ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Cult Killer

    New Entry - Antonio Banderas ed Alice Eve in coppia sulla scia di un thriller ..

    Estranei

    Dal 24 Aprile in streaming su Disney+ - Dalla 21. Festa del Cinema di Roma ..

    The Bikeriders

    New Entry - Il regista, sceneggiatore e soggettista Jeff Nichols ha rivelato che da cinque ..

    Fly Me To The Moon: Le due facce della luna

    New Entry - Una storia d'amore ambientata negli anni Sessanta, durante la corsa allo spazio ..

    Untitled Noah Baumbach

    New Entry - Riprese a Montalcino (Siena) Toscana-Italia (Aprile 2024) ..

    Mothers' Instinct

    New Entry - Jessica Chastain (Gli occhi di Tammy Faye, Zero Dark City, The Help) ..

    Home Page > Ritratti in Celluloide > Registi > Sergio Leone

    Il cinema di Sergio Leone

    Giudizi critici

    Un appassionante unicum nell’intero Novecento cinematografico

    Lino Miccichè: “…il caso di Sergio Leone è unico al mondo: quello di un regista cinematografico, la cui filmografia non vede un solo titolo ambientato nella contemporaneità… e nel proprio paese… i sette lungometraggi la cui regia è firmata da Sergio Leone sono ambientati in un immaginario mondo antico (‘Il colosso di Rodi’), in un immaginario West statunitense (‘Per un pugno di dollari’, ‘Per qualche dollaro in più’, ‘Il buono, il brutto, il cattivo, ’C’era una volta il West’), in un immaginario Messico (‘Giù la testa’), o in un’immaginaria Chicago (‘C’era una volta in America’). Basterebbe questo a rendere il “caso Leone” un appassionante unicum nell’intero Novecento cinematografico, denso di rilevanti questioni critiche, di avvincenti questioni di poetica e di appassionanti questioni teoriche… Campione senza raffronti di un cinema raffinatamente “alessandrino”… il cinema di Leone non si propone mai come metafora del reale, ma come rievocazione metaforica di altre metafore…”.

    Lino Miccichè, in Il buono, il brutto, il cattivo di Sergio Leone (a cura di Angela Prudenzi e Sergio Toffetti), Fondazione Scuola Nazionale di Cinema (Quaderni della Cineteca), Roma 2000, p. 7)

    Un artista che pensava in grande

    Lietta Tornabuoni: “Sergio Leone, unico artista popolare tra i pochi registi italiani famosi nel mondo, era uno che pensava in grande. Non si arrendeva all’angustia, agli espedienti, al localismo e alle ambizioni borghesi spesso tipici del cinema nostro: alla sua vita, al suo personaggio, e al suo modo di lavorare voleva dare una dimensione epica, il senso d’una avventura smisurata e romantica…

    Lietta Tornabuoni, Pensava in grande, “Stampa sera”, 1° maggio 1989

    <- torna alla pagina principale di Sergio Leone

    Cattiverie a domicilio

    Aggiornamenti freschi di giornata! (19 Aprile 2024) - Olivia Colman e Jessie Buckley - ..

    Ex Machina

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - VINCITORE di 1 Premio OSCAR ai ..

    Cento domeniche

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 18. Festa del Cinema di ..

    Coincidenze d'amore

    Meg Ryan torna alla regia dopo Ithaca (2015) e mantiene anche il ruolo di interprete ..

    Ghostbusters: Minaccia Glaciale

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dall'11 Aprile

    "Quello che ho imparato entrando in questo mondo ..

    Highwaymen - L'ultima imboscata

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Un film drammatico sui Texas Ranger che ..

    Priscilla

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Da Venezia 80.: Coppa Volpi a Cailee Spaeny - ..