ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    The Instigators

    Aggiornamenti freschi di giornata! (14 Giugno 2024) - Dal 9 Agosto - Matt Damon e ..

    The Room Next Door

    New Entry - Il primo lungometraggio interamente in lingua inglese di Pedro Almodóvar vede protagonisti ..

    It Ends With Us-Siamo noi a dire basta

    New Entry - Il regista e attore Justin Baldoni porta sul grande schermo il best ..

    The Legend of Ochi

    In questa avventura fantasy, esordio alla regia di Isaiah Saxon, Willem Dafoe, Finn Wolfhard ed ..

    Inside Out 2

    Dal 19 Giugno ..

    Death of Unicorn

    New Entry - Nella dark comedy di Alex Scharfman, con cui debutta alla regia, Tea ..

    The Bikeriders

    Dal 19 Giugno - Il regista, sceneggiatore e soggettista Jeff Nichols ha rivelato che da ..

    Fuga in Normandia

    Dal 20 Giugno - Michael Caine al centro di una vicenda ispirata ad una storia ..

    Shoshana

    Dal 27 Giugno - Dal 48. Toronto International Film Festival (7-17 Settembre 2023) - ..

    Hit Man - Killer per caso

    Dal 27 Giugno - Designato 'Film della Critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani – ..

    Home Page > Movies & DVD > Civil War

    CIVIL WAR

    RECENSIONE - Nel nuovo action drama ambientato in un prossimo futuro di Alex Garland (Ex Machina, Annientamento, Men) anche Kirsten Dunst (Marie Antoinette) e Cailee Spaeny (Priscilla) - Dal 18 Aprile

    "Ho applicato anche a questo film la mia logica di sempre. Se c'è qualcosa, una qualsiasi, che mi interessa o, peggio, mi preoccupa, la rielaboro attraverso la scrittura. Sento la necessità di rifletterci su, di argomentare, ma anche di dare vita a un dialogo. Perciò, cerco di non essere didascalico, ma di creare una corrispondenza biunivoca fra chi i film li guarda e chi invece li fa... Il punto di partenza è stato che abbiamo preso spunto in termini di suono, immagini, azione, sequenza di eventi, comportamento, ogni sorta di cose del genere, non tanto dal cinema, quanto da filmati di notizie, documentari e anche da esperienze vissute. Quindi, il supervisore militare era un veterano. Molte delle persone che lavoravano al film erano veterani, e hanno avuto molta – non so quale sia la parola giusta – libertà, incoraggiamento… è stato chiesto loro di mettere in scena questi momenti nel modo più accurato possibile, e dimenticare il modo in cui il film normalmente li presenterebbe, e seguire ciò che ritenevano corretto per la loro esperienza, piuttosto che per il modo in cui il cinema normalmente fa queste cose... Il contesto è la divisione, la polarizzazione, la politica populista, sai, questo genere di cose, esiste assolutamente nel mio paese. Esiste in tutta Europa. In gradi diversi, ma a volte davvero estremi in Europa. Inoltre, in Medio Oriente, in Asia e in Sud America. Questo non è un fenomeno per questo paese"
    Il regista e sceneggiatore Alex Garland

    (Civil War; Usa, Regno Unito 2023; Action Drama; 109'; Produz.: A24, DNA Films, IPR.VC; Distribuz.: 01 Distribution)

    Locandina italiana Civil War

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    Short Synopsis

    Titolo in italiano: Civil War

    Titolo in lingua originale: Civil War

    Anno di produzione: 2023

    Anno di uscita: 2024

    Regia: Alex Garland

    Sceneggiatura: Alex Garland

    Cast: Kirsten Dunst (Lee)
    Wagner Moura (Joel)
    Stephen McKinley Henderson (Sammy)
    Cailee Spaeny (Jessie)
    Jesse Plemons (Militante ultranazionalista)
    Nick Offerman (Presidente)
    Sonoya Mizuno (Anya)
    Karl Glusman (Osservatore)
    Jefferson White (Dave)
    Nelson Lee (Tony)
    James Yaegashi (Caporale)
    Evan Lai (Bohai)
    Jin Ha (Cecchino)
    Juani Feliz (Joy Butler)
    Vince Pisani (Concierge)

    Musica: Geoff Barrow, Ben Salisbury

    Costumi: Meghan Kasperlik

    Scenografia: Caty Maxey

    Fotografia: Rob Hardy

    Montaggio: Jake Roberts

    Effetti Speciali: J.D. Schwalm (supervisore)

    Makeup: Ashley Levy (direzione)

    Casting: Francine Maisler

    Scheda film aggiornata al: 17 Maggio 2024

    Sinossi:

    In breve:

    La storia è ambientata in un futuro prossimo, nel quale gli Stati Uniti stanno combattendo una logorante guerra civile a causa della polarizzazione tra fazioni avverse. Le ostilità, dai social si sono trasferite nella realtà, portando a un vero e proprio conflitto armato.
    Mentre due candidati lottano per sedersi sulla sedia presidenziale della Casa Bianca, le forze armate attaccano i civili e i giornalisti vengono fucilati a Capitol Hill. In questo clima bellico, una fotoreporter (Kirsten Dunst) attraversa le zone di guerra e tramite i sui occhi osserviamo questa terribile realtà.

    Short Synopsis:

    An adrenaline-fueled thrill ride through a near-future fractured America balanced on the razor's edge.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    La potenza espressiva di Alex Garland genera capolavori

    E adesso, uno sguardo sull’oggi. Magari si trattasse di fantascienza! Di un futuro distopico ancora addivenire! Questa volta Alex Garland (Ex Machina, Annientamento, Men) mette il dito in un pericolo reale, magari pure imminente, plausibile: un’autentica piaga che ha imputridito la vera democrazia. E lo fa documentandone ogni pustola, attraverso scatti fotografici, muti e potenti, celebrati da un reticolo di fermo immagine: scatti torniti dalle intense ombre del bianco e nero, catturati sul campo dai suoi reporter. Un film (doc) nel film (fiction), per il trionfo della verità nel caos.

    E’ proprio una questione di stile la sua: mai scontata, né banale o commerciale, di qualsiasi argomento si tratti. Questa volta, con Civil War, Alex Garland attraversa il motivo di una guerra civile intestina agli Stati Uniti d’America, immaginando una coalizione tra Texas e California, contro lo strapotere governativo, ma i contorni della

    questione sono tutt’altro che definiti, volutamente: sfrangiati nelle radici profonde, ma limpidissimi nelle conseguenze letali piovute sulle varie realtà cittadine. Non c’è ridondanza, né alcun motivo reiterato, anzi, ogni situazione e personaggio ha momenti e spazi a sufficienza per stupire, spiazzare e incassare il conto, salato, che Garland invia senza sconti all’indirizzo dei poteri forti, da sempre interessati al piano personale e non certo collettivo. E’ questo un affresco immaginario fortemente espressionista, dove immagini e sonoro raccontano la guerra in senso lato, e in un tempo plausibilmente prossimo - se non addirittura corrente, nell’altrove - raccolto da un particolare punto di vista. Quello dei reporter di guerra, appunto, attivi sul campo, per documentare la cruda verità, a costo della propria vita, della Storia, perché possa servire da monito oltre che da documentazione. Ma è proprio così?

    Già i primi fotogrammi tradiscono il genere di storia che andrà in onda di lì

    a poco e come verrà raccontata da questo straordinario story-teller per il grande schermo. La visione prismatica, inizialmente fuori fuoco raggiunge il Presidente degli Stati Uniti (Nick Offerman) che prepara il suo, consapevolmente mendace, discorso, all’insegna del tanto fumo e niente arrosto. Le sue sono parole di circostanza, nel tentativo di fuorviare la tragica realtà dei fatti che il montaggio del film innesca visivamente con immagini forti come spine nel fianco. Spine che sembrano davvero pungere quel Presidente, mentre fa le prove del suo discorso allo specchio, avvinto da palpabile disagio. I reportage televisivi danno il loro contributo, con quel pizzico di retorica che tende sempre e comunque ad osannare il Paese e che non si fanno mai mancare: “non resta che eliminare le ultime sacche di resistenza, Dio benedica l’America”. Ma qualora in Civil War si cercasse il racconto lineare, se non proprio didascalico, si rimarrebbe delusi. Sul tavolo

    ci sono innumerevoli tessere da collocare, prima che il puzzle acquisti senso e definizione, ma c’è un’unica tecnica che lo rende potente ad ogni passo della sua stessa messa a punto: un motivo firma che radica e poggia su un montaggio superbo e potente, così come il sonoro, altisonante da togliere i timpani nella soggettiva dei personaggi sul campo, o totalmente silente con la musica che domina prendendo il suo posto. E proprio su questo registro, il palinsesto musicale (Geoff Barrow e Ben Salisbury) si direbbe scrivere persino la sceneggiatura migliore, spesso per contrapposto a situazioni o stato dei personaggi. Una selezione sopra le righe che avvalora la portata di questo grande film.

    E si entra così subito nel vivo, in una guerriglia di strada violenta e con la navigata fotoreporter Lee: una Kirsten Dunst a dir poco perfetta, capace di sfumare nel non detto ogni metabolizzazione di dolore per cui

    è addestrata, nel non farsi domande ma ad eseguire, malgrado tutto. Percorso che condivide con il collega Joel (Wagner Moura), prima che proprio in quella circostanza, non faccia la conoscenza della novellina Jessie, più impulsiva e meno professionale, incurante com’è anche delle più elementari precauzioni da prendere sul campo: appena vista nel Priscilla di Sofia Coppola, Cailee Spaeny conferma qui talento e versatilità interpretative pronti ad un decollo da vera star. Lee/Dunst e Joel/Moura in Hotel, hanno un programma ardito per il giorno seguente e, loro malgrado, ne parlano con il veterano di una importante testata antagonista che conoscono bene: è il Sammy di Stephen McKinley Henderson. La sorpresa del giorno seguente per Lee/Dunst è trovare nell’auto sia la giovane Jessie/Spaeny che il vecchio Sammy/Henderson. Il viaggio alla volta di Washington nell’intento di intervistare il Presidente, pur nella caotica situazione in corso, con guerriglie e cecchini giustizieri ad ogni angolo

    pronti a terminare civili e giornalisti a seconda dei casi, sembra un miraggio fantascientifico, ma la determinazione ha la meglio. E mentre, strada facendo, ‘miglia’ di distanza alla mano, ci si imbatte in ogni genere di rischio e pericolo - la varietà non manca, comunque sempre ben lontana, anzi, opposta, alla cifra hollywoodiana di genere - ci si ritrova a interrogarsi sull’impegno civile, sulla sua importanza, ma anche e soprattutto sull’etica. La prossimità dei fotoreporter sul campo sulle svariate scene di guerra è davvero a stretto giro di posta, mentre il loro lavoro esige, volenti o nolenti, un’esecuzione operativa veloce e neutrale, senza chiedersi se è giusto o sbagliato e se si può fare qualcosa per arginare morte e devastazione. Le riflessioni e gli interrogativi incalzano fino alla domanda delle domande, la più emblematica e riflettente il nocciolo del problema: “Se mi sparassero, scatteresti la foto?”, chiede Jessie/Spaeny a Lee/Dunst

    ad un certo punto.

    Così, mentre si avvicendano gli scatti a colori di Lee/Dunst, la tallona con la temerarietà e la febbre della gioventù Jessie/Spaeny, con i suoi in bianco e nero, sempre più rari e preziosi, eseguiti con la macchina fotografica (la FE2) ereditata dal padre, che vive in una fattoria nel Missouri cercando di far finta che sia tutto normale, tanto quanto i genitori di Lee, in Colorado. Scatti celebrati con il clic che annulla ogni altro suono, pronto a tornare assordante con spari ed esplosioni in varie circostanze, intermittenti. O magari passaggi forti – anche troppo! – come la sequenza che vede un uomo di colore intrappolato entro uno pneumatico, cui viene dato fuoco da vivo di lì a poco, o quella con i torturati appesi alle corde dell’autolavaggio in attesa di essere uccisi, variabile più, variabile meno. Come si fa a prodigarsi per scatti come questo?

    E come si fa a farlo con il sangue freddo necessario? Come si fa a non farsi domande?

    A farsi strada in questi scenari di guerra è però l’interazione umana, nella reciproca protezione di ciascun membro del piccolo ‘gruppo press’. ‘Press’ la parola stampata sui loro giubbotti e che troneggia persino come etichetta sull’auto. Una solidarietà che vede prontezza nel dare l’uno la vita per l’altro, all’occorrenza, facendo spazio ai giovani. Ognuno di loro ha il suo tempo per il proprio momento di rottura, anche se ogni più flebile fragilità sul campo, o leggerezza, può sortire fatale. In una tra le svariate scene a rischio vita, con il concorso dei colleghi coreani, Jessie/Spaney è sotto tiro di uno spietato militare ultranazionalista (Jesse Plemons): evitando spoiler su quel che succede in quella circostanza, mi limito ad indicare nella conclusione della ‘terribile tenzone’, la sequenza con la caduta di Jessie/Spaney nella fossa comune

    dei cadaveri, come una tra le riprese espressioniste e cinematograficamente più spiazzanti nella tragica bellezza. Ecco, questo è il cifrario di Alex Garland che va oltre le auto dichiarate fonti di riferimento, come il classico di Francis Ford Coppola Apocalypse Now (1979): elicotteri che sovrastano rumorosamente gli scenari naturali nell’intorno di una base militare, uno tra gli esempi fondanti.

    Il finale poi, con l’ultima ‘foto-trofeo’ scattata sui titoli di coda, in un bianco e nero in progress che, dalla dissolvenza in bianco riacquista lentamente i toni di chiaroscuro, come nella normale fase di sviluppo di una foto in bianco e nero, è la sofisticata chicca stilistica di commiato da questa storia mozzafiato. Una finestra aperta sul dolore da documentare, come già le pagine di Susan Sontag in Davanti al dolore degli altri (2003), con cui si torna a chiederci: fin dove ci si deve spingere con le immagini per rappresentare la

    violenza e le atrocità della guerra? Orrore necessario da mostrare perché non si ripeta? A giudicare da quel che succede, sembra che sia una lezione che cade nel vuoto, ancora, e ancora. Ne è consapevole la stessa Lee/Dunst quando osserva “Ogni volta che l’ho scampata in una zona di guerra credevo che quella foto funzionasse come avvertimento, e invece siamo qui”. Ma poi, persino la giovane Jessie/Spaeny, come già Lee/Dunst prima di lei, alla fine avrà imparato a non farsi più domande, sempre più assetata di quei frammenti di verità. Ma io credo che lo spettatore continuerà a farsele invece, eccome! Ma forse è esattamente lo scopo stesso di questo incredibile Civil War, la provocazione più forte in celluloide di Alex Garland, più autoriale che mai, in grado di rendere artistiche anche sequenze di incendio boschivo, quando lingue di fuoco si levano a sprigionare una danza di faville che, espandendosi

    fino ad abbracciare l’intero fotogramma, costeggiano una valenza pittorica espressionista tra le più suggestive.

    Perle di sceneggiatura

    Presidente (Nick Offerman): Cittadini americani, il popolo dell'Alleanza della Florida e le forze occidentali di Texas e California saranno di nuovo benvenute in questi Stati Uniti, non appena il loro governo secessionista e illegale verrà deposto.

    Soldato: Qualcuno ci vuole uccidere e noi vogliamo uccidere loro.

    Pressbook:

    PRESSBOOK BREVE ITALIANO di CIVIL WAR

    Links:

    • Alex Garland (Regista)

    • Kirsten Dunst

    • Jesse Plemons

    • Nick Offerman

    • Sonoya Mizuno

    • Cailee Spaeny

    1| 2| 3

    Galleria Video:

    Civil War - trailer 60" ufficiale

    Civil War - trailer ufficiale

    Civil War - trailer ufficiale (V.O.)

    Civil War - clip 'Sotto attacco'

    Civil War - clip 'E' tutto uno sbaglio'

    Civil War - clip 'Questo è il lavoro di una fotogiornalista'

    Civil War - clip 'Voglio fare la fotografa di guerra'

    Civil War - clip 'In diretta dalla Casa Bianca'

    Civil War - clip 'Siamo della stampa'

    Civil War - featurette (sub ITA)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    La baia del silenzio

    Stasera, 14 Giugno, in TV, su RAI 4, Canale 21, ore 21.18 - RECENSIONE ..

    Big Eyes

    Stasera, 14 Giugno, in TV, su IRIS, Canale 22, ore 21.10 - Nell'inedita incursione di ..

    La madre

    Stasera, 14 Giugno, in TV, su Italia 2, Canale 49, ore 21.15 - RECENSIONE - ..

    May December

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Da Cannes 76. -

    C'é ancora domani

    Cinema sotto le stelle - Estate 2024 - 8 Marzo 2024: Festa della ..

    Un mondo a parte

    Cinema sotto le stelle - Estate 2024 - RECENSIONE - Riccardo Milani torna sul ..

    Cento domeniche

    Cinema sotto le stelle - Estate 2024 - RECENSIONE - Dalla 18. Festa ..