ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    L'ultima vendetta

    Aggiornamenti freschi di giornata! (7 Giugno 2024) - Da Venezia 80. - Orizzonti Extra - ..

    Fuga in Normandia

    Aggiornamenti freschi di giornata! (7 Giugno 2024) - Michael Caine al centro di una vicenda ..

    The Bikeriders

    Il regista, sceneggiatore e soggettista Jeff Nichols ha rivelato che da cinque anni pensava di ..

    Firebrand

    Alicia Vikander e Jude Law in un dramma storico alla corte dei Tudor, primo film ..

    Shoshana

    Dal 48. Toronto International Film Festival (7-17 Settembre 2023) - sezione 'Special Presentations' - ..

    Hit Man - Killer per caso

    Designato 'Film della Critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani – SNCCI' - 80 Mostra ..

    Home Page > Movies & DVD > Anatomia di una caduta

    ANATOMIA DI UNA CADUTA

    OSCAR 2024: VINCITORE 'Miglior Sceneggiatura Originale' a Justine Triet e Arthur Harari - RECENSIONE - VINCITORE di 6 Premi César 2024; VINCITORE di 2 Golden Globe; VINCITORE di 6 European Film Awards; VINCITORE della Palma d'Oro a Cannes 2023 (e anche il Dog Palm al Border Collie Messi nel ruolo di Snoop) - Dalla Festa del Cinema di Roma 2023 - Quarto lungometraggio della regista francese Justine Trier - 69ª Edizione dei premi David di Donatello: Vincitore del David come 'Miglior Film Internazionale' - Uscito al cinema il 26 Ottobre 2023

    "La mia intenzione era quella di girare un film che raccontasse la caduta di una coppia. La discesa fisica ed emotiva di un corpo diventa il simbolo del declino della storia d'amore dei due protagonisti. Questa coppia ha un figlio che scopre la natura burrascosa della relazione tra i genitori durante un processo, in cui viene esaminato ogni aspetto del loro passato. Più il processo va avanti, più il dubbio si insinua nel ragazzo, che prima aveva una completa fiducia nella madre: questo segna una svolta cruciale nella sua vita. Il film vuole sollevare delle domande importanti sulla reciprocità, sulla fiducia e sulle dinamiche di un rapporto di coppia. La protagonista, Sandra Voyter, è una scrittrice di successo, mentre suo marito, anche lui scrittore, si dedica di più all’insegnamento e all’homeschooling per il figlio non vedente: già da qui capiamo che il tradizionale schema di una coppia ha i ruoli invertiti. La ricerca da parte di Sandra della propria libertà e la sua volontà forte creano uno squilibrio nella relazione e il film ci invita a mettere in discussione le nostre nozioni preconcette di democrazia in un rapporto di coppia e come questa possa essere danneggiata da impulsi di sopraffazione e di rivalità. Nonostante le loro difficoltà, l'idealismo dei due protagonisti e il rifiuto di rassegnarsi a una situazione tutt'altro che perfetta resta ammirevole: anche nelle loro discussioni e nelle loro trattative continuano almeno a essere onesti l'uno con l'altro, rivelando in questo un amore profondo che persiste nonostante le sfide. Ho scritto il film con il mio compagno, Arthur Harari, condividendo ogni scelta. Inoltre ci siamo affidati alla consulenza di un avvocato penalista per gli aspetti più tecnici del processo. Anche per il modo in cui funziona la giustizia in Francia, ho preferito un approccio diverso dalla spettacolarizzazione dei drammi giudiziari americani: il ritmo è meno frenetico e ho deciso di mantenere uno stile diretto e senza abbellimenti. Non volevo un film troppo rifinito e prevedibile"
    La regista e co-sceneggiatrice Justine Triet

    (Anatomie d'une chute; FRANCIA 2023; Thriller noir; 150'; Produz.: Les Films Pelléas, Les Films de Pierre; Distribuz.: Teodora Film)

    Locandina italiana Anatomia di una caduta

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Titolo in italiano: Anatomia di una caduta

    Titolo in lingua originale: Anatomie d'une chute

    Anno di produzione: 2023

    Anno di uscita: 2023

    Regia: Justine Triet

    Sceneggiatura: Justine Triet, Arthur Harari

    Soggetto: Preliminaria - Il titolo:

    Il titolo prende ispirazione da Anatomia di un omicidio (1959), opera del regista austriaco Otto Preminger, ritenuta molto audace all’epoca della sua uscita per il linguaggio molto esplicito.

    Preliminaria - Riconoscimenti:

    2024 - Premio Oscar

    Candidatura per il miglior film
    Candidatura per la miglior regia a Justine Triet
    Candidatura per la miglior attrice protagonista a Sandra Hüller
    Candidatura per la miglior sceneggiatura originale a Justine Triet e Arthur Harari
    Candidatura per il miglior montaggio

    2024 - Golden Globe

    Miglior film straniero
    Miglior sceneggiatura a Justine Triet e Arthur Harari

    Candidatura per il miglior film drammatico
    Candidatura per la migliore attrice in un film drammatico a Sandra Hüller

    2023 - European Film Awards

    Miglior film
    Miglior regista a Justine Triet
    Miglior attrice a Sandra Hüller
    Miglior sceneggiatura a Justine Triet e Arthur Harari
    Miglior montaggio a Laurent Sénéchal
    European University Film Award

    2023 - Festival di Cannes

    Palma d'oro
    Dog Palm al Border Collie Messi nel ruolo di Snoop

    2024 - Premio César

    Miglior film
    Miglior regia a Justine Triet
    Miglior attrice a Sandra Hüller
    Miglior attore non protagonista a Swann Arlaud
    Miglior sceneggiatura originale a Justine Triet e Arthur Harari
    Miglior montaggio a Laurent Sénéchal

    Candidatura per il miglior attore non protagonista a Antoine Reinartz
    Candidatura per la migliore promessa maschile a Milo Machado-Graner
    Candidatura per la migliore fotografia a Simon Beaufils
    Candidatura per il miglior sonoro a Julien Sicart, Fanny Martin, Jeanne Delplancq e Olivier Goinard
    Candidatura per la migliore scenografia a Emmanuelle Duplay

    2023 - British Independent Film Awards

    Miglior film indipendente internazionale

    2023 – National Board of Review Awards

    Miglior film straniero

    Cast: Sandra Hüller (Sandra Voyter)
    Swann Arlaud (Avvocato Vincent Renzi)
    Milo Machado Graner (Daniel Maleski)
    Antoine Reinartz (Procuratore Generale)
    Samuel Theis (Samuel Maleski)
    Jehnny Beth (Marge Berger)
    Saadia Bentaïeb (Avvocato Nour Boudaoud)
    Camille Rutherford (Zoe Solidor)
    Anne Rotger (Giudice)
    Sophie Fillières (Monica)

    Costumi: Isabelle Pannetier

    Scenografia: Emmanuelle Duplay

    Fotografia: Simon Beaufils

    Montaggio: Laurent Sénéchal

    Casting: Cynthia Arra

    Scheda film aggiornata al: 12 Aprile 2024

    Sinossi:

    La storia si svolge in una zona remota delle Alpi francesi. Sandra (Sandra Hüller) è una scrittrice tedesca che vive in uno chalet di montagna con il marito Samuel (Samuel Theis) e il figlio undicenne Daniel (Milo Machado Graner) non vedente.
    Un giorno Samuel viene trovato morto, immerso nella neve davanti a casa sua. La sua morte viene giudicata misteriosa, gli inquirenti sospettano che possa non essersi trattato di suicidio e decidono di indagare. La principale sospettata di omicidio è sua moglie Sandra che viene incriminata d’ufficio.
    A un anno di distanza dalla morte dell’uomo, la scrittrice e suo figlio Daniel sono convocati in tribunale per il processo. Quando la donna viene interrogata sulla sua relazione con il marito, viene a galla il ritratto di un rapporto difficile e tormentato. La donna mostra una personalità a tratti disturbata e il figlio costretto ad assistere, vive un profondo conflitto interiore.
    Nel momento in cui anche Daniel viene interrogato, la storia si rivela ancora più intricata...

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Una conversazione a schermo spento ci introduce all’interno di una baita in una zona remota delle Alpi francesi. E in una manciata di fotogrammi - la pallina sulle scale, il cane, il bambino, e le prime argomentazioni in corso - si arriva all’intervista tra una studentessa all’altezza della tesi e la protagonista, la scrittrice Sandra Voyter (Sandra Hüller). Non è un caso che il nome di personaggio ed interprete coincidano. Si, ancora lei, Sandra Hüller: l’ennesimo trionfo di un’imponente interprete tedesca, sia in Anatomia di una caduta che nel più recente La zona d’interesse dove si è calata, suo malgrado, negli scomodi panni di Edwig Höss, moglie di un comandante delle SS in un campo di concentramento ad Auschwitz. Sandra Hüller è la monumentale interprete di entrambi gli opposti ruoli, pur accomunati dal tocco di recitazione naturalmente nordico, dal timbro quasi bergmaniano. E, fresca vincitrice di un Cesar alla ‘Miglior

    Attrice’, in Anatomia di una caduta Sandra Hüller si direbbe il pilastro primario a sostegno di un’impalcatura filmica di cui si fa carico la regista francese Justin Triet, qui al suo quarto lungometraggio - dopo La Bataille de Solférino, Tutti gli uomini di Victoria e Sibyl - Labirinti di donna - eppure già così sorprendentemente autoriale, nel mixare generi diversi: il noir, il thriller, il legal movie innestati in un complicato ritratto di famiglia tutto da scoprire. Ne esce un unico, intrigante contesto, in grado di ammaliare lo spettatore generando quel genere di attesa che tiene sul filo della corda non allentando mai la presa, ma senza il bisogno di ricorrere a grandi colpi di scena o spettacolarizzazione gratuita, preferendo affidarsi, al contrario, ad un’operazione analitica, si direbbe persino chirurgica, prima di raggiungere, con il naturale completamento del quadro, un finale morbido, ammortizzato, più razionale che emotivo. Decisamente più vicino

    alla vita vera che alla finzione, in presa diretta ed esaltata da intensi piani sequenza.

    Vita vera a cominciare da quella sorta di inquietante prologo dell’intervista, sovrastato dal volume sempre più alto di musica e canzoni che il marito Samuel (Samuel Theis) - anche qui personaggio ed interprete condividono lo stesso nome - al piano di sopra mansardato mantiene, ben sapendo di arrecare disagio, al punto che si renderà necessaria l’interruzione dell’intervista in corso, peraltro ambigua sia sul piano dei rapporti interpersonali, che dell’ago della bilancia, tra vita reale e finzione letteraria. Ed è per l’appunto questo il metodo di scrittura di Sandra, che prende spunto dalla sua realtà personale per architettare la narrazione in un romanzo. Metodo evidentemente efficace che l’ha resa scrittrice di successo. E il disagio dei personaggi è condiviso pienamente dallo spettatore perché la ripresa è in tempo reale e catturata dal vero, in modo da coprire

    veramente le voci con quel volume di musica sempre più assordante. E’ questo il tocco di stile della regista Justine Triet che sorprende ad ogni svolta, come ad esempio con la galleria fotografica che segue lo stesso prologo e accompagna i titoli di testa: una galleria che meriterebbe di per sé l’Oscar per la fotografia, idonea a pieno titolo per un’esposizione d’arte: un misto di ritratti di famiglia a colori e in bianco e nero di una potenza inaudita.

    Ma veniamo alla storia in sé, che affiora solo gradualmente, con le sue doppie verità, a seconda di chi esprime il proprio pensiero. Sandra/Hüller e Samuel/Theis: lei tedesca, lui francese, si sono conosciuti a Londra, per questo in casa parlano inglese, inaugurando un territorio comune sul piano linguistico, e dunque della comunicazione, che, alla luce dei fatti, al top dell’incomunicabilità, o comunque della mancata intesa su diversi fronti, diventerà ben presto un

    paradosso. Incomunicabilità che radica proprio nel doppio binario narrativo di chi scrive, partendo dalla vita reale, la propria vita reale. Motivo che peraltro la regista Triet riprende qui ora dopo averlo avviato nel precedente Sibyl-Labirinti di una donna (2019, uscito in Italia nel 2021). Ovvio che non è sufficiente fare opera di trascrizione per riuscire a raggiungere un ottimo risultato come quello della protagonista Sandra, per l’appunto scrittrice di successo di contro al marito che da anni cerca di rapportarsi alla conclusione di un romanzo che poi ha abbandonato per mancanza di tempo, ben sapendo che invece si tratta di mancanza di fiducia in se stesso e di un forte disagio psicologico personale. L’incidente del figlio Daniel (Milo Machado Graner), ora undicenne - incidente che lo ha reso non vedente - è la spartizione delle acque dove serenità e armonia, apparenti, sembrano essersi raggruppate tutte da una sola parte, e

    per una volta, rispetto alla consuetudine, questa parte è quella femminile e non quella maschile. Dedita alla scrittura e al successo personale, lei ha delegato a Monica (Sophie Fillières) le principali incombenze relative al figlio, per quanto a casa si occupi amorevolmente di lui, e ha una personalità piuttosto libera (anche sul piano dell’intimità, è difatti bisessuale). Lui insegnante e aspirante scrittore, a quanto pare bloccato, si dedica alla ristrutturazione della baita dove è approdato con la moglie da Londra pensando di risolvere i problemi finanziari e quelli mentali della creatività. Ma neppure l’abitudine di registrare episodi della loro vita, come materiale per scrivere, approda a qualche risultato. Sandra è riuscita laddove lui ha fallito e questo sembra aver rappresentato un grosso problema. La sua morte improvvisa, generata dalla caduta dai piani alti della baita - incidente, omicidio o suicidio? - si traduce ben presto, come promesso dal titolo, Anatomia

    di una caduta, in un legal thriller in progress destinato a diventare sempre più dominante. Consumato nell’aula di tribunale, il registro processuale prende il sopravvento sulla sfera privata che comunque serpeggia da ogni angolo e anzi, gli step analitici della vicenda che tendono ad incolpare la moglie Sandra, aprono interessanti finestre sui risvolti pregressi dei coniugi, con il focale contributo di quell’amico, e avvocato della difesa, di Sandra, sempre al suo fianco: l’avvocato Vincent Renzi è un altro affascinante personaggio ben illuminato dall’interno da Swann Arlaud, ma bisogna ammettere che qui, in Anatomia di una caduta, ogni interprete, dai primari ai secondari, eccelle senza mai inciampare in cedimento alcuno.

    La sceneggiatura (a quattro mani della regista e del suo compagno Arthur Harari), chirurgica, illuminata e pirotecnica nei suoi monologhi, o dialoghi ancorati a doppie verità e allo svisceramento di dinamiche di coppia antitetiche, percorse spesso su binari paralleli a velocità differenziate,

    e per questo mal accettate, si erge a vero e proprio terremoto emozionale che scuote le coscienze dal profondo in chi le vive per finzione e nella realtà. Ma il bello di questa sceneggiatura, semplicemente superba, è che l’analisi lenticolare delle parti, allo scopo di ‘anatomizzare’ la caduta, non si riduce al contrapposto dei due coniugi, bensì di ogni personaggio chiamato in causa, a vario e diverso titolo, dove ciascuno analizza e suppone, fino a prova contraria, messa in campo da un altro, e magari opposto, punto di vista. Ne esce fuori un’endoscopia di un’umanità a tutto tondo e non necessariamente di rapporto di coppia. La cosa straordinaria è come si è riusciti a farlo, in un modo in cui tutti, nessuno escluso, recita con la naturalezza potente della vita stessa: persino il cane border collie Messi, nel ruolo di Snoop, ha dato il meglio di sé, tale da meritarsi

    a pieno titolo il ‘dog Palm’ a Cannes 2023, laddove il film stesso è uscito vincitore della Palma d’Oro, mentre continua a far incetta di Premi e Nominations in attesa degli Oscar.

    Perle di sceneggiatura

    Sandra (Sandra Hüller): Voglio che tu sappia una cosa. Non sono un mostro.

    Vincent (Swann Arlaud): I risultati dell’autopsia sono inconcludenti. La caduta accidentale sarà difficile come strategia di difesa. È per questo che apriranno un’inchiesta per morte sospetta. Perché eri l’unica persona presente. E chiaramente sei sua moglie.
    Sandra: Stop! Io non l’ho ucciso.
    Vincent: Non è questo il punto.

    Sandra: Sono innocente. Questo lo sai vero?

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di ANATOMIA DI UNA CADUTA

    Links:

    • Sandra Hüller

    • César 2024 - 'Anatomia di una caduta' e 'The Animal Kingdom' in testa alle nomination (Speciali)

    1 | 2 | 3

    Galleria Video:

    Anatomia di una caduta - trailer ufficiale

    Anatomia di una caduta - trailer ufficiale (V.O.) - Anatomie d'une chute

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Kursk

    Stasera 9 Giugno, in TV, su Sky Cinema 1, Canale Sky, ore 21, 15 - ..

    40 Carati

    Stasera, 9 Giugno, in TV su Cielo, Canale 26, ore 21,25 - Sam Worthington ..

    L'esorcismo - Ultimo atto

    Horror su un esorcismo interpretato da Russell Crowe e Sam Worthington - Dal 30 Maggio ..

    Eileen

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dalla 18. Festa del Cinema di Roma (18-29 Ottobre 2023) ..

    Emma e il giaguaro nero

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dai creatori dei successi Il lupo e ..

    The Fall Guy

    RECENSIONE - (il 26 Aprile l'Anteprima Nazionale) - Dal 1° Maggio - Nella storia di ..

    Cento domeniche

    Cinema sotto le stelle - Estate 2024 - RECENSIONE - Dalla 18. Festa ..