ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    The Fabelmans

    Golden Globes 2023: VINCITORE come 'Miglior Film Drammatico' e 'Miglior Regista' (Steven Spielberg) - RECENSIONE ..

    The Menu

    RECENSIONE - Dal 4 Gennaio in streaming su Disney+ - Dai produttori Adam McKay e ..

    Fratello Sole, Sorella Luna

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - RECENSIONE - Una pietra miliare ..

    Quando Dio imparò a scrivere

    RECENSIONE - dal 9 Dicembre su Netflix ..

    Avatar: La via dell'acqua

    Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Sequel del primo Avatar di James Cameron con ..

    Dante

    I recuperati di CelluloidPortraits - RECENSIONE - Pupi Avati narra la vita del padre della ..

    Home Page > Movies & DVD > The Paperboy

    THE PAPERBOY

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE ITALIANA e Preview in English by Justin Chang (ww.variety.com) - Dal 65. Festival del Cinema di CANNES (16-27 Maggio 2012 - Dopo Precious il regista Lee Daniels chiama in causa Nicole Kidman; John Cusack, Zac Efron e Matthew McConaughey per il suo nuovo affresco appuntato sull'esplorazione della natura umana - Dal 5 Giugno 2014 direttamente in Home Video

    (The Paperboy; USA 2012; Thriller; 101'; Produz.: Benaroya Pictures/Lee Daniels Entertainment/Millennium Films/Nu Image Films; Distribuz.: 01 Distribution)

    Locandina italiana The Paperboy

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: The Paperboy

    Titolo in lingua originale: The Paperboy

    Anno di produzione: 2012

    Anno di uscita: 2014

    Regia: Lee Daniels

    Sceneggiatura: Peter Dexter

    Soggetto: Nel 1995 Pete Dexter ha pubblicato The Paperboy, romanzo che gli è valso recensioni entusiastiche da parte dei critici di tutto il mondo e che è stato inserito nella lista dei migliori libri del "New York Times" vincendo anche il premio letterario del Pen Center l’anno successivo. La rubrica letteraria del "New York Times" ha definito The Paperboy, "Un romanzo misterioso e bellissimo i cui segreti continuano a perseguitare il lettore anche dopo averne concluso la lettura"

    Cast: Zac Efron (Jack James)
    Nicole Kidman (Charlotte Bless)
    John Cusack (Hillary Van Wetter)
    Matthew McConaughey (Ward James)
    Scott Glenn (W.W. James)
    Nikolette Noel (Nancy)
    David Oyelowo (Yardley Acheman)
    Beau Brasseaux (Thug)
    Ned Bellamy (Tyree van Wetter)
    Katarzyna Wolejnio (Jennifer)
    Macy Gray (Anita Chester)

    Musica: Mario Grigorov

    Costumi: Caroline Eselin

    Scenografia: Daniel T. Dorrance

    Fotografia: Roberto Schaefer

    Montaggio: Joe Klotz

    Effetti Speciali: David NAmi (coordinatore)

    Makeup: Karri Farris e Krystal Kershaw

    Casting: Leah Daniels e Billy Hopkins

    Scheda film aggiornata al: 14 Settembre 2022

    Sinossi:

    In breve:

    Hillary Van Wetter (John Cusack) aspetta di essere giustiziato nel carcere della Moat County, in Florida. L'uomo è accusato dell'omicidio di Thurmond Call, uno sceriffo che ha ucciso per odio razziale ben sedici neri. Ma Charlotte Bless (Nicole Kidman), appassionata di casi estremi, ha scritto una lettera al "Miami Times" sostenendo che si sta per condannare a morte un innocente e il giornale, fiutando la pista, manda i suoi due migliori reporter nella Moat County. Sono Ward James (Matthew McConaughey), malinconico quanto ossessivo nella sua ricerca della verità, e il brillante e spregiudicato Yardley Acheman (David Oyelowo). Con l'aiuto di Charlotte i due conducono un'inchiesta che porta alla liberazione del detenuto e gli vale il premio Pulitzer, ma un giornale rivale sente puzza di imbroglio. Il tutto accade sotto gli occhi di Jack James (Zac Efron), il ragazzo che i quotidiani, più che scriverli, li consegna tutte le mattine all'alba, che fa da autista alle due star del giornalismo e ne vive e racconta le imprese, con lo sguardo stupito e distaccato di un uomo-bambino.

    In dettaglio:

    Siamo nel 1969 e Jack Jansen (ZAC EFRON) è giunto a un momento cruciale della sua vita: ha abbandonato gli studi ed è tornato a vivere nella città della Florida dove è cresciuto, Lately e dove suo padre, W.W. Jansen (SCOTT GLENN), dirige il quotidiano locale, "The Moat County Times". Quando suo fratello, Ward (MATTHEW McCONAUGHEY), stimato giornalista del "The Miami Times", giunge in città insieme al suo collaboratore, Yardley Acheman (DAVID OYELOWO), per scrivere un articolo sul processo a carico di Hillary Van Wetter (JOHN CUSACK), Ward chiede a Jack di fargli da autista visto che occupandosi della consegna dei giornali, Jack conosce alla perfezione la zona.

    Il vero motivo per cui Ward e Yardley hanno deciso di fare delle ricerche sul ripugnante cacciatore di alligatori Hillary Van Wetter si chiama Charlotte Bless (NICOLE KIDMAN). La donna é convinta che l’uomo sia stato condannato ingiustamente e per questo motivo ha contattato il "The Miami Times", con la speranza che il quotidiano avrebbe mandato in zona i suoi migliori giornalisti per fare luce sulla vicenda e dimostrare l’innocenza di Van Wetter, facendolo uscire dal braccio della morte dove è attualmente rinchiuso. Ward e Yardley dal canto loro, sono alla ricerca dello “scoop” che potrebbe garantirgli un avanzamento di carriera e sperono di riuscirci
    portando allo scoperto la corruzione e la discriminazione che dominano questa zona della Florida dimostrando al contempo la non colpevolezza di Van Wetter.

    Jack, la cui conoscenza dell’altro sesso è limitata a qualche appuntamento con la governante Anita (MACY GRAY) che si è occupata dei due fratelli dopo che la madre li ha lasciati per un altro uomo, subisce irrimediabilmente il fascino dell’enigmatica e bellissima Charlotte. Di conseguenza, farle da autista in giro per la Florida, visto che Charlotte, ha accettato di accompagnare suo fratello e Yardley, sarà per lui un autentico piacere. Con il passare dei giorni, la vicenda si complica, i fatti e le circostanze s’ingarbugliano sempre di più e la situazione diventa torbida, proprio come le acque delle paludi che circondano Lately. A peggiorare le cose, c’è l’atteggiamento di Hillary Van Wetter e quello di Charlotte che manda segnali contraddittori a tutti, soprattutto a Jack. Ward dal canto comincia a nutrire qualche dubbio sull’innocenza di Hillary e si chiude sempre di più in se stesso. Per quanto riguarda
    Yardley invece, mostrerà il suo vero volto giunti alla fine delle ricerche, rivelandosi solo un intrallazzatore opportunista.

    Una sera, dopo aver bevuto qualche bicchiere di troppo in un bar di Daytona Beach, Ward viene picchiato a sangue e viene ricoverato in ospedale. Nel frattempo, approfittando dell’assenza dell’amico, Yardley termina l’articolo nel quale sostiene la totale estraneità dai fatti di Hillary Van Wetter. Scoperto il tradimento dell’amico, Ward va su tutte le furie visto che non è convinto che esistano prove sufficienti a scagionare Van Wetter; cionondimeno, l’articolo produce il risultato sperato da Charlotte Bless e Van Wetter esce dalla prigione. A questo punto, tutto e tutti possono tornare alla vita di prima….. ma apparentemente le cose
    hanno preso una brutta piega, soprattutto per Jack.

    Synopsis:

    A reporter returns to his Florida hometown to investigate a case involving a death row inmate.

    Eldest son Ward Jansen is a star reporter for a Miami newspaper and has returned home with close friend Yardley to investigate a racial murder case. Younger brother Jack Jansen has returned home after a failed stint at university as a star swimmer. To help give his life some direction, Ward gives Jack a job on their investigation as their driver. But into the mix comes the fiancée of the imprisoned convict who stirs up confusing feelings of love and lust for the young Jack. Meanwhile, Ward and Yardley's investigation stirs up deep-rooted issues of race and acceptance which could cause serious consequences for everyone involved.—

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Dimmi quando si comincia a girare”. E’ suo lo sconcertante racconto che, come assicura, 'é tutto vero'. E’ una donna di colore, la governante Anita (Macy Gray) che, per motivi di servizio, ha conosciuto di persona fatti e protagonisti.

    Ma al di là delle pretese motivazionali, e del blasonato romanzo omonimo di Pete Dexter da cui prende ispirazione, tra pregiudizio razziale ed etica giornalistica, con questo ‘sgangherato The Paperboy, il regista Lee Daniels (Precious) finisce per raffazzonare un fosco affresco che trasuda più erotismo e sesso che giustizia, più uccisioni da mattatoio che la prospettiva di un qualche barlume di luce in fondo al tunnel. L’unica cosa preziosa di questo film è un cast d’eccellenza - Nicole Kidman, John Cusack, Zac Efron e Matthew McConaughey, tra gli altri - immolato sull’altare sacrificale del misurarsi sull’eccesso più brutale, in cui, d'altra parte, riescono tutti alla grande, non c’è che dire.

    Uno

    scenario da ‘spazzatura pulp’ del sud della fine degli anni Sessanta in cui addentrarsi per seguire le vicende di due fratelli: Ward Jansen (Matthew McConaughey), giornalista del prestigioso quotidiano “The Miami Times” e Jack Jansen (Zac Efron), studente fallito che, appena abbandonati gli studi, è tornato a vivere in una cittadina della Florida insieme allo smidollato padre, W.W. Jansen (Scott Glenn), per consegnare giornali a domicilio. Quando Ward arriva in città accompagnato dal suo collega Yardley Acheman (David Oyelowo) per fare delle ricerche per un articolo, chiede al giovane fratello Jack/Efron di accompagnarlo in giro. Ma il vero motivo di attrazione per il giovane sarà la bionda sexy e disinibita Charlotte Bless (Nicole Kidman), una donna ben più matura di lui, misteriosa e solitaria, che tiene una corrispondenza regolare con i prigionieri detenuti nel braccio della morte. E’ ad esempio il caso del detenuto Hillary Van Wetter (John Cusack), rivoltante

    cacciatore di alligatori di una remota e paludosa località della regione, che aspetta di essere giustiziato nel carcere della Moat County in Florida per l’omicidio dello sceriffo Thurmont Call, colui che per odio razziale aveva dal suo canto ucciso ben sedici uomini di colore. Un regolamento di conti alla maniera del far west, insomma. Ma Charlotte/Kidman si adopera in ogni modo possibile per salvarlo dalla forca. Peccato che la causa razziale, e le ricerche indirizzate dalla stampa verso la verità, restino per lo più dietro le quinte per accordare il primo piano quasi assoluto, si direbbe l’unico elemento costante dell’intera avventura, a questa avvenente donna fin troppo passionale, al punto da diventare ben presto la prima causa naturale della rovina di tutti quanti, persino di se stessa. Una donna spiccia, volgare quanto basta da simulare una scena di sesso ed orgasmo a distanza - breve distanza! - di fronte al

    prigioniero Hillary/Cusack, che ben presto di dimostrerà un mostruoso psicopatico criminale. E non solo di fronte a lui. Nulla a che vedere con l’elegante erotismo del celebre Basic Instinct, e per di più un qualcosa di cui forse il film non aveva tutto questo gran bisogno, potendo rivolgere maggior attenzione e chiarezza a qualcosa di ben più importante.

    Comunque, il racconto in diretta della donna di colore che ci ha accompagnato, ad intermittenza, per l’intera durata del film, volge alla conclusione e, riepilogando, pare che lo studente fallito di allora, il Jack di Efron, sia poi diventato uno scrittore di una certa fama, eppure, a dispetto dell’evidente realtà delle cose, sembra non abbia mai dimenticato il suo primo amore: così Nicole Kidman con la sua platinata Charlotte - qui amplificata da ogni punto di vista, così come doveva essere da copione - ha colpito nel segno, vincendo la sua sfida di

    portarsi un pò oltre. Si direbbe altresì aver sceso diversi gradini dai tempi della palestra kubrickiana di Eyes Wide Shut!

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)







    trailer ufficiale (V.O.):

    Bibliografia:

    Nota: Si ringrazia lo Studio Lucherini Pignatelli.

    Pressbook:

    PRESSBOOK in ITALIANO di THE PAPERBOY
    PRESSBOOK in FRANCESE di THE PAPERBOY

    Links:

    • Lee Daniels (Regista)

    • Nicole Kidman

    • John Cusack

    • David Oyelowo

    • Scott Glenn

    • Zac Efron

    • Matthew McConaughey

    • Macy Gray

    • 65. Festival del Cinema di CANNES (16-27 Maggio 2012) - DAILY 24 MAGGIO - LA SCELTA DI 'CELLULOIDPORTRAITS': 'THE PAPERBOY' (IN CONCORSO) DI LEE DANIELS (Speciali)

    1 | 2 | 3 | 4

    Galleria Video:

    The Paperboy - trailer (versione originale)

    The Paperboy - trailer 2 (versione originale)

    Il giudizio della critica

    The Best of Review

    A cura di JUSTIN CHANG, www.variety.com)

    Racial prejudice, journalistic ethics and a half-naked Zac Efron are among the pressing matters on the mind of "The Paperboy." A very special delivery indeed, director Lee Daniels' follow-up to "Precious" is a risibly overheated, not unenjoyable slab of late-'60s Southern pulp trash, marked by a sticky, sweaty atmosphere of delirium and sexual frustration that only partly excuses the woozy ineptitude of the filmmaking. With Nicole Kidman, Matthew McConaughey and John Cusack wading through a murky swamp of a story, this patchy potboiler should generate some theatrical curiosity but will look more at home on checkout stands.

    Pete Dexter's engrossing 1995 novel about two brothers, one a reporter investigating a possible miscarriage of justice in the volatile days following the peak of the civil-rights movement, sketched an incisive portrait of hard-nosed, old-school journalism at work. That detail is absent from Dexter and Daniels' adaptation, which gets off to a questionable

    start by handing large swaths of voiceover narration to the brothers' maid, Anita (Macy Gray), blearily recalling events as though from the depths of a bad hangover.

    In the summer of '69, dogged Miami Times reporter Ward Jansen (McConaughey) returns to his small-town Florida roots to write a piece on Hillary Van Wetter (Cusack), a particularly nasty sort sitting on death row for the murder of a notoriously racist sheriff. Ward persuades his younger brother, Jack (Efron), to work for him as a driver, though the kid quickly runs afoul of Ward's arrogant colleague, Yardley (David Oyelowo).

    Prepared to believe Hillary may be innocent, Ward and Yardley have unwisely placed their trust in Charlotte Bless (Kidman), an aging sexpot with a prison fetish who's fallen for Hillary and is determined to get him exonerated. A vision in hot-pink lipstick and bleached-blond wig, with a deliciously tacky wardrobe of short skirts,

    leopard-print blouses and gold-lame pants (designed by Caroline Eselin-Schaefer), Charlotte is a woman of strange, even telekinetic talents, as seen during her first prison visit with the horny Hillary.

    In the course of his investigation, Ward must interview an inbred-looking family living in the middle of an alligator-infested swamp, perhaps supplying a metaphor for the violently repressed secrets that keep bubbling to the surface. Daniels, not known for his directorial subtlety, would seem to have the right touch and temperament for this kind of crazy Southern gothic, and up to a point the wobbly widescreen framing and haphazard editing seem of a piece with the thick, fetid mood. For better or worse, viewers are apt to emerge feeling as if they've just been bathed in blood, sweat, urine, mud and crocodile guts.

    Yet the filmmakers have largely misjudged their story priorities here, showing minimal interest in the central mystery and

    dwelling to the point of distraction on the novel's more lubricious episodes. As Jack becomes infatuated with Charlotte, the oppressive humidity gives him no shortage of reasons to show off his swimmer's physique, at which point the camera can at least be counted on to snap to attention. Set to a soundtrack of soul hits and full of bizarre scene transitions, the film seems possessed by the spirits of blaxploitation and "Baywatch."

    As a result, "The Paperboy" feels closer in spirit to Daniels' much-reviled 2005 debut, "Shadowboxer," than to 2009's "Precious," in which he demonstrated a talent for directing actors that's little in evidence here. Kidman's tarted-up turn as what one character describes as "an oversexed Barbie doll" is heavier on eyeshadow than emotion; Cusack is scarcely the picture of white-trash villainy; and McConaughey, though given the most sympathetic character arc, elicits pity for mostly the wrong reasons.

    Most compelling

    onscreen dynamic is between Jack and Anita, warmly enacted by Efron and "Shadowboxer" alum Gray. While the decision to foreground Gray's role is meant to play up the complex racial dynamics of the period, the film unfortunately seems to have taken its technical cues from Anita's meandering, concussion-like voiceover, particularly apparent in two scenes of gory but clumsily staged action. At one point, a sex scene is pointlessly intercut with shots of swamp animals, looking either dead or reproachful, followed by a lazy fadeout as Anita mutters, "I think y'all seen enough."

    International Press

    Italian Press

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Asterix & Obelix - Il regno di mezzo

    RECENSIONE - Dal 2 Febbraio ..

    Un matrimonio esplosivo

    RECENSIONE - Dal 27 Gennaio su Prime Video ..

    Babylon

    Tra i più attesi!!! - Brad Pitt e Margot Robbie per Damien Chazelle (La ..

    Lamborghini - L'uomo dietro la leggenda

    Dalla 17. Festa del Cinema di Roma (13-23 Ottobre, Auditorium della Musica) - Alice ..

    Siccità

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Da Venezia 79 Fuori Concorso - ..

    Everything Everywhere All At Once

    RECENSIONE - Golden Globes 2023: VINCITORE come 'Miglior Attrice in una Commedia o Musical ..

    The Pale Blue Eye - I delitti di West Point

    RECENSIONE - Christian Bale, Robert Duvall, Gillian Anderson, Charlotte Gainsbourg, Timothy Spall, Toby Jones nel ..