ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    The Fabelmans

    Golden Globes 2023: VINCITORE come 'Miglior Film Drammatico' e 'Miglior Regista' (Steven Spielberg) - RECENSIONE ..

    The Menu

    RECENSIONE - Dal 4 Gennaio in streaming su Disney+ - Dai produttori Adam McKay e ..

    Fratello Sole, Sorella Luna

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - RECENSIONE - Una pietra miliare ..

    Quando Dio imparò a scrivere

    RECENSIONE - dal 9 Dicembre su Netflix ..

    Avatar: La via dell'acqua

    Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Sequel del primo Avatar di James Cameron con ..

    Dante

    I recuperati di CelluloidPortraits - RECENSIONE - Pupi Avati narra la vita del padre della ..

    Home Page > Movies & DVD > Il cattivo poeta

    IL CATTIVO POETA

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal 20 Maggio al cinema - Sergio Castellitto veste i panni di Gabriele D'Annunzio per l'esordiente alla regia per il cinema Gianluca Jodice

    (Il cattivo poeta; ITALIA 2021; biopic drammatico; 106'; Produz.: Ascent Film e Bathysphere con RAI Cinema; Distribuz.: 01 Distribution)

    Locandina italiana Il cattivo poeta

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Il cattivo poeta

    Titolo in lingua originale: Il cattivo poeta

    Anno di produzione: 2021

    Anno di uscita: 2021

    Regia: Gianluca Jodice

    Sceneggiatura: Gianluca Jodice

    Cast: Sergio Castellitto (Gabriele d’Annunzio)
    Francesco Patanè (Giovanni Comini)
    Tommaso Ragno (Giancarlo Maroni)
    Clotilde Courau (Amélie Mazoyer)
    Fausto Russo Alesi (Achille Starace)
    Massimiliano Rossi (Commissario Rizzo)
    Elena Bucci (Luisa Baccara)
    Lidiya Liberman (Lina)
    Janina Rudenska (Emy)
    Lino Musella (Carletto)

    Musica: Michele Braga

    Costumi: Andrea Cavalletto

    Scenografia: Tonino Zera (a.s.c.)

    Fotografia: Daniele Ciprì

    Montaggio: Simona Paggi (a.m.c.)

    Casting: Francesca Borromeo (u.i.c.d.)

    Scheda film aggiornata al: 08 Marzo 2022

    Sinossi:

    1936. Giovanni Comini (Francesco Patané) è stato appena promosso federale, il più giovane che l’Italia possa vantare. Ha voluto così il suo mentore, Achille Starace (Fausto Russo Alesi), segretario del Partito Fascista e numero due del regime. Comini viene subito convocato a Roma per una missione delicata: dovrà sorvegliare Gabriele d’Annunzio (Sergio Castellitto) e metterlo nella condizione di non nuocere... Già, perché il Vate, il poeta nazionale, negli ultimi tempi appare contrariato, e Mussolini teme possa danneggiare la sua imminente alleanza con la Germania di Hitler. Ma al Vittoriale, il disegno politico di cui Comini è solo un piccolo esecutore inizierà a perdere i suoi solidi contorni e il giovane federale, diviso tra la fedeltà al Partito e la fascinazione per il poeta, finirà per mettere in serio pericolo la sua lanciata carriera.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Il napoletano Gianluca Jodice (Classe ’73, Cercando la grande bellezza, documentario sul film La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino), qui, con Il cattivo poeta, esordisce alla regia e questo grava sulla cadenza un po' troppo flemmatica della pellicola, di cui la parte storica, inclusa la sceneggiatura, fiorita di passaggi alquanto interessanti, si direbbe vincere sulla confezione generale, dai tratti meta cinematografici che pagano pegno al teatro e al piccolo schermo.

    Detto questo, la storia non è priva del suo fascino, ed è persino in grado di suggerire molto, richiamando alla memoria comportamenti ed atteggiamenti che, ingenuamente, hanno finito per accordare fiducia a chi fiducia non meritava affatto. Lo sa bene quel giovane, il Giovanni (Gianni) di Francesco Patanè, che, a cominciare dal 1936, si ritrova insignito, a dispetto della sua ‘green age’, di una carica di prestigio e alquanto delicata in pieno fascismo, poco prima che Mussolini facesse il temuto accordo

    con Hitler. Già Federale del partito Fascista in quel di Brescia, Comini viene incaricato ben presto dal segretario generale del Partito a Roma Achille Starace (Fausto Russo Alesi) di ‘sorvegliare’ quella mente ‘ribelle’ e incontrollabile di Gabriele D’Annunzio: Sergio Castellitto, realitivamente somigliante al Vate, ne dà comunque un ritratto macchiettistico che decolla solo per dovizia di copione, niente male. La dichiarata contrarietà del poeta Nazionale, il cosiddetto Vate, nei rispetti del famigerato accordo, preoccupa non poco e la priorità ai piano alti sembra essere quella di metterlo in condizione di non nuocere. Ma D’annunzio/Castellitto, che prova immediata simpatia per il giovane Giovanni/Patanè, non solo non è uno sprovveduto, ma è sempre un passo avanti alle mosse governative e, ad un certo punto, dirà apertamente al ragazzo che è perfettamente al corrente del suo vero ruolo al Vittoriale, e, di comune accordo, studiano quel che far sapere a Roma e quello

    su cui è meglio tacere. Le donne, di D’annunzio, e la fidanzata del ragazzo, che fanno la differenza, nel film restano sullo sfondo, spettatrici di misfatti inevitabili, all’epoca in cui il ritratto del duce e il saluto fascista imperavano ad ogni angolo di ufficio, di casa, di strada e, purtroppo, in grado di fare tanta di quella breccia nel cuore della gente, da affollare piazze festanti di fronte al celeberrimo balcone. E’ lì che persino il vecchio e malandato D’Annunzio/Castellitto, schiavo e infine succube dei suoi stessi eccessi, prende coscienza di ciò che non si può evitare perché ormai ha il pieno plauso del popolo.

    Al Vittoriale, il disegno politico di cui Comini è solo un piccolo esecutore, inizierà a perdere i suoi solidi contorni e il giovane federale, diviso tra la fedeltà al Partito e la fascinazione per il poeta, finirà non solo per mettere in serio pericolo la sua

    lanciata carriera, ma per generare un danno mortale alla sua amata e al suo fratellastro, professore in elettrotecnica. La dolorosa consapevolezza del suo fatale errore è tutta in quello sguardo finale perso nel vuoto, di fronte ad una rete di recinzione. Ma non prima di essere passato da una narrazione letterale, per non dire elementare, e a tratti didascalica, al punto da non rinunciare ad una scansione per capitoli, un po' demodé, e, forse, più idonea al piccolo schermo che non al cinema di un certo livello: Primavera 1936: l’incarico; Autunno 1936: i topi (l’ossessione di D’annunzio); Autunno 1937: disobbedienza; Inverno 1938: il buio.

    Sante e lungimiranti parole quelle di D’Annunzio che, tra un fasullo trastullo e l’altro, aveva sicuramente maturato una sua visione: “E quel che oggi a molti sembra grandezza, non è che prepotenza… E quel che sembra vita, non è che morte”. Come dargli torto?!

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)







    trailer ufficiale:



    featurette 'La sorpresa':



    featurette 'Il Vittoriale e D'annunzio':



    featurette 'La Nave Puglia':



    featurette 'Intervista al cast':

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO de IL CATTIVO POETA

    Links:

    • Sergio Castellitto

    • Il cattivo poeta (BLU-RAY + DVD)

    1 | 2

    Galleria Video:

    Il cattivo poeta - trailer

    Il cattivo poeta - featurette 'La sorpresa'

    Il cattivo poeta - featurette 'Il Vittoriale e D'Annunzio'

    Il cattivo poeta - featurette 'La Nave Puglia'

    Il cattivo poeta - featurette 'Intervista al cast'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Asterix & Obelix - Il regno di mezzo

    RECENSIONE - Dal 2 Febbraio ..

    Un matrimonio esplosivo

    RECENSIONE - Dal 27 Gennaio su Prime Video ..

    Babylon

    Tra i più attesi!!! - Brad Pitt e Margot Robbie per Damien Chazelle (La ..

    Lamborghini - L'uomo dietro la leggenda

    Dalla 17. Festa del Cinema di Roma (13-23 Ottobre, Auditorium della Musica) - Alice ..

    Siccità

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Da Venezia 79 Fuori Concorso - ..

    Everything Everywhere All At Once

    RECENSIONE - Golden Globes 2023: VINCITORE come 'Miglior Attrice in una Commedia o Musical ..

    The Pale Blue Eye - I delitti di West Point

    RECENSIONE - Christian Bale, Robert Duvall, Gillian Anderson, Charlotte Gainsbourg, Timothy Spall, Toby Jones nel ..