ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Forrest Gump

    Cinema sotto le stelle - Estate 2024 - Il MIC di Milano celebra il 30° ..

    Cult Killer

    Aggiornamenti freschi di giornata! (4 Giugno 2024) - In Anteprima al Filming Italy Sardegna Festival ..

    The Bikeriders

    Il regista, sceneggiatore e soggettista Jeff Nichols ha rivelato che da cinque anni pensava di ..

    The Great Escaper

    Michael Caine al centro di una vicenda ispirata ad una storia vera per Oliver Parker ..

    Firebrand

    Alicia Vikander e Jude Law in un dramma storico alla corte dei Tudor, primo film ..

    Shoshana

    Dal 48. Toronto International Film Festival (7-17 Settembre 2023) - sezione 'Special Presentations' - ..

    Hit Man-Killer per caso

    Designato 'Film della Critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani – SNCCI' - 80 Mostra ..

    Home Page > Movies & DVD > Jeanne du Barry - La Favorita del Re

    JEANNE DU BARRY - LA FAVORITA DEL RE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal 76. Festival del Cinema di Cannes (16 al 27 Maggio 2023) - film di Apertura in Anteprima Mondiale - Johnny Depp veste i baroccheggianti panni di Re Luigi XV diretto da Maïwenn anche interprete protagonista con lo stesso personaggio che dà il titolo al film, vale a dire la favorita cortigiana - Dal 30 Agosto

    "Questo film è accademico e classico e sorprenderà i critici per il suo classicismo... Ho sempre fantasticato di realizzare un dramma in costume un giorno, ma è stata la scoperta di Jeanne du Barry, in quel film (Marie Antoinette di Sofia Coppola, del 2006) interpretata da Asia Argento, che mi ha completamente ossessionato"
    La regista e attrice Maïwenn

    (Jeanne du Barry; FRANCIA 2022; Drammatico; 113'; Produz.: Why Not Productions; Distribuz.: Notorious Pictures)

    Locandina italiana Jeanne du Barry - La Favorita del Re

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis

    Titolo in italiano: Jeanne du Barry - La Favorita del Re

    Titolo in lingua originale: Jeanne du Barry

    Anno di produzione: 2022

    Anno di uscita: 2023

    Regia: Maïwenn

    Sceneggiatura: Teddy Lussi-Modeste, Maïwenn

    Soggetto: Preliminaria - Chi era Jeanne du Barry:

    Jeanne du Barry è stata l'ultima amante di Luigi XV alla corte di Versailles, dopo Madame de Pompadour. Nata in povertà, la Du Barry è una giovane donna della classe operaia affamata di cultura e piacere che usa la sua intelligenza e il suo fascino per scalare uno dopo l'altro i gradini della scala sociale. Diventa la compagna preferita di Luigi XV che riacquista il suo appetito per la vita grazie alla loro relazione. I due si innamorano perdutamente. Contro ogni decoro ed etichetta, Jeanne si trasferisce a Versailles, dove il suo arrivo scandalizza la corte. Luigi XV morì nel 1774 e Madame du Barry fu costretta a ritirarsi in convento. Fu così che Maria Antonietta cominciò a regnare incontrastata in Francia.

    Cast: Maïwenn (Jeanne du Barry)
    Johnny Depp (Luigi XV)
    Benjamin Lavernhe (Jean-Benjamin de La Borde)
    Pierre Richard (Duca di Richelieu)
    Melvil Poupaud (Conte du Barry)
    Pascal Greggory (Duca d'Aiguillon)
    India Hair (Adélaïde)
    Suzanne de Baecque (Victoire)
    Capucine Valmary (Louise)
    Diego Le Fur (Il Delfino)
    Pauline Pollmann (Maria-Antonietta)
    Micha Lescot (Mercy)
    Noémie Lvovsky (Contessa de Noailles)
    Laura Le Velly (Sophie)

    Musica: Stephen Warbeck

    Costumi: Jürgen Doering

    Scenografia: Angelo Zamparutti

    Fotografia: Laurent Dailland

    Montaggio: Laure Gardette

    Casting: Sarah Teper, Elise Vogel

    Scheda film aggiornata al: 12 Novembre 2023

    Sinossi:

    In breve:

    La vita di Jeanne Bécu, che nacque come figlia illegittima di una sarta poverissima nel 1743 e salì alla corte di Luigi XV fino a diventare la sua ultima amante ufficiale.

    In altre parole:

    Il film racconta la vita, l'ascesa e la caduta della favorita di re Luigi XV.

    Jeanne Vaubernier, una giovane donna della classe operaia affamata di cultura e piacere, usa la sua intelligenza e il suo fascino per salire uno dopo l'altro i gradini della scala sociale. Diventa la favorita del re Luigi XV che, ignaro del suo status di cortigiana, riacquista attraverso di lei il suo appetito per la vita. I due si innamorano perdutamente e contro ogni decoro ed etichetta, Jeanne si trasferisce a Versailles, dove il suo arrivo scandalizza la corte...

    Short Synopsis:

    The life of Jeanne Bécu who was born as the illegitimate daughter of an impoverished seamstress in 1743 and went on to rise through the Court of Louis XV to become his last official mistress.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Se dovessimo scegliere un solo aggettivo per definire questa pellicola, liberamente ispirata ad un scorcio di Storia senza la pretesa né lo scrupolo di inchinarsi al rigore storico, sarebbe ‘autoreferenziale’. E pare del resto una sorta di vizio di forma quello della regista e attrice francese Maïwenn, che qui si prende il ruolo della prima protagonista del titolo, Jeanne du Barry, l’unica un po' più disinvolta e disinibita, essendo di natali plebei, di contro al protocollo regale con tutta l’aggravante dell’epoca. Luigi XV di Borbone, detto il Beneamato, è stato re di Francia dal 1715 fino alla sua morte, avvenuta nel 1774. Lo scenario è dunque quello della reggia di Versailles, dove opulenza, usi e costumi e, perfino l’Arte, erano più vicini al ‘grottesco’ che al buon gusto. Là dove l’ostentazione e l’ipocrisia regnavano sovrani, ospitando arrampicatori sociali e manipolatori ad ogni angolo, non dimenticando l’asservimento di facciata con tanto

    di reiterato inchino. Tanto da sorprendere la giovane Jeanne: “Tutti i giorni è così? Le stesse persone che chiedono le stesse cose?”

    Non occorreva forse scomodarsi ad ingaggiare la voce fuori campo per raccontare le origini di questa Jeanne du Barry, figlia illegittima di un monaco e di una cuoca, che ha sovvertito il proprio destino, altrimenti segnato a vivere nell’ombra del popolino, della plebe, come una ragazza qualunque, se non fosse entrata nelle grazie del Re Luigi XV, per il quale si è chiamato in causa un imbolsito ed ingessato Johnny Depp, caricato di trucco e parrucco, per il trionfo assoluto del belletto a go-go, sull’umanità del personaggio. Insomma, Jeanne du Barry odora di cipria a quintali, tanto quanto di cattiveria pure ostentata - le figlie del Re sembrano degne eredi delle sorellastre di Cenerentola - oltre che di inchini ridicolizzati - e qui fa ben di meglio il sublime

    The Queen di Stephen Frears - e della irrinunciabile pratica, ben poco regale, più del vizio che della virtù. L’infedeltà del Re, cui piaceva sollazzarsi con altre amanti, purché non troppo conosciute, relega ben presto invece Jeanne, fatta Contessa da una collana, al rango di ‘favorita’ e niente di più: “Voi non mi amate, vi eccito perché non mi conoscete”. Niente di nuovo sul fronte: taluni detentori di potere maschi di oggi devono aver imparato molto da Re Luigi XV. Ma dopo l’iniziale sorpresa, amara, nello scoprire il lato oscuro di chi le aveva professato amore, anche Jeanne ci fa il callo, non intendendo rinunciare ai privilegi, altrimenti impensabili. Con buona pace del proto femminismo, abbandonato sul nascere!

    Alla lunga i rituali, gli agghindamenti, gli intrighi di palazzo, i rigetti del ‘politically incorrect’, annoiano non poco, e l’ostentazione di se stessi sfruttando il personaggio in un sostanziale ‘one woman show’, assume

    ben presto le note di una sinfonia asfissiante. Per prendere fiato si deve tornare alle prime battute del film dove un pittore ritrae una bambina (peraltro estremamente somigliante a Maïwenn) in aperta campagna. La prima goccia di un’istillazione culturale, l’unica in grado di elevare veramente di rango la piccola Jeanne, istruita poi da un personaggio di corte finché non raggiunge l’età adulta, quando preferisce accelerare in altro modo la sua scalata sociale. Perciò, di contro a superbe scenografie, costumi e trucchi ad arte, di matrice ‘rococo’ - e non poteva essere altrimenti - l’unica eccellenza nel Jeanne du Barry di Maïwenn sembrerebbe annidarsi nell’aspirazione ad acculturarsi iniziale più che nell’apparire dominante successivo, ben poco ispirato e ben più codificato. Ovvio che l’ambizione ad affermarsi per quello che non potrà mai essere si infrangerà sugli scogli del rifiuto social-regale. Ne esce un ritratto d’epoca in cui, l’embrionale ‘rivendicazione’ al femminile viene

    di fatto rivendicata, ovviamente come ‘proprietà altrui’ al maschile, e asservita alla condizione di nobile zerbino o trastullo che dir si voglia. Alla fine, nulla di originale, nella sostanza, così come nella forma!

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di JEANNE DU BARRY - LA FAVORITA DEL RE

    Links:

    • Maïwenn (Regista)

    • Maïwenn

    • Johnny Depp

    • Jeanne du Barry - La Favorita del Re (BLU-RAY + DVD)

    1| 2

    Galleria Video:

    Jeanne du Barry-La Favorita del Re - trailer ufficiale

    Jeanne du Barry-La Favorita del Re - trailer ufficiale (V.O.) - Jeanne du Barry

    Jeanne du Barry-La Favorita del Re - trailer ufficiale (sub ENG) - Jeanne du Barry

    Jeanne du Barry-La Favorita del Re - clip

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Rapimento e riscatto

    'Celluloid Portraits Vintage' - Russell Crowe e Meg Ryan Retrò - in TV MER.5 ..

    L'esorcismo - Ultimo atto

    Horror su un esorcismo interpretato da Russell Crowe e Sam Worthington - Dal 30 Maggio ..

    Eileen

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dalla 18. Festa del Cinema di Roma (18-29 Ottobre 2023) ..

    The Penitent

    Da Venezia 80. - Di nuovo insieme Luca Barbareschi e David Mamet con un film ..

    The Fall Guy

    RECENSIONE - (il 26 Aprile l'Anteprima Nazionale) - Dal 1° Maggio - Nella storia di ..

    Finalmente l'alba

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Da Venezia 80. - Dal 14 ..

    Cento domeniche

    Cinema sotto le stelle - Estate 2024 - RECENSIONE - Dalla 18. Festa ..