ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    L'uomo che sussurrava ai cavalli

    L'UOMO CHE SUSSURRAVA AI CAVALLI

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - Robert Redford qui .... [continua]

    Kramer contro Kramer

    KRAMER CONTRO KRAMER

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - VINCITORE di [continua]

    La guerra dei Roses

    LA GUERRA DEI ROSES

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - Un avvocato (Danny .... [continua]

    The Turning

    THE TURNING

    New Entry - Dal 4 GIUGNO .... [continua]

    Jurassic World: Dominion

    JURASSIC WORLD: DOMINION

    New Entry - Nel terzo episodio della saga Jurassic World Chris Pratt torna a .... [continua]

    La sfida delle mogli

    LA SFIDA DELLE MOGLI

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 14. Mostra del Cinema di .... [continua]

    Anon

    ANON

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - "Alla base del film c'è l'idea secondo .... [continua]

    Le cose che non ti ho detto

    LE COSE CHE NON TI HO DETTO

    Aggiornamenti freschi di giornata! (30 Maggio 2020) - Dal TIFF 2019 - Dal .... [continua]

    Storia di un matrimonio

    STORIA DI UN MATRIMONIO

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 76. Mostra del Cinema di .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Dylan Dog

    DYLAN DOG: L'INVESTIGATORE DEL SOPRANNATURALE CREATO DA TIZIANO SCLAVI NEL 1986 E DIVENTATO IL SECONDO FUMETTO PIU' VENDUTO IN ITALIA DOPO TOPOLINO RAGGIUNGE FINALMENTE LA CELLULOIDE

    Dal Giffoni Film Festival 2010 (ANTEPRIMA dei primi 20 Minuti) - RECENSIONE - Dal 16 MARZO

    Quando abbiamo analizzato la serie di fumetti, ci siamo resi conto di quanto incredibili e diverse fossero tutte le storie contenute in ogni singolo numero, nonostante la presenza di questo personaggio centrale che è Dylan, che è qualcosa a metà tra Sam Spade1 e Mike Hammer2, ma che vive in un mondo che non avevamo mai visto prima d’ora.”
    Il co-sceneggiatore Thomas Dean Donnelly

    La cosa importante dell’universo di DYLAN DOG è il mondo che si cela sotto al nostro mondo e il fatto che ci siano attorno a noi, e tra di noi, delle persone che conducono una doppia vita. Noi amiamo questa serie di fumetti perché ci presenta un mondo unico e un mix di generi come solo il fumetto europeo sa fare”.
    Il co-sceneggiatore Joshua Oppenheimer

    "... Amo i film che mischiano stili e generi, e secondo me era proprio questa la cosa migliore del film. Era un fantastico film di azione, conteneva una dose di commedia e dei personaggi horror. Era un favoloso mix di tante cose, e a me piacciono molto film come 'Ghostbusters acchiappafantasmi', 'Men in Black' e il meraviglioso 'Grosso Guaio a Chinatown', che mischiano generi diversi in questo modo. E questo film secondo me era perfetto, perché riusciva a reggere il confronto con altre pellicole tratte da fumetti”.
    Il regista Kevin Munroe

    (Dylan Dog: Dead of Night; Thriller horror noir; Produz.: Hyde Park Films/Long Distance Films/Platinum Studios; Distribuz.: Moviemax)

    Locandina italiana Dylan Dog

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Dylan Dog

    Titolo in lingua originale: Dylan Dog: Dead of Night

    Anno di produzione: 2010

    Anno di uscita: 2011

    Regia: Kevin Munroe

    Sceneggiatura: Joshua Oppenheimr e Thomas Dean Donnelly

    Soggetto: Dylan Dog, l’investigatore del soprannaturale, è un personaggio cartoon creato da Tiziano Sclavi nel 1986 e diventato il secondo fumetto più venduto in Italia dopo Topolino.

    Cast: Brandon Routh (Dylan Dog)
    Sam Huntington (Marcus)
    Brian Steele (Zombie tatuato )
    Anita Briem (Elizabeth)
    Taye Diggs (Vargas )
    Randal Reeder (Bob il meccanico)
    Kurt Angle (Wolfgang )
    Courtney Shay Young (Vampiro)
    Marco St. John (Borelli)
    Kimberly Whalen (Kelly)
    Courtney J. Clark (Ally)
    Kent Jude Bernard (Slake)
    James Hébert (Lorca)

    Musica: Klaus Badelt

    Costumi: Caroline Eselin

    Scenografia: Raymond Pumilia

    Fotografia: Geoffrey Hall

    Montaggio: Paul Hirsch

    Makeup: Dennis Liddiard e Kim Perrodin

    Casting: Elizabeth Coulon

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    Brandon Routh (Superman Returns) è un Dylan Dog scanzonato e impavido che, stufo di zombie e vampiri, ha scelto di andare in pensione anticipatamente. Ma il lavoro del detective del mistero non è davvero mai finito e sarà costretto a tornare in azione per decifrare le iscrizioni ritrovate su un antico manufatto che ha il potere di annientare l’umanità.

    La temporanea tregua dichiarata tra gli eserciti dei Non Morti sta per cessare e New Orleans diventerà un campo di battaglia, a meno che un uomo non riuscirà a risolvere un mistero, a preservare la pace e a rimanere vivo…

    Cosa succede quando si mischiano due parti di UNDERWORLD, una parte di ZOMBIELAND e al tutto si aggiunge una spruzzatina di CHINATOWN? Si ottiene un horror/commedia/thriller originale e bizzarro tratto dalla graphic novel italiana di maggior successo di tutti i tempi: DYLAN DOG.

    Brandon Routh interpreta Dylan, il cinico detective che fugge dal mondo dei vampiri, degli zombie e dei lupi mannari dopo aver perso il suo unico vero amore.
    La nostra storia ha inizio quando una misteriosa donna, di nome Elizabeth, (Anita Briem) lo assume per risolvere l’orribile omicidio di suo padre. Quando Dylan trova dei peli di lupo mannaro sulla scena del crimine capisce immediatamente di avere nuovamente a che fare con qualcosa di sovrannaturale. In un primo momento, Dylan cerca di rifiutare il caso ma quando il suo migliore amico Marcus (Sam Huntington) viene ucciso e torna sotto forma di zombie il nostro eroe si trova costretto ad agire.
    Per cercare delle risposte alle sue domande, Dylan si rivolge ad un suo vecchio amico e nemesi. Gabriel (Peter Stormare), leader dei Lupi Mannari, mostra ancora rispetto nei confronti di Dylan, però lo invita a 'rimanere da parte'. Vargas, il leader del clan dei Vampiri (Taye Diggs), è ancor meno felice di rivedere Dylan e glielo dimotra inviandogli una gang di teppisti assetati di sangue per toglierlo di mezzo prima che quest’ultimo riesca a sventare il piano messo in atto da Vargas, il cui scopo è far sì che i Vampiri riescano ad assumere il dominio assoluto.
    A questo punto, Dylan, Marcus ed Elizabeth si trovano a dover affrontare una corsa contro il tempo per trovare un oggetto antico che potrebbe sconvolgere l’equilibrio tra i due mondi (quello degli umani e quello dei non morti) e, nel senso letterale del termine, scatenare l’Inferno sulla Terra... e a New Orleans.

    Commento critico (a cura di ENRICA MANES)

    Cominciamo brevemente con l’elencare ciò che c’è e ciò che invece del classico Dylan Dog non si trova affatto in questa che appare, in maniera molto evidente, come la rivisitazione hollywoodiana di un classico del fumetto italiano e che dal cinema made in Usa importa pregi, difetti, caratteri e idee.

    A cominciare dall’ambientazione della città, non Londra ma New Orleans, la città dei bianchi e dei neri, del profondo sud e della tradizione sincretistica di usi e costumi, di etnie differenti, per arrivare alla rivisitazione dei mostri e andare più a fondo fino all’anima ed al senso della dimensione vagamente orrorifica e noir tipicamente d’oltreoceano che riporta alla mente mondi cult di genere e atmosfere più recenti che a tratti strizzano l’occhio non soltanto alle innumerevoli saghe dedicate ai morti viventi (La notte dei morti viventi) ma anche sembrano attingere a piene mani dalla serie di Resident Evil e dal film

    Io sono leggenda piuttosto che dalla matrice di Sclavi, ideatore e fumettista padre del tenebroso eroe Dylan.

    Dell’autore d’altronde rimane ben poco, una fugace citazione, traccia per il protagonista per arrivare all’oggetto del desiderio che, come in ogni fiaba che si rispetti - e quindi anche in ogni storia di eroe - si raggiunge solamente attraverso un’irta selva di prove, con principesse da salvare che si dimostrano in realtà abili 'amazzoni della morte' depositarie di segreti e mostruose forme del male; e Sclavi dunque, soltanto un nome, relegato ad essere un custode, vampiro dormiente racchiuso nella sua teca di vetro.

    E non ci sono nemmeno il fidato Groucho- assistente maggiordomo di Dog nella sua grande casa buia dal campanello che ulula per avvisare dell’arrivo degli ospiti - l’ispettore Bloch, e il galeone è relegato ad essere un modello - come il clarinetto - piuttosto che uno status mentale del tormentato investigatore dei

    morti.

    D’altronde si sarebbe con buona ragione potuto attingere dall’immaginario che aveva invece popolato la storia scritta da Tiziano Sclavi e divenuta film per la regia di Michele Soavi, che nel 1994 uscì con il titolo (omonimo) di Dellamorte, Dellamore e che vedeva come interprete un giovane Ruper Everett davvero perfetto nella parte di Dog.

    Oggi invece rimangono soltanto il “Maggiolone” –oltretutto nero e non bianco come nell’originale - e la camicia rossa con jeans e giacca nera a fare l’habitus di un Dylan che li indossa aprendo un armadio come si trattasse di un costume, di scena o forse atto a vestire i panni dismessi di un eroe che era e che desiderava di non essere più.

    Una storia rivista molte volte e che di recente ha avuto come protagonisti altri eroi del fumetto americano come lo Spiderman di Sam Raimi e che del Dog dolente e introspettivo mantiene ben poco e

    dove anche i personaggi sono ridotti a maschere moderne che dall’originale riprendono i tratti caratteristici precipitandoli invece in un universo rimodernizzato e dallo spazio atemporale ben più sfalsato che nel fumetto di Sclavi.

    E dire che come punto di partenza sia le scelte di regia che i piccoli tocchi tecnici avevano fatto ben sperare, con quel buio tipicamente noir ed il taglio di inquadratura a rendere l’idea della vignetta fumettistica, ora leggermente laterale, ora attento al dettaglio in quei mirabili primi attimi di pellicola in cui la salsa di pomodoro, come alla maniera del migliore splatter, si confonde con il sangue che gocciola dal soffitto ed il rosso spicca in gocce e macchie sul bianco.

    Sì perché i dettagli di piedi di donna danzanti sulle mattonelle scure del pavimento, in penombra e le stoviglie appoggiate sul ripiano della cucina, riprese da varie angolazioni, quasi potevano fugare il dubbio di trovarsi di

    fronte ad un calderone in cui Codice Da Vinci e moderne rievocazioni sacrali ed evocative di segreti Templari si mescolano invece in un tutt’uno assai poco convincente.

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di DYLAN DOG

    Links:

    • Brandon Routh

    1 | 2

    Galleria Video:

    Dylan Dog - trailer 2

    Dylan Dog - primo trailer

    Dylan Dog - trailer 2 HD

    Dylan Dog - trailer (versione originale) - Dylan Dog: Dead of Night

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    L'uomo invisibile

    L'UOMO INVISIBILE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE

    "Se fai un film su un personaggio ....
    [continua]

    Un amico straordinario

    UN AMICO STRAORDINARIO

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE

    "Credo che Fred (Rogers) abbia detto una ....
    [continua]

    The Rhythm Section

    THE RHYTHM SECTION

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Questa 'spy story' al femminile doveva arrivare .... [continua]

    Figli

    FIGLI

    Esce di nuovo on demand dall'11 Maggio su SkyCinema e NowTV - RECENSIONE - Paola .... [continua]

    Il diritto di opporsi

    IL DIRITTO DI OPPORSI

    Disponibile on demand dal 14 maggio su Apple Tv, Youtube, Google Play, TIMvision, Chili, Rakuten .... [continua]

    Underwater

    UNDERWATER

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal 30 GENNAIO .... [continua]

    Tornare

    TORNARE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di .... [continua]