ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Un altro giro

    UN ALTRO GIRO

    Dal 20 Maggio al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Oscar 2021: VINCITORE del .... [continua]

    Frammenti dal passato-Reminiscence

    FRAMMENTI DAL PASSATO-REMINISCENCE

    New Entry - Un thriller Sci-Fi come debutto alla regia di Lisa Joy (cognata .... [continua]

    No Sudden Move

    NO SUDDEN MOVE

    New Entry - USA: Dal 1° Luglio .... [continua]

    Mothering Sunday

    MOTHERING SUNDAY

    New Entry - In anteprima mondiale a Cannes 2021 .... [continua]

    Lei mi parla ancora

    LEI MI PARLA ANCORA

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Pupi Avati torna dietro la macchina da .... [continua]

    Eternals

    ETERNALS

    New Entry - Angelina Jolie e Salma Hayek tra gli altri 'eroi', nel nuovo .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > L'ottava nota - Boychoir (già Fuori dal coro -Boychoir)

    L'OTTAVA NOTA - BOYCHOIR: STET (GARRETT WAREING), UN RAGAZZO CON DEI PROBLEMI, SI SCONTRA CON UN ESIGENTE DIRETTORE DEL CORO (IL MAESTRO CARVELLE DI DUSTIN HOFFMAN)

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal Toronto International Film Festival 2014 - Disponibile in DVD

    (Boychoir; USA 2014; Drammatico; 103'; Produz.: Informant Films/Informant Media; Distribuz.: Koch Media)

    Locandina italiana L'ottava nota - Boychoir (già Fuori dal coro -Boychoir)

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SYNOPSIS

    Titolo in italiano: L'ottava nota - Boychoir (già Fuori dal coro -Boychoir)

    Titolo in lingua originale: Boychoir

    Anno di produzione: 2014

    Anno di uscita: 2016

    Regia: François Girard

    Sceneggiatura: Ben Ripley

    Cast: Dustin Hoffman (Maestro Carvelle)
    Garrett Wareing (Stet)
    Kathy Bates (direttrice)
    Eddie Izzard (Drake)
    Kevin McHale (Wooly)
    Josh Lucas (Gerard)
    River Alexander (Rafael 'Raffi' Abrams)
    Debra Winger (Ms. Steel)
    Joe West (Devon)
    Sam Poon (Frederick)
    Dante Soriano (Fernando)
    Erica Piccininni (Debbie)
    Grant Venable (Andre)
    Janine DiVita (Sally)
    Tijuana Ricks (Mrs. Kempner)
    Cast completo

    Musica: Brian Byrne

    Scenografia: Jane Musky

    Fotografia: David Franco

    Montaggio: Gaétan Huot

    Makeup: Amy L. Forsythe e Kristen Kiyan

    Casting: John Papsidera

    Scheda film aggiornata al: 12 Febbraio 2021

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Stet (Garrett Wareing), un problematico dodicenne di una piccola cittadina del Texas, finisce in una prestigiosa scuola di musica dopo la morte della madre single. Del tutto fuori dal suo contesto, si ritrova a ingaggiare una battaglia impegnativa con il capo del coro, Maestro Carvelle (Dustin Hoffman), che riconosce in lui grandi capacità e talento spingendolo a scoprire il suo lato creativo.

    SYNOPSIS:

    Stet, a troubled and angry 11-year-old orphan from a small Texas town, ends up at a Boy Choir school back East after the death of his single mom. Completely out of his element, he finds himself in a battle of wills with a demanding Choir Master who recognizes a unique talent in this young boy as he pushes him to discover his creative heart and soul in music.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    La prima protagonista ad entrare in scena è la rabbia. La sua rabbia. E lo sarà per gran parte del film. D’altro canto, come non essere erosi dalla rabbia? Nelle sue condizioni lo sarebbe chiunque. Stet (fantastico il giovane interprete Garrett Wareing) è un ragazzino con seri problemi familiari e, di conseguenza anche personali, e la rabbia è la sua forma di difesa, la sua arma, l’unica a disposizione e a pronta presa, per sopravvivere. Le prime scene sono piuttosto eloquenti in proposito: è lui a doversi occupare della madre single alcolizzata quando torna a casa da scuola, non il contrario. D’altra parte, alla prima opportunità che gli si presenta per provare a riscattarsi, un’audizione, il primo istinto è quello di fuggire. Nel frattempo, la madre è vittima di un incidente mortale, perciò Stet, il cui padre legale si è creato un’altra famiglia, lo vede, suo malgrado, come il fumo

    negli occhi, ed accoglie come una sorta di liberazione la scuola di musica che gli propone l’insegnante del ragazzo, a quanto pare, talento in erba promettente per il canto.

    Si potrebbe vedere in Boychoir una storia con ben poco di originale, con la congenita tendenza al melodramma, ma non è così. La regia del canadese François Girard (Il violino rosso, Seta) rende l’intera tessitura, imbastita con ogni problematica possibile legata all’adolescenza di un ragazzo, passando per le invidie e gli effetti del bullismo del tutto plausibili e concreti, con la massima leggerezza, quasi fosse una danza. Leggerezza che non significa necessariamente superficialità. E’ come se riproducesse la soggettiva emozionale di questo ragazzo, comprese le ambizioni sopite, che è un talento naturale, per quanto non del tutto consapevole e assolutamente schivo. Non tutti remano contro e, per contraltare ad invidie e bullismo, grazie a Dio, esistono anche la lealtà e l’amicizia di

    alcuni coetanei, oltre ad una severità disciplinante che per Stet diventa una vera benedizione. Ed è qui che entra in scena il Maestro Carvelle di Dustin Hoffman, in un mix di intransigenza ed amorevole sguardo rappreso, così come deve essere un buon educatore. Tirar fuori dal ragazzo la volontà di mettersi in gioco, facendo egli stesso da fonte motivazionale, sarà il suo compito. Farà da intermediaria la direttrice della scuola Katy Bates, pacata e razionale, mentre la musica, il ’coro’, le voci, l’assolo della nota impossibile, in una delle massime esibizioni pubbliche a New York, faranno il resto. La regia riesce a catturare magneticamente l’attenzione dello spettatore su questa crescita interiore fino al naturale cambiamento della voce del ragazzo, speculare alla catarsi di un padre preoccupato di rivelare in famiglia una verità inconfessabile. Del resto, come afferma lo stesso Maestro/Hoffman: “Qui offriamo loro una vita, non una carriera”. E la

    vera vita di Stet ha inizio proprio là, nel punto in cui la rabbia, sempre più debole, esala finalmente il suo ultimo rantolo.

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)











    Trailer Inglese in HD:

    Links:

    • Kathy Bates

    • Dustin Hoffman

    • Debra Winger

    • Garrett Wareing

    1

    Galleria Video:

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    La vita che verrà - Herself

    LA VITA CHE VERRÀ - HERSELF

    Dalla 15. Festa del Film di Roma - Selezione Ufficiale 2020 e Alice nella .... [continua]

    Valley of the Gods

    VALLEY OF THE GODS

    Dal 3 Giugno - L’uomo più ricco sulla terra. Un giovane scrittore in crisi. Un’ancestrale .... [continua]

    Comedians

    COMEDIANS

    Dal 10 Giugno - Gabriele Salvatores traspone sul grande schermo l'omonima e celebre pièce teatrale .... [continua]

    A Quiet Place II

    A QUIET PLACE II

    Sequel del thriller/horror A Quiet Place - Un posto tranquillo (2018), di cui il regista .... [continua]

    Quelli che mi vogliono morto

    QUELLI CHE MI VOGLIONO MORTO

    Dal 3 Giugno in esclusiva digitale - RECENSIONE - Adattamento cinematografico del romanzo di Michael .... [continua]

    Crudelia

    CRUDELIA

    Craig Gillespie dirige Emma Stone nei panni di una giovane Crudelia De Mon. L'origin story, .... [continua]

    The Father - Nulla è come sembra

    THE FATHER - NULLA E' COME SEMBRA

    Dal 20 Maggio al cinema in versione originale e dal 27 in italiano - RECENSIONE .... [continua]