ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    It Ends With Us-Siamo noi a dire basta

    New Entry - Il regista e attore Justin Baldoni porta sul grande schermo il best ..

    Death of Unicorn

    New Entry - Nella dark comedy di Alex Scharfman, con cui debutta alla regia, Tea ..

    L'ultima vendetta

    Aggiornamenti freschi di giornata! (10 Giugno 2024) - Da Venezia 80. - Orizzonti Extra - ..

    The Bikeriders

    Dal 19 Giugno - Il regista, sceneggiatore e soggettista Jeff Nichols ha rivelato che da ..

    The Legend of Ochi

    New Entry - In questa avventura fantasy, esordio alla regia di Isaiah Saxon, Willem ..

    Fuga in Normandia

    Dal 20 Giugno - Michael Caine al centro di una vicenda ispirata ad una storia ..

    Inside Out- 2

    Dal 19 Giugno ..

    Shoshana

    Dal 27 Giugno - Dal 48. Toronto International Film Festival (7-17 Settembre 2023) - ..

    Hit Man - Killer per caso

    Dal 27 Giugno - Designato 'Film della Critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani – ..

    Home Page > Movies & DVD > Il mattino ha l'oro in bocca

    'IL MATTINO HA L'ORO IN BOCCA': COMMEDIA ESISTENZIALE DAL GUSTO DOLCE AMARO

    "(...)Tutto è però molto amalgamato e avviene in maniera silenziosa e non esplicita in una commedia sull'esistenza umana, una sorta di diario di formazione sul cambiamento di un giovane che da una dimensione circoscritta si trova catapultato in un mondo più grande di lui, con responsabilità professionali e derive pericolose da cui si salva grazie al suo talentaccio(...)"
    Il regista e sceneggiatore Francesco Patierno

    (Il mattino ha l'oro in bocca ITALIA 2007; commedia amara; 100'; Produz.: Rodeo Drive in collaborazione con Medusa Film e Sky; Distribuz.: Medusa Film)

    Locandina italiana Il mattino ha l'oro in bocca

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Titolo in italiano: Il mattino ha l'oro in bocca

    Titolo in lingua originale: Il mattino ha l'oro in bocca

    Anno di produzione: 2007

    Anno di uscita: 2007

    Regia: Francesco Patierno

    Sceneggiatura: Francesco Patierno e Marco Baldini

    Soggetto: Francesco Patierno e Marco Baldini.
    Film liberamente tratto dal libro di Il Giocatore edito da Baldini Castoldi Dalai

    Cast: Elio Germano (Marco Baldini)
    Laura Chiatti (Cristiana)
    Martina Stella (Cristina)
    Carlo Monni (Padre Marco)
    Raffaella Lebboroni (Madre Marco)
    Fiorenza Pieri (Lucia)
    Gianmarco Tognazzi (Danny)
    Umberto Orsini (Zio Lino)
    Francesco Casisa (Tommy)
    Corrado Fortuna (Rosario)
    Dario Vergassola (Direttore Radio Deejay)
    Gerardo Amato (Frankie)
    Donato Placido (Giggetto)
    Pietro Fornaciari (Pietro Ceri)
    Antonio Buonuomo (Direttore Radio Fantasy)
    Cast completo

    Musica: Pivio & Aldo De Scalzi

    Costumi: Eva Coen

    Scenografia: Tommaso Bordone

    Fotografia: Mauro Marchetti

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    La vicenda è quella di un giovanotto di talento, Marco, che il papà (una sorta di buon Geppetto) vorrebbe sistemato con tanto di laurea in una banca di Firenze; ma di fatto il ragazzo sogna di lavorare alla radio, e quando arriva il primo ingaggio da parte di una radio locale, la sua vita sembra decollare.
    E così che, dietro ad una storia apparentemente semplice e comune, si fa strada una sorta di ironica e amara metafora della vita.
    In un paese dei balocchi che è l’Italia anni ottanta, il giovane protagonista ritaglia la sua vita personale fatta di radio e corse dei cavalli, incontra i suoi Lucignolo, il Gatto e la Volpe, e in un mondo a metà fra allibratori e radio si traccia la strada della doppia vita di Marco.
    Il protagonista cresce a livello professionale, si afferma, mostra le sue doti.
    Ma la consacrazione avviene amaramente in parallelo con il tracollo finanziario e il rischio di perdere tutto, faccia e soldi…e la vita.

    Commento critico (a cura di ENRICA MANES)

    DALLA STORIA APPARENTEMENTE SEMPLICE, PERSINO BANALE, DI MARCO BALDINI, SCATURISCE UNA SORTA DI COMMEDIA DELL'ESISTENZA UMANA, A META' FRA TRAGICOMICO E DIARIO DI FORMAZIONE CHE CONTEMPLA IL PROFONDO CAMBIAMENTO DEL GIOVANE. SI RESTA POI PIACEVOLMENTE COLPITI DAL TAGLIO CHE REGISTA ED ATTORI DANNO AI PROTAGONISTI, CON INTERPRETAZIONI VIVE E PERSONALI IN CUI NULLA E' COPIA, MA INTERPRETAZIONE E REINTERPRETAZIONE DI VICENDE E PUNTI DI VISTA, IN UNA TRAMA CHE TIENE AVVINTO LO SPETTATORE, FA EMOZIONARE, RIDERE, ED E' CAPACE ANCHE DI COMMUOVERE.

    Il film di Francesco Patierno che reinterpreta la vicenda e la parabola ascendente della giovinezza e della carriera di Marco Baldini, è una piacevole sorpresa per lo spettatore.
    Tutto nasce un po’ alla maniera della favola di Pinocchio, ed è lo stesso regista che ne parla in conferenza stampa e svela interessanti punti di vista che il film, così preso a sé stante, con titolo e lista di

    cast non dice.
    La vicenda è quella di un giovanotto di talento, Marco, che il papà (una sorta di buon Geppetto) vorrebbe sistemato con tanto di laurea in una banca di Firenze; ma di fatto il ragazzo sogna di lavorare alla radio, e quando arriva il primo ingaggio da parte di una radio locale, la sua vita sembra decollare.
    E così che, dietro ad una storia apparentemente semplice e comune, si fa strada una sorta di ironica e amara metafora della vita.
    In un paese dei balocchi che è l’Italia anni ottanta, il giovane protagonista ritaglia la sua vita personale fatta di radio e corse dei cavalli, incontra i suoi Lucignolo, il Gatto e la Volpe, e in un mondo a metà fra allibratori e radio si traccia la strada della doppia vita di Marco.
    Il protagonista cresce a livello professionale, si afferma, mostra le sue doti.
    Ma la consacrazione avviene amaramente in parallelo con

    il tracollo finanziario e il rischio di perdere tutto, faccia e soldi…e la vita.
    Una vicenda a metà fra vari generi, una sorta di commedia amara a lieto fine ma con finale aperto e con spiccato uso di ironia piccante, educata e perfettamente calata in atmosfera con la storia che si desidera narrare, non una copia del Baldini reale, ma la vita di un ragazzo che cerca successo, affermazione e il suo ruolo in quel mondo che non è solo l’universo di novità e fermento degli anni ottanta (con tanto di citazione del protagonista mentre parla alla fidanzata, il film Ritorno al futuro, 1985), ma il ritagliarsi un posto nel quotidiano, anche al giorno d’oggi, in una sorta di favola senza tempo che insegna la lezione.
    Perché la vita è davvero imprevedibile!
    A corollario alcune interpretazioni e la bella scena del “papà Geppetto” (Carlo Monni) che interviene nel momento del bisogno, vende la

    cantina-laboratorio per salvare dai guai il figlio e in un abbraccio dolcissimo e sentito quasi commuove la platea.
    Buona ed efficace anche Laura Chiatti, nei panni di Cristiana, silenziosa cassiera della ricevitoria e che in un mondo di allibratori e azzardo è quasi l’unica a ricordare a Marco di essere prima di tutto un bravo ragazzo

    Tragicomiche le vicende del Baldini che Elio Germano interpreta con stile del tutto personale, limpido, senza cadere nel consueto o nel mero tentativo caricaturale; quotidiano il contesto di ambientazione e pochi i connotati davvero anni ottanta e novanta del film.
    Scelta saggia e condivisa dal regista che volutamente sceglie un mondo anche contemporaneo, in una sorta di commedia dell’esistenza umana, con inganno dietro l’angolo, a metà fra tragicomico e diario di formazione e di “(…)cambiamento di un giovane che da una dimensione circoscritta si trova catapultato in un mondo più grande di lui, con responsabilità professionali e

    pericolose derive (…)”, (F.Patierno).
    Infine, una citazione interessante da Shining
    “Il mattino ha l’oro in bocca”, quasi parafrasi dell’attimo in cui Marco per la prima volta si affaccia al mondo della celebrità, in quel suo giorno 7 alle ore 7 del luglio (settimo mese dell’anno) del 1990.

    Commenti del regista

    "C’era da tempo il desiderio comune di realizzare qualcosa di stimolante insieme alla Rodeo Drive di Marco Poccioni e Marco Valsania fino a quando la società ha acquistato i diritti de Il giocatore di Marco Baldini, il popolare conduttore radiofonico alter ego di Fiorello: l’inizio di questo romanzo, con un ragazzo condotto da due brutti ceffi davanti a una buca perché scavi da sé la propria fossa, mi ha subito folgorato, dandomi l’entusiasmo necessario e l’avvio per partire. Il libro in realtà rappresenta solo uno spunto: dopo aver incontrato più volte Baldini che mi ha raccontato vari episodi reali sulle sue turbolente vicissitudini e sul contesto storico della vicenda - assenti nel romanzo- ho arricchito e integrato il copione riscrivendolo diverse volte accentuando lo spaccato, a metà tra commedia e dramma dell’Italia di fine anni ’80 e primi anni ’90, che fa da sfondo. Il tutto con la ‘benedizione’ dell’autore con cui si e’ creata una collaborazione ideale: Marco si e’ fidato molto di me senza intervenire ne’tarpare le ali ad una storia nuova che- come accade sempre nelle trasposizioni letterarie- rispetta molto certe verità ma ‘tradisce’ necessariamente altre cose.

    Sono le vicende di Marco, un personaggio dotato di un certo talento che alla fine degli anni ’80 per scappare da una famiglia piccolo borghese fiorentina che lo vorrebbe vedere laureato e ‘piazzato’ va a lavorare in una piccola radio locale piuttosto sgangherata, Radio Fantasy, e scoperto dal direttore di Radio Deejay viene chiamato a Milano. Una volta cambiata città e catapultato in una grande realtà che sembra scacciarlo e metterlo di fronte alle prime vere responsabilità il protagonista si blocca perché si rende conto che quella del dj e’ una vera professione, inizia ad avere problemi e non riesce a dimostrare il suo talento. Quando entra in un’agenzia ippica Marco- che già a Firenze aveva iniziato a scommettere alle corse dei cavalli- sembra ritrovare la sua casa ideale e così la sua ascesa professionale inizierà a viaggiare parallelamente alla sua discesa nell’inferno del vizio del gioco e degli incontri folli.

    Questa volta ho scelto il tono della commedia amara perché anche nei momenti drammatici può scappare un sorriso. Non avendo mai giocato e non amando il gioco non volevo che fosse questo l’argomento principale del film (la parola gioco non compare nemmeno nel titolo che rende bene il senso esistenziale della conclusione della storia citando la frase che Jack Nicholson ripete ossessivamente alla macchina per scrivere in «Shining»): non c’e’ denuncia diretta, il gioco e’ una metafora, un meccanismo che porta una persona normale rispetto a quelli che frequentano le sale giochi a cercare uno stimolo all’ormone dell’adrenalina. Non sapendo come sfogare la sua inquietudine finisce col credere che possa farlo attraverso la radio ma quando scopre il gioco capisce che quello e’ il vero incontro della sua vita. Tutto e’ però molto amalgamato e avviene in maniera silenziosa e non esplicita in una commedia sull’esistenza umana, una sorta di diario di formazione sul cambiamento di un giovane che da una dimensione circoscritta si trova catapultato in un mondo più grande di lui, con responsabilità professionali e derive pericolose da cui si salva grazie al suo talentaccio…

    La nostra storia approfondisce il rapporto di amicizia nato tra Fiorello e Baldini quando i due si conobbero circa 18 anni fa a Radio Deejay e diventarono amici per prendere poi strade diverse che si sono incrociate di nuovo quando e’ rinata negli ultimi anni la coppia radiofonica e televisiva. Non ho cercato dei sosia per interpretare i due personaggi ma ho voluto ricrearli come li vedevo io. La scommessa del film e’ di poter vivere comunque di vita propria restando un racconto autonomo, pur facendo nomi e cognomi (Baldini è Baldini, Fiorello è Fiorello).

    Non ho avuto dubbi sul fatto che Marco Baldini dovesse essere interpretato da Elio Germano, forse il migliore attore italiano della sua generazione, che ha talento e serietà ed era l’unico che poteva interpretare momenti diversi spaziando tra divertimento e commozione: in questo film supera se stesso, e’ tutto sulle sue spalle. Fiorello e’ interpretato con perfetta adesione e leggerezza da Corrado Fortuna mentre Laura Chiatti e’ la ragazza della ricevitoria in cui il protagonista si imbatte una volta arrivato a Milano, un incontro molto forte ma non scontato tra due personalità diciamo così debordanti. Martina Stella ha il ruolo breve ma importante della fidanzata di Marco a Firenze, Umberto Orsini e’ uno strozzino particolare ed ironico, Dario Vergassola e’ il sorprendente direttore di Radio Deejay così come altrettanto sorprendenti sono i due fratelli di Michele Placido, Gerardo Amato e Donato Placido
    ".

    Commenti dei protagonisti:

    ELIO GIORDANO (Marco):

    "Tra i vari momenti di studio e documentazione ho incontrato Marco Baldini rendendomi conto che analogamente a Fiorello non e’ una persona che ‘cazzeggia’ ma un grandissimo professionista che svolge il suo lavoro dietro le quinte con enormi capacità. Marco e’ poi venuto a trovarci qualche volta sul set, e’ una persona che come tutti noi e’ allo stesso tempo tante persone insieme. Così quello che interpreto e’ un personaggio che poi alla fine ne rappresenta tanti perché ogni ambiente ti porta ad essere una persona diversa. Certo, Baldini ha avuto un’esistenza particolare se si pensa che veniva minacciato di morte per strada con una pistola e dopo due ore andava alla radio a far ridere tutta Italia con Radio Deejay...Con lui non ho mai parlato di argomenti specifici ma mi e’ stato utile conoscerlo perché ho incontrato tramite lui amici, familiari e persone dei vari ambienti che ha frequentato i quali mi hanno dato un quadro sfaccettato delle vicende attraverso cose dette, non dette, inventate, come se si trattasse di un personaggio di un romanzo o di un fumetto, un personaggio bidimensionale che poi ho cercato di rendere tridimensionale dandogli una chiave. Con Patierno abbiamo lavorato senza mai domandarci se far ridere o piangere ne’immaginando mai di indirizzare le scene verso una certa interpretazione: sia io che gli altri attori abbiamo cercato di lavorare in apertura verso le cose che potevano accadere e ne e’ uscito fuori un uomo un po’ distaccato da cose e persone, un tipo che lavora a una velocità impressionante, con la testa rivolta sempre da un’altra parte e al futuro, che pensa sempre a cosa farà o dovrà fare dopo, un uomo che nella sua mente vive a un ritmo frenetico ed e’ ‘scollegato’, desidera bruciare il tempo e le attese, va sempre avanti senza mai interrogarsi su quello che sta facendo e sul perché.

    Rispetto al Baldini reale ho deciso di non imitare l’originale, non essendoci tra noi nessuna particolare somiglianza fisica. Era la stessa tesi del regista e l’ho sposata e condivisa subito. Da un punto di vista fisico dovendo mettere in scena un uomo distante da tutto e tutti, ho modificato i miei occhi con delle lenti azzurre perché servivano a far passare l’idea di freddezza e distanza: una persona con gli occhi chiari e’ meno intelligibile, e‘ come se l’occhio fosse un tunnel dietro cui non c’e’ nessuno e un occhio scuro racconta più una presenza e una concentrazione.

    Personalmente il film mi fa pensare a un Pinocchio ambientato negli anni ’80, e’ in sostanza un romanzo di formazione, con un personaggio tenero, bizzarro e immaturo che incontra un’altra serie di personaggi, c’e’ un Gatto e c’e’ una Volpe, un Lucignolo, un babbo che torna in scena e tante altre figure che ricordano il romanzo di Collodi, con l’aggiunta di un protagonista capace di mentire continuamente e di un rapporto particolare con la famiglia e con quello che rappresenta e un rapporto speciale con il lavoro: sono tanti gli elementi che fanno pensare a quella storia e a quel simbolismo...

    A proposito della storia raccontata credo poi che ognuno di noi goda nel perdersi in qualcosa e tragga soddisfazione o piacere da una propria deriva, c’e’ chi gode nel comprare oggetti inutili, chi perde ore davanti alla tv, ai videogiochi o su Internet, chi si consuma con le droghe e chi con il gioco, chi con il piacere del bruciare soldi o quello di bruciare il tempo: quello che io interpreto e’ un personaggio che siamo o siamo stati tutti. Il film rappresenta secondo me un’analisi dall’interno di una nevrosi che può essere tipica di ogni tipo di contesto sociale, soprattutto nella parte di mondo occidentale in cui viviamo, e’ una schizofrenia che riguarda tanti, forse tutti.

    In quanto ai rapporti con i colleghi ed il cast, sul set c’e’ stata una bella miscela di disincanto e di concentrazione da parte di tanta gente dotata di forti capacità professionali, eravamo una bella squadra da battaglia e siamo riusciti a fare tante cose notevoli con velocità e leggerezza grazie all’impegno di tutti
    ".

    LAURA CHIATTI(Cristiana):

    "Nel film sono Cristiana, una ragazza che lavora in un’agenzia di scommesse della ‘Milano da bere’ degli anni ’80 in cui Marco si trasferisce dalla sua Firenze. Lei entra nella vita di Marco piuttosto in sordina e cerca di allontanarlo dal mondo del gioco d’azzardo che potrebbe portarlo alla rovina e lui rimane molto colpito dal suo atteggiamento distaccato e dalla sua personalità maschile e ‘tosta’ ma tra loro non c’e’ attrazione fisica né sentimentale, direi che si tratta di una storia d’amore subliminale e di un rapporto platonico. Si incontrano per caso quando lui entra nel centro ippico, poi un giorno i due escono insieme per parlare e familiarizzano meglio, lei conosce i meccanismi, sa distinguere le persone giuste da quelle sbagliate, capisce che lui si e’ ritrovato spiazzato dopo essersi trasferito a Milano cercando di evolvere in campo professionale ma in realtà e’ un uomo puro che si e’ trovato in certe situazioni in momenti di sconforto e confusione, e così gli sarà utile mettendolo in guardia, lui le si affeziona e tra loro nasce un tipo di rapporto molto casto.

    Paterno e’ un regista straordinario da un punto di vista sia tecnico che umano, avevo visto ed apprezzato il suo forte e crudo “Pater Familias” e poi dopo aver letto questo nuovo copione l’ho conosciuto, verificando sul campo quanto il suo modo di girare efficace ed originale sia puro neorealismo: ha lasciato liberi noi attori di costruire il personaggio sul set senza nulla di premeditato, ha una teoria che condivido pienamente per cui tra regista ed interpreti deve nascere comunque un feeling che permette loro di fidarsi reciprocamente con fiducia e familiarità.

    Elio Germano invece l’avevo ‘sfiorato’ qualche anno fa sul set di una fiction con Enzo De Caro intitolata ‘Padri’ che abbiamo entrambi interpretato in brevi ruoli senza però incontrarci mai in scena. Elio e’un attore completo, eclettico, in assoluto uno dei più dotati in circolazione e merita pienamente il successo ottenuto dopo anni di grande lavoro ai massimi livelli. Conoscendolo meglio ho avuto modo di capire quanto sia in gamba, è un ragazzo molto introverso e fuori dal comune e nonostante il suo grande talento e bravura e’ una persona umile che fa il suo lavoro in maniera tranquilla perché punta ai fatti professionali concreti infischiandosene di riflettori e mondanità.

    Questo come altri personaggi che ho interpretato ha sempre qualcosa di me, credo di essere un po’ “pirandelliana” e di avere tante sfaccettature: quelle ben visibili al primo impatto le ho già espresse in altri film ma esistono lati della mia personalità più timidi e riservati che riesco a trasmettere a chi mi consoce meglio e da vicino e a chi si pone in maniera delicata come accade in scena al protagonista con la Cristiana che interpreto e che, a differenza di altri personaggi da me recitati in passato, non e’ un tipo esplicitamente sexy.

    Marco Baldini lo conosco per essere stata quattro volte ospite sua e di Fiorello alla radio in ‘Viva Radiodue’ e sia allora che in seguito non mi ha fatto mai pensare alla vita movimentata ed alle varie peripezie che ha attraversato: l’ho trovato sempre spiritoso, allegro e ‘pacificato’ con sé e con gli altri...
    ".

    Links:

    • Laura Chiatti

    • Elio Germano

    1

    Galleria Video:

    Il mattino ha l oro_1.mov

    Il mattino ha l'oro_02.mov

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    La verità negata

    Stasera, 12 Giugno in TV, su TV 2000, Canale 28, ore 21,35 - Dall'XI. ..

    Il mistero di Donald C.

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Colin Firth veste i panni del velista dilettante Donald ..

    Emma e il giaguaro nero

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dai creatori dei successi Il lupo e ..

    Eileen

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dalla 18. Festa del Cinema di Roma (18-29 Ottobre 2023) ..

    C'é ancora domani

    Cinema sotto le stelle - Estate 2024 - 8 Marzo 2024: Festa della ..

    Un mondo a parte

    Cinema sotto le stelle - Estate 2024 - RECENSIONE - Riccardo Milani torna sul ..

    Cento domeniche

    Cinema sotto le stelle - Estate 2024 - RECENSIONE - Dalla 18. Festa ..