ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Honey Boy

    HONEY BOY

    New Entry - Il 20 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    La famiglia Addams

    LA FAMIGLIA ADDAMS

    Il 20 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma - Alice nella .... [continua]

    Drowning

    DROWNING

    New Entry - Il 20 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Downton Abbey

    DOWNTON ABBEY

    Il 19 Ottobre in anteprima alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre .... [continua]

    Pavarotti

    PAVAROTTI

    New Entry - Il 18 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    The Aeronauts

    THE AERONAUTS

    New Entry - Il 18 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Scary Stories to Tell in the Dark

    SCARY STORIES TO TELL IN THE DARK

    Il 18 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - .... [continua]

    Military Wives

    MILITARY WIVES

    Il 18 Ottobre alla 14. Mostra del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - .... [continua]

    Motherless Brooklyn - I segreti di una città

    MOTHERLESS BROOKLYN-I SEGRETI DI UNA CITTA'

    FILM di APERTURA alla 14. Festa del Cinema di Roma (Auditorium Parco della Musica, .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Io, Daniel Blake

    IO, DANIEL BLAKE

    VINCITORE ai BAFTA 2017 (Oscar britannici) come 'MIGLIOR FILM BRITANNICO' - Già VINCITORE della PALMA d'ORO al 69. Festival del Cinema di Cannes - Premio del Pubblico al Festival del Film di Locarno 2016 - RECENSIONE ITALIANA e PREVIEW in ENGLISH by OWEN GLEIBERMAN, (www.variety.com) - Dal 21 OTTOBRE

    "Il mio è solo un film. Non faccio politica. Tutto quello che vogliamo è che gli spettatori escano dal cinema ponendosi alcune domande, in preda a un senso di rabbia che potrebbe guidarli a condividere il problema... Perché non puoi fare finta di niente quando vedi quello che il mio paese sta facendo a persone come Daniel Blake. Noi tutti glielo stiamo facendo. E' un senso di sdegno quello che si prova. Quella di Daniel è una situazione che abbiamo visto più volte mentre andavamo in giro per diverse città inglesi durante la preparazione del film: in ogni location c'era sempre una 'banca del cibo' per i poveri che non possono permettersi nemmeno di comprare una scatoletta di tonno. Tutte le città inglesi hanno tantissimi spaccati di vita disperata. Le statistiche parlano chiaro: negli ultimi quattro anni ci sono stati dai due ai tre milioni di persone che sono praticamente alla fame. Non se ne parla più di tanto, anzi, non se ne parla affatto! Sai anche cos'è la cosa che mi colpisce? Vedi una banca del cibo e ti sorprende, ma ventiquattro ore dopo le persone ci fanno già l'abitudine... Se ci pensi la traiettoria di Daniel Blake è molto rapida. Abbiamo individuato dei punti principali: quando parliamo di malfunzionamento della burocrazia, ci facciamo spesso una risata come prima reazione. Poi però siamo veramente frustrati. Poi, se la cosa continua, si arriva alla disperazione. E in alcuni casi la disperazione può portarti anche alla distruzione. Quando stavamo creando i protagonisti di questa storia, avevamo una certezza: non volevamo personaggi che dessero subito l'impressione di essere vittime. Il nostro protagonista è un brav'uomo. Una persona positiva. Un professionista nel suo lavoro, stimato dai suoi colleghi. Uno intelligente. Ma anche lui precipita. L'altra protagonista è una ragazza piena di energia: una che vorrebbe finire gli studi. Un altro personaggio luminoso. Perché mai dovrebbero finire in questo modo? Mi interessava raccontare questo. E non è una storia inventata: facendo ricerche per il film ho scoperto storie perfino più tristi di quella che raccontiamo... Questa è la questione. La burocrazia non è efficiente, ma non è un caso. C'è uno scopo. Non funziona perché vuole dimostrare alle persone che la povertà è colpa loro. Vuole umiliarle. Questa sensazione viene caricata ancora di più dai media: in TV, ad esempio, ci sono tanti programmi che prendono in giro le persone. 'Lei è grassa, loro hanno troppi figli...'. Questo fenomeno si chiama 'poverty porn' ed è un nuovo genere televisivo incentrato sull'umiliazione delle persone. Se danno la colpa alla gente, vuol dire che non la danno ai veri responsabili: le grandi corporazioni che hanno bisogno di risparmiare su forza lavoro e tasse. Questo è il nuovo 'Programma liberale': guida le persone verso la frustrazione e gli toglierai anche la voglia di combattere. E' così che le persone si ritrovano con pochi soldi per vivere, pochissimo lavoro ogni settimana, e ormai gli va bene così".
    Il regista Ken Loach

    (I, Daniel Blake; REGNO UNITO/FRANCIA/BELGIO 2016; Drammatico; 100'; Produz.: Why Not Productions/Sixteen Films/Wild Bunch Production/France 2 Cinéma/BBC Films/Les Films du Fleuve/British Film Institute (BFI)/Canal+/Le Pacte/Cinéart/Ciné +/VOO and Be con il supporto di British Film Institute e BBC Films tv; Distribuz.: Cinema di Valerio De Paolis)

    Locandina italiana Io, Daniel Blake

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SHORT SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Io, Daniel Blake

    Titolo in lingua originale: I, Daniel Blake

    Anno di produzione: 2016

    Anno di uscita: 2016

    Regia: Ken Loach

    Sceneggiatura: Paul Laverty

    Cast: Dave Johns (Daniel Blake)
    Hayley Squires (Katie)
    Dylan McKiernan (Dylan)
    Briana Shann (Daisy)
    Kate Rutter (Ann)
    Sharon Percy (Sheila)
    Kema Sikazwe (China)
    Micky McGregor (Ivan)
    Natalie Ann Jamieson (Assessore all'impiego e all'assegno di supporto)
    Colin Coombs (Postino)
    Bryn Jones (Poliziotto)
    Mick Laffey (Consulente Welfare Benefits)
    John Sumner (CV Manager)

    Musica: George Fenton

    Costumi: Joanne Slater

    Scenografia: Linda Wilson

    Fotografia: Robbie Ryan

    Montaggio: Jonathan Morris

    Casting: Kahleen Crawford

    Scheda film aggiornata al: 15 Febbraio 2017

    Sinossi:

    IN BREVE

    Per la prima volta nella sua vita, Daniel Blake, un falegname di New Castle di 59 anni, è costretto a chiedere un sussidio statale in seguito a una grave crisi cardiaca. Il suo medico gli ha proibito di lavorare, ma a causa di incredibili incongruenze burocratiche si trova nell'assurda condizione di dover comunque cercare lavoro – pena una severa sanzione – mentre aspetta che venga approvata la sua richiesta di indennità per malattia. Durante una delle sue visite regolari al centro per l’impiego, Daniel incontra Katie, giovane madre single di due figli piccoli che non riesce a trovare lavoro. Entrambi stretti nella morsa delle aberrazioni amministrative della Gran Bretagna di oggi, Daniel e Katie stringono un legame di amicizia speciale, cercando come possono di aiutarsi e darsi coraggio mentre tutto sembra beffardamente complicato.

    IN DETTAGLIO:

    Daniel (Dave Johns) è un falegname di mezza età che, in seguito ad un attacco cardiaco sopraggiunto sul lavoro, viene dichiarato dal proprio medico impossibilitato a riprendere l’attività, almeno fino a quando le sue condizioni fisiche non garantiranno una bassa possibilità di recidiva. Tuttavia, non sono dello stesso avviso gli uffici dello Stato Sociale che, in una tragicomica pantomima di moduli da riempire, voci metalliche di impersonali call center e mano sinistre che non sanno cosa fanno le destre, spingono l’uomo in una estenuante battaglia contro i mulini a vento per vedersi riconosciuta ed indennizzata la propria invalidità.
    Durante una delle sue tante visite agli uffici preposti, Daniel incontra Katie (Hayley Squires), una giovane ragazza madre con due bambini a carico, messa in ulteriore difficoltà da un trasferimento forzato e da un’impiegata particolarmente rigida; scatta così in Daniel un genuino istinto di solidarietà che porterà l’uomo ad aiutare la famiglia come può, mettendo a disposizione manovalanza e generosità.

    SHORT SYNOPSIS:

    A middle aged carpenter who requires state welfare after injuring himself, and is joined by a single mother in a similar scenario.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Quando il film ha già avuto inizio, in sottofondo, lo schermo è ancora nero mentre i titoli di testa in bianco scorrono lentamente. Una voce femminile rivolge tutta una serie di domande sulla capacità di fare alcune cose di routine quotidiana, all'insegna di un insistente e fastidioso 'è in grado di...?' Una voce maschile si spazientisce mentre vorrebbe andare subito al nocciolo della questione 'i problemi di cuore', tutto il resto va bene. Ma non c'è verso. La cosa si fa insidiosa, il colloquio stizzito, al di là di qualche umoristica battuta. E il motivo di tutto questo si annida nella valutazione per l'indennità di malattia di un anziano signore che finalmente viene inquadrato in un primissimo piano per dare il la anche visivo al film. Non un film qualsiasi, ma un'altra di quelle denunce sociali al vetriolo che forse solo Ken Loach è in grado di allestire in uno

    stile così unico sul grande schermo.

    I (Io), Daniel Blake ha ben meritato la Palma d'Oro a Cannes, e il pubblico del Festival del Film di Locarno che lo ha premiato ha evidentemente apprezzato come si deve questo piccolo grande capolavoro. Uno spaccato tra le più roventi - e dire che Ken Loach ha ormai raggiunto la veneranda soglia degli 'anta'! 'Ottanta' intendo dire! - denunce sociali pescate nella vivente contemporaneità. Un distillato di verismo che muove da una situazione tragicomica per addentrarsi in un dramma tanto vero quanto ignorato dai più. E il modo netto, crudo, leggero e pesante ad un tempo di inquadrare i nuovi 'invisibili' della nostra società - anche se il dito è puntato sull'Inghilterra che Loach conosce bene - riecheggia come un monito che non solo non possiamo più ignorare ma che lascia uno di quei segni dentro, indelebili, molto simili ad una piccola ferita

    appena aperta. E neppure troppo superficiale. I suoi 'invisibili' sono talmente 'schietti' e senza macchia, imprigionati nelle maglie di una 'burocrazia' allucinante, assurda, subdola e meschina, che altro non è se non uno strategico 'gioco al massacro' studiato a tavolino per scoraggiare i bisognosi, tali da far impallidire il blasonato protagonista (l'homeless George di Richard Gere) ne Gli invisibili (appunto) di Oren Moverman.

    Il Daniel Blake di Ken Loach ha invece il volto e l'anima di un attore come Dave Johns, di marca comica. Il che potrebbe suonare come un paradosso ma non lo è. Anzi! Il suo protagonismo calato nell'uomo che per problemi di salute deve sospendere la sua attività lavorativa di apprezzato falegname, è schiacciante, anche se intimamente legato al cruciale corollario di marca familiare fondata sul perno di una giovane madre single come Katie (Hayley Squires). Ma se scarta totalmente dal melò, per affilare la lama sulle corde

    di un dramedy doc, è anche merito di un interprete perfetto per un ruolo come questo, declinato per lo più sulla dimessa e paziente discrezione, in una contestualizzazione tragicomica proprio perché tristemente drammatica. E per quanto la sua presenza sul grande schermo sia più che eloquente, Ken Loach ha motivato questa importante scelta di fondo:

    "Amo i comici perché spesso sono parte della working class. Tanta commedia viene dalla resistenza, dalla povertà. Il nostro attore, Dave Johns, è un comico spassoso, ma ci sono anche tante coincidenze interessanti: ha l'età giusta per il ruolo e suo padre, come lui nel film, era un falegname. Quindi Dave conosce il contesto sociale che raccontiamo e come se non bastasse vive proprio nelle strade in cui abbiamo girato il film. Tutto torna, alla fine"

    'Tutto torna alla fine' e quel 'tutto' muove da uno tra i tanti centri d'impiego. Laddove Ken Loach mette ad

    una gogna esemplare il soffocante sistema burocratico su cui, pare, - e poi ci lamentiamo dell'Italia! Mio Dio ma in che acque versa la 'Reale' Inghilterra?! - si fondi il sistema sociale inglese. Il Daniel di Johns ne è un'esemplare dimostrazione. La sua è una vera e propria 'odissea' di gratuite umiliazioni e sofferenze, stemperate solo al tepore auto generato dalla naturale tendenza alla generosa solidarietà che lo contraddistingue: lo attestano i rapporti con i ragazzi vicini di casa e con la stessa Katie e i suoi due bambini conosciuti proprio al centro per l'impiego, mentre interveniva senza successo in loro favore, e con cui si ritrova a condividere analogo disagio, tradotto di lì a poco in una solidale amicizia e collaborazione reciproche.

    Ci sono scene in questo Io, Daniel Blake che trasudano tutta la rabbia repressa del suo autore regista, regolarmente confortato nell'opera di sceneggiatura dal fedele Paul Laverty,

    e ve ne sono altre in cui si rivendica il diritto, come riscatto dall'onta, a mettere in ridicolo le maglie di un sistema in odore di vera e propria ghigliottina: docent il sistema di compilazione della modulistica per l'indennità di malattia e/o sussidio, certi obblighi di ricerca di lavori che poi una persona malata non può fare e molto di altro. Un'odissea, appunto, con l'unico scopo di imprigionare e soffocare i malcapitati. E non occorre essere geni per capire che l'odissea di Daniel Blake non è che la punta di un iceberg sempre più imponente. Lo stile di certe sequenze - tra cui quello della scrittura murale con lo spray ad opera di Daniel Blake, o quelle di Katie alla 'banca del cibo', affamata al punto da mangiare pomodori direttamente in scatola, o al supermercato, quando si rende protagonista di un piccolo furto - ha in effetti tutta la fiera

    schiettezza 'verista' del nostrano Vittorio De Sica. Concordo pienamente con la critica di "Variety", ma anche con il gotha della critica internazionale che non ha potuto far altro se non incensare i meriti di questo film semplice e potente: "Duro, fiero e brutalmente commovente" ("The Guardian"); "Di urgente semplicità, sorprendentemente potente" ("Hollywood Reporter"); "Acuto, divertente e intensamente toccante" ("The Indipendent"); "Un capolavoro" ("The List"); "Rabbia, empatia, incrollabile umanità […] Un baluardo di resistenza" ("Télérama").

    Si, un vero e proprio "baluardo di resistenza". E se l'avvio ha il target stilistico dell'autore, che mi direte del finale?! Il percorso a tratti tragicomico è ormai pronto a cedere la staffetta al dramma più pieno e puro. E' là che il contenuto di una lettera vi arriverà dritto nello stomaco prima che al cuore, togliendovi il fiato. Che Ken Loach abbia vinto la sua scommessa di vincere sull'indifferenza collettiva, lo dimostrerà il fatto che l'indomani,

    tornerete col pensiero a quel Daniel Blake, icona esemplare di onesto cittadino che poteva rinunciare a tutto ma non al rispetto per se stesso. E vi sentirete responsabili. Oggi, domani e ancora, e ancora, e ancora... Perché I (io) Daniel Blake, non è solo un film, ma è tutto il fiele che esiste nella nostra reale società contemporanea, dove le 'banche del cibo' - ammesso che uno ci arrivi! - non bastano a restituire dignitosa identità alla persona ('Non di solo pane...!'). Intanto, per questa altisonante denuncia politica ad arte, invochiamo l'Oscar! Son più che certa che condividerete l'auspicio.

    Secondo commento critico (a cura di OWEN GLEIBERMAN, www.variety.com)

    Ken Loach's 'I, Daniel Blake,' about an ailing carpenter who fights to stay on welfare, is a film of moving relevance

    The British director Ken Loach will be 80 years old in June, and he has worked in film and television for more than 50 of those years, but with his bone-deep empathy for the desperate and the downtrodden, you may feel that he was almost put on earth to make a dramatic feature about the current economic moment. “I, Daniel Blake” is one of Loach’s finest films, a drama of tender devastation that tells its story with an unblinking neorealist simplicity that goes right back to the plainspoken purity of Vittorio De Sica. The tale of Daniel Blake (Dave Johns), a 59-year-old carpenter from Newcastle, who is fighting to hold on to his welfare benefits, even though his heart condition forbids him from working, is one that’s sure

    to resonate across national borders, because it’s about something so much larger than bureaucratic cruelty (although it is very much about that). It captures a world — our world — in which the opportunity to thrive, or even just survive, is shrinking by the minute. With the right handling, the movie has a chance to connect with audiences as few Loach films ever have. It’s a work of scalding and moving relevance.

    Daniel, whose grizzled pate and washed-out pallor make him look much older than he is, has a way of barking at folks he doesn’t like, but really, he’s the soul of crusty friendliness. A widower with no children, he has recently suffered a heart attack and receives an Employment and Support Allowance from the British state. But then, for no good reason, his benefits are denied; the state wants him to go back to work — even though his

    physician is on record as saying he can’t. The movie takes us through the agony of the appeals process, which is a much bigger nightmare than it sounds like, because all Daniel is trying to win is the right to an appeal. He’s forced to jump through hoop after hoop, to hurry up and wait, and some of the demands are so unreasonable (he mustn’t just spend 35 hours a week applying for jobs he couldn’t take anyway; he must prove that he did) that the inescapable conclusion is that the system, as rejiggered by conservative government forces, has been engineered to toss people off the welfare rolls. It’s designed, in no small part, not to work.

    The battle to keep those benefits, without which he’ll literally be out on the street, may be even more Sisyphean in Daniel’s case, because as an old-school carpenter with almost no formal education, he’s

    a lost relic in the digital age. “I’ve never been near a computer,” he says, and while such confessions bring nothing but scolding contempt from the clerks in the welfare office, the audience looks at Daniel and, indeed, sees a man — you may have at least one relative like him — who lacks the consciousness to evolve with technology. Daniel is forced to take a class in how to draw up a CV, but even then, he writes it out in longhand – which inspires the film’s most cutting welfare official, who’s like a Kafkaesque version of Jane Lynch, to look at that piece of paper as if it were a scroll of shame. The main thing Daniel learns in the class is that there are dozens of people applying for every low-wage job. In other words: Why even bother?

    In the welfare office, Daniel spots a woman in a

    similar predicament, and being the Samaritan he is, he tries to help Katie (Hayley Squires) and her two kids get set up in their new flat. They’ve been squeezed out of the newly gentrified London, with no money and no prospects, and the four begin to hang out, because they have nothing much else to do. Yet in their way, they form a ragtag surrogate family. Squires has a dark-eyed beauty, yet her performance is so emotionally addled with dissolute worry that when we look at her, all we see is her stressed-out sadness. She’s a woman who has stopped being; she is merely existing. She literally cuts down on what she eats to have the money to feed her kids, and when she’s shopping at the government food bank and compulsively tears the top off a can of beans, dripping the syrup into her mouth, it’s a tearful epiphany

    — a fusion of hunger and degradation. It’s literally what she’s been driven to.

    If “I, Daniel Blake” had been made 20 or 30 years ago, the personalities of those in the welfare office might have been more colorfully villainized. But the film’s despair arises out of its perception that it’s the whole impersonal system that’s to blame. The layers of bureaucracy, which have only been added to with the Internet, are designed to wear people down. Johns, in a powerful performance, gives Daniel a plucky decency but a lonely anger underneath that simmers until it needs to explode. Daniel works to give the system every benefit of the doubt, until it insults his very being, at which point he has an impromptu “Attica!” moment. But it’s only a moment. The quiet beauty of “I, Daniel Blake” — the reason it’s the rare political drama that touches the soul —

    is that we believe, completely, in these people standing in front of us, as Ken Loach and the actors have imagined them. And when the movie ends, we feel like we won’t forget them.

    Perle di sceneggiatura


    Commenti del regista

    Come mai scegliere un comico come protagonista?:

    "Amo i comici perché spesso sono parte della working class. Tanta commedia viene dalla resistenza, dalla povertà. Il nostro attore, Dave Johns, è un comico spassoso, ma ci sono anche tante coincidenze interessanti: ha l'età giusta per il ruolo e suo padre, come lui nel film, era un falegname. Quindi Dave conosce il contesto sociale che raccontiamo e come se non bastasse vive proprio nelle strade in cui abbiamo girato il film. Tutto torna, alla fine"

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Cinema di Valerio De Paolis e lo Studio Punto&Virgola.

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di IO, DANIEL BLAKE

    Links:

    • Ken Loach (Regista)

    • Hayley Squires

    • Dave Johns

    1 | 2 | 3

    Galleria Video:

    Io, Daniel Blake - trailer

    Io, Daniel Blake - trailer (versione originale) - I, Daniel Blake

    Io, Daniel Blake - clip 'Sono dislessico di default'

    Io, Daniel Blake - clip 'Ora può fare il lavoro per cui i contribuenti la pagano'

    Io, Daniel Blake - clip 'Potresti aiutare Katie con la spesa, per favore?'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Maleficent - Signora del male

    MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE

    Tra i più attesi!!! - ANTEPRIMA EUROPEA alla Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Il mio profilo migliore

    IL MIO PROFILO MIGLIORE

    Dalla Berlinale 2019 - Juliette Binoche si sente libera di sondare un personaggio sofisticato e .... [continua]

    The Informer - Tre secondi per sopravvivere

    THE INFORMER - TRE SECONDI PER SOPRAVVIVERE

    Dal 17 Ottobre .... [continua]

    Joker

    JOKER

    VINCITORE del LEONE D'ORO DI VENEZIA 76 - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    Jesus Rolls - Quintana è tornato

    JESUS ROLLS - QUINTANA E' TORNATO

    In Pre-Apertura alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - Ecco .... [continua]

    Ad Astra

    AD ASTRA

    Ancora al cinema - Dalla 76. Mostra del Cinema di Venezia - [continua]

    C'era una volta a... Hollywood

    C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD

    Ancora al cinemaDa -Cannes 72 - Tra i più attesi!!! - .... [continua]