ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Supernova

    SUPERNOVA

    New Entry - REGNO UNITO: Dal 27 Novembre

    "Supernova è il risultato ....
    [continua]

    Come un gatto in tangenziale - Ritorno a Coccia di Morto

    COME UN GATTO IN TANGENZIALE - RITORNO A COCCIA DI MORTO

    New Entry - Al via le riprese a ROMA (della durata di 8 settimane) .... [continua]

    Falling

    FALLING

    New Entry - Esordio alla regia per Viggo Mortensen, qui anche sceneggiatore e musicista .... [continua]

    The Georgetown Project

    THE GEORGETOWN PROJECT

    New Entry - 2021 .... [continua]

    Dear Evan Hansen

    DEAR EVAN HANSEN

    New Entry - Nell'adattamento cinematografico di Stephen Chbosky tratto dall'acclamato musical di Broadway Julianne .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > The Lighthouse

    THE LIGHTHOUSE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - 1 Nomination agli Oscar 2020 per la 'Miglior Fotografia' (Jarin Blaschke) - Da Cannes 72. - Quinzaine des Réalizateurs - Dal 21 Ottobre direttamente in Home Video

    "Abbiamo costruito realmente tutti gli edifici che si vedono in 'The Lighthouse', girando sulla punta nord della Nuova Scozia, in Canada, su un’isola vulcanica. Abbiamo costruito un faro funzionante di venti metri la cui luce poteva essere vista anche a dieci chilometri di distanza. Era un posto davvero spietato, molto duro, e il vento era implacabile. Drastico? Forse, ma non avremmo avuto la credibilità senza tutti questi elementi, perché a un certo punto tutto è divenuto reale… L'atmosfera è sempre la mia priorità in un film. Le forme, le sensazioni, gli odori, la texture. Il bianco e nero e la pellicola da 35 mm erano una certezza fin da subito, dal momento in cui lo chiamavamo 'Una storia di fantasmi ambientata in un faro'. Sono molto più fiero di questo film che di 'The Witch' perché è stato molto più coerente con le mie idee iniziali... Ho girato in 35mm, in bianco e nero. È un negativo molto tattile, puoi vedere tutti i pori dei volti degli attori. 'The Lighthous' non doveva sembrare un vecchio film ma fa riferimento a quel genere. Il formato quadrato, poi, è stato ottimo per le riprese dei fari e abbiamo realizzato una lente speciale per creare una patina cromatica. Per la lingua, invece, io e mio fratello abbiamo letto molti testi d’epoca per capire come la gente parlava. Ovviamente 'Moby Dick' è stata un’ottima lettura e la lingua di Melville ci ha influenzato. Il dialetto di Willem era quello di un contadino del Maine mentre quello di Robert era il dialetto di un marinaio. Ho usato anche un vecchio libro di Sarah Orne Jewett sulle storie e sui dialetti come fonte"
    Il regista e co-sceneggiatore Robert Eggers

    (The Lighthouse; CANADA/USA 2018; Dramma horror; 110'; Produz.: RT Features e A24; Distribuz.: Universal Pictures)

    Locandina italiana The Lighthouse

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: The Lighthouse

    Titolo in lingua originale: The Lighthouse

    Anno di produzione: 2018

    Anno di uscita: 2020

    Regia: Robert Eggers

    Sceneggiatura: Robert e Max Eggers

    Soggetto: Ambientato nel 1890 in Nova Scotia.

    Preliminaria - Questione di stile:

    Per girare il film, che è in bianco e nero, Robert Eggers ha utilizzato pellicola in 35mm e macchine da presa risalenti agli anni Venti e Quaranta. Si prospettano buone speranze di risultato anche per questa opera seconda alla luce del precedente distintivo The Witch.

    Cast: Robert Pattinson (Ephraim Winslow/Thomas Howard)
    Willem Dafoe (Thomas Wake)
    Valeriia Karamän (La sirena)
    Logan Hawke (Ephraim Winslow)

    Musica: Mark Korven

    Costumi: Linda Muir

    Scenografia: Craig Lathrop

    Fotografia: Jarin Blaschke

    Montaggio: Louise Ford

    Makeup: Traci Loader (direzione)

    Casting: Kharmel Cochrane

    Scheda film aggiornata al: 22 Settembre 2020

    Sinossi:

    In breve:

    Sul finire dell'Ottocento, su una remota isola al largo della costa del New England, due guardiani del faro rimangono intrappolati e isolati a causa di una tempesta apparentemente senza fine. Finiscono così con l'ingaggiare una battaglia contro la propria volontà mentre aumentano le tensioni a causa delle forze eccessive e misteriose (reali o meno) che li circondano.

    In dettaglio:

    Verso la fine dell'XIX secolo, un uomo di nome Ephraim Winslow si reca su un'isola remota al largo delle coste del New England per lavorare un mese come guardiano del faro, sotto la supervisione dell'anziano e irascibile custode, Thomas Wake. Nei suoi alloggi, Winslow scopre nascosta la statuetta di una sirena che decide di tenere per sé. Wake si dimostra subito molto esigente, assegnandogli lavori sempre più pesanti, come occuparsi di svuotare i loro vasi da notte e trascinare pesanti contenitori di cherosene su per il faro, vietandogli però categoricamente di accedere alla cima, da dove proviene la luce; Winslow nota infatti che ogni sera Wake sale di nascosto in cima al faro e si spoglia dinanzi alla luce.

    Nel corso della sua permanenza sull'isola, Winslow inizia a soffrire di allucinazioni su mostri marini e tronchi che galleggiano in mare, e inizia a masturbarsi di nascosto sulla statuetta della sirena. Continua inoltre a osservare gli strani comportamenti di Wake e a venire infastidito nelle sue mansioni da un gabbiano guercio che gli viene intimato di non uccidere, per via della superstizione secondo cui questi volatili altro non sono che la reincarnazione di marinai morti. Una sera, mentre cenano, Wake gli rivela di come il suo ultimo assistente sia morto in circostanze misteriose dopo essere impazzito, mentre Winslow racconta di essere un boscaiolo venuto lì dal Canada in cerca di un nuovo lavoro.

    Il giorno prima della sua partenza, Winslow scopre che un gabbiano morto è finito dentro la cisterna, intorbidandone irrimediabilmente le acque. Attaccato dal solito gabbiano, lo uccide brutalmente in preda alla rabbia: il vento comincia a cambiare drasticamente direzione e la sera una violenta tempesta colpisce l'isola. Winslow e Wake passano la notte a ubriacarsi e, il mattino seguente, la tempesta continua a infuriare, impedendo l'arrivo del traghetto. Mentre esce a svuotare i vasi da notte, Winslow nota un corpo sulla riva e scopre che si tratta di una sirena, che si risveglia e gli urla addosso, costringendolo a scappare. Tornato agli alloggi, Wake lo informa che la tempesta ha rovinato le provviste e che, in assenza dei rifornimenti, non ne avranno di nuove per settimane. I due recuperano una cassa sotterrata alla base del faro che dovrebbe contenere provviste di riserva, ma la trovano piena di bevande alcoliche.

    Nei giorni seguenti, mentre la tempesta non dà segno di calmarsi, Winslow e Wake continuano a ubriacarsi, alternando i momenti di intimità a quelli di ostilità. Una notte, Winslow tenta senza successo di rubare le chiavi del faro a Wake mentre questo dorme, per scoprire cosa ci sia in cima. In seguito, allucina di trovare in una trappola per aragoste la testa del precedente assistente di Wake, priva dell'occhio sinistro come il gabbiano che ha ucciso. Confessa poi di chiamarsi in realtà Thomas Howard e che Ephraim Winslow è l'identità di un boscaiolo suo superiore, morto in un incidente che non era riuscito a impedire. Wake inizia a inseguire Howard, accusandolo di aver "sputato il rospo" e distruggendo la loro unica scialuppa con un'accetta; una volta incapacitato, sostiene però che sia stato Howard ad inseguirlo e distruggere la scialuppa. Rimasti senza alcolici, i due bevono un intruglio di miele e trementina, mentre la tempesta peggiora inondando gli alloggi.

    Il mattino seguente, Howard trova il diario di bordo di Wake, da cui scopre che questo intende spedirlo via senza paga in quanto pessimo assistente. Wake in tutta risposta gli dà del debole e Howard, stanco delle sue angherie, lo attacca: nel combattimento, Howard ha altre allucinazioni della sirena, del vero Winslow e di un Wake dall'aspetto di Proteo. Alla fine, riesce a sottomettere Wake e lo porta alla buca alla base del faro per seppellirlo vivo. Mentre viene sepolto, Wake lo maledice, augurandogli un fato "da Prometeo". Howard si ferma per prendergli le chiavi della cima del faro, ma Wake si libera e lo colpisce alle spalle con l'accetta, che Howard usa per ucciderlo definitivamente. Accede infine alla cima per vedere la luce: qui, la lente di Fresnel si apre da sola e l'uomo osserva e tocca il suo interno, mettendosi a urlare di dolore fino a cadere giù per le scale del faro.

    Tempo dopo, Howard giace sulla scogliera dell'isola nudo e senza un occhio, mentre uno stormo di gabbiani mangia le sue viscere esposte.

    Short Synopsis:

    The story of an aging lighthouse keeper named Old who lives in early 20th-century Maine

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    E’ sufficiente il primissimo piano sequenza che immortala un fotogramma fatto di nebbia. Un fotogramma che potrebbe appartenere ai primordi del cinema mentre rasenta il formato quadrato. Lo spiazzamento iniziale per questa visione affacciata sul nulla cede il passo al fascino di una imbarcazione ripresa da prua, in lento stato di avanzamento sui flutti marini. La prima inquadratura degli unici due protagonisti, declinata in una sorta di verso e recto della stessa immagine, riprende poi le redini dello spiazzamento, e ancor più quando prendiamo coscienza che il racconto decolla in un bianco e nero anticato da richiamare in memoria un certo cinema muto.

    E’ così che prende forma questa storia ruvida e scheggiata, nei modi e nelle parole di personaggi fuori dalle righe del pentagramma di semplici uomini di mare: il giovane guardiano Ephraim Wilson (Robert Pattinson) che in realtà è Thomas Howard ed il vecchio Thomas Wake (Willem Dafoe),

    burbero e prepotente con il suo sottoposto da stimolare ed invocare ribellione a tutto campo. Quando i due raggiungono la ‘casa del faro’, così come indicato dal titolo del film The lighthouse, il menage di convivenza e di lavoro si fa sempre più vicino ad un incubo che non ad un mese di civile collaborazione su un’sola desolata. Un’isola nella Nuova Scozia di fine Ottocento, scoglio dominato da un grosso faro, spesso avviluppato da venti e tempeste. Tra i due, il suono sibillino e persistente della sirena dello stesso faro, ed un manipolo di gabbiani tra i quali se ne distingue uno, in particolare per la caparbietà nell’insidiare il povero Wilson/Howard di Pattinson. Gabbiani abitati, si dice, dallo spirito dei defunti marinai, e, nel caso dell’impertinente ed insolente gabbiano, lo spirito del defunto guardiano precedente. Quattro settimane di turno di un lavoro stagionale non sono molte, ma possono diventare un

    vero e proprio inferno senza fine - ed è questo per l’appunto il caso - protratto fin troppo, e fin troppo sopra le righe, non senza un certo compiacimento, dal regista horror Robert Eggers, noto per il folgorante esordio di The Witch.

    Eppure, a farla da padrone, non è tanto il groviglio di oscure dinamiche comportamentali e di sussistenza tra i due protagonisti, quanto il montare dei simbolismi e delle citazioni d’autore in questa pellicola che si impone all’attenzione come rivisitazione degli albori del cinema, e non solo di genere: parla da sola la scelta, non tanto del bianco e nero, quanto di lenti e focali particolari, tipiche del cinema del secolo precedente. Quanto ritenuto necessario per ricavare dalla stessa fotografia un espressionismo virato sull’orrorifico, sgranato al punto da ammiccare alla pittura. Non è difatti un caso che la singolare risoluzione abbia valso al direttore della fotografia Jarin Blaschke una Nomination

    agli Oscar. E se campeggiano generose le citazioni d’autore, con Hitchcok in prima linea - e non certo solo per la sinistra scala a chiocciola – altrettanta generosità si raccoglie in campo dei simbolismi, incastonati virtuosisticamente per abbracciare il mito: clamorosa la reinterpretazione di Prometeo e della punizione di Zeus con l’aquila che ogni giorno sopraggiunge a dilaniargli il fegato, assestata sul finale, che vede il personaggio di Robert Pattinson in un ultimo, tragico confronto con i gabbiani. Tra le righe occhieggia, per contraltare, il mito di Proteo, con cui sembra vedersela il personaggio di Willem Dafoe: ‘proteo’, che significa per l’appunto ‘primordiale’ o ‘nato per primo’, è una divinità spesso associata all’isola egiziana di ‘Faro’, guarda caso, e per di più proteiforme, vale a dire dotata della capacità di trasfigurarsi, e dunque di mutare la propria forma in ogni momento, ma persino anche di cambiare opinioni e parole. Tutte

    caratteristiche proprie del Wake di Dafoe che, in questo caso, sembrerebbe dominare pure le allucinatorie visioni ai confini della follia del personaggio di Pattinson. Una matassa che si intorcina sempre più rischiando di andare a diluire quella grande mole di fascino e pathos messe in campo con tanto dispendio di mezzi, mentre si attraversa il reticolato di quella sorta di ‘tranello’, appuntato su un ‘primitivismo’ coincidente con il ‘primordiale’ che, alla resa dei conti, sembra poi imporsi come il vero ‘primo uomo’, protagonista del film.

    E dopo tante ombre arrivò la luce, folgorante, accecante, proveniente da quella misteriosa lanterna del faro, collocata alla sommità di una sorta di ‘dedalo’, di labirintica spirale di gradini. Quella luce tanto bramata… come Icaro i raggi del sole.

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)








    trailer ufficiale (sub ITA):

    Links:

    • Robert Pattinson

    • Willem Dafoe

    • The Lighthouse (BLU-RAY + DVD)

    1 | 2

    Galleria Video:

    The Lighthouse - trailer (versione originale sottotitolata)

    The Lighthouse - trailer

    The Lighthouse - clip

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Aspettando i barbari

    ASPETTANDO I BARBARI

    Tra i più attesi!!! - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    Roubaix, una luce

    ROUBAIX, UNA LUCE

    New Entry - Dal Festival del Cinema di Cannes 2019 - VINCITORE del Premio .... [continua]

    Greenland

    GREENLAND

    Gerard Butler torna a lavorare con il regista Ric Roman Waugh, dopo il successo di .... [continua]

    The Secret - Le verità nascoste

    THE SECRET - LE VERITA' NASCOSTE

    New Entry - Nel thriller di Yuval Adler (Bethlehem, The Operative) Noomi Rapace (trilogia .... [continua]

    The Witches

    THE WITCHES

    Le streghe sono tornate e questa volta hanno una nuova Strega Suprema (Anne Hathaway). Nel .... [continua]

    Gauguin - Voyage de Tahiti

    GAUGUIN - VOYAGE DE TAHITI

    New Entry - Dal 17 Settembre

    "Questo film nasce dalla mia scoperta di ....
    [continua]

    Balto e Togo - La leggenda

    BALTO E TOGO - LA LEGGENDA

    RECENSIONE - Dal 3 Settembre

    "Il percorso che abbiamo attraversato per creare 'Balto e ....
    [continua]