ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Horizon: An American Saga- Capitolo 1

    Cannes 77. - Fuori Concorso: Anteprima Mondiale domenica 19 Maggio - Ancora alle prese con ..

    The Substance

    Cannes 77. - Un 'Body Horror' per Demi Moore, Dennis Quaid e Margaret Qualley (C’era ..

    The Shrouds

    Cannes 77. In Concorso - Dopo Crimes of the Future (2022) David Cronenberg ingaggia di ..

    Parthenope

    Cannes 77. (Concorso) - Paolo Sorrentino torna nella sua Napoli e porta sul grande schermo ..

    I tradimenti

    Aggiornamenti freschi di giornata! (19 Maggio 2024) -Cannes 77. - Concorso - Jacob Elordi, Richard ..

    Megalopolis

    Aggiornamenti freschi di giornata! (17 Maggio 2024) - Cannes 77. - Concorso - Nel dramma ..

    The Surfer

    Cannes 77. - Midnight Screening - Nicolas Cage surfista perseguitato. ..

    The Idea of You

    Da 2 Maggio su Prime Video - RECENSIONE - E' la storia d'amore di Solène ..

    Official Secrets - Segreto di Stato

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Uscito in Home Video il 18 Novembre 2020 ..

    Home Page > Movies & DVD > The Old Oak

    THE OLD OAK

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal 76. Locarno Film Festival e dal 76. Festival del Cinema di Cannes (16 al 27 Maggio 2023) - Concorso - Kean Loach sempre attento al versante socio-politico ora propone un tema che sembra ai margini di un'area limitata ma che invece ha un orizzonte ben più ampio e stimolante per riflettere - Dal 16 Novembre

    "Ci saranno ribellioni in cui le persone marciano e occupano edifici, ma questa non è una rivoluzione. Una rivoluzione è quando il potere cambia. Sono rare. Abbiamo avuto una rivoluzione nel 17° secolo quando il re e l'aristocrazia, il feudalesimo persero il potere a favore della nuova classe mercantile. Da allora non abbiamo avuto una rivoluzione. Il potere è ancora in mano alla borghesia. La rivoluzione francese fu simile. Il potere non è andato al popolo, il potere è andato di nuovo alla borghesia. Il potere delle corporazioni controllava l'Europa occidentale. La rivoluzione in Russia è stata la classe operaia che ha preso il potere, ma Stalin lo ha distrutto. Ora sono tornati a un capitalismo autoritario. L'unica cosa che sappiamo è che la storia è volatile. Non possiamo sceglierlo. E dato che al momento stiamo distruggendo il pianeta, Dio sa cosa accadrà"
    Il regista Ken Loach

    (The Old Oak; Francia 2023; drammatico; 113'; Produz.: Sixteen Films, Why Not Productions; Distribuz.: Lucky Red)

    Locandina italiana The Old Oak

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis

    Titolo in italiano: The Old Oak

    Titolo in lingua originale: The Old Oak

    Anno di produzione: 2023

    Anno di uscita: 2023

    Regia: Ken Loach

    Sceneggiatura: Paul Laverty

    Soggetto: Preliminaria - Le location del film:

    Il film stato girato nella contea di Durham - nel nord est dell’Inghilterra - proprio come le sue ultime due pellicole Io, Daniel Blake (2016) e Sorry We Missed You (2019)

    Cast: Dave Turner (TJ Ballantyne)
    Ebla Mari (Yara)
    Debbie Honeywood (Tania)
    Reuben Bainbridge (Proprietario dell'elicottero)
    Rob Kirtley (Vicino più anziano)
    Andy Dawson
    Chris Gotts (Jaffa)
    Lloyd Mullings (Amico di Garry)
    Joe Armstrong (Joe)
    Trevor Fox (Charlie)
    Laura Lee Daly (Rosie)
    Neil Leiper (Rocco)
    Col Tait (Eddy)
    Jordan Louis (Garry)
    Abigail Lawson (Michelle)
    Cast completo

    Musica: George Fenton

    Costumi: Jo Slater

    Scenografia: Fergus Clegg

    Fotografia: Robbie Ryan

    Montaggio: Jonathan Morris

    Effetti Speciali: Scott MacIntyre (supervisore)

    Casting: Kahleen Crawford

    Scheda film aggiornata al: 07 Marzo 2024

    Sinossi:

    L'ultimo spazio di ritrovo rimasto per i lavoratori di un comunità mineraria, un tempo florida ma oggi in dismissione dopo trent'anni di crisi. La situazione cambia quando arriva sul posto un gruppo di rifugiati siriani...

    La storia è incentrata su un villaggio del nord-est dell'Inghilterra. Dato che le miniere del paesino sono state chiuse, le persone, in particolare i giovani, stanno abbandonando la terra. È così che quella che un tempo era una fiorente comunità, si ritrova piena di rabbia, risentimento e senza un briciolo di speranza per il futuro.
    Le case tornano disponibili e a un prezzo economico, offrendo un posto sicuro ai rifugiati siriani giunti in Gran Bretagna negli ultimi anni. Ma come saranno accolti i siriani dalla gente del posto? E cosa ne sarà di 'The Old Oak', l'ultimo pub del villaggio?

    Short Synopsis:

    The future for the last remaining pub, The Old Oak in a village of the Northeast England, where people are leaving the land as the mines are closed. Houses are cheap and available thus making it an ideal location for the Syrian refugees

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    “Quando mangi insieme, resti insieme”

    Le conversazioni in sottofondo sui titoli di testa sono quelle del pub in un villaggio del Nord dell’Inghilterra: il The Old Oak del titolo, appunto, luogo di ritrovo che ha visto giorni migliori quando la miniera locale era attiva e l’economia viaggiava dunque su quei binari che approdano a destinazione sicura, o almeno vivibile. Loach entra subito nel vivo della questione con l’arrivo del bus di rifugiati siriani e della orribile accoglienza di alcuni abitanti del posto, erosi dalla frustrazione, per le case del Paese svendute ad una Società di Cipro, e per la loro misera condizione economica che li scopre in difficoltà. Tutti, a vario titolo, chi più chi meno, si trovano a disagio e vedono l’arrivo dei profughi come il fumo negli occhi. E’ chiaramente gente che ha sofferto, piena di amarezza e rimpianti. Così, rappresentano un problema anche quelle semplici istantanee scattate dalla

    giovane siriana Yara (Ebla Mari), con la macchina fotografica, con cui, come scopriremo più avanti, ha un legame affettivo speciale, perché regalatale dal padre, detenuto in una prigione in Siria: più tardi sapremo che era un sarto il cui unico delitto è stato quello di cercare il fratello, motivo valevole per essere catturato da una milizia civile finanziata dal regime. Già all’altezza dell’arrivo che riceve la pessima accoglienza, Ken Loach svela la sua chiave di lettura per questa storia, raccolta e raccontata in ‘presa diretta’, come attesta la carrellata di scatti in bianco e nero che scorrono davanti ai nostri occhi nella soggettiva della giovane siriana.

    “Se non ti aspetti niente non avrai niente”

    La storia si avvia dunque all’ombra del contrasto, del livore e della negazione, al punto da sfociare in una piccola aggressione sufficiente a far cadere la macchina fotografica e a danneggiarla. L’unica persona con cui Yara/Mari può

    stabilire un contatto basato sulla comprensione solidale è il detentore storico di quel pub locale, la cui vetrina fatiscente, con la lettera K di Oak dell’insegna che non ne vuol più sapere di stare dritta: ed è il TJ Ballantyne di Dave Turner, quel che si dice, un illuminato primo protagonismo nel film. E’ a lui che lo storico sceneggiatore di Ken Loach, Paul Laverty, mette in bocca i monologhi più veraci: mediatore nelle aspre critiche sociali, nel giudizio dei vizi di forma comportamentali dei compaesani, ben poco accomodanti e particolarmente vigili sulla sua accoglienza di coloro che loro chiamano con il dispregiativo appellativo di ‘beduini’. Monologhi che si ergono a faro di luce in mezzo a tante ombre, per la comprensione anche dello stesso modo di essere di TJ, radicato nei suoi ammaccati trascorsi esistenziali. Una persona a sua volta ferita, cui è stato portato via tutto, anche per

    sua stessa ammessa colpa, e di lì a poco, anche di quella cagnetta, Marra, simbolo elettivo di redenzione e di salvezza. Un’umanità ruspante in cui si specchiano sofferenze diverse, per le quali, com’è ben noto, si tende a guardare sempre in basso per trovare il capro espiatorio.

    "Non è beneficenza, è solidarietà, siamo noi che facciamo qualcosa insieme"

    Una storia emblematica, esemplare, che nella prima parte appare quasi tiepida, fatta eccezione per l’aggressività di alcuni paesani che passano il loro tempo a criticare e a bere pinte di birra nel pub, alimentati da pura frustrazione in cerca di una rivalsa nutrita da una cattiveria fittizia, destinata d’altra parte a dissolversi come nebbia sullo spiazzante finale. Un finale di quelli che non si dimenticano, e che fanno riflettere parecchio, tra inevitabili lacrime di commozione. Non manca niente in questo delicato e possente The Old Oak di Ken Loach, neppure il bullismo tra ragazzi,

    ancor peggio dei genitori, ma anche la gentilezza e il senso di rispetto e di accoglienza condivisa dalla famiglia siriana di Yara, a braccetto con la disponibilità ad aiutare di TJ/Turner, per quanto la sua stessa indigenza non gli abbia consentito di mantenere attiva la sala attigua al suo pub, diventata oggetto di contesa per la sua riesumazione: mensa per i bisognosi del paese e dei profughi siriani o riunioni degli abitanti per fare qualcosa per il paese in decadimento e per mettere dei paletti, nuove regole, tra loro e i nuovi arrivati? “Non va bene per noi ma va bene per loro… Sei un povero fallito” sbottano alcuni nel pub contro Tj, criticando la sua disponibilità a riabilitarla per semplice aiuto disinteressato.

    “Quando il mondo guarda e non muove un dito”

    Un decadimento che d’altra parte non ha toccato la magnificenza dell’arte antica nordica della Cattedrale: è una delle considerazioni più

    toccanti quella di Yara al riguardo, colpita da tanta bellezza, frutto di tanto sudore ed illuminata intelligenza. Quando afferma che i suoi figli non vedranno mai un monumento del genere che nel suo Paese è stato raso a suolo dallo Stato Islamico, è un passaggio forte. Ben sappiamo che il colpo mortale è quello che annienta la cultura e l’arte di un popolo prima che del popolo stesso. Questo passaggio, insieme a quella sorta di diaporama fotografico, ancora rigorosamente in bianco e nero, accompagnato, sempre in presa diretta, dalla chitarra, sostengono la comunione di lingue e tradizioni diverse rese comprensibili dal veicolo artistico, verace di un’umanità autentica, perché sorpresa dallo scatto fotografico: nelle azioni quotidiane o nei propri pensieri, proprio quando non c’è alcuno scudo di difesa né barriera consapevole. E’ l’umanità più sincera con cui ci troviamo a dover fare i conti. E Ken Loach, ben lungi dalla pretesa

    a dare risposte, ci tiene a mettere almeno il dito nella piaga, come è del resto sua consuetudine, e a far crollare ogni briciolo di vergognosa, oltre che inutile, resistenza: perché ci pone di fronte a quelle incontrovertibili realtà che accomunano etnie diverse, sotto il tetto delle stesse sofferenze. Ed ecco che allora, di fronte alla morte, uguale per tutti, decade anche il più infinitesimale frammento di rifiuto, e ci sente improvvisamente parte di un’unica umanità.

    Perle di sceneggiatura

    Bambino: Perché gli arriva tutta quella roba?
    TJ Ballantyne (Dave Turner): Hanno perso tutto, fuggono dalla guerra.

    Yara (Ebla Mari): Grazie per la sua gentilezza al nostro arrivo. L'ho apprezzata molto! Mi chiamo Yara, piacere. Il suo nome?
    TJ Ballantyne: Tommy Joe Ballantyne!

    Yara: Quando ero piccola, volevo fare la fotografa e girare il mondo.

    Yara: Quando mangi insieme, resti insieme.
    TJ Ballantyne: Me lo diceva mia madre.

    TJ Ballantyne: Non è beneficenza, è solidarietà, siamo noi che facciamo qualcosa insieme.

    Links:

    • Ken Loach (Regista)

    1 | 2

    Galleria Video:

    The Old Oak - trailer ufficiale

    The Old Oak - trailer ufficiale (V.O.)

    The Old Oak - clip 'La bicicletta'

    The Old Oak - clip 'I commenti al pub'

    The Old Oak - clip 'È solidarietà'

    The Old Oak - clip 'Non sono razzista'

    The Old Oak - featurette 'Ken Loach dialoga con gli spettatori italiani' (sub ITA)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Sotto accusa

    'Celluloid Portraits Vintage' - Jodie Foster e Kelly McGillis Retrò - RECENSIONE - VINCITORE ..

    Eileen

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dalla 18. Festa del Cinema di Roma (18-29 Ottobre 2023) ..

    L'esorcismo - Ultimo atto

    Horror su un esorcismo interpretato da Russell Crowe e Sam Worthington - Dal 30 Maggio ..

    The Penitent

    Da Venezia 80. - Di nuovo insieme Luca Barbareschi e David Mamet con un film ..

    Il regno del pianeta delle scimmie

    Dal'8 Maggio - Recommended Reviews - Il regista Wes Ball (trilogia di Maze Runner) dà ..

    Mothers' Instinct

    Dal 9 Maggio - Jessica Chastain (Gli occhi di Tammy Faye, Zero Dark City, The ..

    The Fall Guy

    RECENSIONE - (il 26 Aprile l'Anteprima Nazionale) - Dal 1° Maggio - Nella storia di ..