ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Yesterday

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal Taormina Film Festival 2019 - Dal 26 ..

    Untitled Maggie Gyllenhaal Project

    New Entry - Maggie Gyllenhaal torna alla regia con la rivisitazione del classico di Mary ..

    Small Things Like These

    Berlinale 2024 (Film d'Apertura il 15 Febbraio) "Con 'Small Things Like These', Tim Mielants racconta la ..

    Spaceman

    New Entry - Berlinale 2024 il 20 Febbraio - Dal 1° Marzo in streaming su ..

    Seven Veils

    New Entry - Berlinale 2024: il 22 Febbraio ..

    Love Lies Bleeding

    New Entry - Berlinale 2024 il 18 Febbraio ..

    The Outrun

    New Entry - Berlinale 2024 - Panorama ..

    Longlegs

    New Entry - Il regista Oz Perkins - figlio d'arte dell'attore Anthony Perkins, già protagonista ..

    The Instigators

    New Entry - Matt Damon e Casey Affleck nel cast - Affleck anche co-sceneggiatore - ..

    Home Page > Photo Gallery > Quel posto nel tempo

    QUEL POSTO NEL TEMPO

    Leo Gullotta incarna la malattia dell'Alzheimer: 'la memoria è una porta con cui attraversare il tempo, ma la chiave per aprire quella porta è l'amore...' - Dal 21 Settembre

    "Raccontare una malattia, l’Azheimer, attraverso la poesia del tempo che passa, dei ricordi che si cancellano e quelli che riemergono, incoerenti e irrazionali. La malattia come metafora di un viaggio, nel tempo e nell’immaginazione del protagonista, Mario (Leo Gullotta), direttore d’orchestra di fama internazionale. Nella sua mente Mario ricrea un 'posto nel tempo' dove rifugiarsi con i suoi affetti, nei suoi ricordi che si confondono e si mescolano con il presente.
    Quattro assi narrativi scandiscono il tempo, forse vero protagonista del film, non cronologico della narrazione, un’esperienza cinematografica per lo spettatore che, come ogni puzzle film che si rispetti, solo nel finale riuscirà ad avere a disposizione tutti i tasselli per comporre il quadro della storia. Attraverso questo film invece di declinare, come solitamente accade, la malattia attraverso gli occhi del caregiver, colui che assiste l’ammalato, ho lasciato recitare l’avanzamento della stessa attraverso il vivavoce del protagonista che racconta le sue paure attraverso una lunga lettera forse scritta per anni. Ma il film nasce anche dall’esigenza di raccontare l’Amore, di quello ossessivo di Mario verso sua moglie Amelia (Giovanna Rei), morta improvvisamente quando era incinta, e di quello ritrovato per sua figlia Michela (Beatrice Arnera), abbandonata al suo destino e preferita al lavoro e alla musica per colmare il vuoto che Mario ha accumulato dalla morte della moglie. Ma l’Amore può e riesce a superare qualsiasi barriera anche quella atroce della perdita della memoria, il dissolversi dei ricordi, attraverso l’immaterialità dei sentimenti e dell’immaginazione, della poesia e della scommessa.
    Un amore che oltrepassa i limiti imposti da una patologia che esiste ma si nasconde, l’Alzheimer. Raccontare attraverso le immagini di una malattia così delicata non è stato facile; altrettanto complesso è stato scrivere la storia, insieme con Eitan Pitigliani e Giovanni Mazzitelli, che non parla della malattia, ma la vive, l’attraversa, la tocca e poi l’oltrepassa in un misto di sentimenti contrastanti ma veri: Amore e dolore, coscienza ed incoscienza, perdita e riacquisizione, immaginazione e follia. Ho ritenuto necessario far trasparire sin dai primi script il rispetto della dignità della persona in quanto tale cercando collaborazione da parte di scienziati ed esperti in materia nella stesura del lavoro grazie ad anni di studi e ricerche anche personali. Un film fatto di distanze, tamponi, mascherine e, per l’attualità in cui è stato realizzato, privato della cosa più autentica di un set, le carezze, gli abbracci e gli immancabili assembramenti cinematografici. Queste difficoltà non hanno però snaturato l’autenticità e la verità della narrazione, forse potenziate dalla voglia di tornare a raccontare storie. La macchina da presa, quindi, esplora una storia estremamente delicata e attuale, poetica e metaforica ma mai metafisica, che mira a imprimere una storia da vivere finalmente sul grande schermo
    ".
    Il regista e co-sceneggiatore Giuseppe Alessio Nuzzo


    Vai alla scheda completa del Film Quel posto nel tempo

    Land of Bad

    RECENSIONE - Russell Crowe nella terra dei cattivi con Liam e Luke Hemsworth - Dal ..

    La zona d'interesse

    Bafta 2024: 'Miglior Film Britannico'; 'Miglior Film in Lingua Straniera'; 'Miglior Sonoro' (Johnnie Burn ..

    Emma e il giaguaro nero

    Dai creatori dei successi Il lupo e il leone e Mia e il leone bianco ..

    Madame Web

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Spin-off di Spider-Man incentrato su una mutante chiaroveggente di nome Madame ..

    This Is Me... Now: A Love Story

    Dal punto di vista di Jennifer Lopez, questa è una storia d'amore come non ne ..

    Upgraded - Amore, Arte e Bugie

    San Valentino 2024 - RECENSIONE - Dal 9 Febbraio in streaming - Commedia romantica ..

    Argylle - La super spia

    RECENSIONE - Tra le varie spie, letterarie - l'Argylle di Henry Cavill - o reali ..