ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Yesterday

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Dal Taormina Film Festival 2019 - Dal 26 Settembre ..

    Untitled Maggie Gyllenhaal Project

    New Entry - Maggie Gyllenhaal torna alla regia con la rivisitazione del classico di Mary ..

    Small Things Like These

    Berlinale 2024 (Film d'Apertura il 15 Febbraio) "Con 'Small Things Like These', Tim Mielants racconta la ..

    Spaceman

    New Entry - Berlinale 2024 il 20 Febbraio - Dal 1° Marzo in streaming su ..

    Seven Veils

    New Entry - Berlinale 2024: il 22 Febbraio ..

    Love Lies Bleeding

    New Entry - Berlinale 2024 il 18 Febbraio ..

    The Outrun

    New Entry - Berlinale 2024 - Panorama ..

    Longlegs

    New Entry - Il regista Oz Perkins - figlio d'arte dell'attore Anthony Perkins, già protagonista ..

    The Instigators

    New Entry - Matt Damon e Casey Affleck nel cast - Affleck anche co-sceneggiatore - ..

    Home Page > Movies & DVD > Per primo hanno ucciso mio padre

    PER PRIMO HANNO UCCISO MIO PADRE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Grande regia di Angelina Jolie per uno spaccato autobiografico storico dalle memorie scritte (e co-sceneggiate con la Jolie) della cambogiana Loung Ung - Su catalogo Netflix dal 15 Settembre

    (First They Killed My Father: A Daughter of Cambodia Remembers; USA/CAMBOGIA 2017; biopic storico-drammatico; 136'; Produz.: Netflix/Bophana Production; Distribuz.: Netflix)

    Locandina italiana Per primo hanno ucciso mio padre

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis

    Titolo in italiano: Per primo hanno ucciso mio padre

    Titolo in lingua originale: First They Killed My Father: A Daughter of Cambodia Remembers

    Anno di produzione: 2017

    Anno di uscita: 2017

    Regia: Angelina Jolie

    Sceneggiatura: Angelina Jolie e Loung Ung

    Soggetto: Il film è un adattamento dal libro First they killed my father: una figlia della Cambogia ricorda di Loung Ung, pubblicato nel 2000. scritto da Loung Ung, una sopravvissuta al regime cambogiano nel triennio 1975-1978. Dopo aver letto le sue memorie, Angelina Jolie l'ha contattata, ormai più di dieci anni fa: sono amiche da allora.

    Cast: Sareum Srey Moch (Loung Ung)
    Phoeung Kompheak (Pa Ung)
    Sveng Socheata (Ma Ung)
    Heng Dara (Meng)
    Run Malyna (Chaou)
    Mun Kimhak (Kim)
    Oun Srey Neang (Keav)
    Khoun Sothea (Khouy)
    Sarun Nika (Geak)
    Tharoth Sam (Capo dei Khmer Rossi)

    Musica: Marco Beltrami

    Costumi: Ellen Mirojnick

    Scenografia: Tom Brown

    Fotografia: Anthony Dod Mantle

    Montaggio: Xavier Box e Patricia Rommel

    Makeup: Ken Diaz (direzione)

    Scheda film aggiornata al: 01 Maggio 2022

    Sinossi:

    In breve:

    Adattamento dall'omonimo libro, il film racconta le memorie della scrittrice e attivista cambogiana Loung Ung, sopravvissuta durante il regime mortale dei Khmer Rossi dal 1975 al 1978. La storia è narrata attraverso i suoi occhi, a partire dall'età di cinque anni, quando i Khmer Rossi salirono al potere, fino ai nove anni. Il film descrive lo spirito indomito e la devozione di Loung e della sua famiglia, che lottano senza sosta per restare uniti durante quegli anni terribili.

    Short Synopsis:

    Cambodian author and human rights activist Loung Ung recounts the horrors she suffered under the rule of the deadly Khmer Rouge

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Una figlia della Cambogia ricorda affinché nessuno dimentichi

    E’ suo lo sguardo su quella guerra! Lo aveva scritto nelle sue memorie (First they killed my father: una figlia della Cambogia ricorda) e ha contribuito ampiamente a raccoglierle in una sceneggiatura, fondamentale base per il film. Il suo nome è Loung Ung, ed è per l’appunto quella “figlia della Cambogia” che ricorda. A raccogliere la sua testimonianza viva per portarla sul grande schermo è Angelina Jolie che, a giudicare dal risultato, possiamo dire che ne abbia condiviso l’integrale portata del doloroso e palpitante respiro. Il respiro di una bambina di appena cinque anni, nella sua soggettiva, di orrori e soprusi che si sono verificati nella sua terra, fra la sua gente, fino a provare sulla propria pelle che cosa significa lavorare nei campi ed essere addestrati in prima persona per la guerra. Il tocco di regia su tutto questo in Per primo

    hanno ucciso mio padre (First They Killed My Father: A Daughter of Cambodia Remembers) è sensibile ad ogni vibrazione umana di chi l’infanzia l’ha vista fuggire via in fretta, così come una normale vita in famiglia. Una voce silente altisonante, ben espressa dai primissimi piani, così come da riprese panoramiche dall’alto, di grande efficacia, quando l’obiettivo punta verso la sottomissione di un popolo a cui, in nome di un’ideologia politica deviata e folle, è stato tolto ogni brandello di individualità.

    E’ una sopravvissuta al regime cambogiano nel triennio 1975-1978 la Loung Ung che narra e che nel film prende corpo e anima straordinari con Sareum Srey Moch. Una bambina che non comprendendo fino in fondo le dinamiche politiche, percepisce comunque che c’è qualcosa che non va in quei festeggiamenti per la dipartita degli americani dalla Cambogia che, in teoria, erano sul campo per aiutare gli stessi cambogiani a difendersi

    dai Khmer rossi. Ma, ormai liberi da ogni freno e guinzaglio, i Khmer rossi non tardano ad istituire un regime di sottomissione assoluta dei Cambogiani in nome dell’uguaglianza. L’obbligo di lasciare le case, di spogliarsi di ogni bene personale, l’indottrinamento pomposamente declamato ogni giorno attraverso un megafono e in tono perentorio, la scarsità di cibo, le percosse ad ogni minima disobbedienza, hanno molto di familiare con i metodi ed i regimi nazi-fascisti. Ma qui è il suo sguardo, il suo racconto, in una sorta di Diario di Anna Frank cambogiano a farsi largo nel dramma: e la Loung Ung di Sareum Srey Moch ripresa da Angelina Jolie dall’alto della profondità dei sui occhi e dei suoi silenzi - spesso sola, perché privata degli affetti dei genitori e dei fratelli e sorelle - è ciò che di più intenso ed eloquente ci possa essere su questo atroce spaccato storico. Un simbolo

    elettivo e monito per molte altre guerre! Non c’è rivoluzione legittimamente riconoscibile in nome della quale si deturpa l’infanzia e si distruggono i legami familiari. Una finestra aperta sul totalitarismo, sempre disumanamente oppressivo e sanguinario in ogni dove, tanto più inaccettabile e doloroso per i bambini. Per questo Angelina Jolie fa della piccola Loung Ung cinematografica una sorta di sensitiva che ha spesso come delle visioni dei misfatti e delle morti reali, tra cui, per l’appunto, quella di suo padre che, portato via dalla famiglia, con la scusa della riparazione di un ponte, hanno ucciso per primo. Una sorta di traslitterazione della realtà in e per la sopravvivenza!

    Angelina Jolie rilegge così sulla celluloide questa percezione a pelle e in prima persona senza retorica alcuna, in uno sguardo vivido e asciutto - la bimba raramente si lascia andare alle lacrime - avendo vicino a sé un suggeritore di verità come la

    protagonista reale che, dai tempi della realizzazione del film è diventata sua amica. La condivisione di una sopravvivenza come questa, ha regalato alla Jolie la cementazione di un legame speciale per una speciale testimonianza che dovrebbe far riflettere bene, sempre, e a maggior ragione oggi, negli odierni frangenti, in cui nuovamente tornano a spirare venti di guerra: su altri sguardi, pur sempre carichi di tutta l’innocenza possibile, quella propria di un’infanzia, ancora una volta indebitamente annientata.

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)





    trailer ufficiale:

    Links:

    • Angelina Jolie (Regista)

    1 | 2 | 3

    Galleria Video:

    Per primo hanno ucciso mio padre - trailer

    Per primo hanno ucciso mio padre - trailer (versione originale) - First They Killed My Father: A Daughter of Cambodia Remembers

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Madame Web

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Spin-off di Spider-Man incentrato su una mutante chiaroveggente di nome Madame ..

    This Is Me... Now: A Love Story

    Dal punto di vista di Jennifer Lopez, questa è una storia d'amore come non ne ..

    Upgraded - Amore, Arte e Bugie

    San Valentino 2024 - RECENSIONE - Dal 9 Febbraio in streaming - Commedia romantica ..

    Finalmente l'alba

    Dal 14 Febbraio - Da Venezia 80.

    "Inizialmente volevo scrivere un film sull’omicidio ..

    Argylle - La super spia

    RECENSIONE - Tra le varie spie, letterarie - l'Argylle di Henry Cavill - o reali ..

    The Fanatic

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di ..

    The Old Way

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Primo western per Nicolas Cage, con la giovane dodicenne Ryan Kiera ..