ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    The Old Oak

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Dal 76. Locarno Film Festival e dal 76. Festival del ..

    Spaceman

    Berlinale 2024 il 20 Febbraio - Dal 1° Marzo in streaming su Netflix ..

    Napoleon

    Dal 1° Marzo su Apple TV+ - RECENSIONE - Joaquin Phoenix torna al registro storico ..

    Estranei

    Dalla 21. Festa del Cinema di Roma - Alice nella Città - Dal 29 Febbraio ..

    Ci sei Dio? Sono io, Margaret

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 2 Marzo - Rachel McAdams, Kathy Bates alle prese con ..

    Madame Web

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Spin-off di Spider-Man incentrato su una mutante chiaroveggente di nome Madame ..

    Wild Four O'Clocks

    New Entry - Michelle Pfeiffer nonna vivace di due giovani ragazzi per Peter Craig, qui ..

    Home Page > Flash News

    Sordi e i fan, dalle lettere ritrovate un mondo sparito. Le custodiva a migliaia nel suo archivio, ora esce un libro

    14/02/2023 - "Gentile Alberto ho 19 anni e sono un suo grandissimo ammiratore, non mi stanco mai di rivedere un suo film, una passione che mi è stata trasmessa dai miei genitori che in suo onore mi hanno chiamato Alberto" (1998). "Carissimo, vengo con la presente a proporle la realizzazione di un meraviglioso ed impegnativo film a livello internazionale, un vero capolavoro. Resto in attesa di una sua chiamata" (1988).

    "Egregio Alberto Sordi sono una nonna di 83 anni con ben 19 nipoti e tre pronipoti. Alla messa del mio paese alla fine del Vangelo il celebrante ha letto il messaggio da lei rivolto ai giovani a proposito dei nonni. Sono stata veramente colpita dalle sue parole e la ringrazio".

    Tre esempi tra migliaia di lettere conservate, catalogate, archiviate da Alberto Sordi nell'arco della sua lunga carriera, messe via con rispetto, in spazi adeguati nella grande villa di via Druso 45 a Roma. Un tesoro ritrovato che la Fondazione Museo Alberto Sordi ha voluto rivelare con un libro diverso da tutti gli altri in circolazione sul grande attore, 'Caro Alberto'. Il volume, edizioni Laterza, è stato curato dal critico Alberto Crespi con la prefazione di Walter Veltroni e Carlo Verdone.

    A leggere le lettere e guardare le foto d'epoca annesse colpisce ed emoziona un mondo sparito, una stagione in cui per comunicare con un personaggio noto c'erano solo le lettere, un mondo archeologico rispetto a quello odierno in cui i social danno l'illusione di un contatto diretto nel bene e nel male. E viene da chiedersi oggi che relazione avrebbero con Sordi. "Nelle tantissime lettere che ho letto per la selezione del libro - dice all'ANSA Alberto Crespi - davvero poche sono quelle negative, c'è un medico che rimprovera di aver rovinato l'immagine con il dr. Guido Tersili medico della mutua, ma certo è un hater soft rispetto a quelli che infestano i social".

    Crespi la chiama "full immersion emozionante, ce ne sono persino alcune scabrose di donne che si propongono o folli come chi gli chiedeva di appoggiare il progetto di tagliare il monte Testaccio per far arrivare meglio il ponentino". Una immersione nel mondo di Sordi che è proprio come ce lo immaginiamo meticoloso, preciso a catalogare le lettere, a rispondere, a mandare autografi dalla grande villa piena di silenzio. Ne riceveva decine al giorno, tra queste ovviamente anche quelle di persone note. A cominciare da tre presidenti della Repubblica e poi anche di Giulio Andreotti con cui era storicamente in rapporti amichevoli. "Le più commoventi sono forse quelle di Monica Vitti -prosegue - e toccanti sono quelle post mortem arrivate alla villa dopo la scomparsa il 24 febbraio 2003".

    Eh già sono passati 20 anni dalla sua morte, da quell'interminabile fila al Campidoglio per dare un ultimo saluto all'attore che ha rappresentato gli italiani nei tanti suoi film, una testimonianza di affetto che è poi quella che si legge nelle lettere ritrovate. Per i 20 anni la Fondazione Museo Alberto Sordi organizza con l'Istituto Cine-TV Roberto Rossellini di Roma, un ciclo di proiezioni dal titolo "Sordi e la Storia d'Italia" a cura di Luca Verdone, che a partire dal 20 febbraio si terranno presso il teatro custodito nella Villa Museo e riservato agli studenti di cinema. "Dopo la morte, in una sorta di pellegrinaggio laico tantissimi biglietti di addio sono stati lasciati davanti la villa e anche quelli raccolti dalla Fondazione", aggiunge. "Viene fuori che la maggior parte delle persone lo consideravano uno di famiglia, un parente e oltre ad esprimere complimenti e ammirazione gli raccontavano nascite e matrimoni ma soprattutto confidavano momenti difficili, malattie, depressioni, attribuendo ai film di Sordi proprietà salvifiche o quanto meno di conforto".

    Come dice Carlo Verdone "Non mi stupisce che le lettere siano piene di affetto, di una identificazione calda e positiva. Nel mio piccolo vale anche per me, la gente ci ringrazia per i momenti di allegria che abbiamo regalato". "Non mi stupisce - dice Veltroni - che dalle lettere emerga un amore più simile a quello per un parente che per un divo del cinema. Sordi era l'Italia e soprattutto era Roma". Venti anni dopo, vale ancora il Sordi uno di noi.

    (ANSA CINEMA)

    Flash News recenti

    29/02/2024 - E' morto a Roma il regista Paolo Taviani. Insieme al fratello Vittorio segnò il cinema italiano [leggi...]

    29/02/2024 - Cannes, Xavier Dolan presiederà la giuria di Un Certain Regard. 'Scoprire registi di talento sempre al centro del mio percorso' [leggi...]

    29/02/2024 - American Fiction, commedia 'nera' anti-stereotipi agli Oscar. Opera prima di Jefferson in corsa con cinque candidature [leggi...]

    29/02/2024 - Addio a Luis Molteni, da Ho fatto splash a Romeo è Giulietta. Il cordoglio del Nuovo Imaie, eri il Danny De Vito 'de noantri' [leggi...]

    29/02/2024 - 100Autori solidale con i registi Yuval Abraham e Basel Adra. 'Nessun autore dovrebbe temere per la sua libertà d'espressione' [leggi...]

    28/02/2024 - Gary Sinise perde il figlio, stroncato da cancro a 33 anni. McCanna Anthony 'Mac' aveva un cordoma [leggi...]

    28/02/2024 - Un Mondo a Parte, il nuovo film di Milani con Albanese-Raffaele. Maestro e vicepreside in una scuola d'Abruzzo a rischio chiusura [leggi...]

    28/02/2024 - È dedicato a Marlon Brando il manifesto del Torino Film Festival. La 42a edizione sarà diretta per la prima volta da Giulio Base [leggi...]

    27/02/2024 - Un'epopea americana, esce trailer di Horizon: An American Saga. Film in due parti di Kevin Costner al cinema dal 28 giugno [leggi...]

    26/02/2024 - Io Capitano nelle sale Usa, il tributo di Jane Campion. Difficile da guardare ma il focus è sui personaggi, persone vere [leggi...]

    La zona d'interesse

    RECENSIONE - Bafta 2024: 'Miglior Film Britannico'; 'Miglior Film in Lingua Straniera'; 'Miglior Sonoro' ..

    Anatomia di una caduta

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - VINCITORE di 6 Premi César 2024; VINCITORE ..

    The Boys in the Boat

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - George Clooney torna alla regia con biopic sportivo degli anni Trenta ..

    L'imprevedibile viaggio di Harold Fry

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Una celebrazione della vita, un ritratto sincero ..

    Emma e il giaguaro nero

    Dai creatori dei successi Il lupo e il leone e Mia e il leone bianco ..

    Land of Bad

    RECENSIONE - Russell Crowe nella terra dei cattivi con Liam e Luke Hemsworth - Dal ..

    Sound of Freedom - Il canto della libertà

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Quando il cinema fa eco ad una storia vera! Alejandro Monteverde ..