ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Sully

    SULLY

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Famiglia all'improvviso - Istruzioni non incluse

    FAMIGLIA ALL'IMPROVVISO - ISTRUZIONI NON INCLUSE

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Manchester by the Sea

    MANCHESTER BY THE SEA

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Collateral Beauty

    COLLATERAL BEAUTY

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Allied - Un'ombra nascosta

    ALLIED - UN'OMBRA NASCOSTA

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    In viaggio con Jacqueline

    IN VIAGGIO CON JACQUELINE

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Il buongiorno del mattino

    IL BUONGIORNO DEL MATTINO: HARRISON FORD TORNA FELICEMENTE ALLA COMMEDIA D'AUTORE VESTENDO GLI INEDITI PANNI DI UN LITIGIOSO CONDUTTORE TELEVISIVO, PER INCONTRARE LA NUOVA 'DONNA IN CARRIERA' (RACHEL MCADAMS) E LA PUNTIGLIOSA COLLEGA DIANE KEATON

    RECENSIONE - Dal 4 MARZO

    Mi è piaciuta subito l'idea di Becky Fuller..., giovane, coraggiosa e generosa produttrice che si lancia in progetti sin troppo difficili per le sue capacità e che deve fare i conti con un attempato e pungente conduttore, perennemente arrabbiato e per nulla collaborativo. Il film contiene tutti gli elementi della commedia classica: ironia, freschezza, sensualità e realismo nella misura in cui fa si che delle persone così diverse riescano a provare rispetto e ammirazione reciproca, a convivere all'interno di una famiglia un po' disastrata ma anche unita e leale... Il motore de 'Il buongiorno del mattino' sono le spassose dinamiche che si sviluppano tra questi due straordinari personaggi: Becky, giovane donna entusiasta del nuovo lavoro che vorrebbe la fiducia di chiunque la circondi, e Mike, conduttore in pensione, molto riverito nel passato, che nutre un profondo disprezzo per i TG del mattino e che fa di tutto per rendere il lavoro di Becky impossibile. Mi era piaciuto il fatto che Aline (Brosh McKenna) avesse scelto di descrivere un sentimento ad alto potere adrenalinico, un po' come avveniva nei film della vecchia scuola, come quelli di Preston Sturges. I TG del mattino offrono lo sfondo ideale per una commedia ambientata in un posto di lavoro, dove si vive un'atmosfera ad alta tensione adrenalinica che Aline è riuscita a descrivere seguendo un approccio fresco e del tutto nuovo. Riuscire nel lavoro è la cosa più importante per Becky ma Mike non ha alcuna intenzione di facilitarla”.
    Il produttore J. J. Abrams

    "Volevo tornare in America per fare un film che portasse allegria a tanta gente e quando lessi il soggetto mi resi conto che aveva un potenziale enorme. Era ambientato in un mondo reale e facilmente riconoscibile – quello della televisione del mattino – ma era persino più seducente e interessante di quanto me lo fossi immaginato. Il senso dell'umorismo era, sì, nei personaggi ma anche nel modo in cui Becky Fuller riesce a prevalere attraverso la forza e il fascino della sua personalità, trasformando questo improbabile mix di persone in un vero successo".
    Il regista Roger Michell

    (Morning Glory USA 2010; commedia; 102'; Produz.: Bad Robot; Distribuz.: Universal Pictures International Italy)

    Locandina italiana Il buongiorno del mattino

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    SEE SHORT SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Il buongiorno del mattino

    Titolo in lingua originale: Morning Glory

    Anno di produzione: 2010

    Anno di uscita: 2011

    Regia: Roger Michell

    Sceneggiatura: Aline Brosh McKenna

    Cast: Harrison Ford (Mike Pomeroy)
    Rachel McAdams (Becky Fuller)
    Jeff Goldblum (Jerry Barnes)
    Patrick Wilson (Adam Bennett)
    Diane Keaton (Colleen Peck)
    Curtis (50 Cent) Jackson (Se stesso)
    Alice Callahan (La ragazza perfetta)
    Arden Myrin (Produttore Day Break )
    Steve Park (Il metereologo di Channel 9)
    Vanessa Aspillaga (Anna Garcia )
    Lloyd Banks (Se stesso )
    Liam Ferguson (Produttore news Daybreak)

    Musica: David Arnold

    Costumi: Frank L. Fleming

    Scenografia: Mark Friedberg

    Fotografia: Alvin H. Küchler

    Montaggio: Daniel Farrell, Nick Moore e Steven Weisberg

    Makeup: Bill Corso (per Harrison Ford) e Sheri Kornhaber

    Casting: Marcia DeBonis ed Ellen Lewis

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Al centro della vicenda c’è una giovane aspirante produttrice televisiva di show mattutini con i suoi assi nella manica che tenta di salvare le sorti di una trasmissione fallimentare assumendone il controllo e sedando la faida in corso fra i conduttori.

    In seguito alla perdita di una promozione, ottenuta a tradimento dal suo ragazzo, la giovane va in crisi e decide di tornarsene a Rhode Island, ma viene prontamente riportata a New York dal suo ex capo direttore del network che le lancia la sfida di rilanciare lo show mattutino in difficoltà. Più facile a dirsi che a farsi, considerato il feudo creato dai due litigiosi conduttori del programma, per quanto sotto il suo controllo. Ad uno dei due dà volto e anima Harrison Ford.

    IN DETTAGLIO:

    La produttrice di TG locali Becky Fuller (RACHEL McADAMS) ha finalmente esaudito il sogno di una vita: trovare un lavoro nella grande città e assumere le redini del programma d‟informazione nazionale del mattino “Daybreak”, a New York. Ma già dal primo giorno il sogno minaccia di trasformarsi in un incubo. La giovane Becky possiede il coraggio, la determinazione e le capacità per arrivare al successo ma tra lei e la sua ascesa si contrappone un grande ostacolo: il leggendario Mike Pomeroy (HARRISON FORD), l'eccentrico, presuntuoso e per nulla collaborativo conduttore del programma che rischia di diventare la sua maledizione … o la sua unica speranza di capovolgere il destino del TG del mattino meno seguito d'America.
    Arrivata al “Daybreak”, Becky capisce subito che persino il network ha rinunciato a risollevare le sorti dello sfortunato programma, noto per ingoiare e risputare anche i produttori più esperti prima del sorgere del nuovo giorno. Pur non avendo alcuna esperienza in materia di TG nazionali, Becky è determinata ad intraprendere un percorso diverso. Decide allora di tentare qualcosa di nuovo che, attraverso una spassosa battaglia di battute di spirito, fonde lo stile burbero e serioso dell'ex conduttore della sera Pomeroy con le cinguettanti battute e i modi divistici di Colleen Peck (DIANE KEATON), da tempo conduttrice dell‟edizione del TG del mattino.
    L'intera faccenda ha l'aria di trasformarsi in un vero disastro: i due ego si scontrano, Pomeroy si rifiuta di parlare di previsioni del tempo, di fornire notizie scandalistiche e, il Cielo non voglia, di occuparsi di cucina; Becky, da parte sua, lotta per salvare la sua reputazione, il suo posto di lavoro e la relazione appena iniziata – quella che mai avrebbe pensato di avere in tutta la vita – con un ex produttore (PATRICK WILSON). Eppure, più affronta il cinismo del conduttore e lo stress dell‟intera squadra, più comincia a credere in se stessa e nel suo potenziale di conduttrice del programma. Il risultato è una commedia sexy e molto divertente su una giovane donna e sulle sue prime affermazioni di successo, una donna che capisce che, indipendentemente da quanto la gente si comporti in modo insopportabile, nulla è impossibile quando le cose si fanno con passione.

    SHORT SYNOPSIS:

    A hotshot television producer is set the challenge of reviving a struggling morning show program, despite the constant feuding of its high-profile anchors.


    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    TORNA UNA NUOVA 'DONNA IN CARRIERA' E QUESTA VOLTA HA IL 'GREEN GLAMOUR' E TUTTA LA VERVE DEL CICLONE RACHEL MC ADAMS. LA FELICE COMMEDIA DI SPESSORE TARGATA ROGER MICHELL ('NOTTING HILL')-ALINE BROSH MCKENNA (SCENEGGIATURA DE 'IL DIAVOLO VESTE PRADA') E' ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE, ANCHE PER L'INEDITO RUOLO DI RINNOVATA EFFERVESCENZA COMICA DI HARRISON FORD. NELLO SQUISITO E SPASSOSO EQUILIBRIO D'INSIEME OCCHIEGGIANO LA NAVIGATA DIANE KEATON E JEFF GOLDBLUM IN UN CAMEO ALLARGATO

    C’era una volta Tess McGill (gli anni d’oro di Melanie Griffith), la segretaria inizialmente sottoimpiegata con legittime aspirazioni di affermazione professionale, c’era il capo-squalo Katharine Parker (Sigourney Weaver) e c’era pure l’ambizioso funzionario non privo delle sue insicurezze mascherate dietro scatti di ansiosa aggressività Jack Trainer (Harrison Ford). Chi non ricorda l’indimenticabile Working Girl (Una donna in carriera, 1988) di Mike Nichols? Adesso, in Morning Glory (l’ironico ‘Mattino in gloria’ o la ‘gloria del mattino’ tradotto nel

    corrente e ben più asfittico titolo italiano Il buongiorno del mattino) ritroviamo ancora due donne chiave: la giovane produttrice televisiva Becky Fuller (ruolo primario per una spumeggiante Rachel McAdams, fin troppo sopra le righe), ansiosa e logorroica fino allo spasmo quanto disarmante ottimista, e l’anziana conduttrice del TG del mattino Coleen Peck (straordinaria Diane Keaton). E ancora una volta, in mezzo a due donne - quando si dice il destino! - ritroviamo Harrison Ford, attempato e urticante come non mai, per esigenze di copione naturalmente - ‘cotè’ che d’altra parte sembra quasi aver adottato come motivo firma della maturità, Misure straordinarie docet - nei panni di Mike Pomeroy, eccentrico, presuntuoso narcisista dall’alto di 40 anni di carriera giornalistica televisiva condotta anche come reporter su ‘campi minati’ di grande respiro e interesse: la classica 'leggenda' con tutti gli effetti collaterali di uno spodestamento dal 'trono' le cui cause vi saranno chiare

    man mano che farete la sua conoscenza. E sarà uno spasso, è sicuro! E’ difatti con autentico entusiasmo che diamo il ben tornato a Ford nel mondo della commedia di spessore, con un ruolo solido ed esilarante, oltre che inedito così come i registri e i risvolti toccati sul filo dell’affilata lama con cui tiene tutti a supponente distanza. L’intelligente sceneggiatura cui, com’è sua consuetudine, Ford avrà certamente contribuito affinando il profilo del suo personaggio, gli consente una divertentissima interlocuzione con le due donne comprimarie, in svariate e gustosissime circostanze. Ma il felice risultato di Morning Glory si appunta prevalentemente sullo squisito equilibrio che riesce a raggiungere tra le varie sue parti, equilibrio non certo impoverito, bensì, al contrario, impreziosito, da numerose ‘citazioni-omaggio’ al sopracitato Working Girl, quel che si dice un classico, intramontabile, nella lunga lista di donne lavoratrici che man mano hanno fatto il loro ingresso nella storia

    del cinema. E’ la stessa produzione a ricordarci l’esempio ormai lontano (1940), ma non dimenticato, della giornalista interpretata da Rosalind Russell, perfettamente in grado di tener testa al subdolo redattore (Cary Grant) in La signora del venerdì di Howard Hawks. Ma senza andare troppo indietro negli anni, lo stesso fortunatissimo Il diavolo veste Prada punta l’obiettivo su una giovane segretaria (Anne Hathaway) nelle fauci di un capo a dir poco ‘diabolico’ (Meryl Streep). Donne in cerca di affermazione professionale tra sconfitte e trionfi, in grado comunque di domare l’iniziale impaccio e insicurezza con l’intelligenza e tutto l’impegno che le rende brillanti e attraenti eroine, nella sfera della commedia così come in quella dramma: non dimentichiamoci della giornalista sempre in campo di network televisivo Sally Atwater (Michelle Pfeiffer) al fianco dell’anziano direttore-pigmalione (Robert Redford) in Qualcosa di personale (1996). Donne spesso provinciali, di umili origini o con poca qualificata esperienza sul

    campo che affrontano con coraggio e determinazione la strada in salita per la scalata al successo.

    Ma torniamo a Morning Glory. Qui persino i titoli di testa sorgono come il sole inneggiando al mattino ma per Becky Fuller la sveglia punta all’una di notte perchè alle due già ‘fervono’, si fa per dire, tra la letargia generale, i preparativi della trasmissione televisiva ‘Good Morning New Jersey’. Letargia a dir poco contagiosa: persino la coconduttrice del programma la diretta se la ‘sogna’, aprendo le danze a un divertimento costante, con la prima sequenza esilarante cui seguiranno molte altre a passo sicuro facendosi largo nel fiume in piena di gag e battute di cui la sceneggiatrice per l’appunto de Il diavolo veste Prada, Aline Brosh McKenna, ha generosamente costellato Morning Glory, diretto dal regista di Notting Hill Roger Mitchell. E l’accoppiata non poteva risultare più vincente. Era da tempo che non

    ci si imbatteva in una commedia brillante come si deve, tanto autoriale da risultare quasi impeccabile, se non fosse stato per un caricamento un tantino troppo esasperato, debordante dal carattere della nostra protagonista Becky (McAdams) che, dopo un tergiversare su false promozioni e fattivi licenziamenti, approda sul pianeta fallimentare del TG locale newyorkese ‘Daybreak’, e deve vedersela con l’implacabile e imperativo capo supervisore Jerry Barnes (il cameo allargato di Jeff Goldblum).

    Così, tra una diatriba e l’altra sulla formula vincente di trasmissione, in bilico tra genuina informazione e/o intrattenimento, con l’unico scopo di aumentare l’audience, per così dire evaporata da tempo, e dunque risollevare le sorti di un programma in odore di definitiva chiusura, il celebre motto “Mai dire mai!” finisce per diventare valido anche per la neo imprenditrice Becky/McAdams, data per spacciata perdente fin dall’inizio. E questo epilogo era certamente prevedibile ma il modo con cui ci si arriva

    è veramente ben condotto, con la palese complicità di un montaggio che accelera, balzella, scorcia e gigioneggia con l’umore di protagonisti e circostanze.

    Non c’è dunque pericolo di annoiarsi tra lo stuolo di incalzanti duetti sul filo del contrasto al vetriolo tra Ford e McAdams in prima istanza, Keaton in seconda. Son quelli che innervano questa scoppiettante panoramica sul dietro le quinte del giornalismo televisivo di stazza locale da grande famiglia, e che fanno le veci di anticamera al messaggio moralista che dovrà tirare le fila, dare senso e significato pieno al tutto. Così tra una battuta di caccia e l’altra, qualche bicchiere di troppo, un insistito braccio di ferro su posizioni inamovibili, risentimenti e rimpianti, uno scoop a sorpresa, passando per un’esilarante ‘prova del cuoco’ a stelle e strisce che strizza l’occhio, in un dichiarato amore, all’Italia (la frittata insegnata da un’attrice non ben identificata e il barolo), il bastian

    contrario getterà l’ascia di guerra e quel che dirà sul filo della commozione (quasi immancabile per Ford in ogni suo film e la commedia non fa eccezione) lo abbiamo sentito molte volte, ma ribadirlo, in un modo o nell’altro, va a sottoscrivere l’oggettiva difficoltà di riuscire a metterlo in pratica e - questo è certo - fa sempre la differenza.

    Pressbook:

    PRESSBOOK di IL BUONGIORNO DEL MATTINO in ITALIANO

    Links:

    • Roger Michell (Regista)

    • Harrison Ford

    • Rachel McAdams

    • Patrick Wilson

    • Jeff Goldblum

    • Curtis (50 Cent) Jackson

    • Diane Keaton

    • IL BUONGIORNO DEL MATTINO - Rachel McAdams è Becky Fuller - Note di produzione (Dietro le quinte)

    • IL BUONGIORNO DEL MATTINO - Harrison Ford è Mike Pomeroy - Note di produzione (Dietro le quinte)

    • IL BUONGIORNO DEL MATTINO - Diane Keaton è Colleen Peck - Note di produzione (Dietro le quinte)

    • IL BUONGIORNO DEL MATTINO - Girando 'Il buongiorno del mattino a Manhattan' - Note di produzione (Dietro le quinte)

    • Il buongiorno del mattino (DVD)

    Altri Links:

    - Sito ufficiale
    - Fanpage su Facebook

    1 | 2 | 3

    Galleria Video:

    Il buongiorno del mattino - trailer

    Il buongiorno del mattino - trailer HD

    Il buongiorno del mattino - trailer (versione originale) - Morning Glory

    Il buongiorno del mattino - trailer HD (versione originale) - Morning Glory

    Il buongiorno del mattino - trailer HD 1080p (versione originale) - Morning Glory

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Crazy Night - Festa col morto

    CRAZY NIGHT - FESTA COL MORTO

    Addio al nubilato col morto! Nel cast anche Scarlett Johansson e Demi Moore - Dal .... [continua]

    Atomica bionda

    ATOMICA BIONDA

    Charlize Theron è una bionda atomica nella città più calda - Preview in English .... [continua]

    Dunkirk

    DUNKIRK

    Christopher Nolan (Interstellar) alle prese con il capitolo della seconda guerra mondiale consumato sulle spiagge .... [continua]

    Spider-Man: Homecoming

    SPIDER-MAN: HOMECOMING

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 6 Luglio

    "Sono felice ....
    [continua]

    Transformers: L'ultimo cavaliere

    TRANSFORMERS: L'ULTIMO CAVALIERE

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 22 Giugno

    "È il ....
    [continua]

    La mummia

    LA MUMMIA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Tra i più attesi!!! - Tom .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]