ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Voyagers

    VOYAGERS

    New Entry .... [continua]

    Frammenti dal passato-Reminiscence

    FRAMMENTI DAL PASSATO-REMINISCENCE

    New Entry - Un thriller Sci-Fi come debutto alla regia di Lisa Joy (cognata .... [continua]

    No Sudden Move

    NO SUDDEN MOVE

    New Entry - USA: Dal 1° Luglio .... [continua]

    Eternals

    ETERNALS

    New Entry - Angelina Jolie e Salma Hayek tra gli altri 'eroi', nel nuovo .... [continua]

    Mothering Sunday

    MOTHERING SUNDAY

    New Entry - In anteprima mondiale a Cannes 2021 .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Honey Boy

    HONEY BOY

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Premiato al Sundance Film Festival 2019 - Film autobiografico, scritto da Shia LaBeouf sotto pseudonimo 'Otis Lort' (nome composto tedesco-danese traducibile come "ricco stronzo") durante un periodo trascorso in clinica per disintossicarsi dall'alcool - RECENSIONE

    "È un ragazzo che è controllato dagli altri. Non vuole altro che tagliare i fili della marionetta ed essere un vero ragazzo, ma continua a mentire, il che fa sì che il suo naso diventi sempre più lungo agli occhi di tutti. Pinocchio può diventare un ragazzo vero solo se si dimostra ‘coraggioso, sincero e altruista’. Alla fine, il suo desiderio di provvedere a suo padre e il dedicarsi a incarnare quelle caratteristiche lo trasformano in un vero ragazzo... I suoi sbagli non sono mai stati nascosti. Tutto era lì perché il mondo potesse vedere e giudicare. Ascoltare alcune storie su ciò che gli è accaduto durante la sua infanzia e sul fatto che abbia provveduto al proprio padre, mi ha permesso di capire quanto straordinari siano i suoi sforzi per riprendersi la propria vita e diventare l'uomo che vuole essere... L'idea di entrare nel proprio trauma e interpretare il proprio padre come forma di terapia, era qualcosa di molto vicino al mio cuore. Il film che abbiamo realizzato insieme prima di questo, 'LoveTrue', parlava del recitare i propri ricordi e traumi attraverso delle performance terapeutiche. In quel film, le persone recitavano scene con i loro io più giovani, chi interpreta il padre, recita al fianco di un altro attore che interpreta il suo io più giovane. È abbastanza spirituale ma abbiamo voluto che fosse anche emotivo e molto reale... È semplicemente venuto fuori da lui. Ha lottato con quel personaggio perché voleva dargli il rispetto e l'onore che meritava, oltre a comprendere e perdonare suo padre. Shia ha avuto più difficoltà a scrivere Otis, in parte perché non voleva creare un ritratto lusinghiero di se stesso. Ma anche perché era difficile per lui provare empatia per il piccolo Otis. All'epoca era così giovane, ma non si vedeva come un bambino. Si sentiva già adulto, cosa che penso non sia insolita per i figli dei tossicodipendenti. Si è concentrato sul catturare quell’implicita attesa dell’età adulta che aveva plasmato la sua vita. Ha rivelato la vergogna e le violenze che aveva vissuto e la difficile relazione di amore-odio che aveva con suo padre".
    La regista Alma Har'el

    (Honey Boy ; USA 2019; Drammatico; 95'; Produz.: Automatik, Delirio Films, Kindred Spirit, Stay Gold Features; Distribuz.: Adler Entertainment)

    Locandina italiana Honey Boy

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: Honey Boy

    Titolo in lingua originale: Honey Boy

    Anno di produzione: 2019

    Anno di uscita: 2020

    Regia: Alma Har'el

    Sceneggiatura: Shia LaBeouf

    Soggetto: Honey Boy sarebbe ispirato alla storia del tormentato rapporto di Shia LaBeouf con il padre Jeffrey, tossico e alcolizzato: "Tutto lo schifo della mia vita - ha detto l'attore in un'intervista - viene da là, viene da lui".

    Preliminaria - Dalla vita al cinema:

    Artista di strada a San Francisco, il padre di Shia LaBeouf, Jeffrey, era entrato in crisi dopo il servizio militare in Vietnam, da cui era tornato gravemente dipendente dall'eroina. Disintossicatosi, e riciclatosi come insegnate di karate in una scuola cattolica, l'uomo aveva conosciuto per caso la madre di Shia, Shayna, un'ambulante. La coppia si era trasferita quasi subito in un appartamento a Echo Park, dove i due hanno cominciato a lavorare insieme nel teatro di strada, mantenendosi vendendo hot dog. "Quando i miei genitori condividevano un atto creativo, si amavano. Appena smettevano era la fine".

    Quando Shia ha compiuto tre anni i genitori si sono separati. A nove anni lui e la madre sono stati sbattuti fuori casa, costretti a riparare a Tujunga, nella San Ferdinando Valley, in una zona molto malfamata. È qui che Shia, una sera, assiste allo stupro di sua madre. Non può far niente, è paralizzato dal terrore. Quando la donna va a sporgere denuncia contro ignoti, lui è con lei. A dieci anni decide di fare l'attore, cerca un agente sulle pagine gialle e nel 2000, a 13 anni, entra nel cast di Even Stevens. Suo padre Jeffrey, ripulito, è il suo agente: "honey boy" è il nomignolo con cui chiama il figlio.

    Preliminaria - Shia Labeouf si racconta... e lo mette per scritto:

    L'attore, produttore e ora sceneggiatore Shia LaBeouf è cresciuto sotto i riflettori, diventando un attore professionista all’età di 10 anni e una star televisiva a 14 anni nella sitcom di successo di Disney Channel Even Stevens. All’età di 20 anni, LaBeouf era già uno dei giovani attori più ricercati di Hollywood, con un curriculum che comprendeva la saga action di successo Transformers, due film di Lars von Trier e un capitolo della leggendaria saga di Indiana Jones di Steven Spielberg.

    Nel 2017 la sua condotta nella vita privata aveva iniziato ad offuscare le sue premiate esibizioni e LaBeouf sembrava destinato al percorso tipico di molte baby star. Invece, un periodo di riabilitazione ordinato dal tribunale lo ha riportato in carreggiata come uno dei migliori attori della sua generazione e come nuovo entusiasmante sceneggiatore. Ordinatogli da un terapista di scrivere della sua infanzia travagliata, in particolare della sua inquieta relazione con il padre, che lui pagava per fargli da supervisore, LaBeouf ha scritto il suo primo lungometraggio, Honey Boy, un racconto insolitamente intimo sulla relazione padre-figlio, intrisa di incomprensioni, competizione, traumi - e amore indistruttibile.

    Cast: Shia LaBeouf (James Lort)
    Lucas Hedges (Otis Lort)
    Noah Jupe (Otis Lort da giovane)
    Byron Bowers (Percy)
    Laura San Giacomo (Dott.ssa Moreno)
    FKA Twigs (Little Q)
    Natasha Lyonne (Mom)
    Maika Monroe (Sandra)
    Clifton Collins Jr. (Tom)
    Mario Ponce (Tiny)
    Martin Starr (Alec)
    Haylee Sanchez (Ragazza in carriera)
    Dorian Brown Pham (Pam)
    Greta Jung (AD)
    Laurene Alvarado (Truccatrice di Otis)

    Musica: Alex Somers

    Costumi: Natalie O'Brien

    Scenografia: Jc Molina

    Fotografia: Natasha Braier

    Montaggio: Dominic LaPerriere e Monica Salazar

    Makeup: Ken Diaz (direzione); Laurene Alvarado

    Casting: Chelsea Ellis Bloch, John Papsidera e Jennifer Venditti

    Scheda film aggiornata al: 19 Dicembre 2020

    Sinossi:

    In breve:

    Da una sceneggiatura di Shia LaBeouf, basata sulle sue esperienze personali, la pluripremiata regista Alma Har’el porta in vita l'infanzia burrascosa e i primi anni dell’età adulta di un giovane attore, mentre lotta per riconciliarsi con suo padre attraverso il cinema e i sogni. Portando in scena il passaggio dall’infanzia alla celebrità, e i successivi momenti della riabilitazione e della guarigione in età più adulta, Har’el sceglie Noah Jupe e Lucas Hedges per vestire i panni di Otis Lort, che si addentra nelle diverse fasi di una frenetica carriera. LaBeouf affronta la sfida audace e terapeutica di interpretare suo padre, ex clown di rodeo e criminale. L’artista e musicista FKA twigs fa il suo debutto come attrice, interpretando la vicina - spirito affine del giovane Otis - del motel in cui vive il ragazzo. Il primo lungometraggio di Har’el è una collaborazione unica nel suo genere tra regia e soggetto, che esplora ì l'arte come terapia e l'immaginazione come speranza.

    Synopsis:

    A young actor's stormy childhood and early adult years as he struggles to reconcile with his father and deal with his mental health.

    From a screenplay by Shia LaBeouf, based on his own experiences, award-winning filmmaker Alma Har'el brings to life a young actor's stormy childhood and early adult years as he struggles to reconcile with his father through cinema and dreams. Fictionalizing his childhood's ascent to stardom, and subsequent adult crash-landing into rehab and recovery, Har'el casts Noah Jupe and Lucas Hedges as Otis Lort, navigating different stages in a frenetic career. LaBeouf takes on the daring and therapeutic challenge of playing a version of his own father, an ex-rodeo clown and a felon. Artist and musician FKA twigs makes her feature-film debut, playing neighbor and kindred spirit to the younger Otis in their garden-court motel home. Har'el's feature narrative debut is a one-of-a-kind collaboration between filmmaker and subject, exploring art as medicine and imagination as hope

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Devi tenerlo a bada il rancore o finirà per ucciderti

    Il set e la vita reale. Difficile distinguerli. Difficile dire quale dei due sia più importante. Non è un caso che la prima scena di Honey Boy, il primo di tutta una serie di flashback d’infanzia, sia per l’appunto quella di un set cinematografico. Un’infanzia da star, non propriamente edificante, condivisa con un padre tossico e alcolizzato, clown per professione, con la pretesa (d’obbligo) di fare da manager al proprio figlio. Ma come ci si potrà sentire ad essere mantenuti dal proprio figlio? E come ci si potrà sentire di fronte ad un talento vero e di gran lunga superiore al proprio? Il padre del film ha tutta la potenza di un’anima strascicata, alla deriva, avviluppata in un conglomerato di contraddizioni e di rabbia compressa pronta ad esplodere, ritratta da Shia LeBeouf. E’ qui che la finzione si mescola alla vita

    vera, personale dell’attore che, in terapia riabilitativa ha dovuto scrivere, per poterle esternare e controllare, tutte le problematiche affrontate durante la difficile infanzia. Problematiche che fanno per l’appunto perno sul complicato, e in un certo senso devastante, rapporto con il padre, paradossalmente non privo di amore, ma terribilmente rabbioso e talvolta violento, all’ombra di una madre lontana ed assente. Perché non estrapolarne un copione e farne un film? Ed ecco che la linea di confine tra finzione e realtà vissuta si assottiglia sempre più fino a confondersi.

    Se Shia ha voluto incarnare il proprio padre, a calarsi nei panni dello stesso Shia da adulto è toccato invece a Lucas Hedges (Ben is Back, Boy Erased-Vite Cancellate), altrettanto intenso, mentre a ritrarre Shia da bambino è il talentuoso Noah Jupe (Wonder, A Quiet Place-Un posto tranquillo). Ne esce un affresco ‘borderline’, in un continuo andirivieni tra scorci d’infanzia e di gioventù,

    il cui unico collante è quel tormento sfociato in quell’aggressività su cui deve per l’appunto lavorare il protagonista per riuscire a tirarsene fuori. E’ stato l’obiettivo di Shia, che nel film si affida all’alter ego di Otis: un alter ego che si riproduce basculante tra Noah Jupe e Lucas Hedges, prima di farci scoprire come sia finalmente arrivato a trovare la quadra.

    Così, se Honey Boy risulta una delle più eccentriche autobiografie tradotte sul grande schermo, oltre che alle viscerali interpretazioni, si deve al tocco di regia della pluripremiata documentarista Alma Ha’rel, amica e collaboratrice dello stesso Shia LeBeouf. Un tocco derivato da quell’estetica originale che contraddistingue il suo lavoro, già presente nei suoi due film precedenti: Bombay Beach - un'accurata riflessione sulle vite di un gruppo di outsider che vivono in una degradata cittadina sulle sponde di Salton Sea in California - e LoveTrue. Con Honey Boy Alma Ha’rel sembra

    aver dunque proseguito quella linea ideale che, a detta dello stesso Shia, altro non è se non il singolare approccio al cinema della giovane cineasta: approccio che rispecchia certi aspetti della terapia della gestalt, in cui i pazienti usano i giochi di ruolo per risolvere i conflitti passati. Lo stesso approccio che, difatti, ha costituito per l’appunto la terapia di Shia nella clinica riabilitativa. Finzione e realtà non solo qui si toccano, ma finiscono per sovrapporsi in un unico elemento che si fa vita. Non un’operazione di poco conto, sia sul piano reale che su quello cinematografico, eppure, non sempre al top come appeal e presa sul pubblico.

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)








    trailer ufficiale:



    trailer ufficiale (v.o.):



    Clip 'Sono la tua cheerleader':



    Clip 'Mentire':

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di HONEY BOY

    Links:

    • Shia LaBeouf

    • Maika Monroe

    • Lucas Hedges

    • 14. Festa del Cinema di Roma (Auditorium Parco della Musica, 17-27 Ottobre 2019) - Daily: domenica 20 Ottobre - E' di scena Shia LaBeouf, nell'autobiografico e conflittuale 'Honey Boy', già Premiato al Sundance 2019 (Speciali)

    1 | 2

    Galleria Video:

    Honey Boy - trailer

    Honey Boy - trailer (versione originale)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    La vita che verrà - Herself

    LA VITA CHE VERRÀ - HERSELF

    Dal 17 Giugno - Dalla 15. Festa del Film di Roma - Selezione Ufficiale .... [continua]

    Valley of the Gods

    VALLEY OF THE GODS

    Dal 3 Giugno - L’uomo più ricco sulla terra. Un giovane scrittore in crisi. Un’ancestrale .... [continua]

    Comedians

    COMEDIANS

    Dal 10 Giugno - Gabriele Salvatores traspone sul grande schermo l'omonima e celebre pièce teatrale .... [continua]

    A Quiet Place II

    A QUIET PLACE II

    Dal 24 Giugno - Sequel del thriller/horror A Quiet Place - Un posto tranquillo (2018), .... [continua]

    Quelli che mi vogliono morto

    QUELLI CHE MI VOGLIONO MORTO

    Dal 3 Giugno in esclusiva digitale - RECENSIONE - Adattamento cinematografico del romanzo di Michael .... [continua]

    Crudelia

    CRUDELIA

    Craig Gillespie dirige Emma Stone nei panni di una giovane Crudelia De Mon. L'origin story, .... [continua]

    The Father - Nulla è come sembra

    THE FATHER - NULLA E' COME SEMBRA

    Dal 20 Maggio al cinema in versione originale e dal 27 in italiano - RECENSIONE .... [continua]