ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Il gladiatore 2

    Aggiornamenti freschi di giornata! (12 Aprile 2024) - Ridley Scott torna sulle orme de Il ..

    Joker: Folie à Deux

    Aggiornamenti freschi di giornata! (11 Aprile 2024) - Joaquin Phoenix torna nei folli panni di ..

    Cento domeniche

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Dalla 18. Festa del Cinema di Roma 2023 - Grand ..

    Civil War

    Aggiornamenti freschi di giornata! (10 Aprile 2024) - Nel nuovo action drama ambientato in un ..

    Fly Me To The Moon: Le due facce della luna

    New Entry - Una storia d'amore ambientata negli anni Sessanta, durante la corsa allo spazio ..

    Untitled Noah Baumbach

    New Entry - Riprese a Montalcino (Siena) Toscana-Italia (Aprile 2024) ..

    Cattiverie a domicilio

    Olivia Colman e Jessie Buckley - di nuovo insieme dopo La figlia oscura, opera prima ..

    Mothers' Instinct

    New Entry - Jessica Chastain (Gli occhi di Tammy Faye, Zero Dark City, The Help) ..

    Babygirl

    New Entry - Nicole Kidman protagonista di un thriller erotico ..

    The Cut

    New Entry - Caitriona Balfe, Orlando Bloom, Clare Dunne, John Turturro nel thriller 'sportivo' di ..

    Home Page > Movies & DVD > Lettera a Franco

    LETTERA A FRANCO

    I recuperati di CelluloidPortraits - RECENSIONE - In Anteprima al Toronto International Film Festival 2019 - 17 Nominations ai Goya Awards 2020 - Alejandro Amenábar torna al cinema storico con cui ricostruisce un momento politico cruciale della Spagna nel XX secolo, andando a ricreare lo scontro dello scrittore e filosofo Miguel de Unamuno con i militari di Franco, a Salamanca - Dal 26 Maggio

    "Quello che è successo era qualcosa che non sapevo e sono rimasto sorpreso perché, come tutta la mia generazione, avevo studiato Unamuno all'università. Quindi ho iniziato a indagare e ho conosciuto l’intera posizione di Unamuno, dal colpo di stato fino al giorno del discorso al Paraninfo, e mi è sembrato un arco drammatico incredibile: qualcuno che è stato padre della Repubblica si ribella contro di essa, inizialmente sostiene il golpe, poi prova a parlare con Franco per evitare l'irrazionalità della guerra e alla fine è così disincantato che finisce per esplodere. Tutto ciò era una bella storia... Cambiare idea ci rende umani e ci fa imparare. Nel momento in cui sei soggetto a dubbi e a recepire ciò che l'altro dice, questo incoraggia l’incontro e il successo nella società: con la persona che parla e, naturalmente, difende le sue idee, ma è disposta a imparare da quelle di un altro. Le persone che non si spostano dal loro piedistallo e non cambiano, c'è poco da parlare con loro, perché non è possibile connettersi".
    Il regista e co-sceneggiatore Alejandro Amenábar

    (Mientras dure la guerra; SPAGNA/ARGENTINA 2019; dramma storico di guerra; 107'; Produz.: Movistar+, Mod Producciones, Himenóptero, Mientras dure la guerra AIE (ES), K&S Films (AR); Distribuz.: Movies Inspired)

    Locandina italiana Lettera a Franco

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Synopsis

    Titolo in italiano: Lettera a Franco

    Titolo in lingua originale: Mientras dure la guerra

    Anno di produzione: 2019

    Anno di uscita: 2022

    Regia: Alejandro Amenábar

    Sceneggiatura: Alejandro Amenábar e Alejandro Hernández

    Cast: Karra Elejalde (Miguel de Unamuno)
    Eduard Fernández (Generale José Millán-Astray)
    Santi Prego (Generale Francisco Franco)
    Nathalie Poza (Ana Carrasco Robledo)
    Tito Valverde (Generale Miguel Cabanellas)
    Luis Bermejo (Nicolás Franco)
    Patricia López Arnaiz (María de Unamuno)
    Inma Cuevas (Felisa de Unamuno)
    Carlos Serrano-Clark (Salvador Vila)
    Luis Zahera (Atilano Coco)
    Ainhoa Santamaría (Enriqueta Carbonell)
    Mireia Rey (Carmen Polo y Martínez-Valdés)
    Luis Callejo (Generale Emilio Mola)
    Dafnis Balduz (José María Ramos)
    Jorge Andreu (Miguelín)

    Musica: Alejandro Amenábar

    Costumi: Sonia Grande

    Scenografia: Juan Pedro de Gaspar

    Fotografia: Alex Catalán

    Montaggio: Carolina Martínez Urbina

    Effetti Speciali: Raúl Romanillos

    Makeup: Ana e Belén López-Puigcerver

    Casting: Eva Leira e Yolanda Serrano

    Scheda film aggiornata al: 19 Novembre 2022

    Sinossi:

    Spagna, estate 1936. Il celebre scrittore Miguel de Unamuno (Karra Elejalde) decide di sostenere pubblicamente la ribellione militare che promette di riportare ordine nel caos che vige nel Paese. Viene così immediatamente destituito dall'incarico di Decano dell'Università di Salamanca dal governo di sinistra. Nel frattempo, il generale Franco (Santi Prego) aggiunge le sue truppe a quelle dei ribelli e inizia a mietere successi a sud, sperando segretamente di assumere il comando esclusivo della guerra. Il conflitto diviene man mano sempre più cruento portando Unamuno a rivedere la sua posizione e a riconsiderare i propri principi. Quando Franco trasferisce il suo quartier generale a Salamanca e viene nominato Capo Comandante, Unamuno visiterà il suo palazzo determinato a chiedere clemenza.

    Synopsis:

    Writer Miguel de Unamuno faces himself and his ideals after the 1936's military coup d'etat

    July 18, 1936. Salamanca, Castilla and León (center to Spain). The Spanish army declares in the city the state of war, hoping to extend it to the rest of Spain and improve the unstable situation in the country after the proclamation of the Second Republic five years ago. An aging Miguel de Unamuno, not only writer and academic teacher but one of the most recognized intellectuals in Spain, disappointed with the Republic that publicly he helped to create, supports the new revolt in the hope to clean the country of the undesirable elements for desperation of his close friends teacher Salvador and priest Atilano, creating too problems in his house where Miguel lives with his daughters María and Felisa, his housemaid Aurelia and his grandson Miguelín. At the same time that Salamanca's mayor Casto Prieto is arrested without cause apparent and his wife Ana Carrasco asks help Miguel de Unamuno, the Joint Chiefs of Staff meet to decide the strategy to take the power, where the merciless ...

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    “A volte, il silenzio è la peggiore bugia” - Miguel de Unamuno

    Con Mientras dure la guerra (Finché dura la guerra) Alejandro Amenabar torna al film storico dopo Agora (2010) e, inevitabilmente, sulla riflessione chiave dei “cicli storici che si ripetono, con la ragione contro la violenza". E lo fa alla sua maniera, scrutandone ogni reazione nelle pieghe dell’animo umano: delle mogli a cui vengono arrestati e persino giustiziati i mariti, e di altri membri di famiglie, o amici di vecchia data, dell’una e dell’altra fazione. Amenabar si addentra persino nelle menti alimentate dalla propaganda militare, su più livelli, così come in quelle di figlie dall’orientamento politico diametralmente opposto: ribellarsi o adeguarsi? Parlare o non dire niente?

    E’ lo spaccato emotivo dunque, sia privato che pubblico, ad alimentare questa Lettera a Franco (Mientras dure la guerra) che scaturisce da un momento storico ben preciso: l’estate del 1936 a Salamanca, in Spagna.

    Ed è stata a mio avviso la scelta più giusta, perché la grande Storia si nutre di tante piccole storie private e pubbliche che ne decretano l’orientamento, ondeggiante proprio come quello di una bandiera al vento che, non a caso, muove sui titoli di testa. Un po' come l’ondivago intellettuale ormai anziano e di fama acclarata, decano dell’Università di Salamanca, che nella sua parabola esistenziale ha cambiato ‘veste politica’ svariate volte.
    E’ dunque attraverso la lente molto umana, più fragile e sensibile di quel che non possa apparire in superficie, di questo intellettuale che risponde al nome di Miguel de Unamuno, qui interpretato egregiamente da Karra Elejalde, che Amenabar si inoltra fino alle radici dell’ascesa di Franco al governo spagnolo, passando proprio per una guerra... per l'appunto, 'destinata a durare'. Si lambiscono dunque episodi storici, preferendo accordare la sinfonia pilota - Amenabar firma anche le musiche del film -

    ai movimenti e gesta quotidiane di quest’uomo cui resta ancorarsi agli ultimi brandelli di quella cultura che lo ha nutrito per un’intera vita: vedovo di una moglie che la sua mente e il suo cuore ritrovano ad ogni angolo in punta di ricordo. Motivo di ritorno sul grande schermo questo, appuntato su quella coppia di giovani in cui lei passa la mano nei capelli di lui, semi addormentato, con un libro in mano. La spiaggia su cui far riposare anima e mente ad ogni piè sospinto, mentre coccola il nipote, orfano di madre, con saggi consigli e il vezzo di donargli origami di carta confezionati con le sue mani. Fogli di carta, niente altro, ma sarà proprio su uno di questi fogli di carta - peraltro già scritto su un lato dalla richiesta accorata di una moglie, privata del marito che aveva confidato nel suo aiuto caduto nel vuoto

    - che Miguel/Elejalde scriverà la Lettera a Franco del titolo: l’ultimo guizzo di un genere di ribellione e di eroismo flebili e incerti, come la luce di una candela, già in procinto di spengersi. Uno sguardo molto umano che non chiede giudizio ma comprensione. Anche se è difficile comprendere fino in fondo come abbia fatto a sopportare l’arresto dei due amici e compari di accese discussioni in pausa caffè, a seguito di quello del sindaco, tirando avanti dopo i falliti perché troppo timidi tentativi di ‘cambiare le cose’. Lui stesso destituito dall’incarico all’Università e poi riammesso, non riusciva ad ammettere neppure a se stesso la realtà delle cose e una verità troppo inaccettabile per essere riconosciuta e denunciata apertamente: “Ho provato a cambiare le cose, ma nulla è cambiato. Io non ho tradito la Repubblica, è la Repubblica che ha tradito me”.

    Una sceneggiatura chiara e diretta, con i suoi

    personaggi talmente ben torniti da poter fare a meno di interpreti conosciuti al grande pubblico, e una partitura musicale in grado di illuminare anche l’angolo più buio, hanno fatto di questa Lettera a Franco un affresco storico tra i più umani e palpitanti, in cui il Passato torna ad ammonire il Presente, senza aspettarsi niente in cambio. Perché la Storia, si ripete, appunto. Ma il richiamo alla consapevolezza e un trillo di campanella per svegliare il torpore della scelta di non dire e di non fare in scenari simili, resta un dovere morale. Solo per ribadire, per l’appunto, che “a volte, il silenzio è la peggiore bugia”.

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)







    trailer ufficiale:

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di LETTERA A FRANCO

    Links:

    • Alejandro Amenábar (Regista)

    • LETTERA A FRANCO - INTERVISTA al regista e co-sceneggiatore ALEJANDRO AMENABAR (Interviste)

    1| 2| 3

    Galleria Video:

    Lettera a Franco - trailer

    Lettera a Franco - trailer (versione originale spagnola sottotitolata in inlgese) - Mientras dure la guerra

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Highwaymen - L'ultima imboscata

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Un film drammatico sui Texas Ranger che ..

    Ghostbusters: Minaccia Glaciale

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dall'11 Aprile

    "Quello che ho imparato entrando in questo mondo ..

    Argylle - La super spia

    Dal 12 Aprile su Disney+ - RECENSIONE - Tra le varie spie, letterarie - l'Argylle ..

    Priscilla

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Da Venezia 80.: Coppa Volpi a Cailee Spaeny - ..

    Erano ragazzi in barca

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - George Clooney torna alla regia con biopic sportivo degli anni Trenta ..

    Road House

    JakeGyllenhaal ex combattente di arti marziali reclutato come buttafuori in una 'roadhouse' nelle Florida Keys ..

    Dune - Parte 2

    RECENSIONE - Denis Villeneuve torna su Dune dirigendo l'atto secondo della saga sci-fi tratta dal ..