ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Joker: Folie à Deux

    Aggiornamenti freschi di giornata! (11 Aprile 2024) - Joaquin Phoenix torna nei folli panni di ..

    Civil War

    Aggiornamenti freschi di giornata! (10 Aprile 2024) - Nel nuovo action drama ambientato in un ..

    Fly Me To The Moon: Le due facce della luna

    New Entry - Una storia d'amore ambientata negli anni Sessanta, durante la corsa allo spazio ..

    Untitled Noah Baumbach

    New Entry - Riprese a Montalcino (Siena) Toscana-Italia (Aprile 2024) ..

    Cattiverie a domicilio

    Olivia Colman e Jessie Buckley - di nuovo insieme dopo La figlia oscura, opera prima ..

    Mothers' Instinct

    New Entry - Jessica Chastain (Gli occhi di Tammy Faye, Zero Dark City, The Help) ..

    Babygirl

    New Entry - Nicole Kidman protagonista di un thriller erotico ..

    The Cut

    New Entry - Caitriona Balfe, Orlando Bloom, Clare Dunne, John Turturro nel thriller 'sportivo' di ..

    La zona d'interesse

    Dal 14 Marzo in ben 537 sale italiane - OSCAR 2024: VINCITORE di 2 statuette: ..

    Home Page > Movies & DVD > Call Jane

    CALL JANE

    RECENSIONE - Inedito al cinema in Italia - Disponibile in Streaming - Uscito negli USA il 28 Ottobre 2022 - Elizabeth Banks, Sigourney Weaver, Kate Mara, Chis Messina, in un dramma che vede sullo sfondo una gravidanza indesiderata e l'aborto illegale.

    (Call Jane; USA 2022; dramma storico romantico; 121'; Produz.: FirstGen Content in associazione con: Ingenious Media, LB Entertainment, Synthetic Cinema International, Unburdened Entertainment; Distribuz.: Protagonist Pictures)

    Locandina italiana Call Jane

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis

    Titolo in italiano: Call Jane

    Titolo in lingua originale: Call Jane

    Anno di produzione: 2022

    Anno di uscita: 2022

    Regia: Phyllis Nagy

    Sceneggiatura: Hayley Schore e Roshan Sethi

    Cast: Elizabeth Banks (Joy)
    Sigourney Weaver (Virginia)
    Kate Mara (Lana)
    Chris Messina (Will)
    Grace Edwards (Charlotte)
    Cory Michael Smith (Dean)
    John Magaro (Detective Chilmark)
    Aida Turturro (Sorella Mike)
    Wunmi Mosaku (Gwen)
    Evangeline Young (Maeve)
    Kristina Harrison (Clare)
    Rebecca Henderson (Edie)
    Alison Jaye (Sandra)
    Bianca D'Ambrosio (Erin)
    Geoffrey Cantor (Dr. Falk)
    Cast completo

    Musica: Isabella Summers

    Costumi: Julie Weiss

    Scenografia: Jona Tochet

    Fotografia: Greta Zozula

    Montaggio: Peter McNulty

    Makeup: Missy Scarbrough (direzione)

    Casting: Sheila Jaffe e Bryan Riley

    Scheda film aggiornata al: 03 Novembre 2023

    Sinossi:

    In breve:

    Joy (Elizabeth Banks), una casalinga tradizionale negli Stati Uniti negli anni '1960, scopre di essere incinta di un secondo figlio, ma che la gravidanza minaccia la sua vita. Dopo che il consiglio di amministrazione del suo ospedale, composto da soli uomini, ha negato la sua richiesta di aborto, è stata coinvolta nel Jane Collective (diretto dalla Virginia di Sigourney Weaver), una rete di donne clandestine di Chicago che si è assunta dei rischi per aiutare le donne a ottenere aborti sicuri e illegali, a partire dalla fine degli anni '1960 e fermandosi solo nel 1973 con la sentenza Roe v. Wade.

    Short Synopsis:

    A married woman with an unwanted pregnancy lives in a time in America where she can't get a legal abortion and works with a group of suburban women to find help

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Potrebbe apparire come scorcio retrò sui diritti delle donne all’aborto, ma se, come pare, qualche eminenza grigia maschile statunitense, ha voglia di rimettere in discussione una legge oramai acquisita da tempo, allora forse questo Call Jane giunge a proporre una riflessione non poi così obsoleta. Peccato che, per quanto ispirata ad una storia vera, risulti comunque una pellicola debole e decentrata, a dispetto delle più che nobili interpretazioni di Elizabeth Banks e di Sigourney Weaver, che si sono prestate per contribuire alla causa, senza poter evidentemente intervenire sulle coordinate di scrittura, condotte dalla regista e sceneggiatrice teatrale e cinematografica statunitense Phyllis Nagy (Mrs. Harris, Carol).

    I tempi cinematografici sono dilatati come a ricalcare la soggettiva della percezione di Joy (Elizabeth Banks), una ‘casalinga tipo’ nell’America degli Anni Sessanta, con una figlia adolescente e il marito avvocato assorbito dal lavoro quanto basta a delegare la gestione della quotidianità interamente dalla moglie. Epoca

    in cui la solidarietà tra vicine (la giovane vedova Lana di Kate Mara) era incondizionata e irrorata di reciproca comprensione. I problemi iniziano per Joy/Banks quando scopre che sta mettendo a rischio la propria salute, in coda al fatto di essere di nuovo incinta del secondo figlio. Era l’epoca in cui la prospettiva dell’interruzione di gravidanza non solo era illegale ma improponibile di fronte al muro di totale rifiuto, senza se e senza ma, da parte della Chiesa. Il che aveva il suo peso, tant’è che, una commissione legale composta da soli uomini - il consiglio di amministrazione del suo ospedale - nega del tutto a Joy/Banks l’opzione aborto, per quanto mirato a salvaguardare la sua stessa salute. Paradosso nel paradosso, quando da parte di un medico donna di psichiatria, si vede proporre la possibilità di ‘architettare’ la condizione di aborto spontaneo, provocando una caduta dalle scale: “Con me ha

    funzionato”. Ecco con quale scenario si scontra Joy/Banks prima che si imbatta in un avviso speciale alla fermata dell’autobus. Avviso cui ammicca il titolo stesso del film e che suggerisce: “Call Jane”.
    “Chi è Jane?” chiede Joy/Banks a una portavoce del Jane Collective. Sarà più tardi Virginia (Sigourney Weaver), la guida anziana di un nutrito gruppo di sostegno, a risponderle in merito: “Siamo tutte Jane”. Il Jane Collective era difatti l’identità di una rete di donne clandestine di Chicago che si è assunta dei rischi per aiutare ad ottenere aborti sicuri e illegali, a partire dalla fine degli anni Sessanta, per fermarsi solo nel 1973 con la sentenza Roe v. Wade. Ma il corpo del film percorre il viatico di presa di coscienza di Joy/Blake, al punto da ritrovarsi, a seguito della sua personale interruzione di gravidanza, ad assumere l’improbabile ruolo di prima operatrice sul campo. Il giovane medico, che poi

    medico non lo era affatto, diventa l’anima inopportunamente leggera del variegato dramma di moltissime donne, anche molto giovani e con gravidanze non gestibili o, nei casi di stupro, inaccettabili. Non si fa problemi a far battute poco rispettose o addirittura sapide di un umorismo fuori luogo, del tipo, “è agitata come un cane dal veterinario”. La sua priorità è del resto accordata al compenso in denaro, peraltro non di poco conto, considerato l’abuso di esercizio delle funzioni di medico abortista.

    Per il resto, il film guarda al problema come ad una questione di tipo pratico e relativamente semplice o, persino, semplicistica, “come svuotare una zucca”. Espressione poco felice che porterà nei fatti Joy/Blake a raccontare una caterva di frottole a marito e figlia per giustificare la frequente assenza da casa, con l’inevitabile ricorso a cene surgelate, pur di potersi fare carico nella pratica, dell’interruzione di gravidanza di centinaia di donne.

    Non si guarda mai in questo film all’aspetto etico, a qualche dubbio altro che non sia la paura dell’operazione in sé, mentre, divagando nel frattempo qua e là su registri poco determinanti ai fini della storia in sé, si lavora concretamente sull’opportunità civile di agevolare le donne meno abbienti, che non hanno il denaro per potersi permettere di accedere al Centro. Ed è questo l’aspetto migliore sul piano di una solidarietà al femminile piena e incondizionata. Motivo che porta Joy/Blake a capo della conduzione operativa degli aborti. L’interrogatorio del detective diventa invece risibile e persino surreale, nelle sue strampalate coordinate della stessa personalità ed del caricaturale look. Un francobollo apposto su una ‘bolla’ alla fine scoppiata sul piano legale. La presenza poi nel gruppo di una suora non ha il respiro che ci si sarebbe augurati, mentre l’ostilità iniziale della figlia, dopo aver scoperto la verità sull’operato della madre, si

    tradurrà nel finale in un pieno appoggio: ma solo dopo aver udito con le proprie orecchie i messaggi di queste donne registrati sulla segreteria telefonica. Ed è l’affresco al femminile che si completa, con l’anello di congiunzione multigenerazionale che guarda alle prossime conquiste, ancora in quota rosa. Ma ancora oggi la lotta continua!

    Links:

    • Sigourney Weaver

    • Kate Mara

    • Elizabeth Banks

    1 | 2

    Galleria Video:

    Call Jane - trailer ufficiale (V.O.)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Highwaymen - L'ultima imboscata

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Un film drammatico sui Texas Ranger che ..

    Ghostbusters: Minaccia Glaciale

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dall'11 Aprile

    "Quello che ho imparato entrando in questo mondo ..

    Argylle - La super spia

    Dal 12 Aprile su Disney+ - RECENSIONE - Tra le varie spie, letterarie - l'Argylle ..

    Priscilla

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Da Venezia 80.: Coppa Volpi a Cailee Spaeny - ..

    Erano ragazzi in barca

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - George Clooney torna alla regia con biopic sportivo degli anni Trenta ..

    Road House

    JakeGyllenhaal ex combattente di arti marziali reclutato come buttafuori in una 'roadhouse' nelle Florida Keys ..

    Dune - Parte 2

    RECENSIONE - Denis Villeneuve torna su Dune dirigendo l'atto secondo della saga sci-fi tratta dal ..