ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Animali fantastici: I crimini di Grindelwald

    ANIMALI FANTASTICI: I CRIMINI DI GRINDELWALD

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 15 Novembre

    "Questa storia è più stratificata e intricata ....
    [continua]

    Aspettando i barbari

    ASPETTANDO I BARBARI

    New Entry - INIZIO RIPRESE: Marocco, 29 Ottobre 2018 .... [continua]

    Mandy

    MANDY

    New Entry - 36. TFF - Dal Sundance Film Festival 2018 e .... [continua]

    Made in Italy

    MADE IN ITALY

    New Entry - INIZIO RIPRESE: Aprile 2019 in Toscana - L'esordio alla regia dell'attore .... [continua]

    A Star is Born

    A STAR IS BORN

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dalla 75. Mostra del Cinema di Venezia .... [continua]

    Halloween

    HALLOWEEN

    Ancora al cinema - RECENSIONE - XIII. Festa del Cinema di Roma (18 .... [continua]

    Johnny English colpisce ancora

    JOHNNY ENGLISH COLPISCE ANCORA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Terzo capitolo della saga comica di Johnny English, .... [continua]

    The Children Act - Il verdetto (già 'La ballata di Adam Henry')

    THE CHILDREN ACT - IL VERDETTO

    Ancora al cinema - VINCITORE della Palma d'Oro a Cannes 2017 - Diretto .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Nine

    NINE: OTTO E MEZZO PIU' MEZZO, PER UNO SGUARDO DISCRETO CHE AMMICCA ALLA FELLINIANA MEMORIA PASSANDO PER BROADWAY. AL CAST DA BRIVIDO (KIDMAN-HUDSON-CRUZ-DENCH-COTILLARD-DAY LEWIS) SI UNISCE 'MAMMA' SOPHIA LOREN

    Cinque Nomination ai Golden Globe Awards 2010 - Bif&St (22-31 Gennaio 2010)
    Dal 22 GENNAIO

    Il film è dedicato Alla memoria di Anthony Minghella

    "...i sogni sono l‘unica realtà... Nessuno sa veramente cosa sia la realtà... Ognuno di noi chiama 'verità' le proprie fantasie personali. La differenza è che io so di vivere in un mondo di fantasia. Ma questo è ciò che desidero e detesto tutto ciò che possa disturbare la mia visione. I miei film sono spesso basati sui miei sogni. Quando mi sveglio infatti prendo spesso nota di ciò che ho sognato con piccoli e buffi disegni. Per me fare film è come fare l‘amore. Mi sento vivo quando dirigo. Ma prima di iniziare 8½, accadde quello che avevo sempre temuto potesse accadere, e che fu persino peggio di quel che avevo immaginato. Sperimentai la mia paura più grande: il blocco del regista. Il blocco del regista è come il blocco dello scrittore, con la differenza che è pubblico e non privato. La troupe di 8½ mi chiamava 'il mago', ma il film che volevo fare, in qualche modo mi era sfuggito di mano. Considerai l‘idea di abbandonare tutto, ma non potevo deludere tutte quelle persone che mi credevano un mago. Allora pensai di fare un film su un regista afflitto da un blocco artistico. Hanno detto che i miei film sono autobiografici. E‘ vero. Utilizzo spesso ciò che mi capita realmente. Quando avevo sette anni i miei genitori mi portarono al circo ed ebbi la forte sensazione che quel luogo mi stesse aspettando".
    Federico Fellini

    (Nine USA 2009; musical romantico; 121'; Produz.: The Weinstein Company/Relativity Media/Marc Platt Productions/Lucamar Productions in co-produzione con Cattleya; Distribuz.: 01 Distribution)

    Locandina italiana Nine

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    (See Flash Review by Todd McCarthy, "www.variety.com", here - Voice: 'Il giudizio della critica' - 'International Press')
    Trailer

    Titolo in italiano: Nine

    Titolo in lingua originale: Nine

    Anno di produzione: 2009

    Anno di uscita: 2010

    Regia: Rob Marshall

    Sceneggiatura: Tucker Tooley e Anthony Minghella

    Soggetto: Dal libro di Arthur L. Kopit; adattamento di Michael Tolkin.
    Il film si ispira a Otto e Mezzo di Federico Fellini (sceneggiatura di Federico Fellini, Ennio Flaiano, Tullio Pinelli e Brunello Rondi).

    PRELIMINARIA:

    "... Fellini sarebbe stato molto lusingato dalla scelta di Daniel Day-Lewis nel ruolo di Guido e poiché questo è il personaggio che rappresenta proprio lui nel film... Ma Guido, sia in 8 ½ che in NINE, nonostante sia ispirato a Fellini, rappresenta solo un lato della sua personalità. Nella vita, Fellini era piuttosto timido e sfuggente con gli altri. Tuttavia immaginava di poter essere Guido. Così come Marcello Mastroianni, e ora Daniel Day-Lewis, Fellini riusciva a diventare a turno i personaggi della sua immaginazione, senza per questo turbare la sua tranquilla vita insieme all‘attrice Giulietta Masina, sua moglie devota... Fellini avrebbe apprezzato le attrici scelte per impersonare le donne della vita di Guido: Nicole Kidman, Kate Hudson, Penelope Cruz, Marion Cotillard e Judi Dench. Fellini non era il Casanova che si diceva che fosse, dopo tutto era stato proprio lui a diffondere questa voce: 'Ho una mente giocosamente adultera. Nella mia mente non mi stanco mai di vivere le mie fantasie sessuali. Ma nella vita interferirebbero troppo con il mio lavoro'.

    Fellini sarebbe stato estremamente felice e certamente divertito all‘idea di Sophia Loren nel ruolo di sua madre. L‘aveva scelta come protagonista di VIAGGIO CON ANITA, un film che non fece mai. Anita era una ragazza con cui il regista della storia ha un breve flirt. Il film alla fine fu fatto da un altro regista, con Goldie Hawn nel ruolo di Anita. E il caso vuole che Goldie Hawn sia la madre di Kate Hudson, che ora interpreta NINE.
    Fellini non vide mai la versione teatrale di NINE a Broadway (non prendeva mai l‘aereo, odiava volare), ma era contento del fatto che i suoi film continuassero a far parlare di sé, e che sia che LE NOTTI DI CABIRIA (che negli USA cambiò titolo diventando Sweet Charity) avessero ispirato dei musical, con i quali Fellini era cresciuto e ai quali era molto affezionato; in particolare amava Ginger Rogers e Fred Astaire che infatti avevano ispirato il suo film GINGER E FRED. Federico avrebbe certamente apprezzato l‘idea di collocare NINE nella tradizione dei grandi musical di Hollywood, senza però imitarlo. La musica era importante nei film di Fellini e lui sarebbe stato entusiasta di sapere che Rob Marshall avrebbe diretto il film. La sua regia non era mai invadente nonostante avesse sempre il controllo della situazione.

    Rob Marshall ci ha regalato un omaggio definitivo a Fellini, mettendo in scena lo spirito del grande regista italiano ma non la sua imitazione. Penso che Fellini sarebbe stato particolarmente felice di NINE perché non è un re-make di , ma un tributo vero e proprio, totalmente a sé stante. Non posso parlare per lui, ma immagino Federico che mi domanda, come spesso faceva: 'Cosa pensi, Charlottina?'
    Un giorno ho quasi visto 8 ½ in compagnia di Federico. Durante una delle mie visite a Roma, Fellini mi disse che in un piccolo cinema davano il suo film, a distanza di molti anni dalla sua uscita. Ma quando arrivammo lì, non trovammo altro che una sala decrepita, una copia del film mutilata, un paio di proiettori vetusti e un‘acustica terribile. Ad eccezione di un uomo che russava e di un cane che sembrava l‘unico a godersi il film, il cinema era deserto.
    Fellini fuggì in preda al panico, dicendomi: 'Tu resta pure, se vuoi!'. Gli corsi dietro, fino al Caffè Rosati, per affogare il nostro dispiacere nel caffè e nei pasticcini. Quello fu il giorno in cui stavo per vedere con Federico Fellini.
    Conoscevo Fellini abbastanza bene da sapere che prima o poi sarebbe sgattaiolato in un cinema per vedere NINE e che sicuramente non se ne sarebbe andato. Quest‘abitudine di sgattaiolare in un cinema l‘aveva presa da bambino, quando trascorreva il suoi pomeriggi al Cinema Fulgar di Rimini, per vedere i film che gli piacevano e nascondersi da sua madre che lo avrebbe sicuramente trascinato via.
    Vorrei tanto che Fellini potesse essere per dire la sua su NINE e so che tutti voi desiderate lo stesso.
    Credo che Federico avrebbe riempito NINE di complimenti, definendolo 'Fellinesco'.
    La vita di Fellini ha superato persino i suoi sogni. 'La vita è l‘unione della magia e della pasta', mi disse una volta, quindi immagino che secondo lui, dopo aver ammirato la magia di NINE, il pubblico dovrebbe uscire dal cinema e andare a mangiare un bel piatto di pasta".

    Charlotte Chandler, autore di I, Fellini.

    Cast: Nicole Kidman (Claudia)
    Kate Hudson (Stephanie)
    Daniel Day-Lewis (Guido Contini)
    Penélope Cruz (Carla)
    Judi Dench (Liliane La Fleur-Lilli)
    Sophia Loren (Mamma)
    Marion Cotillard (Luisa Contini)
    Ricky Tognazzi (Dante)
    Sandro Dori (Pappalardo)
    Giuseppe Cederna (Fausto)
    Elio Germano (Pierpaolo)
    Roberto Nobile (Jaconelli)
    Valerio Mastandrea (De Rossi)
    Remo Remotti (Cardinale)
    Martina Stella (Donatella)
    Cast completo

    Musica: Andrea Guerra (colonna sonora) Matt Sullivan (supervisione musicale)

    Costumi: Colleen Atwood

    Scenografia: John Myhre (coreografia di John Deluca e Rob Marshall)

    Fotografia: Dion Beebe

    Montaggio: Claire Simpson e Wyatt Smith

    Effetti Speciali: Peter e Stephen Hutchinson (supervisori)

    Makeup: Tamsin Dorling e Nikita Rae

    Casting: Kate Dowd, Francine Maisler e Razzauti Teresa

    Scheda film aggiornata al: 17 Dicembre 2014

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Il famoso regista cinematografico Guido Contini (Daniel Day-Lewis) lotta per trovare armonia nella sua vita professionale così come in quella privata, dal momento che si trova coinvolto in drammatiche relazioni: con sua moglie, la sua amante, la sua musa, la sua agente e sua madre...

    IN DETTAGLIO:

    Passione, fantasia, lussuria, amore, arte, eleganza, delusioni, sogni – la vita è un circo, secondo il noto regista di fama mondiale degli anni ‘60, Guido Contini (DANIEL DAY-LEWIS)... Film maker universale, Guido sta per iniziare la produzione del suo atteso nono film, ITALIA, quando, improvvisamente perde sia l‘amore che la sua vena creativa e la sua vita inizia ad andare a rotoli.
    Circondato da un gruppo di donne bellissime — la sua amante, la tentatrice Carla (PENÉLOPE CRUZ), sua moglie, la devota Luisa (MARION COTILLARD), Claudia, la sua musa ispiratrice (NICOLE KIDMAN), la sua costumista, la fidata Lilli (JUDI DENCH), una seducente giornalista di Vogue (KATE HUDSON), una prostituta che gli ha insegnato tutto quando era ragazzo (STACY FERGUSON) e la sua amata mamma (SOPHIA LOREN) – Guido cerca ispirazione e una possibile redenzione.
    Nel frattempo, lo storico Teatro 5 dei Cinecittà Studio di Roma prende vita riflettendo i desideri, i sogni e i ricordi di Guido, che diventano fantasiose composizioni di danza e musica, mentre il cerchio si stringe sempre più e si avvicina il momento in cui Guido, superati i suoi demoni, dovrà gridare ―Azione!

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    IL SOGNO NEL SOGNO: L’ONIRICO ESPRESSIONISMO DI FEDERICO FELLINI PASSA PER BROADWAY PER TORNARE ALLA CELLULOIDE NELLA CORNICE SCREZIATA DI SFUMATURE ‘POST-MODERNE’ AD OPERA DI BOB MARSHALL, LA’ DOVE ESPRESSIONI ARTISTICHE DIVERSE SONO CONSAPEVOLMENTE MIXATE TRA LORO PER CONTRASTO, E NON DI RADO A RITMO SERRATO, PER UN OMAGGIO CHE, PER SCARTARE DALL’INOPPORTUNA EMULAZIONE, DOVEVA LIMITARSI AD ESSERE ‘AMMICCANTE’

    C’era una volta un divertente spot pubblicitario a sfondo animato con il ben noto gattone Silvestro e il dolce e furbetto uccellino Titti che volava su un prodotto alimentare in scatola targato De Rica, vale a dire la salvezza per il tenero bocconcino: ‘Oh no, su De Rica non si può!’, cantilenava il famelico Silvestro. Una storiella che potrebbe suonare come un ritornello-metafora funzionale e interscambiabile per molte altre cose, volendo: non ultimo il musical Nine di Rob Marshall (Chicago), là dove al posto di De Rica, emblema di marchio di

    qualità intoccabile, si potrebbe collocare proprio Federico Fellini con il suo 8 e mezzo. Alcuni hanno difatti tentato di catturare, o per meglio dire, rievocare, la sua inafferrabile essenza stilistica e, a differenza di Gatto Silvestro, non si sono fatti scrupolo di metterci sopra le mani con la scusa dell’omaggio, magari con risultati anche apprezzabili, e comunque di grande successo (vedi Uno strano destino: Dai cinema italiani al teatro di Broadway e ritorno nella rubrica ‘Cinespigolature’ di ‘CelluloidPortraits’). E’ certo che non c’è miglior promozione per la propria opera artistica, immediatamente insignita di un certo ‘glamour’, che dichiararla ispirata all’intoccabile, al quasi innominabile genio (o ‘mago’ così come a lui comunemente si guardava e ovviamente si continua a guardare) della celluloide, beato dall’alto della sua legittima aura di immortalità. Anche se forse ‘poeta’ renderebbe meglio l’immensità della portata. Ma fortunatamente non è di lui che dobbiamo parlare: se la

    sua portata era immensa, la nostra non è neppure all’altezza della sua caviglia. E’ difatti su Nine che tentiamo di dire la nostra, film che, d’altra parte, non sembra aver incontrato grande favore tra la critica, di contro al plauso del pubblico e della giuria dei Golden Globe che lo ha insignito di ben cinque Nomination. E, dal nostro punto di vista, si ha per l’appunto l’impressione che Nine sia stato giudicato non troppo benevolmente dalla critica a causa di un approccio viziato nella forma - nonchè nella promozione stessa del film, con continui rimandi troppo diretti a Fellini - innescando per il metro di valutazione la marcia del confronto e della competizione tra il nuovo prodotto artistico e la sua fin troppo autorevole fonte. In realtà va precisato, e non siamo certo i primi a rimarcarlo, che ciò a cui si lega più direttamente Nine è il musical

    teatrale di Broadway scritto da Arthur L. Kopit, a sua volta ispirato al felliniano 8 e mezzo. E questa è già tutta un’altra cosa. L’ottica non può più essere la stessa, così come pure i parametri di giudizio dovrebbero adeguarsi guardando al prodotto per quel che è.

    Se dunque in Nine si andasse ricercando il tocco onirico visionario tipicamente felliniano, ovvio che non lo troveremmo. E meno male! Sarebbe stato l’errore più grossolano, e pure più arrogante, che un regista avrebbe mai potuto commettere. Del resto le intenzioni sono state ampiamente dichiarate e, ci pare, adeguatamente rispettate: non un’imitazione ma un omaggio. E un omaggio di una certa classe non emula, ammicca, per schegge, frammenti, che richiamano in memoria alla stregua di un flirt onestamente reso manifesto alla luce del sole: con le aure rarefatte degli sfondi in bianco e nero, le monocromie in stridente contrasto con l’esuberante vivacità di colori

    e costumi scintillanti, o con fotogrammi che accennano a sequenze cui giustamente si nega la continuità integrale che spetta all’originale. Eh si, perché altrimenti si tratterebbe di una rapina e di uno scempio inammissibili. E questo Marshall, non certo sprovveduto, lo sa bene e allora flirta con un genere di visionarietà a tratti ‘post moderna’, persino psichedelica, anche specchio dei tempi che cambiano e delle muse con loro. E che muse! Il cast non si è rivelato d’eccezione solo sulla carta ma nei fatti. Una meglio dell’altra, con performance talmente viscerali e liriche da lasciare senza parole, si sono avvicendate Nicole Kidman, Penélope Cruz, Marion Cotillard, Judi Dench, Kate Hudson e la prosperosa Fergie, con mamma Sophia (Loren) in centellinati, discreti camei.

    Facciamo allora un bella cosa. Usiamo qui lo stesso metodo che usiamo per i remake. Giudichiamo questo film accordato in musical prendendolo come cosa a se stante. Dimentichiamoci di

    un’eredità tanto ingombrante da intimidire chicchessia (Fellini) e guardiamo a Nine per quello che riusciamo a vederci: l’intramontabile storia, che potrebbe essere di grande attualità, di un regista in crisi - il Guido Contini che d’altra parte Daniel Day-Lewis sfuma figurativamente rievocando la fisionomia del giovane Fellini - protagonista di uno scenario in cui troneggia l’inconsueto accostamento tra musical e un genere di dramma sfrangiato nei sofferti conflitti interiori e nel continuo intreccio di visioni ad occhi aperti - un mix di arte, sogni, amore, estasi emotiva e ispirazione cinematografica con gli ‘annessi & connessi’ del mestiere - che prendono vita con le schegge incrociate di diverse espressioni artistiche: così il banco e nero rincorre lo sgargiante sfarfallìo cromatico delle ‘Folies Bergère’ e l’io adulto del protagonista si mantiene più o meno costantemente in contatto con l’io bambino: un file rouge rinsaldato dallo sguardo trasognato in cui vita

    e creazione percorrono lo stesso binario per la stessa destinazione.

    L’intreccio serrato tra la rivisitazione delle celebri sequenze con la Saraghina mantenute in bianco e nero, energicamente espressionista nell’originale felliniano, e i variopinti colpi di musical a raffica condotti dalla neo Saraghina-Fergie - cantante e danzatrice di professione di contro all’occasionale ‘fuori programma’ delle altre star - si rende emblematico di una ricercata e voluta frammentazione. Nessuno qui cerca o vuole essere, né tanto meno sostituirsi, a ciò che ha fatto epoca allora. Sarebbe come se nel restauro di un quadro di un’epoca antica si cercasse di rifare sulla lacuna quel che non c’è più e che appartiene ad altri, sarebbe un falso: la tecnica ora universalmente accreditata è, non a caso, quella di riempire quel vuoto con un intervento diverso ma non invasivo, discreto pur nel suo innegabile e ben visibile distacco dall’originale. Così è per la musica e per

    ogni altra espressione artistica, di una certa levatura, si intende. Per quale ragione allora, Rob Marshall avrebbe dovuto far sua la visionarietà di Fellini? O anche solo pensare di tradurla mantenendo la levatura del suo stesso linguaggio? Schegge e frammenti servono al meglio ogni genere di rievocazione e avendo scelto di passare per Broadway, Nine nulla toglie e nulla aggiunge alla memoria della fonte felliniana, offre semplicemente una più che dignitosa variante sul tema.

    In conclusione, ci piace leggere Nine semplicemente come la metafora elettiva del ‘lato oscuro’ della creazione, quando dopo essersi persi negli anfratti di temporanee perdizioni (“Non sono quello che avevo progettato, ho perso me stesso”), spunta imprevista all’orizzonte la rinascita dell’ispirazione temporaneamente sfocata, fatta anche di tutte quelle digressioni che non rappresentano un vuoto d’esperienza, ma un passaggio obbligato per la risalita. Toccare il fondo, star male, fermarsi a pensare e risalire, magari sull’onda di un

    prezioso consiglio amico. Non a caso la rinascita personale di Guido Contini corre sul filo della riconciliazione con se stesso prima ancora che con la moglie Luisa (Marion Cotillard qui è quanto di più divino possa esserci sul piano dell’espressione creativa, oltre che di una bellezza e un cotè rattenuto d’altri tempi, gli altri tempi cui ammicca lo stesso Nine).

    E se interprete (Day-Lewis) e regista (Marshall) per questo Guido Contini dipingono un ritratto forse un po’ stucchevolmente ‘bohemien’, e pure intrigante e intrigato nelle sue stesse contraddizioni, dando vita ad un profilo talora abbozzato e scivoloso, è probabile che sia stato del tutto intenzionale: complice il montaggio che alterna a ritmo serrato i vari frammenti in modo da dare un senso di sfuggente incompiutezza espressiva. Ma è nostra personale convinzione che questo non rappresenti un difetto del film bensì un pregio: il merito di chi ha preferito sfumare nel

    tratteggio e nell’accenno, rifuggendo di proposito l’incisività per non correre il rischio di scivolare nell’inopportuna presunzione di un ritratto pieno, assoluto, in un campo in cui di assoluto, pieno e compiuto non c’è proprio nulla. “Non c’è un copione? … Scriverai con la cinepresa. E’ quello che sai fare meglio”. Forse è qui che Marshall ha trovato la sua essenza felliniana e forse può anche bastare.

    Perle di sceneggiatura

    Luisa Contini (MARION COTILLARD): "Una donna che, come molte, nella vita ha dato al suo compagno tutto l'amore che aveva. Interpretando Luisa ho capito quanto sia complesso amare qualcuno che è costantemente immerso in un processo creativo".

    Pressbook:

    PRESSBOOK Completo in ITALIANO di NINE

    Links:

    • Rob Marshall (Regista)

    • Penélope Cruz

    • Nicole Kidman

    • Roberto Citran

    • Marion Cotillard

    • Elio Germano

    • Judi Dench

    • Valerio Mastandrea

    • Daniel Day-Lewis

    • Kate Hudson

    1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13

    Galleria Video:

    Nine - trailer.flv

    Nine - trailer 2 (versione originale.flv

    Nine - trailer 3 (versone originale).flv

    Trailer 2 HD (versione originale) by 'YOUTUBE'

    Trailer 3 HD (versione originale by 'YOUTUBE'

    Il giudizio della critica

    The Best of Review

    International Press

    TODD MCCARTHY, "www.variety.com":

    "'Nine' is a savvy piece of musical filmmaking. Sophisticated, sexy and stylishly decked out, Rob Marshall's disciplined, tightly focused film impresses and amuses as it extravagantly renders the creative crisis of a middle-aged Italian director, circa 1965. Given its basis in a 27-year-old Broadway show, which itself had its unlikely origins in Federico Fellini's self-reflective 1963 classic '8½,' the Stateside Weinstein release will probably find a more receptive audience among culture vultures than with the masses. But a robust marketing push stressing the stellar cast, strong notices and the 'another 'Chicago'' vibe should still generate solid returns, especially in urban areas".

    Italian Press

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Notti magiche

    NOTTI MAGICHE

    RECENSIONE - Dalla XIII. Festa del Cinema di Roma (18-28 Ottobre 2018) - Film .... [continua]

    Tutti lo sanno

    TUTTI LO SANNO

    RECENSIONE - Da Cannes 71. - Coppia nella vita e nuovamente sul set (dopo .... [continua]

    Hunter Killer - Caccia negli abissi

    HUNTER KILLER - CACCIA NEGLI ABISSI

    Dopo Nella tana dei lupi, Geostorm e i due film di Attacco al Potere, Gerard .... [continua]

    First Man - Il primo uomo

    FIRST MAN - IL PRIMO UOMO

    RECENSIONE - Dalla 75. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (29 Agosto-8 Settembre 2018) - Film .... [continua]

    Millennium - Quello che non uccide

    MILLENNIUM - QUELLO CHE NON UCCIDE

    RECENSIONE - Dalla XIII. Festa del Cinema di Roma (18 ottobre-28 ottobre 2018) - .... [continua]

    Lo schiaccianoci e i Quattro Regni

    LO SCHIACCIANOCI E I QUATTRO REGNI

    RECENSIONE - Il nuovo lungometraggio live action Disney, diretto da Lasse Hallström, porta sul grande .... [continua]

    Il mistero della casa del tempo

    IL MISTERO DELLA CASA DEL TEMPO

    XIII. Festa del Cinema di Roma (18 ottobre-28 ottobre 2018) - Selezione Ufficiale - .... [continua]