ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Il fuggitivo

    Corre il TRENTENNALE di un classico intramontabile, con Harrison Ford, Tommy Lee Jones & Co. ..

    C'é ancora domani

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 18. Festa del Cinema di Roma (18-29 ..

    Inside

    Ancora inedito per il cinema italiano - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dalla Berlinale 2023 in ..

    Wish

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 21 Dicembre ..

    Il regno del pianeta delle scimmie

    New Entry - Il regista Wes Ball (trilogia di Maze Runner) dà vita ad un ..

    La chimera

    Dal 76. Festival del Cinema di Cannes (16 al 27 Maggio 2023) - Concorso - ..

    Nyad - Oltre l'oceano

    RECENSIONE - Annette Bening interpreta la nuotatrice Diana Nyad, protagonista di un'impresa incredibile realmente vissuta ..

    Barbie

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Nel live-action basato sulla famosa linea di giocattoli ..

    Cento domeniche

    Dalla 18. Festa del Cinema di Roma 2023 - Grand Public - Dal 23 Novembre “... ..

    Home Page > Movies & DVD > Barbie

    BARBIE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Nel live-action basato sulla famosa linea di giocattoli di Barbie, e targato Greta Gerwig, Margot Robbie (Barbie), e Ryan Gosling (Ken) - Dal 20 Luglio

    “Fin dalla notte dei tempi, da quando nel mondo è esistita la prima bambina, sono esistite le bambole. Ma le bambole erano pur sempre bambolotti. Le bambine che ci giocavano potevano soltanto giocare ad essere madri, il che può essere divertente, almeno per un po', comunque, chiedete a vostra madre! La cosa è andata avanti finché…”
    La voce narrante di Helen Mirren

    (Barbie; CANADA/USA 2022; Commedia Fantasy; 114'; Produz.: Heyday Films, LuckyChap Entertainment, Mattel Films, Mattel, Warner Bros. Pictures, Warner Bros.; Distribuz.: Warner Bros. Italia)

    Locandina italiana Barbie

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Titolo in italiano: Barbie

    Titolo in lingua originale: Barbie

    Anno di produzione: 2022

    Anno di uscita: 2023

    Regia: Greta Gerwig

    Sceneggiatura: Noah Baumbach, Greta Gerwig

    Cast: Margot Robbie (Barbie)
    Ryan Gosling (Ken)
    Helen Mirren (voce narrante)
    Will Ferrell (CEO dell'azienda di giocattoli)
    Kate McKinnon (Barbie ginnasta)
    Issa Rae (Barbie presidente)
    Rhea Perlman (Ruth)
    Hari Nef (Barbie medico)
    Alexandra Shipp (Barbie autrice)
    Emma Mackey (Barbie fisica)
    Connor Swindells (Aaron Dinkins)
    Michael Cera (Allan)
    Sharon Rooney (Barbie avvocatessa)
    John Cena (Ken)
    Kingsley Ben-Adir (Ken)
    Cast completo

    Musica: Alexandre Desplat

    Costumi: Jacqueline Durran

    Scenografia: Sarah Greenwood

    Fotografia: Rodrigo Prieto

    Montaggio: Nick Houy

    Effetti Speciali: Mark Holt (supervisore)

    Makeup: Maha (direzione di Los Angeles)

    Casting: Lucy Bevan e Allison Jones

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2023

    Sinossi:

    Barbie stereotipo e una vasta gamma di altre Barbie vivono a Barbieland, una società ginarchica in cui tutte le donne sono sicure di sé, autonome e di successo. Mentre i Ken trascorrono le loro giornate impegnandosi in attività ricreative in spiaggia, le Barbie ricoprono tutte le posizioni lavorative importanti come medici, avvocati e politici. Ken è felice solo quando è con Barbie e cerca un rapporto più stretto, ma lei lo respinge preferendo l'indipendenza e le serate tra amiche.

    Durante un ballo ad una festa, Barbie inizia a preoccuparsi improvvisamente della sua morte. Il giorno dopo, scopre di non poter più completare la sua solita routine, che i suoi piedi si sono appiattiti (ciò è intollerabile per le Barbie, i cui talloni non poggiano a terra) e che ha la cellulite. Barbie stramba, un'emarginata saggia ma sfigurata, le dice che per curare la sue afflizioni, dovrà viaggiare nel mondo reale e trovare la bambina che gioca con lei. Sulla strada per il mondo reale, Barbie trova Ken nascosto nella sua decapottabile e con riluttanza gli permette di unirsi a lei.

    Arrivati a Venice Beach, i due provocano molteplici disastri e vengono arrestati, allarmando l'amministratore delegato della Mattel, che ne ordina la cattura. Barbie rintraccia la sua proprietaria, un'adolescente di nome Sasha, che la critica per aver incoraggiato standard di bellezza irrealistici e consumismo sfrenato. Sconvolta, Barbie scopre che Gloria, dipendente della Mattel e madre di Sasha, è la vera responsabile della sua crisi esistenziale: la donna aveva iniziato a giocare con le Barbie di Sasha mentre aveva una crisi di identità, trasferendo inavvertitamente le sue preoccupazioni a Barbie. Gloria e Sasha salvano Barbie dall'amministratore delegato di Mattel e dai suoi subordinati, viaggiando insieme verso Barbieland.

    Nel frattempo, Ken viene a conoscenza della società patriarcale e si sente rispettato e accettato per la prima volta nella sua vita. Tornato a Barbieland, convince gli altri Ken a prendere il sopravvento e le Barbie vengono sottomesse a ruoli minori come governanti, casalinghe e simpatiche fidanzate. Barbie arriva e cerca di convincere i Ken e le Barbie a far tornare le cose com'erano ma viene respinta. Diventata depressa, Gloria le fa un discorso stimolante su cosa significhi essere una donna. Con l'incoraggiamento di Sasha, Gloria, Barbie stramba, Allan e delle altre bambole fuori produzione, le Barbie si liberano dai Ken e li manipolano sentimentalmente facendo in modo che combattano tra di loro, permettendo alle Barbie di riconquistare le loro posizioni di potere, impedire ai Ken di alterare la Costituzione e di sancire la superiorità maschile. Le Barbie si rendono conto tuttavia dell'errore del loro precedente sistema sociale e decidono di apportare alcune modifiche a Barbieland, iniziando un percorso verso la parità di trattamento per i Ken e tutte le bambole emarginate.

    Barbie e Ken si scusano a vicenda e riconoscono i loro sbagli. Quest'ultimo si lamenta di non essere niente senza Barbie, per cui lei lo incoraggia a trovare la sua identità da solo. Barbie, ormai insicura di chi sia davvero, incontra lo spirito della co-fondatrice di Mattel e inventrice della bambola Barbie Ruth Handler, che le spiega che la sua vita non ha una fine prestabilita e la sua storia in continua evoluzione supera quella delle sue radici.

    Così Barbie decide di diventare umana e tornare nel mondo reale. Qualche tempo dopo, Gloria, suo marito e Sasha portano Barbie, che adesso si fa chiamare Barbara Handler, al suo primo appuntamento dalla ginecologa.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    A lei l’onor di cronaca, ops!, di fiaba! Fiaba declinata in una sorta di parabola para-femminista, ma non solo. Helen Mirren è difatti la voce narrante fuori campo del Barbie di Greta Gerwig (Lady Bird, Piccole donne), laddove, ‘scherzando, scherzando, Arlecchino si confessa’. Confessione tutto sommato molto meno banale di quel che potrebbe apparire ad un primo sguardo. Anzi, a tratti è persino geniale! Comunque, la voce fuori campo ci introietta in questa storia di… ‘non umano verso l’umano’ e… viceversa?

    “Fin dalla notte dei tempi, da quando nel mondo è esistita la prima bambina, sono esistite le bambole. Ma le bambole erano pur sempre bambolotti. Le bambine che ci giocavano potevano soltanto giocare ad essere madri, il che può essere divertente, almeno per un po', comunque, chiedete a vostra madre! La cosa è andata avanti finché…”

    Finché non è comparsa lei, la ‘Barbie stereotipo’ per eccellenza: alta, magra ma con un

    seno che sembra parlare, biondissima e radiosa, in una parola, perfetta. Ed è questa per l’appunto la Barbie cui dà corpo, anima ed ironia Margot Robbie. Talmente perfetta che tutte quelle bambine con in braccio bambole tradizionali - non a caso ritratte in una fotografia seppiata atta a definire il passato, di contro alla nuova Era, solare anche cromaticamente parlando - non iniziano a romperle in mille pezzi. La geniale sequenza dichiara una ancora più geniale paternità artistica, perché musica e dinamiche di movimento, vanno consapevolmente a parafrasare, in punta di omaggio significante, il celebre incipit di 2001-Odissea nello spazio di Stanley Kubrick. Ed è anche questa la chiave di lettura da adottare per la visione del film, se non ci si vuol fermare sulla superficie, asfissiando il respiro di un sotto testo che non solo esiste, ma che è lì proprio per dar senso a quel che accade in

    primo piano.

    La fase iniziale di Barbie/Robbie con lo staff di ‘Barbie non stereotipate’ al seguito, cadenzata nel saluto reciproco quotidiano, ad immagine e somiglianza dell’umano, sembra a tratti costeggiare il The Truman Show di Peter Weir, in cui tutto è solare e perfetto perché finto, appunto. Laddove una Barbie vive il mondo più bello ogni giorno perché ci troviamo a Barbieland. “Ma per Ken è un grande giorno solo se Barbie lo vuole”. Perciò al Ken di Gosling, almeno in prima fase, è riservato il ruolo di ‘zerbino’, perché Barbie non mostra alcun interesse per lui e non lo rende partecipe dei suoi ‘party’ per sole ‘Barbie’, appunto, femmine senza genitali. Persino gli altri Ken non tengono in alta considerazione il Ken primario, tanto che ne dovrà passare di acqua sotto i ponti perché arrivi a rivendicare la propria identità, cantilenando il motivo ‘Io sono Ken’, tirandosi fuori

    dalla serialità di produzione alla stregua di quanto rivendicato da David (Haley Joel Osment) nello spielberghiano A.I.. Quanto poi alla maglietta con su scritto ‘I am Kenough’, vabbè, si può solo sorridere!

    Ma oltre la ‘Barbie stereotipo’, ci sono molte altre Barbie, che siano a immagine e somiglianza di ‘donne-pilota’, di manager o perfino di astronauta, eccetera, eccetera, il concetto è che “Tutte queste donne sono Barbie, e Barbie è tutte queste donne”. E se anche la prima Barbie ha cominciato in costume da bagno, ora è diventata molto di più, e “le bambine diventano donne con qualsiasi obiettivo si mettano in testa”. Ed è questo il messaggio che si vuole far passare. Ma prima, sia Barbie che Ken, dovranno sperimentare la ‘formula rovesciata’ nel mondo reale, e occorrerà loro del tempo per chiarirsi le idee in proposito.

    Per il resto, scavalcando l’intollerabile e lezioso tormentone del ‘Ciao Barbie’ e ‘Ciao Ken’,

    soprattutto nella prima parte, la storia si colora anche di corollari di pura cinematografia in varie occasioni: tra cui l’estromissione di potere, nel contenzioso tra il ‘matriarcato’ all’insegna di Barbie e il ‘patriarcato’ di Ken - perfino i due interpreti, Margot Robbie e Ryan Golsing sembrano gareggiare a rubarsi la scena - tramite il lancio dei rispettivi capi di abbigliamento, celebrato dal fermo immagine con didascalia per ogni singolo pezzo, come in ogni degno spot pubblicitario che si rispetti, per una sorta di alter ego della canonica sfilata di moda. Un gioco ondivago che trapela qua e là in altri passaggi narrativi, quasi che la Mattel, creatrice della Barbie giocattolo, con annessi e connessi, ma anche produttrice del film, non intendesse mancare la ghiotta occasione per farsi implicita pubblicità.

    Barbie diventa allora un intelligente ‘ninnolo’ allestito con gran dovizia di scenografie, musiche e realtà ‘fiabesca’ dai colori pastello, con la dominante

    del rosa, per parafrasare un problema interpersonale, prima ancora che sociale, nell’annosa ed interminabile guerra tra i sessi: patriarcato o matriarcato? Questo è il dilemma! Così Barbieland non è altro che una metafora sull’esistenza, in cui l’umanità diventa un problema condiviso anche della bambola più perfetta in un mondo perfetto, perché una sorta di ‘interferenza’ dal mondo reale la porta ad un fugace pensiero sulla mortalità. Da quel momento in poi le cose per Barbie non saranno più le stesse e gigioneggiando tra gioco e finzione, inizieranno a farsi strada cavilli esistenziali, ancorati più al dubbio che alla certezza. A supporto del narrato, fuori e dentro Barbieland, le canzoni, come parte integrante della sceneggiatura, si accordano su coreografie di ballo, inscenate magari su un pavimento ad incrocio cromatico, rosa-celeste, o a dominanza alternata, in ogni caso sempre luminosi e scintillanti. Mentre il corpo direttivo - maschile integrale! - di produzione

    giocattoli Mattel, capitanato dal CEO dell’azienda giocattoli (Will Ferrell), fallisce il tentativo di riporre la ‘Barbie-stereotipo’ nella scatola. Margot Robbie lascia trapelare un certo fastidio nell’allaccio ai polsi, tipicamente riservato alle bambole in box, ora percepito come una ‘prigionia’. Non a caso la fuga diventa istintiva e la porta al primo incontro con la sua creatrice. Di contro, l’indiretta confusione di Ken sul piano identitario, assume spesso connotazioni tragicomiche, aprendo finestre da ‘flash-dance’ in cui Ryan Gosling (La La Land), non può che eccellere.

    La parte finale con l’anziana Ruth (Rhea Perlman), ideatrice della ‘bambola’ Barbie per eccellenza, è poi un fiore all’occhiello della sceneggiatura (a firma della stessa Gerwig e di Noah Baumbach). Occasione che la pone a tu per tu con la sua stessa creazione, ormai in piena crisi esistenziale: tornare ai natali in Barbieland o integrarsi nel mondo reale da umana in carne ed ossa? Quello che l’ha

    fatta capitolare è scoprire da madre e figlia umane che, in veste di ‘Barbie stereotipo’, ha solo creato problemi: “Tu fai sentire le donne sbagliate… Hai fatto arretrare il femminismo di Cinquant’anni”. Così sensi di colpa e riflessioni impensabili prima, la pongono di fronte alla sua creatrice già in un certo senso ‘modificata’, e con un’aspirazione ‘in pelle’, mentre scopre di non dover neppure chiedere il permesso per fare il salto di svolta. La forte nuova aspirazione è piuttosto chiara, mentre la regia strizza l’occhio ad analogo dilemma trasverso - la durata della vita e dunque anche la qualità - trattato per tutt’altri canali nel monumentale Sci-Fi Blade Runner:

    Barbie/Robbie: “Io vorrei tanto far parte delle persone che creano valore e non essere una cosa creata. Voglio partecipare all’ideazione, non essere l’idea”

    L’anziana creatrice: “In coscienza non posso farti fare questo salto senza farti sapere cosa significa”

    Si prendono per mano mentre Barbie

    ad occhi chiusi, attraverso un montaggio che riassume rapidamente momenti focali dell’esistenza umana, scopre a cosa andrà incontro. Una pioggia di schegge di varia umanità che altro non producono se non rafforzare il desiderio di Barbie di non essere più tale.

    La voce fuori campo sopraggiunge a tirare le fila - non senza una certa ironia - di questa bizzarra ma istruttiva storia:

    “E così Barbie ha lasciato indietro i colori pastello e la plastica di Barbieland per i colori pastello e la plastica di Los Angeles”

    C’è da non credere qual è il primo appuntamento di bambola Barbie, tradotta nell’umana Barbara! Esilarante, direi!

    Perle di sceneggiatura

    Links:

    • Greta Gerwig (Regista)

    • Alexandra Shipp

    • Helen Mirren

    • Margot Robbie

    • Will Ferrell

    • Ryan Gosling

    • Kate McKinnon

    • Ariana Greenblatt

    • Barbie (BLU-RAY + DVD)

    1 | 2

    Galleria Video:

    Barbie - trailer ufficiale

    Barbie - teaser trailer 2 ufficiale

    Barbie - teaser trailer ufficiale

    Barbie - trailer ufficiale (V.O.)

    Barbie - featurette 'Just Ken Exclusive'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Prendi il volo

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 6 Dicembre ..

    Un colpo di fortuna

    Dal 6 Dicembre - Da Venezia 80. - Con il suo nuovo dramedy romantico ..

    Papà scatenato

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Robert De Niro spassoso padre italiano nella ..

    Nonno questa volta è guerra

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Chi ha detto che i nonni viziano i nipoti? ..

    Blueback

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Mia Wasikowska, Radha Mitchell, Eric Bana portano ..

    La meravigliosa storia di Henry Sugar

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Da Venezia 80. - Dal 27 ..

    Il mio grosso grasso matrimonio greco 3

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Dal 5 Ottobre - Nia Vardalos torna a scrivere ..