ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Il gladiatore 2

    Aggiornamenti freschi di giornata! (12 Aprile 2024) - Ridley Scott torna sulle orme de Il ..

    Joker: Folie à Deux

    Aggiornamenti freschi di giornata! (11 Aprile 2024) - Joaquin Phoenix torna nei folli panni di ..

    Civil War

    Aggiornamenti freschi di giornata! (10 Aprile 2024) - Nel nuovo action drama ambientato in un ..

    Fly Me To The Moon: Le due facce della luna

    New Entry - Una storia d'amore ambientata negli anni Sessanta, durante la corsa allo spazio ..

    Untitled Noah Baumbach

    New Entry - Riprese a Montalcino (Siena) Toscana-Italia (Aprile 2024) ..

    Cattiverie a domicilio

    Olivia Colman e Jessie Buckley - di nuovo insieme dopo La figlia oscura, opera prima ..

    Mothers' Instinct

    New Entry - Jessica Chastain (Gli occhi di Tammy Faye, Zero Dark City, The Help) ..

    Babygirl

    New Entry - Nicole Kidman protagonista di un thriller erotico ..

    The Cut

    New Entry - Caitriona Balfe, Orlando Bloom, Clare Dunne, John Turturro nel thriller 'sportivo' di ..

    La zona d'interesse

    Dal 14 Marzo in ben 537 sale italiane - OSCAR 2024: VINCITORE di 2 statuette: ..

    Home Page > Movies & DVD > The Lady - L'amore per la libertà

    THE LADY - L'AMORE PER LA LIBERTA': LA STRAORDINARIA AVVENTURA UMANA E POLITICA DEL 'PREMIO NOBEL PER LA PACE' (1991) AUNG SAN SUU KYI (MICHEELE YEOH), LA PACIFISTA BIRMANA DA DECENNI ATTIVA CONTRO LA DITTATURA NEL SUO PAESE E PER LA DIFESA DEI DIRITTI UMANI

    RECENSIONE IN ANTEPRIMA - Dal VI. Festival Internazionale del Film di Roma - Dal 23 MARZO

    "Sono felice e onorato che 'THE LADY' sia stato scelto per aprire il Festival Internazionale del Film di Roma, e che l'anteprima del film abbia luogo in un paese e in una città che mi sono molto cari. Sono stato profondamente ispirato e commosso dalla storia personale di Aung San Suu Kyi e dalla sua lotta per la democrazia. Spero che, attraverso questo film, la voce di Aung San Suu Kyi possa fare il giro del mondo ed essere meglio conosciuta e condivisa dal grande pubblico".
    Il regista Luc Besson

    (The Lady; FRANCIA/REGNO UNITO 2011; Biopic; 127'; Produz.: Europa Corp./France 2 Cinéma/Left Bank Pictures; Distribuz.: Good Films)

    Locandina italiana The Lady - L'amore per la libertà

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SHORT SYNOPSIS

    Titolo in italiano: The Lady - L'amore per la libertà

    Titolo in lingua originale: The Lady

    Anno di produzione: 2011

    Anno di uscita: 2012

    Regia: Luc Besson

    Sceneggiatura: Rebecca Frayn

    Soggetto: PRELIMINARIA:

    La pellicola racconta la straordinaria avventura umana e politica di Aung San Suu Kyi (interpretata da Michelle Yeoh), la pacifista birmana da decenni attiva contro la dittatura nel suo paese e per la difesa dei diritti umani.

    Aung San Suu Kyi è stata costretta agli arresti domiciliari quasi ininterrottamente dal 1989 al 2007 e separata a forza dal marito e dai figli residenti in Inghilterra. Nel 1991 ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace.

    Nota: A Roma, con LUC BESSON e il coprotagonista David Thewlis, ci sarà anche Michelle Yeoh che, per aver interpretato la figura di San Suu Kyi, è stata bandita dalla Birmania.

    Cast: Michelle Yeoh (Aung San Suu Kyi)
    David Thewlis (Michael Aris )
    Jonathan Raggett (Kim Aris)
    Jonathan Woodhouse (Alexander Aris )
    Susan Wooldridge (Lucinda Philips )
    Benedict Wong (Karma Phuntsho )

    Costumi: Olivier Bériot

    Scenografia: Hugues Tissandier

    Fotografia: Thierry Arbogast

    Montaggio: Julien Rey

    Casting: Raweeporn 'Non' Srimonju

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    IN BREVE:

    La straordinaria avventura umana e politica di Aung San Suu Kyi, la pacifista birmana da decenni attiva contro la dittatura nel suo paese e per la difesa dei diritti umani, e di suo marito l’inglese Michael Aris. Nonostante la distanza, le lunghe separazioni e un regime pericolosamente ostile, l’amore tra la donna leader del movimento democratico in Birmania e il marito durerà fino alla fine. Una storia di dedizione e di umana comprensione all’interno di una situazione politica convulsa che ancora oggi persiste, ma anche il racconto di una scelta terribile, quella tra la fedeltà alla propria battaglia e l’amore per il compagno.

    SHORT SYNOPSIS:

    The Lady is an epic love story about how an extraordinary couple and family sacrifice their happiness at great human cost for a higher cause. This is the story of Aung San Suu Kyi and her husband, Michael Aris. Despite distance, long separations, and a dangerously hostile regime, their love endures until the very end. A story of devotion and human understanding set against a background of political turmoil which continues today. THE LADY also is the story of the peaceful quest of the woman who is at the core of Burma's democracy movement.

    Commento critico (a cura di SONIA CINCINELLI)

    Apre le danze The Lady, la piatta trasposizione della vita esemplare dell'attivista birmana Aung San Suu Kyi

    Luc Besson, il regista culto dell'indimenticabile Nikita (1990) e Léon (1994) porta al cinema con atteggiamento apparentemente 'viscerale' ma realmente asettico, una storia intoccabile, quella del premio nobel per la pace e leder del movimento democratico Aung San Suu Kyi. Degna di essere raccontata per il coraggio e la forza di questa grande protagonista della Storia, definita la "Nelson Mandela femminile". Peccato che il regista, invece, ce la presenta quasi come una Evita Peron. La donna sarà divisa tra l'amore per il suo popolo e quello del marito e i due splendidi figli. Che cosa c'è di peggio di un tumore alla prostata che colpisce l'amato? Un regime che opprime un popolo.

    Luc Besson in linea con le sue retoriche dichiarazioni in conferenza stampa, porta al cinema una storia esemplare, ma in modalità piatta, banale

    senza colpire al cuore. Tranne qualche elemento melodrammatico che riguarda la coppia, il resto del film, di fattura commerciale, sfodera inquadrature lineari. Tranne qualche rallenty ben distribuito, tutto è incentrato sulla figura-mito fredda di questo personaggio che intorno ha solo delle avvisaglie della sofferenza della repressione che lasceranno al massimo una camicia bianca sporca di sangue. Il leitmotiv del corpo a corpo vittima-cecchino che ci vuole riportare al ragazzo e il carroarmato di Piazza Tienanmen non regge.

    Il regista sembra voler strizzare l'occhio agli stilemi della supremazia artistica del cinema asiatico, ma fallisce abbinando simbologie ad un ritmo-non ritmo sincopato dello svolgimento della trama come a voler dire tutto nel più breve tempo possibile.

    Ne risulta una regia scontata, spersonalizzata che non trasmette nessun tipo di fuoco e di passione. Manca la poesia, la delicatezza e l'obliquità dello sguardo del cinema d'Oriente. Ci sono delle frasi nel film che lasciano una traccia

    importante, come: "Tu puoi non pensare alla politica, ma la politica pensa a te"; oppure: "Non tutti possono far parte della storia mentre avviente". Certo Besson cerca di lavorare per sottrazione ma viene risucchiato dalla bramosia della quantità consumistica di stampo occidentale. In effetti l'occhio indagatore del regista sembra confondersi con quello del consorte britannico della Aung San Suu Kyi, che osserva dal televisore la Birmania, chissà che cosa avrebbe saputo proporre invece un regista di questa terra? Sicuramente Besson non si è fatto sfuggire una storia d'oro ma probabimente non si è minimamente interrogato sulle modalità di creazione, sdoganando un prodotto in serie che può lusingare il pubblico frequentatore dei multiplex.

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di THE LADY - L'AMORE PER LA LIBERTA'

    Links:

    • Luc Besson (Regista)

    • David Thewlis

    • Michelle Yeoh

    1

    Galleria Video:

    The Lady-L'amore per la libertà - trailer

    The Lady-L'amore per la libertà - trailer HD

    The Lady-L'amore per la libertà - trailer (versione originale) - The Lady

    The Lady-L'amore per la libertà - VI. Festival Internazionale di Roma, conferenza stampa col regista Luc Besson 'The Lady accende i riflettori su San Suu Kyi'

    The Lady-L'amore per la libertà - VI. Festival Internazionale di Roma, conferenza stampa col regista Luc Besson 'The Lady è un inno alla democrazia'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Highwaymen - L'ultima imboscata

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Un film drammatico sui Texas Ranger che ..

    Ghostbusters: Minaccia Glaciale

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dall'11 Aprile

    "Quello che ho imparato entrando in questo mondo ..

    Argylle - La super spia

    Dal 12 Aprile su Disney+ - RECENSIONE - Tra le varie spie, letterarie - l'Argylle ..

    Priscilla

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Da Venezia 80.: Coppa Volpi a Cailee Spaeny - ..

    Erano ragazzi in barca

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - George Clooney torna alla regia con biopic sportivo degli anni Trenta ..

    Road House

    JakeGyllenhaal ex combattente di arti marziali reclutato come buttafuori in una 'roadhouse' nelle Florida Keys ..

    Dune - Parte 2

    RECENSIONE - Denis Villeneuve torna su Dune dirigendo l'atto secondo della saga sci-fi tratta dal ..