ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Parthenope

    Cannes 77. (Concorso) - Paolo Sorrentino torna nella sua Napoli e porta sul grande schermo ..

    Horizon: An American Saga- Capitolo 1

    Cannes 77. - Fuori Concorso: Anteprima Mondiale domenica 19 Maggio - Ancora alle prese con ..

    The Substance

    Cannes 77. - Un 'Body Horror' per Demi Moore, Dennis Quaid e Margaret Qualley (C’era ..

    The Shrouds

    Cannes 77. In Concorso - Dopo Crimes of the Future (2022) David Cronenberg ingaggia di ..

    I tradimenti

    Aggiornamenti freschi di giornata! (19 Maggio 2024) -Cannes 77. - Concorso - Jacob Elordi, Richard ..

    Megalopolis

    Aggiornamenti freschi di giornata! (17 Maggio 2024) - Cannes 77. - Concorso - Nel dramma ..

    The Surfer

    Cannes 77. - Midnight Screening - Nicolas Cage surfista perseguitato. ..

    The Idea of You

    Da 2 Maggio su Prime Video - RECENSIONE - E' la storia d'amore di Solène ..

    Official Secrets - Segreto di Stato

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Uscito in Home Video il 18 Novembre 2020 ..

    Home Page > Movies & DVD > Wonder: White Bird

    WONDER: WHITE BIRD

    RECENSIONE - La magia di Wonder torna ad emozionarci con un nuovo capitolo tratto dalla graphic novel di R. J. Palacio, tradotto sul grande schermo da Marc Foster: Helen Mirren è la protagonista di un'interessante storia della propria infanzia che racconta al nipote - Dal 4 Gennaio

    (White Bird: A Wonder Story; USA 2022; Biopic drammatico di guerra; 122'; Produz.: Lionsgate, Mandeville Films, Participant, Stillking Films; Distribuz.: Notorious Pictures)

    Locandina italiana Wonder: White Bird

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis

    Titolo in italiano: Wonder: White Bird

    Titolo in lingua originale: White Bird: A Wonder Story

    Anno di produzione: 2022

    Anno di uscita: 2024

    Regia: Marc Forster

    Sceneggiatura: Mark Bomback

    Soggetto: Tratto dal romanzo A Wonder Story - Il libro di Julian di R.J. Palacio, il film è uno spin-off dell'acclamatissimo Wonder (2017).

    Cast: Gillian Anderson (Vivienne)
    Helen Mirren (Sara)
    Bryce Gheisar (Julian)
    Ariella Glaser (Sara da giovane)
    Orlando Schwerdt (Julien)
    Patsy Ferran (M.lle Petitjean)
    Olivia Ross (Rose)
    Nadine Leon Gobet (Robyn)
    John Bubniak (Gendarme Marc)
    Stuart McQuarrie (Pastore Luc)
    Ishai Golan (Max)
    Jim High (Comandante militare)
    Philip Lenkowsky (Rabbino Bernstein)
    Simon Mestdagh (Ufficiale Milice)
    Jem Matthews (Vincent)
    Cast completo

    Musica: Thomas Newman

    Costumi: Jenny Beavan

    Scenografia: Jennifer Williams

    Fotografia: Matthias Koenigswieser

    Montaggio: Matt Chesse

    Effetti Speciali: Jirí Vater (supervisore)

    Casting: Kate Dowd; Maya Kvetny (Repubblica Ceca)

    Scheda film aggiornata al: 22 Gennaio 2024

    Sinossi:

    In breve:

    Dopo gli eventi di Wonder, il bullo Julian è stato espulso dalla scuola e cerca di ambientarsi nel nuovo istituto. Sentendolo in difficoltà, la nonna lo sorprende, gli fa visita da Parigi e gli racconta la storia della sua infanzia. Di come lei, giovane ragazza ebrea nella Francia occupata dai nazisti, fu nascosta e protetta da un compagno di classe. Di come la sensibilità e il coraggio di questo ragazzo le abbiano salvato la vita. Di quanto può essere forte il potere della gentilezza.

    In altre parole:

    Si racconta la storia di Julian (Bryce Gheisar), un bambino un po' arrogante, che a scuola ha la fama di essere un bullo, tanto da prendere di mira chiunque veda come "diverso". A causa di questo suo carattere, il ragazzo viene anche sospeso da scuola.
    L'estate dopo questa esperienza, Julian trascorre le vacanze a Parigi dalla nonna (Helen Mirren), che durante un caldo pomeriggio gli racconta una storia: come da ragazza sia riuscita a scappare ai nazisti nel corso della Seconda guerra mondiale. La nonna era una giovane ebrea, che viveva nella Francia occupata dalle truppe di Hitler. Ad aiutarla a salvarsi è stato un suo coetaneo, un giovane di nome Julian, proprio come suo nipote, che, nonostante soffrisse di deformità alle gambe, è riuscito a compiere un gesto che lo ha reso un vero eroe.

    Short Synopsis:

    A young Jewish girl hidden away by a boy and his family in Nazi-occupied France during World War II.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Ed ecco che dal passato spunta un’altra ‘lezione di vita’ all’indirizzo delle nuove generazioni. L’ispirazione giunge ancora una volta dalla graphic novel di R. J. Palacio, come già per il precedente Wonder di Stephen Chbosky, con Jiulia Roberts ed Owen Wilson tra gli altri. Questa volta però, per lo spin-off Wonder: White Bird, della regia si sobbarca Marc Forster (Neverland-Un sogno per la vita, Vero come la finzione, Il cacciatore di aquiloni, Ritorno al bosco dei 100 acri, Non così vicino) che di affreschi narrativi di formazione se ne intende. I toni sono quelli elementari, impartiti da un’insegnane ai propri giovani allievi e, nel caso specifico, di una nonna (la Sara di Helen Mirren) sopraggiunta all’improvviso dalla Francia, sorprendendo suo nipote Julian (Bryce Gheisar).

    Dietro un amorevole ammonimento, la sua lezione di vita arriva presto, ed è del tutto personale e molto sentita, un qualcosa di cui di solito non ama

    parlare e, strada facendo, si capisce bene perché.

    Sara/Mirren: “Raccontami di questa nuova scuola”
    Julian (Gheisar): “Cerco di ambientarmi, ci provo da quando ho lasciato la mia vecchia scuola”
    Sara/Mirren: “Julian, tu non hai lasciato al tua vecchia scuola, sei stato espulso. Sei stato crudele con un altro bambino”

    E’ da questo punto in poi, dopo un preambolo poco idilliaco per Julian/Gheisar nella nuova scuola, che ci si avventura nel ‘racconto della memoria a scopo didattico’: ed è come inglobare una capsula del tempo che ci riporta all’epoca della giovinezza di nonna Sara, tanto carismatica quanto può esserlo la sua interprete Helen Mirren, più presente in voce fuori campo che fisicamente. L’efficacia sortisce ugualmente il suo effetto, anche se i giovani attori in campo - Ariella Glaser per la giovane Sara e Orlando Schwerdt per il poliomielitico Julien - sono deboli ombre rispetto alla reale portata di Helen Mirren.
    Così, i fatti storici

    si mischiano a quell’elemento ‘magico’ surreale che fa quasi parabola biblica. E se questo è ovvio per il ‘white bird’, l’uccello bianco che poi è molto prossimo ad una colomba, elettivo simbolo di pace e protezione di per sé, lo è ancor di più per la sequenza dello studente tradotto in nazista dal sistema, a tu per tu con i lupi che, sopraggiunti in branco come per incanto, lo fanno desistere dallo sparare alla giovane Sara (Ariella Glaser) in fuga nel bosco. Così il simbolismo di Cappuccetto rosso si mischia con la Storia, ma la lezione arriva, attraversando dramma e melodramma, come ci si può ben immaginare, all’ombra di un’epoca come quella dell’autunno del 1942, in Francia.

    Al di là del già visto e assimilato dalla miriade di storie a grappolo che il cinema ci ha variamente illustrato su più livelli sul genere, questo piccolo racconto si appunta sul fattore speculare

    tra passato e presente: il primo suggerisce al secondo di non sottovalutare, e soprattutto, di rispettare, la ‘diversità’ che, in questo caso, si rivela paradossalmente una insperata ancora di salvezza. E dal ‘bullismo’ declinato a scherno del diverso - qualunque sia la forma - alla crudeltà, il passo è breve. Questa volta ce lo insegna Sara/Mirren con la storia della sua giovinezza, a cui è sopravvissuta negli anni più bui, quando persino i compagni di scuola potevano trasformarsi in bieche spie e speciali persecutori ingaggiati straordinariamente dal sistema - nazista, nel caso specifico - e quando la ‘gentilezza’ poteva arrivarti da qualcuno di cui non avevi neppure mai saputo il nome, malgrado ti sedesse accanto.

    “Non sapevo nemmeno il suo nome, ma avevamo in comune una cosa fondamentale: avevamo visto entrambi di quanto odio sono capaci le persone e quanto coraggio ci voleva per essere gentili”.

    Bullizzato a scuola dai compagni perché

    con le stampelle, il poliomielitico Julien/Schwerdt si mostrerà l’unica persona di coraggio e di animo nobile, tra i coetanei, di tutta la scuola, quando per gli ebrei, e dunque per Sara/Glaser, si stava mettendo male. Ma c’è un’altra cosa che dal nascondiglio del fienile di casa dei genitori di Julien - la madre è la Vivienne di Gillian Anderson - riesce a far sopravvivere la giovane Sara: ed è l’immaginazione. Immaginazione applicata sui disegni, ma anche quella innescata salendo su un’auto ferma per visitare varie città nel mondo con gli occhi della mente. Perché “Il mondo della realtà ha i suoi limiti, quello dell'immaginazione non conosce confini”. Così come l’Arte, che indirettamente Marc Forster inserisce nel suo film, non dimenticando il cinema stesso e l’intramontabile Charlie Chaplin.

    Così, il sostegno di Julien per Sara ha significato scartare da quella sottile linea rossa che demarca il confine tra la vita e la

    morte. E Sara/Mirren questo non l’ha mai dimenticato: “Puoi dimenticare tante cose nella vita, ma non dimenticare mai la gentilezza, come l'amore farà parte di te per sempre”. Gli occhi lucidi del nipote Julian alla fine del racconto e il cambio di rotta nel suo comportamento, non lasciano dubbi sul buon esito di quella lezione! Una lezione che riecheggia come esemplare per tutti, per quanto semplice e lineare sia: quasi quanto una fiaba per bambini.

    Perle di sceneggiatura

    So di non essere un normale bambino di 10 anni, ma in fondo forse è proprio questo il punto: nessuno è normale!

    Raccontami di questa nuova scuola.
    Cerco di ambientarmi, ci provo da quando ho lasciato la mia vecchia scuola.
    Julian, tu non hai lasciato al tua vecchia scuola, sei stato espulso. Sei stato crudele con un altro bambino.

    Non sapevo nemmeno il suo nome, ma avevamo in comune una cosa fondamentale: avevamo visto entrambi di quanto odio sono capaci le persone e quanto coraggio ci voleva per essere gentili.

    Il mondo della realtà ha i suoi limiti, quello dell'immaginazione non conosce confini.

    Puoi dimenticare tante cose nella vita, ma non dimenticare mai la gentilezza, come l'amore farà parte di te per sempre.

    Links:

    • Marc Forster (Regista)

    • Helen Mirren

    • Gillian Anderson

    1 | 2

    Galleria Video:

    Wonder: White Bird - trailer ufficiale

    Wonder: White Bird - trailer ufficiale (V.O.) - White Bird: A Wonder Story

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Sotto accusa

    'Celluloid Portraits Vintage' - Jodie Foster e Kelly McGillis Retrò - RECENSIONE - VINCITORE ..

    Eileen

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dalla 18. Festa del Cinema di Roma (18-29 Ottobre 2023) ..

    L'esorcismo - Ultimo atto

    Horror su un esorcismo interpretato da Russell Crowe e Sam Worthington - Dal 30 Maggio ..

    The Penitent

    Da Venezia 80. - Di nuovo insieme Luca Barbareschi e David Mamet con un film ..

    Il regno del pianeta delle scimmie

    Dal'8 Maggio - Recommended Reviews - Il regista Wes Ball (trilogia di Maze Runner) dà ..

    Mothers' Instinct

    Dal 9 Maggio - Jessica Chastain (Gli occhi di Tammy Faye, Zero Dark City, The ..

    The Fall Guy

    RECENSIONE - (il 26 Aprile l'Anteprima Nazionale) - Dal 1° Maggio - Nella storia di ..