ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Voyagers

    VOYAGERS

    New Entry .... [continua]

    Frammenti dal passato-Reminiscence

    FRAMMENTI DAL PASSATO-REMINISCENCE

    New Entry - Un thriller Sci-Fi come debutto alla regia di Lisa Joy (cognata .... [continua]

    No Sudden Move

    NO SUDDEN MOVE

    New Entry - USA: Dal 1° Luglio .... [continua]

    Eternals

    ETERNALS

    New Entry - Angelina Jolie e Salma Hayek tra gli altri 'eroi', nel nuovo .... [continua]

    Mothering Sunday

    MOTHERING SUNDAY

    New Entry - In anteprima mondiale a Cannes 2021 .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Georgetown

    GEORGETOWN

    Al cinema: le uscite della settimana 15-21 Giugno - RECENSIONE - Dal 19 Maggio on demand sulle piattaforme SKY PRIMAFILA Premiere, APPLE TV, CHILI, GOOGLE PLAY, INFINITY, TIMVISION, RAKUTEN TV, THE FILM CLUB E CG DIGITAL.

    Ulrich Mott, un ambizioso scalatore sociale, sposa una ricca vedova a Washington DC per unirsi a potenti attori politici. E' questa la storia, ispirata dalla realtà, per quanto incredibile possa essa sembrare, su cui Christoph Waltz si imbarca come interprete e come debuttante regista, chiamando nel cast a sostenerlo Vanessa Redgrave ed Annette Bening. Ne esce un soddisfacente dramedy declinato in noir a tratti persino divertente.

    (Georgetown; USA 2019; Biopic dramedy-noir; 99'; Produz.: InterTitle Films, Metalwork Pictures e Romulus Entertainment; Distribuz.: Vision Distribution)

    Locandina italiana Georgetown

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: Georgetown

    Titolo in lingua originale: Georgetown

    Anno di produzione: 2019

    Anno di uscita: 2020

    Regia: Christoph Waltz

    Sceneggiatura: David Auburn

    Cast: Christoph Waltz (Ulrich Mott)
    Annette Bening (Amanda Brecht)
    Vanessa Redgrave (Elsa Brecht)
    Corey Hawkins (Daniel Volker)
    Noam Jenkins (Talabani)
    Caroline Palmer (Hotel Clerk)
    Sergio Di Zio (Gordon Nichols)
    Saad Siddiqui (Zahari)
    Paulino Nunes (Prosecutor Kirshner)
    David Reale (Weatherford)
    Ron Lea (Detective Reid)
    Laura De Carteret (Eleanor Price)

    Musica: Lorne Balfe

    Costumi: Claire Nadon e Charlene Chuck Seniuk

    Scenografia: Andrew Berry

    Fotografia: Henry Braham

    Montaggio: Brett M. Reed

    Makeup: Catherine Davies Irvine

    Casting: Kerry Barden, John Buchan, Jason Knight e Paul Schnee

    Scheda film aggiornata al: 29 Giugno 2020

    Sinossi:

    In breve:

    Albrecht Moth è un eccentrico arrampicatore sociale che seduce e sposa una ricca e vecchia vedova, Viola Drath. Muth e Drath entrano nei più importanti circoli politici con il lancio di sontuosi eventi. Muth mente però largamente sul suo passato. Dopo l'omicidio di Viola, nella loro casa a Georgetown, nel 2011, Moth venne condannato a 50 anni di prigione.

    In dettaglio:

    Nel mondo di intrighi politici e pettegolezzi che caratterizza la scena sociale di Washington, poche coppie si sono distinte come quella formata dalla tedesca Elsa Breht e dal marito Ulrich Mott. Nella loro casa nel quartiere di Georgetown, una sera ospitano leader mondiali e giudici della Corte Suprema quando la conversazione verte si cosa abbia spinto i padroni di casa a sposarsi. Amanda, il giudice federale figlia di Elsa, è incomprensibile che un'ottantenne come la madre con amici molto influenti si sia innamorata di un uomo di trent'anni più piccolo e dalla dubbia reputazione come Ulrich. Quando la mattina del 13 agosto 2011 Elsa viene trovata morta, Mott diviene sin da subito il primo sospettato: sarà proprio Amanda a portare alla luce uno stupefacente universo di menzogne, falsità e delusioni.

    Short Synopsis:

    Ulrich Mott, an ambitious social climber, marries a wealthy widow in Washington D.C. in order to mix with powerful political players

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Lei mi ha prestato le ali con le quali io adesso prendo il volo

    Non si direbbe mai che un personaggio come Ulrich Mott sia realmente esistito. Invece è proprio così, e il suo incredibile excursus esistenziale è stato raccontato nell’articolo del “New York Times” intitolato Il peggior matrimonio di Georgetown. A riprenderne le fila per portare la vicenda del più eccentrico e spregiudicato degli impostori sul grande schermo, con Georgetown, è l’attore Christoph Waltz (Bastardi senza gloria, Carnage, Django Unchained, Big Eyes) che qui, oltre a farsi carico dell’interpretazione del protagonista Ulrich Mott, si lancia pure con il debutto alla regia. E devo dire con risultati più che soddisfacenti su entrambi i fronti. Waltz sceglie una cornice narrativa di stampo letterario, scandita da capitoli con il vessillo dell’ironia in mano, al cui interno si muove a scacchiera tra passato e presente, col pretesto di un’esigenza di testimonianza, o in tribunale

    o per interrogatori investigativi. E questo perché, dopo tutta una serie di rocamboleschi accadimenti, in seno alla più improbabile delle coppie unite in matrimonio, ricostruiti passo passo per frammenti come in un puzzle, a Georgetown ci scappa il morto, e non per cause naturali. Ci scappa il morto si, a dispetto dell’irresistibile humour che indubbiamente il nostro protagonista suscita nello spettatore per la brillante spudoratezza con cui sciorina una bugia dietro l’altra per spacciarsi, ad ogni occasione, per quello che non è. E l’infausta scoperta di quella morte non avviene alla fine, anzi, proprio all’inizio, andando a costituire il motivo principale per l’avvio e la ricostruzione, in ogni suo aspetto, dell’intera vicenda. In fin dei conti Georgetown si qualifica come un classico dramedy declinato in noir, a struttura circolare, in cui il cerchio si apre e si chiude con la stessa scena celebrata in un piano sequenza dominato da una

    carrellata raso terra che termina con la visione del visionario impostore.

    A fare da spalla all’esuberante protagonista fino all’ultimo, lapidario capitolo, in cui si arriva finalmente alla verità, c’è la più vegliarda ed improbabile delle spose: personaggio in cui, giocandosela tra ingenuità e sagacia battagliera, eccelle Vanessa Redgrave, naturalmente tradotta in Elsa Brecht, giornalista di successo ben introdotta negli ambienti che contano. Lo sgomento della figlia Amanda - una sotto impiegata Annette Bening alle prese con un personaggio intonso, pensato al servizio della coppia protagonista - è palpabile fin dall’inizio, quando in occasione di una visita alla madre, trova l’ennesimo festino in corso. Lo si capisce subito dalla sua presenza, solo fisica, alimentata da un pungente silenzio prima di abbandonare la tavola a metà cena, sempre senza una parola. Il contrasto tra madre e figlia si avvolge, spesso arroventato, intorno al fuso di quell’Ulrich/Waltz che Amanda/Bening trova sinistramente troppo giovane ed

    evidente opportunista senza scrupoli. Quanto opportunista, lo diranno i fatti, annidati nella generosa manciata di siparietti tragicomici davvero ben orchestrati: e giacché la verità prima o poi viene a galla, malgrado l’indubbia abilità nel costruire una piramide di bugie affastellate una sull’altra a tutto vantaggio di un’identità inesistente – tale da generare smarrimento persino nei suoi legali – i coperchi salteranno uno ad uno dalle molte pentole ricolme di niente. Per inciso, Waltz ha un illustre precedente coniugato sull'ambizione sconfinata e sulla spudorata menzogna, con il personaggio di Walter Keane, al fianco di Amy Adams (Margaret Keane), nel Big Eyes di Tim Burton. In Georgetown il tutto è celebrato nella pirotecnica sequenza, fatale, dello smascheramento finale, inappellabile, dell’anziana sposa ai danni del giovane e spregiudicato sposo. Tanto pirotecnica e dal respiro teatrale da tragedia greca, da far sembrare bazzecole le precedenti schermaglie di cui si è fregiato, con tutti gli

    onori, lo script di David Auburn.

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)







    trailer ufficiale:

    Links:

    • Annette Bening

    • Vanessa Redgrave

    • Christoph Waltz

    1 | 2

    Galleria Video:

    Georgetown - trailer

    Georgetown - trailer (versione originale)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    La vita che verrà - Herself

    LA VITA CHE VERRÀ - HERSELF

    Dal 17 Giugno - Dalla 15. Festa del Film di Roma - Selezione Ufficiale .... [continua]

    Valley of the Gods

    VALLEY OF THE GODS

    Dal 3 Giugno - L’uomo più ricco sulla terra. Un giovane scrittore in crisi. Un’ancestrale .... [continua]

    Comedians

    COMEDIANS

    Dal 10 Giugno - Gabriele Salvatores traspone sul grande schermo l'omonima e celebre pièce teatrale .... [continua]

    A Quiet Place II

    A QUIET PLACE II

    Dal 24 Giugno - Sequel del thriller/horror A Quiet Place - Un posto tranquillo (2018), .... [continua]

    Quelli che mi vogliono morto

    QUELLI CHE MI VOGLIONO MORTO

    Dal 3 Giugno in esclusiva digitale - RECENSIONE - Adattamento cinematografico del romanzo di Michael .... [continua]

    Crudelia

    CRUDELIA

    Craig Gillespie dirige Emma Stone nei panni di una giovane Crudelia De Mon. L'origin story, .... [continua]

    The Father - Nulla è come sembra

    THE FATHER - NULLA E' COME SEMBRA

    Dal 20 Maggio al cinema in versione originale e dal 27 in italiano - RECENSIONE .... [continua]