ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    L'ultima vendetta

    Aggiornamenti freschi di giornata! (7 Giugno 2024) - Da Venezia 80. - Orizzonti Extra - ..

    Fuga in Normandia

    Aggiornamenti freschi di giornata! (7 Giugno 2024) - Michael Caine al centro di una vicenda ..

    The Bikeriders

    Il regista, sceneggiatore e soggettista Jeff Nichols ha rivelato che da cinque anni pensava di ..

    Firebrand

    Alicia Vikander e Jude Law in un dramma storico alla corte dei Tudor, primo film ..

    Shoshana

    Dal 48. Toronto International Film Festival (7-17 Settembre 2023) - sezione 'Special Presentations' - ..

    Hit Man - Killer per caso

    Designato 'Film della Critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani – SNCCI' - 80 Mostra ..

    Home Page > Movies & DVD > Velvet Buzzsaw

    VELVET BUZZSAW

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Su Internet dal 1° Febbraio

    (Velvet Buzzsaw; USA 2019; Thriller horror satirico; 109'; Produz.: Netflix; Distribuz.: Netflix)

    Locandina italiana Velvet Buzzsaw

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Titolo in italiano: Velvet Buzzsaw

    Titolo in lingua originale: Velvet Buzzsaw

    Anno di produzione: 2019

    Anno di uscita: 2019

    Regia: Dan Gilroy

    Sceneggiatura: Dan Gilroy

    Cast: Jake Gyllenhaal (Morf Vandewalt)
    Rene Russo (Rhodora Haze)
    Zawe Ashton (Josephina)
    Tom Sturridge (Jon Dondon)
    Toni Collette (Gretchen)
    Natalia Dyer (Coco)
    Daveed Diggs (Damrish)
    John Malkovich (Piers)
    Billy Magnussen (Bryson)
    Alan Mandell (Dease)
    Mig Macario (Cloudio)
    Nitya Vidyasagar (Gita)
    Sedale Threatt Jr. (Ed)
    Mark Steger (Hoboman)

    Musica: Marco Beltrami e Buck Sanders

    Costumi: Isis Mussenden e Trish Summerville

    Scenografia: Jim Bissell

    Fotografia: Robert Elswit

    Montaggio: John Gilroy

    Makeup: Emma Johnston Burton; Kela Wong (per Rene Russo)

    Casting: Victoria Thomas

    Scheda film aggiornata al: 19 Maggio 2020

    Sinossi:

    In breve:

    La storia è ambientata nel raffinato mondo dell'arte contemporanea di Los Angeles. È in questo ambiente che l'assistente personale emergente Josephina (Zawe Ashton) ha improvvisamente successo, dopo aver rubato e venduto i lavori di un altro artista, rinvenuto morto nel suo appartamento. L'arte si scontra così con il commercio e quando inizieranno un gioco molto pericoloso, artisti e collezionisti pagheranno un prezzo davvero alto.

    In altre parole:

    Morf Vandewalt (Jake Gyllenhaal) è un critico d'arte tra i più temuti sulla scena delle gallerie californiane. Un giorno, quando ormai è convinto di non poter essere più sorpreso da nulla, si imbatte nei quadri di un artista sconosciuto, che la sua amica (e amante) Josephine (Zawe Ashton), assistente della gallerista Rhodora, dice di aver trovato per caso abbandonati in strada. Si tratta di quadri bellissimi, ipnotici e originali, di cui Morf si innamora all'istante. Peccato che le cose non siano andate proprio come le ha raccontate Josephine: quei quadri appartengono a un artista morto, e per nessun motivo al mondo Rhodora li avrebbe dovuti mettere in commercio. Ma che senso ha l'arte, se nessuno la può vedere?

    After a series of paintings by an unknown artist are discovered, a supernatural force enacts revenge on those who have allowed their greed to get in the way of art.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Nei panni del temutissimo critico di arte contemporanea alla page di Los Angeles Morf Vandewalt, Jake Gyllenhaal - già diretto da Dan Gilroy ne Lo sciacallo - Nightcrawler - eccelle come al solito, spingendo il suo personaggio verso un’ambiguità che lo vede sempre in bilico, come un funambolo che deve mantenersi in equilibrio mentre le circostanze gli impongono anche di guardarsi le spalle, si direbbe, da più punti di vista. Questa volta nessuno gli chiede però il ‘One Man Show’, spalleggiato com’è, da uno stuolo di star che, passo dopo passo, ossigena un ‘contesto vip’ decisamente corale, piacevolmente satirico nella prima parte, prima che tutto viri e scivoli verso l’horror che non teme lo splatter. Il colore nel colore. L’arte nell’arte, tra il commercio, lecito o illecito - non si va troppo per il sottile in quegli ambienti - marciando sul talento autentico o presunto tale, e sulla critica vera

    o comprata su misura per vendite d’arte più fruttuose, passando per esposizioni mai lasciate al caso, anzi spesso, decisamente pilotate ed organizzate ad hoc a servire lo scopo personale. Ci dicono qualcosa in proposito la gallerista Rhodora di Rene Russo, qui magneticamente in parte, nel segno di inflessibilità per non dire spietatezza, e pure la sua assistente Josephina (Zawe Ashton), disarcionata dall’incarico per inaffidabilità e recuperata più tardi sul filo di un interesse particolare comparso sul percorso comune all’improvviso. Esattamente il punto di interesse che ha a che fare con l’arte tanto quanto con l’esoterismo sprigionato dall’arte stessa. Un ottimo motivo per lasciarsi dietro le spalle sarcasmi ed ironia ed iniziare a fare sul serio, laddove chi è convinto di non temere nulla dovrà ampiamente ricredersi. Soprattutto con un artista sconosciuto morto accidentalmente lasciando pendenti un gatto e una moltitudine di dipinti che sembrano avere molto in comune con stile

    e humour de L’Urlo di Edvard Munch.

    Un punto di rottura in cui il mosaico nel suo insieme si va frantumando in una manciata di tessere scomposte che dovranno recuperare la loro legittima postazione passando per un montaggio alternato sempre più serrato, laddove, sulla stessa lunghezza d’onda di un infausto destino già scritto, si incontreranno i protagonisti superstiti di quel che sembra una sorta di congiura post mortem. Congiura che, incredibile a dirsi, muove proprio dagli stessi dipinti di questo oscuro artista, non certo ascritto all’albo ufficiale. I frammenti recuperati dalle indagini sul suo conto - uscito dall’orfanotrofio a diciott’anni e finito in un ospedale psichiatrico per criminali - motivano questa nube di ‘aura’ omicida che aleggia sulla testa di chi va lucrando indebitamente sulla sua arte: nel sottobosco dell’ambiente fanno la loro parsimoniosa comparsa anche la cinica e opportunista Gretchen di Toni Colette, nonché la candida e un po’ sprovveduta

    Coco di Natalia Dyer. Arte che, dopo la morte del misterioso artista che risponde al nome di Dease, sarebbe dovuta andare distrutta. Dipinti che tratteggiano disperazione e follia imperiture, immortali, al punto da dare le vertigini a chi li osserva attentamente, provando a pelle la sensazione del movimento che prende vita. Visionarietà illusoria, allucinazione visiva o che altro? Da un certo punto in poi si ha la netta sensazione che l’happy ending non sia proprio contemplato e che questo Velvet Buzzsaw si vada sempre più delineando come un fascinoso affresco che potrebbe intitolarsi ‘l’arte assassina’: di particolare interesse l'installazione con il 'terremotato' robot con crisi esistenziali e la sfera con i sensori. Si direbbe dunque che l’arte trasudi da ogni poro anche dei vari binari horror, in particolare dell’ultimo trittico che coinvolge il Morf di Gyllenhaal, la Josephine della Ashton e la Rhodora della Russo. Colore, piccole o grandi opere

    d’arte, create con il concorso del sangue umano, che sanno farsi armi letali. E come la creazione prende la parola sui titoli di testa con l’interessante corto animato che fa da prologo, la creazione se la riprende per tirare le fila sui titoli di coda, laddove un artista, il Piers di John Malkovich, in crisi di ispirazione, vede di trovare la smarrita via con la scombinata grafologia incisa sulla battigia in riva al mare.

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)

    trailer ufficiale:

    Links:

    • Jake Gyllenhaal

    • John Malkovich

    • Rene Russo

    • Toni Collette

    1| 2 | 3

    Galleria Video:

    Velvet Buzzsaw - trailer

    Velvet Buzzsaw - trailer (versione originale)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Kursk

    Stasera 9 Giugno, in TV, su Sky Cinema 1, Canale Sky, ore 21, 15 - ..

    40 Carati

    Stasera, 9 Giugno, in TV su Cielo, Canale 26, ore 21,25 - Sam Worthington ..

    L'esorcismo - Ultimo atto

    Horror su un esorcismo interpretato da Russell Crowe e Sam Worthington - Dal 30 Maggio ..

    Eileen

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dalla 18. Festa del Cinema di Roma (18-29 Ottobre 2023) ..

    Emma e il giaguaro nero

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dai creatori dei successi Il lupo e ..

    The Fall Guy

    RECENSIONE - (il 26 Aprile l'Anteprima Nazionale) - Dal 1° Maggio - Nella storia di ..

    Cento domeniche

    Cinema sotto le stelle - Estate 2024 - RECENSIONE - Dalla 18. Festa ..