ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Volevo nascondermi

    VOLEVO NASCONDERMI

    Di nuovo al cinema dal 13 Maggio - VINCITORE di 7 David di Donatello .... [continua]

    Comedians

    COMEDIANS

    New Entry - Gabriele Salvatores traspone sul grande schermo l'omonima e celebre pièce teatrale .... [continua]

    The Night House - La casa oscura

    THE NIGHT HOUSE - LA CASA OSCURA

    New Entry - Dal Sundance Film Festival 2020 in prima mondiale - Rebecca .... [continua]

    Swan Song

    SWAN SONG

    New Entry - .... [continua]

    Valley of the Gods

    VALLEY OF THE GODS

    New Entry - L’uomo più ricco sulla terra. Un giovane scrittore in crisi. Un’ancestrale .... [continua]

    Another Round Remake

    ANOTHER ROUND REMAKE

    New Entry - Leonardo DiCaprio acquisisce i diritti per il remake americano dell'originale danese .... [continua]

    Blacklight

    BLACKLIGHT

    New Entry - Liam Neeson torna a collaborare con il regista Mark Williams dopo .... [continua]

    Nomadland

    NOMADLAND

    Oscar 2021 - VINCITORE di 3 Premi: 'Miglior Film'; 'Miglior Regia' (Chloé Zhao), 'Miglior .... [continua]

    The Song of Names - La musica della memoria

    THE SONG OF NAMES-LA MUSICA DELLA MEMORIA

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal SAN SEBASTIÁN 2019 - Clive Owen .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Dolor Y Gloria

    DOLOR Y GLORIA

    Goya Awards 2020 - VINCITORE di 7 Premi su 16 Nominations - Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Cannes 2019 - Concorso: VINCITORE della PALMA d'ORO al 'Miglior Attore' (Antonio Banderas) - Dal 17 Maggio

    "... Il protagonista Salvador è un regista con la paura di non essere in grado, soprattutto fisicamente, di girare un altro film, e capisco quel puro terrore. Nel mio caso lo sconfiggo tenendomi sempre impegnato in nuovi progetti. Sono già tornato all’opera dedicandomi a due diversi adattamenti. Non posso anticiparne i nomi ma sono molto preso dalle storie... Non ho mai vissuto in una grotta come il protagonista. La mia è stata un’infanzia colorata e non ho sperimentato di prima mano la miseria, anche se so cosa voglia dire doversi sradicare. E, per la cronaca, da bambino non ho mai incontrato un giovanotto che facesse il muratore e mi suscitasse il primo desiderio. Non ho la percentuale esatta delle cose vere che ho vissuto e poi messo nel film: quei sentimenti sono il riflesso di quello che provavo. Eppure non ricordo un bacio di tale intensità e passione come quello che si scambiano Antonio e Leonardo Sbariglia. A dirla tutta, raramente al cinema si vedono persone di quest’età scambiarsi effusioni con un simile slancio... Un conto è raccontare una storia personale e un altro è coinvolgere chi ha vissuto quei ricordi con te. Devi essere cauto per non ferire nessuno e questo, ad un certo punto, mi ha spaventato. Però, alla fine, mi sono buttato. Il modo in cui concepisco l’amore, la famiglia, il desiderio e la maternità è tutto nel film perché fa parte di me e di quello che penso... Ho scritto e inserito un dialogo la notte prima delle riprese. Si tratta della scena in cui la mamma di Salvador da anziana gli dice che non è stato un buon figlio e lui se ne rammarica. Per tutta risposta la donna gli riserva un silenzio crudele. Ecco, mia madre non mi ha detto mai una cosa simile né io ho toccato l’argomento di aver disatteso le sue aspettative. Ho elaborato questi sentimenti solo dopo averli messi su carta e affidai ai personaggi. Ne avevo bisogno e ora l’ho elaborato... Più che temere di non essere fisicamente in grado di guidare un set, ho paura di perdere il fuoco dell’esperienza cinematografica. Non lascio però che vinca lei e la combatto restando attivo e scegliendo storie per me necessarie come se dalla loro realizzazione ne andasse della mia vita"
    Il regista, sceneggiatore e produttore Pedro Almodóvar

    (Dolor Y Gloria; SPAGNA 2018; Drammatico; 113'; Produz.: El Deseo; Distribuz.: Warner Bros. Pictures)

    Locandina italiana Dolor Y Gloria

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: Dolor Y Gloria

    Titolo in lingua originale: Dolor Y Gloria

    Anno di produzione: 2018

    Anno di uscita: 2019

    Regia: Pedro Almodóvar

    Sceneggiatura: Pedro Almodóvar

    Cast: Penélope Cruz (Jacinta)
    Antonio Banderas (Salvador Mallo)
    Asier Etxeandia (Alberto Crespo)
    Leonardo Sbaraglia (Federico)
    Nora Navas (Mercedes)
    Raúl Arévalo (Padre)
    Cecilia Roth (Zulema)
    Julián López (Presentatore)
    Rosalía (Rosita)
    Eva Martín (Radióloga)
    Pedro Casablanc (Dr. Galindo)
    Julieta Serrano (Madre)
    Susi Sánchez (Beata)
    Agustín Almodovar (Sacerdote)
    César Vicente (Albañil)
    Cast completo

    Musica: Alberto Iglesias

    Costumi: Paola Torres

    Scenografia: Antxón Gómez

    Fotografia: José Luis Alcaine

    Montaggio: Teresa Font

    Makeup: Adriana Robles

    Casting: Eva Leira e Yolanda Serrano

    Scheda film aggiornata al: 28 Gennaio 2020

    Sinossi:

    Dolor y Gloria racconta una serie di ricongiungimenti di Salvador Mallo, un regista cinematografico oramai sul viale del tramonto. Alcuni sono fisici, altri ricordati: la sua infanzia negli anni ‘60 quando emigrò con i suoi genitori a Paterna, un comune situato nella provincia di Valencia, in cerca di fortuna; il primo desiderio; il suo primo amore da adulto nella Madrid degli anni ‘80; il dolore della rottura di questo amore quando era ancora vivo e palpitante; la scrittura come unica terapia per dimenticare l'indimenticabile; la precoce scoperta del cinema ed il senso del vuoto, l'incommensurabile vuoto causato dall'impossibilità di continuare a girare film. Dolor y Gloria parla della creazione artistica, della difficoltà di separarla dalla propria vita e dalle passioni che le danno significato e speranza. Nel recupero del suo passato, Salvador sente l'urgente necessità di narrarlo, e in quel bisogno, trova anche la sua salvezza.

    Short Synopsis:

    A film director reflects on the choices he's made in life as past and present come crashing down around him

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Il mio cinema sa sempre di pipì, di gelsomino e di brezza d’estate

    Quanto sia autobiografico poco ci importa. Resta comunque il fatto che il Dolor Y Gloria di Pedro Almodovar si impone all’attenzione come pellicola tra le più viscerali, sentite intimamente in ogni suo aspetto: una parabola di vita che si identifica con una dichiarazione d’amore nei confronti dell’arte e del cinema in particolare: più che un amore, una vera e propria ancora di salvezza, un respiratore meccanico in grado di supportare quello naturale. Attori feticcio del calibro di Antonio Banderas - che si è sobbarcato quasi la totalità del carico - e di Penelope Cruz, ne hanno sostenuto come granitici pilastri ogni minimalista vibrazione, ognuno memore e prezioso portavoce di vita e di arte trasposte sul grande schermo all’apice del verismo

    Arte e cinema si fondono all’unisono in un unico respiro fin dall’inizio. I magma cromatici sui titoli di testa,

    come metafora di un qualcosa in movimento sul nascere, che ancora deve prender forma, come la stessa vita, o la stessa arte. O magari, perché no?! Come il caos della perenne tensione alla ricerca di un’identità, stabile e rassicurante, che potrà anche non arrivare mai, perché vita ed arte sanno essere sfuggenti e fluide come niente e nessuno mai. Una fluidità simile ai ricordi. Stupenda quella carrellata sul pavimento piastrellato a tessere piccolissime in stile mosaico da bagno, mentre il rumore dell’acqua si avvicina sempre più al protagonista ad occhi chiusi. Uno stile che per altri versi ha abbracciato anche Alfonso Cuaron nel suo pluripremiato Roma. Qui Pedro Almodovar in Dolor Y Gloria ha trovato nel monumentale Salvador Mallo di Antonio Banderas una sorta di ‘alter ego’ perfettamente aderente al suo modo di sentire e di ricordare. Quel sentire nell’età adulta che va ad intrecciarsi con il ricordo del passato,

    di quell’infanzia genuina e protetta, che ha lasciato il posto ad un uomo acciaccato e smarrito nel vuoto incolmabile di una solitudine immersa nello stop creativo professionale: “ero l’uomo più solo che la morte abbia mai visto”, ci racconta il Salvador di Banderas mentre scrive e legge dalle pagine autobiografiche di un suo romanzo. Vuoto e solitudine che non potevano mancare la depressione vera e propria: “La vita mi disgusta come una medicina inutile”.

    Dolor y Gloria racconta, attraverso un reticolo di ‘ricongiungimenti’, il presente e il passato di Salvador Mallo, un regista cinematografico ormai sul viale del tramonto. Ma nello stop creativo Salvador Mallo scopre di non riuscire a vivere. Condurre una vita senza la creazione non ha senso. E sono proprio quel sentire e quel ricordare ad erigere la costruzione del film e a tessere le fila di una sceneggiatura più pensata che espressa a parole. E il primo

    di questi ricordi apre anche sulla prima di una lunga serie di citazioni. Tra le donne al fiume a lavare a mano la propria biancheria c’è anche la Jacinta di Penelope Cruz, la madre del piccolo Salvador che le sta in groppa. Sequenza dal sapore mediterraneo, sanguigno, che traduce oggi in colore, il bianco e nero neorealista di un grande ed indimenticabile Vittorio De Sica. Per questo non facciamo fatica a credere a Penelope quando dice di essersi ispirata a Sofia Loren per il suo personaggio. Più tardi la sequenza in stazione bissa il respiro neorealista rivisitato e corretto, programmato per sorprendere lo spettatore molto più in avanti.

    Ma a chi si è ispirato Antonio Banderas!? Non sapevamo che nel gennaio del 2017 avesse avuto un infarto e che il dolore avesse attraversato la sua vita reale. Una cosa del genere lascia il segno e il dolore ti resta dentro come

    un’impronta indelebile. Anche per lui, come per Pedro Almodovar, e come del resto per ogni grande artista, il lavoro è la vita stessa. Perché quel lavoro è un continuo divenire ed un fluire dell’anima in tutte le sue inaspettate variabili. Quanto questa stessa drammatica esperienza di vita abbia apportato nella creazione artistica del personaggio è tutto lì, sul grande schermo, prima ancora di leggere una dichiarazione dello stesso Banderas che si conclude nel segno dello scavo interiore: “…Ho fatto tanta esplorazione, questo film ha rappresentato una ricerca. Non ho mai finto, era una ricerca vera! Serviva la verità". Ed ecco che il verismo torna sovrano.

    Non c’è evidentemente gloria senza dolore. L’iter dei vari impedimenti fisici del personaggio ne limita i confini, ma la creazione non può esprimersi entro una griglia di limitazioni. Tornare con la mente in momenti particolari che motivano il rigurgito di memoria all’infanzia, e scoprire l’urgenza

    di raccontarli, celebra la rinascita di quella stessa creazione smarrita che vale la salvezza di corpo, anima ed arte. Un mosaico di tessere di vita che ricostruiscono l’infanzia degli anni Sessanta, quando il piccolo Salvador migra con la madre andando a raggiungere il padre a Paterna, un piccolo comune nella provincia di Valencia, per scoprire che avrebbero alloggiato in una grotta. Ricostruita e ritinta, adornata con piante e qualche fiore, per il piccolo Salvador quella grotta diventa una reggia, dove leggere alla luce solare di quel lucernario che apre su un luminoso e spazioso spicchio di cielo, e dove sognare un futuro con un’istruzione coltivata liberamente e non sottomessa ad istituzioni ecclesiastiche come il seminario. La sua ribellione alla madre per questo - la povertà non lasciava d’altra parte altra scelta - esprime il sentimento libero di un bambino naturalmente vocato alla cultura e all’arte. La cultura! Perla rara a

    quanto pare, se l’analfabetismo era tanto diffuso da far sì che Salvador potesse insegnare a leggere e a scrivere all’imbianchino pittore conosciuto per caso.

    E così, tra un’altalena di ricordi - che va ad includere la nascita e la dolorosa fine di grande amore omosessuale degli anni Ottanta – vive, o, per meglio dire, sopravvive, l’età adulta del Salvador di Banderas, mentre scopre tutti i benefici per i dolori fisici, con tutti i danni collaterali, dell’eroina. E (ri)scopre pure la madre anziana che lo rimprovera per il figlio che non ha voluto essere, un figlio mancato, un figlio negato in nome del lavoro, dei continui viaggi che lo hanno semplicemente conclamato assente. Un inserto tardivo nel film a detta dello stesso Almodovar che tradisce tardivi sensi di colpa per una figura di madre assolutamente centrale. Un cono d’ombra onnipresente.

    Nella sofferta parabola del personaggio adulto, i ricordi gradualmente ne rigenerano l’integrità

    recuperandone la piena identità, accettata con rinnovato affetto ed autostima sul rinnovato impulso di raccontare. Pedro Almodovar in Dolor Y Gloria non dimentica certo che il cinema - sua scoperta precoce così come del personaggio nel film - è quella forma subliminale di una generosità tale da far posto ad ogni altra sua declinazione: la casa museo del protagonista, il monologo teatrale, il set cinematografico, la voce fuori campo che scrive il preludio della sceneggiatura, il romanzo della vita prima che diventi cinema, gli inserti in bianco e nero di video musicali (Mina), gli intermezzi di animazione a sdrammatizzare la fisicità del dolore nella svariate sue forme, i poster con il cinema d’altri tempi con Tyrone Power, le figurine con Liz Taylor e l’iconica Marilyn Monroe sul PC, ma soprattutto, quel disegno, poi dipinto, il ritratto del piccolo Salvador - magnetico! - ad opera dell’imbianchino, muratore e pittore a tempo

    perso… Tutto questo, e tutto quello che mi sono persa tra le righe, diventano la summa artistica che si fa unica lingua possibile per un racconto tanto interiorizzato: tale da far rinascere più volte a nuova vita quel ‘primo desiderio’, come romanzo, come cinema e come produzione. Quel desiderio primigenio ammiccante a El Deseo, casa di produzione per l'appunto, fondata dallo stesso Pedro Almodovar (con il fratello Augustin). Una lingua espansa, dall’inizio fin lungo le coste del racconto in corso d’opera prima di andare a raggiungere il finale - magistrale, perfetto, da manuale! - mentre cesella quel cinema d’autore che, in un palpitante ritratto, sottoscrive l’impossibilità di scindere la vita reale personale dalla creazione artistica, pur concedendosi qualche deviazione di percorso, magari in punta di eccesso, come licenza poetica suggerisce.

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)

    trailer ufficiale:



    nuovo trailer ufficiale:



    clip 'Il ritratto':



    clip 'Ricordi d'infanzia':



    clip 'Incontro a Madrid':



    clip 'Madrid era nostra':



    clip 'I pettegolezzi invecchiano':

    Links:

    • Pedro Almodóvar (Regista)

    • Penélope Cruz

    • Antonio Banderas

    • Cecilia Roth

    • Raúl Arévalo

    • DOLOR Y GLORIA - INTERVISTA al regista PEDRO ALMODÓVAR (Interviste)

    • DOLOR Y GLORIA - INTERVISTA all'attore ANTONIO BANDERAS (Interviste)

    1 | 2

    Galleria Video:

    Dolor Y Gloria - trailer 2

    Dolor Y Gloria - trailer

    Dolor Y Gloria - trailer (versione originale)

    Dolor Y Gloria - clip 'Il ritratto'

    Dolor Y Gloria - clip 'Ricordi d'infanzia'

    Dolor Y Gloria - clip 'Incontro a Madrid'

    Dolor Y Gloria - clip 'Madrid era nostra'

    Dolor Y Gloria - clip 'I pettegolezzi invecchiano'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    The Father - Nulla è come sembra

    THE FATHER - NULLA E' COME SEMBRA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Oscar 2021 - VINCITORE di 2 Premi: al 'Miglior Attore' .... [continua]

    La donna alla finestra

    LA DONNA ALLA FINESTRA

    Tra i più attesi!!! - Dal 14 Maggio in streaming .... [continua]

    The Nest - L'inganno

    THE NEST - L'INGANNO

    Dal 14 Maggio on demand su: Sky Primafila, Chili, Google Play, Rakuten TV, Infinity, Prime .... [continua]

    Rifkin's Festival

    RIFKIN'S FESTIVAL

    RECENSIONE - Woody Allen torna a mettere le mani in pasta su riflessioni esistenziali di .... [continua]

    Un altro giro

    UN ALTRO GIRO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Oscar 2021: VINCITORE del Premio al 'Miglior Film Internazionale' (dedicato .... [continua]

    The Invisible Woman

    THE INVISIBLE WOMAN: RALPH FIENNES TORNA ALLA REGIA CON UN DRAMMA NEL QUALE INTERPRETA CHARLES DICKENS

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - La segretissima storia d'amore di Charles Dickens .... [continua]

    L'amico del cuore

    L'AMICO DEL CUORE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 18 Marzo .... [continua]