ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Sleeping Dogs

    ANTEPRIMA - Russell Crowe detective della omicidi in pensione affetto da Alzheimer che torna su ..

    Un mondo a parte

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Riccardo Milani torna sul grande schermo con una storia che ..

    Cult Killer

    New Entry - Antonio Banderas ed Alice Eve in coppia sulla scia di un thriller ..

    Estranei

    Dal 24 Aprile in streaming su Disney+ - Dalla 21. Festa del Cinema di Roma ..

    Fly Me To The Moon: Le due facce della luna

    New Entry - Una storia d'amore ambientata negli anni Sessanta, durante la corsa allo spazio ..

    The Bikeriders

    New Entry - Il regista, sceneggiatore e soggettista Jeff Nichols ha rivelato che da cinque ..

    Untitled Noah Baumbach

    New Entry - Riprese a Montalcino (Siena) Toscana-Italia (Aprile 2024) ..

    Mothers' Instinct

    New Entry - Jessica Chastain (Gli occhi di Tammy Faye, Zero Dark City, The Help) ..

    Home Page > Ritratti in Celluloide > L'intervista > THE KILLER INSIDE ME - INTERVISTA all'attore CASEY AFFLECK

    L'INTERVISTA

    THE KILLER INSIDE ME - INTERVISTA all'attore CASEY AFFLECK

    23/11/2010 - CASEY AFFLECK (Gone Baby Gone, L'assassinio di Jesse James per mano di Robert Ford, 2007) ci parla del suo nuovo ruolo di vicesceriffo-assassino Lou Ford in THE KILLER INSIDE ME di MICHAEL WINTERBOTTOM:

    Lou è un antieroe, ma arriviamo a provare simpatia per lui. Come ha affrontato questa dinamica?

    CASEY AFFLECK: "Il mio scopo non era suscitare simpatia, ma rendere il personaggio un essere umano, per quanto complesso possa essere un essere umano. Il fatto che uno spettatore provi simpatia dipende dalla sua ampiezza di vedute o dalla sua profondità d'analisi o dalla sua compassione".

    È stato difficile prendere le distanze dalle scene di violenza alla fine delle riprese?

    CASEY AFFLECK: "Non mi hanno segnato molto perché c'erano alcune 'circostanze attenuanti': dopo aver girato una scena di violenza, giravamo una scena in cui alcuni dei sentimenti espressi nella scena precedente in parte si riversavano, poi passavamo a una scena d'amore e in seguito a una scena ancora diversa. Alla fine della giornata, provavo molti sentimenti forti che però erano stati mitigati da altri sentimenti di natura diversa".

    Secondo lei perché Lou si innamora di Joyce?

    CASEY AFFLECK: "Joyce lo lascia essere quello che lui vuole essere. Lou incontra per caso questa donna che gli fa riaffiorare sentimenti che aveva represso molti anni prima. Quando torna a provarli, sta talmente bene che non riesce a stare lontano da lei. Ma sente anche che non può andare oltre e che nessun altro deve sapere. Inizia a rendersi conto che sta per perdere il controllo e quindi ritiene di doverla uccidere".

    È stato difficile girare le scene violente con Jessica Alba?

    CASEY AFFLECK: "No, è stato più facile di quanto pensassi, perché Jessica ha reso tutto molto credibile e si è impegnata moltissimo nelle riprese. Era disposta a fare qualunque cosa per rendere Lou e Joyce credibili e mi ha davvero facilitato le cose".

    Avete provato molto?

    CASEY AFFLECK: "Michael Winterbottom non ama fare molte prove, quindi non ne abbiamo fatte tante. È un regista molto cortese, educato, attento e affronta sempre quegli aspetti di una scena che potrebbero mettere a disagio gli attori. Si assicura che tutti abbiano capito e siano consapevoli della scena che si sta per girare, ma non prova. È andata benissimo così".

    Michael Winterbottom preferisce lavorare con una troupe molto piccola. A lei piacciono i set intimi?

    CASEY AFFLECK: "Dipende dal contesto. Capitano set con tante persone che non sono in alcun modo coinvolte nella scena e la cui presenza fa uno strano effetto, un po' voyeuristico. Ma se ci sono quaranta persone tutte impegnate, non mi da molto fastidio".

    LA REDAZIONE

    Dal >Press-Book< di The Killer Inside Me


     
    1

    <- torna all'elenco delle interviste

    Cattiverie a domicilio

    RECENSIONE - Olivia Colman e Jessie Buckley - di nuovo insieme dopo La figlia oscura, ..

    Ex Machina

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - VINCITORE di 1 Premio OSCAR ai ..

    Cento domeniche

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 18. Festa del Cinema di ..

    Coincidenze d'amore

    Meg Ryan torna alla regia dopo Ithaca (2015) e mantiene anche il ruolo di interprete ..

    Ghostbusters: Minaccia Glaciale

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dall'11 Aprile

    "Quello che ho imparato entrando in questo mondo ..

    Highwaymen - L'ultima imboscata

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Un film drammatico sui Texas Ranger che ..

    Priscilla

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Da Venezia 80.: Coppa Volpi a Cailee Spaeny - ..