ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    The Legend of Ochi

    New Entry - In questa avventura fantasy, esordio alla regia di Isaiah Saxon, Willem ..

    L'ultima vendetta

    Aggiornamenti freschi di giornata! (10 Giugno 2024) - Da Venezia 80. - Orizzonti Extra - ..

    The Bikeriders

    Dal 19 Giugno - Il regista, sceneggiatore e soggettista Jeff Nichols ha rivelato che da ..

    Fuga in Normandia

    Dal 20 Giugno - Michael Caine al centro di una vicenda ispirata ad una storia ..

    Shoshana

    Dal 27 Giugno - Dal 48. Toronto International Film Festival (7-17 Settembre 2023) - ..

    Hit Man - Killer per caso

    Dal 27 Giugno - Designato 'Film della Critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani – ..

    Home Page > Movies & DVD > Holy Motors

    HOLY MOTORS: L'OMAGGIO ALL'ARTE CINEMATOGRAFICA E ALLA BELLEZZA DI LEOS CARAX

    I recuperati di 'Celluloid Portraits' - RECENSIONE - Dal 6 GIUGNO - Dal 65. Festival Internazionale del Film di Locarno (1-11 Agosto 2012): PARDO D'ONORE a LEOS CARAX, regista di HOLY MOTORS (presentato al 65. Festival del Cinema di CANNES)

    (Holy Motors; FRANCIA/GERMANIA 2012; Drammatico; 110'; Produz.: CNC/Les Films du Losange/Pierre Grise Productions/arte France Cinéma; Distribuz.: Movies Inspired)

    Locandina italiana Holy Motors

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SHORT SYNOPSIS

    Titolo in italiano: Holy Motors

    Titolo in lingua originale: Holy Motors

    Anno di produzione: 2012

    Anno di uscita: 2013

    Regia: Leos Carax

    Sceneggiatura: Leos Carax

    Cast: Denis Lavant (Il signor Oscar / Il Banchiere / Il Mendicante / L’operaio specializzato della Motion Capture / Il Signor Merda / Il Padre / Il fisarmonicista / L’assassino / L’assassinato / Il Morente / L’uomo di casa)
    Edith Scob (Céline)
    Kylie Minogue (Eva / Jean)
    Eva Mendes (Kay M.)
    Elise Lhomeau (Léa / Elise)
    Jeanne Disson (Angèle)
    Michel Piccoli (L’uomo dalla macchia di vino)
    François Rimbau (Uomo cieco) (Non accreditato))

    Costumi: Anaïs Romand

    Scenografia: Florian Sanson

    Fotografia: Caroline Champetier

    Montaggio: Nelly Quettier

    Casting: Elsa Pharaon

    Scheda film aggiornata al: 08 Luglio 2013

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Il film segue 24 ore nella vita di un 'essere' (DL) dalle diverse identità: a volte è un uomo, a volte una donna, a volte è giovane, spesso è vecchio quasi fino alla morte, a volte è povero, a volte è ricco. Da killer si trasforma in mendicante, presidente di una società, creatura mostruosa, lavoratore, padre di famiglia... È chiaro che DL sta interpretando dei ruoli, gettandosi a capofitto in ciascuno di essi - ma dove sono le telecamere, la troupe del film, il regista...?

    IN DETTAGLIO:

    Dal tramonto all’alba, qualche ora della vita del Signor Oscar, un essere che viaggia di vita in vita. Di volta in volta importante dirigente, assassino, mendicante, creatura mostruosa, padre di famiglia... Mister Oscar sembra recitare delle parti immedesimandosi completamente in ciascuna... Ma dove sono le macchine da presa? E’ solo, accompagnato soltanto da Céline, un signora bionda e slanciata al comando della limousine che lo trasporta dentro Parigi e nei suoi dintorni. Come un assassino scrupoloso che passi da una missione all’altra. Alla ricerca della bellezza del gesto. Del motore dell’azione. Delle donne e dei fantasmi della sua vita. Ma dov’é casa sua, la sua famiglia, il suo riposo?

    SHORT SYNOPSIS:

    From dawn to dusk, a few hours in the shadowy life of Monsieur Oscar...

    Commento critico (a cura di FRANCESCA CARUSO)

    Il nuovo film di Leos Carax ha partecipato al Festival di Cannes e a parecchi altri festival, riscuotendo un’ondata di consensi positivi. Le "Cahier du cinéma" lo ha eletto il miglior film del 2012. In Holy Motors il regista fa suo e mette in immagini il concetto espresso dallo scrittore Jorge Luis Borge in Everything and Nothing: “Io che sono stato tanti uomini invano, vorrei esserne solo uno: me stesso”.
    Il film segue il protagonista, il signor Oscar, per 24 ore. L’uomo va in giro per Parigi e dintorni in limousine, dove trova tutto il necessario per trasformarsi di volta in volta in personaggi diversi. Il signor Oscar come un attore si siede di fronte a uno specchio e ogni volta crea e distrugge il proprio personaggio.

    La prima impressione che si avverte entrando in contatto con Holy Motors è che il protagonista stia interpretando dei ruoli e per calarsi completamente nella

    parte li prova nella realtà, con persone comuni e all'oscuro di tutto, come il mendicante o il signor Merda (protagonista del segmento del film “Tokyo!” del 2008), che rapisce una modella su un set fotografico e la porta con sé nelle fognature della città. Nonostante ciò man mano che i personaggi scorrono davanti agli occhi si nota la partecipazione attiva degli altri interlocutori e come questa sia un’abile messa in scena, ma in campo non c’è la macchina da presa. Il regista mostra l’arte che si mescola alla vita, rendendo invisibili i confini tra le due. Quella intrapresa è una sorta di espiazione, il signor Oscar fa i conti con i propri demoni. L’epilogo diviene la chiave di volta e sintetizza splendidamente il pensiero dell’autore.

    La limousine ha un ruolo fondamentale, importante tanto quanto il suo viaggiatore. Per 24 ore saranno inseparabili, l’auto rappresenta il suo rifugio, il suo camerino, la

    sua casa. La sua onnipresenza e il suo utilizzo richiamano alla mente Cosmopolis di David Cronenberg.
    Per Carax le limo sono dei motori sacri che traghettano “gli uomini nei loro ultimi viaggi, i loro ultimi lavori”. Hanno tutte un destino comune e nel momento in cui due dei loro viaggiatori si incontrano condividono lo stesso sogno.
    In Holy Motors ci si trova davanti a tante interpretazioni di generi diversi, legate fra loro dall’attore che dà loro forma: il bravissimo Denis Lavant. Dieci travestimenti, dieci incontri, dieci ‘missioni’ da portare a compimento prima che la limousine torni nella propria casa: il garage. Sono dieci modi diversi di intendere l’esistenza, nessuna delle quali sembra essere quella di Oscar.

    Leos Carax si domanda “Ma dov’è la vera dimora di ciascuno? Forse le nostre vere case sono già i nostri computer?”. Il film spinge a riflettere e a porsi delle domande: Quando ci rapportiamo agli altri

    siamo davvero noi stessi? O forse non siamo un po’ tutti – chi più chi meno – il signor Oscar e ad ogni incontro indossiamo una maschera e mostriamo una parte alterata di noi?
    Holy Motors è un film particolare e insolito, non va incontro ai gusti di tutti, esige una predisposizione mentale verso la sua storia un po’ sopra le righe.

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di HOLY MOTORS

    Links:

    • Leos Carax (Regista)

    • Eva Mendes

    1 | 2 | 3

    Galleria Video:

    Holy Motors - trailer

    Holy Motors - trailer (versione originale sottotitolata in inglese)

    Holy Motors - trailer 2 (versione originale sottotitolata in inglese)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Mia e il leone bianco

    Stasera, 11 Giugno, in TV, su Sky Family, Canale Sky, ore 21.00 - RECENSIONE - ..

    Il mistero di Donald C.

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Colin Firth veste i panni del velista dilettante Donald ..

    Emma e il giaguaro nero

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dai creatori dei successi Il lupo e ..

    Eileen

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dalla 18. Festa del Cinema di Roma (18-29 Ottobre 2023) ..

    C'é ancora domani

    Cinema sotto le stelle - Estate 2024 - 8 Marzo 2024: Festa della ..

    Un mondo a parte

    Cinema sotto le stelle - Estate 2024 - RECENSIONE - Riccardo Milani torna sul ..

    Cento domeniche

    Cinema sotto le stelle - Estate 2024 - RECENSIONE - Dalla 18. Festa ..