L'amico del cuore

    L'AMICO DEL CUORE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 18 Marzo .... [continua]

    Morgan

    MORGAN

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Un essere artificiale a rischio pone un .... [continua]