ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Conclave

    Aggiornamenti freschi di giornata! (21 Luglio 2024) - Dall'omonimo romanzo di Robert Harris, Peter Straughan ..

    Eyes Wide Shut

    'Celluloid Portraits Vintage' - I bellissimi! Tom Cruise, Nicole Kidman Retrò - 25° Anniversary: 2024 ..

    La versione di Giuda

    New Entry - Il regista, sceneggiatore, produttore, soggettista e attore Giulio Base ha annunciato l'inizio ..

    Ghost-Fantasma

    'Celluloid Portraits Vintage' - Patrick Swayze, Demi Moore e Whoopi Goldberg Retrò - Jerry Zucker ..

    Felice Estate!

    ..

    Felice Estate!

    ..

    Sotto il cielo delle Hawaii

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Cameron Crowe dirige un cast All-Star per una rom-com con ..

    La memoria dell'assassino

    Dal 4 Luglio - Dal Toronto Film Festival 2023 - Michael Keaton si mette dietro ..

    Hit Man - Killer per caso

    Dal 27 Giugno - Designato 'Film della Critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani – ..

    Il diritto di uccidere

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Helen Mirren, colonnello militare dell'intelligence, conduce un'operazione remota con droni ..

    Home Page > Movies & DVD > May December

    MAY DECEMBER

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Da Cannes 76. - Oscar 2024: Nomination per la 'Miglior Sceneggiatura Originale' - Il regista di Carol Todd Haynes torna a dirigere Julianne Moore dopo Safe, Lontano dal paradiso, Io non sono qui e La stanza delle meraviglie, e le affianca Natalie Portman - Dal 21 Marzo

    "Ciò che mi ha conquistato dello script eccezionale di Samy Burch è il modo con cui ha affrontato tematiche potenzialmente instabili con una pazienza osservativa che ha permesso ai personaggi della storia di essere esplorati con una sottigliezza non comune"
    Il regista Todd Haynes

    (May December; USA 2022; Dramma romantico; 113'; Produz.: Gloria Sanchez Productions, Killer Films, MountainA in associazione con Project Infinity e Taylor & Dodge; Distribuz.: Lucky Red)

    Locandina italiana May December

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis

    Titolo in italiano: May December

    Titolo in lingua originale: May December

    Anno di produzione: 2022

    Anno di uscita: 2024

    Regia: Todd Haynes

    Sceneggiatura: Samy Burch, Alex Mechanik

    Cast: Natalie Portman (Elizabeth Berry)
    Julianne Moore (Gracie Atherton-Yoo)
    Charles Melton (Joe Yoo)
    Cory Michael Smith (Georgie Atherton)
    Elizabeth Yu (Mary Atherton-Yoo)
    Gabriel Chung (Charlie Atherton-Yoo)
    Piper Curda (Honor Atherton-Yoo)
    D.W. Moffett (Tom Atherton)
    Lawrence Arancio (Morris Sperber)
    Drew Scheid (Cameron)
    Allie McCulloch (TV Movie Gracie)
    Kelvin Han Yee (Joe Yoo Sr.)
    Charles Green (Mr. Henderson)
    Hans Obma (Roberto)
    Hailey Wist (Cassidy)
    Cast completo

    Musica: Marcelo Zarvos

    Costumi: April Napier

    Scenografia: Sam Lisenco

    Fotografia: Christopher Blauvelt

    Montaggio: Affonso Gonçalves

    Effetti Speciali: Chris Haney (supervisore effetti visivi)

    Makeup: Heba Thorisdottir (direttrice makeup); Kim Santantonio (direttrice acconciature)

    Casting: Laura Rosenthal

    Scheda film aggiornata al: 15 Giugno 2024

    Sinossi:

    In breve:

    Si segue la storia di Elizabeth Berry (Natalie Portman), un’attrice che dovrà interpretare sullo schermo il ruolo di Gracie Atherton-Yu (Julianne Moore), diventata nota al pubblico perché vent’anni prima ha sposato Joe (Charles Melton) di 23 anni più giovane di lei.
    La loro storia d’amore fu a suo tempo uno scandalo finito su tutti i tabloid a causa dell’evidente differenza d’età. Per prepararsi al ruolo, Elizabeth decide di passare un periodo ospite da Gracie e Joe sulle coste del Maine.
    La coppia ha due gemelli che proprio in quei giorni si diplomeranno al liceo. L’attrice vivrà la loro quotidianità, scrutando e studiando attraverso uno sguardo esterno le dinamiche tra i vari componenti della famiglia, che si sentiranno inevitabilmente sotto pressione.

    In altre parole:

    Gracie Atherton-Yu (Julianne Moore) è una donna che anni prima diede scandalo per essersi innamorata di un ragazzino, compagno di scuola del figlio, di soli 13 anni. Una scelta che inevitabilmente, la portò a dover dire addio alla sua famiglia, all’amore di suo marito e alla libertà, visto che venne anche incarcerata per molti anni.

    Dopo un salto temporale di vent’anni, Gracie (Julianne Moore) torna a rivivere ciò che accadde all’epoca, a causa dell’attrice Elizabeth (Natalie Portman) scritturata per portare al cinema questa storia e interpretare il ruolo di Gracie. Entrare maggiormente nel personaggio, porta l’attrice a insinuarsi nella vita di Gracie, come un coltello in un ferita, non ancora rimarginata, nonostante il tempo trascorso...

    In dettaglio:

    Nel 2015, l'attrice Elizabeth Berry si reca a Savannah per fare ricerche su Gracie Atherton-Yoo, una donna che ventitré anni prima, all'età di trentasei anni, era stata colta in flagrante a letto con Joe Yoo, un compagno di scuola tredicenne del figlio. Gracie era finita in prigione, dove aveva dato alla luce la primogenita della coppia; dopo la sua scarcerazione, Gracie e Joe si sono sposati e hanno avuto una coppia di gemelli, Mary e Charlie, ormai prossimi al diploma. La famigerata relazione di Gracie e Joe è diventata il soggetto di un film in cui Elizabeth reciterà la parte della protagonista, e l'attrice decide quindi di studiare la donna per comprenderla a fondo e poterla interpretare al meglio.

    Accolta calorosamente (seppur con qualche incertezza) nella vita degli Atherton-Yoo, Elizabeth comincia a conoscere la famiglia e ad intervistare amici e conoscenti della coppia, tra cui il primo marito di Gracie e il figlio avuto dal primo matrimonio. Le domande di Elizabeth spingono Joe a riflettere per la prima volta dopo ventitré anni sulla vera natura della sua relazione e sulla situazione che lo vede ancora giovane ma intrappolato in un matrimonio con una donna molto fragile e prossima alla sessantina. Le crepe nel loro matrimonio lo spingono a interrogare Gracie sugli inizi della loro relazione, ma la moglie reagisce duramente, affermando di essere stata lei a venir sedotta dal tredicenne Joe.

    Intanto Elizabeth viene a sapere da Georgie, il figlio di Gracie dal precedente matrimonio, che la madre era stata molestata sessualmente dai fratelli durante la pubertà, anche se Gracie nega che ciò sia mai avvenuto. Sempre più in crisi e incerto sulla natura del suo matrimonio, Joe va a letto con Elizabeth e le consegna la lettera che Gracie gli aveva scritto all'inizio della loro relazione, in cui Gracie si rivelava consapevole dell'illegalità della loro relazione. Tuttavia Joe si indispettisce quando Elizabeth lo descrive come una vittima. Il giorno del diploma di Mary e Charlie, Elizabeth si congeda da Gracie, che ha cominciato a imitare sia nel trucco che nell'abbigliamento.

    Con l'inizio delle riprese del film, Elizabeth, sempre più immersa nel personaggio di Gracie, fa girare più e più volte la scena della seduzione di Joe nel tentativo di catturare la complessità e le contraddizioni di Gracie.

    Short Synopsis:

    Twenty years after their notorious tabloid romance gripped the nation, a married couple buckles under the pressure when an actress arrives to do research for a film about their past.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Come si fa a realizzare un film a soggetto inquietante come questo - in un gioco di specchi psicologico che corre sui binari delle ambiguità e dei non detti - avendo peraltro a disposizione due mostri sacri come Julianne Moore e Natalie Portman, e renderlo noioso? Mentre si apprezzano i piani sequenza in cui finzione e realtà flirtano tra loro nascondendo limiti e confini, nessuno discute sul fattore etico, per quanto il film in questione, May December di Todd Haynes (Safe, Lontano dal Paradiso, Io non sono qui, Carol, La stanza delle meraviglie, Cattive acque), pare per l’appunto ispirato ad uno scandalo di cronaca reale. E non è certo né il primo né l’ultimo caso! Mi viene in mente Diario di uno scandalo (2006) di Richard Eyre che vide protagonista Cate Blanchett nel ruolo della nuova insegnante di arte, di lì a poco coinvolta in una relazione molto passionale con

    uno studente diciassettenne della sua stessa scuola. Il registro di ambiguità qui era condiviso con l’insegnante più anziana, interpretata da Judi Dench, mentre la condanna della relazione era plateale e pubblica, oltre che privata, per quanto il nervo narrativo delle due donne corresse sul filo della reciproca menzogna. Ora, in May December, è la volta di Julianne Moore che torna a collaborare con Haynes per la quinta volta, dopo Safe, Lontano dal Paradiso, Io non sono qui e La stanza delle meraviglie.

    La sponda metaforica dell’inizio - con le uova sulla foglia, prossime larve prima ancora che farfalle, così come quella posata sul germoglio - campeggia qua e là in un canovaccio verboso che sembra spalmato su una pièce teatrale più che su un brano di vero cinema. Metafora insita fin nel titolo stesso. May December, Maggio e Dicembre, i due mesi dell’anno che non potrebbero essere più lontani e più

    diversi, e non solo come calendario ma anche come temperatura e temperamento: al fresco calore del primo, la primavera della vita, segue il freddo del secondo, la maturità, stemperabile solo con un calore derivato, artificialmente riprodotto.

    Il film non brilla neppure per chiarezza nelle dinamiche narrative e, soprattutto, nelle relazioni parentali, raggiungibili non in maniera immediata: qui si confida più sull’intuizione dello spettatore che non su quanto correttamente e prontamente avrebbe potuto esser rivelato. La lentezza di alcune sequenze marginali e senza nervo sminuisce poi il potenziale effettivamente drammatico dell’intera vicenda, mentre l’eccessiva attenzione, quasi morbosa, riposta sulle due protagoniste assolute, intente anima e corpo a mettersi l’una nei panni dell’altra, relega nell’ombra una - auspicabile - maggiore profondità dell’intorno. Il risultato è un affresco scialbo e confuso, malgrado tutto.

    Apparentemente vincente l’idea di fondo sull’ingresso in scena di un’attrice - la Elizabeth di Natalie Portman - per fare un film sulla

    vita privata di Gracie/Moore, ora apparentemente serena, a distanza di decenni dalla relazione scandalistica con un tredicenne, compagno di scuola di suo figlio, per la quale ha persino scontato anni di carcere. Trascorsi più che burrascosi che non hanno impedito loro di essere ancora una coppia con tre figli. Un ingresso in campo benvoluto, quello dell’attrice, che pian piano diventa una presenza invadente, anzi, una vera spina nel fianco, in grado di far riaffiorare sentimenti e percezioni rimosse nel tempo. Uno specchio nello specchio - ribadito in un’altra metafora con la doppia Gracie/Moore riflessa in uno specchio in occasione della prova di abito della figlia per la cerimonia della consegna dei diplomi - che riporta a galla realtà scomode, all’ombra di una indegna manipolazione, che, d’altra parte, non traccia nette linee di demarcazione tra vittima e carnefice. Solo una schiacciante, impercettibile, ma reale, sottomissione, del più giovane della coppia, il

    coreano già tredicenne, ora trentaseienne, Joe Yoo (Charles Melton). La stessa età dell’attrice Elizabeth/Portman che deve interpretare Gracie/Moore, di ventitré anni più vecchia del marito Joe/Melton. “Le cose sembravano essersi calmate e invece adesso ci fate un film, però siate gentili”, osserva la madre di Joe e suocera di Grace, rivolta all’attrice Elizabeth/Portman. Di quanto la storia di Grace e Joe avesse fatto scalpore testimoniano tutte le riviste che in passato avevano pontificato cavalcando lo scandalo sessuale e l’amore proibito.

    Ma il corpo della storia perde mordente con l’incalzare di continue divagazioni, per quanto motivate: dallo spot televisivo dell’attrice ‘pulita, fresca, tu’ quando in realtà è tutt’altra persona; al centro comunitario in cui ci si focalizza, senza fretta, sull’attività di confezionare bouquet di fiori, con la scusa di carpire le preferenze di Gracie. O le modalità di recitazione di Elizabeth quando viene intervistata dagli studenti di teatro: ‘scelgo il personaggio

    che è difficile capire in superficie. La complessità, le zone morali grigie sono le più interessanti’. Per non dire di sequenze come quella dello spinello condiviso sul tetto della casa tra il padre Joe e il figlio. Nel frattempo tra le due donne, le domande incalzano, e comincia ad insinuarsi un certo fastidio dietro la cortina dei reciproci sorrisi di cortesia:

    Gracie: ‘perché vuoi interpretarmi?’
    Elizabeth: ‘Non ripensi mai al passato?’
    Gracie: ‘Ho già troppe cose a cui pensare’
    Elizabeth: ‘Il passato ha un peso importante sul presente’

    La pressione non potrà che aumentare con questa presenza scomoda che ha lo scopo di acquisire il modo di essere e persino di truccarsi di Gracie. Mentre si fanno interviste all’ex marito e all’avvocato per completare il quadro. Quadro che vira sull’horror psicologico quando Elizabeth/Portman si fa sfrontata ed insolente - ‘mi sono già fatta un’idea di come deve essere stato farsela con te’ -

    fino ad insinuarsi come un vampiro tra la coppia, concupendo Joe/Melton. Va ancor peggio quando la storia di Gracie si traduce sul set: il doppiaggio italiano evidenzia un difetto di sillabazione della esse che snatura il personaggio di Gracie che Elizabeth/Portman vuol incarnare, talmente a fondo da celebrarlo nel primo piano di un lungo piano sequenza, fino a ripetere poi una sequenza ben quattro volte. Il punto di rottura che sentenzia la fine del film nel film, lasciandoci in dotazione un focale punto di domanda: ‘chi stabilisce i limiti?’, mentre serpeggia la triplice metafora di larve che diventano farfalle e a cui si restituisce la libertà, di volpi cacciate cui si rinuncia a sparare, e di serpenti che dovrebbero mordere ma non lo fanno. Miracolo della finzione di contro alla realtà.

    Pressbook:

    Pressbook completo in Italiano di May December

    Links:

    • Todd Haynes (Regista)

    • Julianne Moore

    • Natalie Portman

    1 | 2

    Galleria Video:

    May December - trailer ufficiale

    May December - trailer ufficiale (V.O.)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Deadpool & Wolverine

    Shawn Levy dirige il terzo capitolo della saga su 'Deadpool', il supereroe più scorretto e ..

    L'ultima vendetta

    Da Venezia 80. - Orizzonti Extra - Liam Neeson in cerca di redenzione dopo ..

    Twisters

    Dal 17 Luglio ..

    Padre Pio

    Da Venezia 79. - Il regista americano Abel Ferrara (da tempo residente a Roma) ..

    Era mio figlio

    Dal 18 Luglio - VINCITORE del Premio del Pubblico a Venezia 80.-Giornate degli ..

    Cult Killer

    In Anteprima al Filming Italy Sardegna Festival 2024 - Antonio Banderas ed Alice Eve ..

    Fly Me To The Moon - Le due facce della luna

    Una storia d'amore ambientata negli anni Sessanta, durante la corsa allo spazio tra gli Stati ..