ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Un amico straordinario

    UN AMICO STRAORDINARIO

    Aggiornamenti freschi di giornata! (15 Novembre 2019) - USA: Dal 22 Novembre .... [continua]

    Frozen II - Il segreto di Arendelle

    FROZEN II - IL SEGRETO DI ARENDELLE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 27 Novembre .... [continua]

    The Duke

    THE DUKE

    New Entry - 2020 .... [continua]

    AnneFrank - Vite parallele

    #ANNEFRANK - VITE PARALLELE

    Helen Mirren ripercorre, attraverso le pagine del diario, la vita di Anne Frank, con l'aiuto .... [continua]

    Terminator - Destino oscuro

    TERMINATOR - DESTINO OSCURO

    Siete sopravvissuti al Giorno del Giudizio. Benvenuti nel nuovo mondo. James Cameron torna in veste .... [continua]

    La famiglia Addams

    LA FAMIGLIA ADDAMS

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Alice nella Città - Dal .... [continua]

    Maleficent - Signora del male

    MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - ANTEPRIMA EUROPEA alla [continua]

    Joker

    JOKER

    Ancora al cinema - VINCITORE del LEONE D'ORO DI VENEZIA 76 - [continua]

    Doctor Sleep

    DOCTOR SLEEP

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Sequel della storia di Danny Torrance, a 40 .... [continua]

    Downton Abbey

    DOWNTON ABBEY

    Ancora al cinema - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre .... [continua]

    Home Page > Flash News

    ADDIO A ERIC ROHMER, UNO DE GRANDI REGISTI DELLA NOUVELLE VAGUE. E' scomparso a Parigi all'età di 89 anni

    11/01/2010 - (ANSA) - PARIGI - Il regista ERIC ROHMER è morto a Parigi all'età di 89 anni. Lo ha reso noto la sua produttrice della Films du Losange, Margaret Menegoz.

    Cinema di pensiero più che d'azione, di parole più che d'immagini, dalla messa in scena sofisticata nella sua delicatezza. Quello di ROHMER è un cinema morale, fascinoso e in parte enigmatico, sicuramente del più personale e coerente tra i grandi cineasti della Nouvelle Vague. Dove le parole, in primo piano, spesso mistificano e sviano, e l'intreccio letterario non può adombrare l'importanza di un cinema potente nella sua solo apparente trasparenza.
    Autore per eccellenza, teorico, scrive tutti i suoi film, tentando solo alcune volte l'adattamento dal romanzo. I dialoghi letterari ma mai teatrali e il suo tocco leggero hanno messo in forma una cinematografia programmatica. Attentissimo ai dettagli in cui si nasconde spesso la discreta e sottile fascinazione del suo cinema, ROHMER ha sempre, sapientemente, amalgamato una profondità quasi ottocentesca con una messa in scena precisa e raffinata.

    Ancora professore di lettere a Vierzon pubblica nel '46 un romanzo sotto lo pseudonimo di Gilbert Cordier, Elisabeth. Con Godard, Rivette, Truffaut e Chabrol fonderà "La Gazzette du cinèma" (di cui diverrà direttore) oltre ad essere assiduo frequentatore del mitico cinè-club del Quartiere Latino a Parigi. Con loro pubblica un libro su Hitchcock nel '55 mentre più tardi scrive un saggio sull'espressionista Murnau. Sarà caporedattore dei "Cahiers du cinèma" dal '57 al '63, proprio gli anni in cui prende decisamente vita la Nouvelle Vague. ROHMER, il più anziano del gruppo, era stato d'altronde il primo a fare il passo nella regia con il corto Journal d'un scélérat nel '50.

    È del '59 il suo primo lungometraggio, Il segno del leone. Prodotto da Chabrol e distribuito con scarso successo tre anni più tardi, anticipa la riflessione, cara a ROHMER, sul ruolo del caso, quale manipolatore delle vite umane. Oltre a dare un rarissimo esempio di sguardo negativo sulla città di Parigi (qui dipinta sporca e chiassosa).
    Nel '62 fonda la società 'Les films du Losange' con cui produrrà la gran parte delle sue pellicole. Lo stesso anno inizierà la prima delle serie tematiche dei 'Contes moraux'. Con La collezionista nel '66 ma soprattutto La mia notte con Maud (1969), il suo capolavoro, otterrà anche una Nomination agli Oscar come 'Miglior Sceneggiatura'. Il famoso dialogo su Pascal è un capolavoro di scrittura ma soprattutto di messa in scena sottilmente occultata (l'importanza del dialogo svia dalla macchina da presa che inquadra spesso una sola delle tre persone presenti) nonché di una fine sensualità.

    Terzo racconto morale è Il ginocchio di Claire (1970). Nel '65 firma l'episodio su 'Place de l'Etoile' di Parigi di notte, accanto a Chabrol, Godard, Douchet e Jean Rouch. Ultimo dei racconti morali è L'Amore il pomeriggio (1972), forse il più ironico ma anche il più spietato verso il mondo piccolo borghese che descrive. Con La Marchesa von... (1976) mette in scena quasi ricalcandolo un racconto storico di von Kleist. Film pittorico e sensuale che descrive il sentimento ingabbiato nelle rigide regole sociali. Altro adattamento letterario, e questa volta dal medievale Chrétien de Troyes, nel '78 con Perceval, sul cavaliere della tavola rotonda, interpretato da Fabrice Luchini, qui scoperto da ROHMER. L'operazione è straniante e teatrale, spesso recitata in terza persona ma ancora una volta raffinata ed elegante. Contrariamente ad altre scommesse di suoi colleghi e amici (spesso appesantite dai loro stessi intenti), ROHMER mantiene sempre un'aura di magnifica leggerezza.

    Nel '80 sarà la volta della serie 'Comédies et proverbes', dal tono più scanzonato e beffardo. Il primo, La moglie dell'aviatore narra di uno studente che insieme a una ragazza incontrata per caso pedina l'amante della sua fidanzata. Ne Il bel matrimonio (1982), opera su una passione non condivisa, ROHMER basa ancora l'intreccio sulle magnifiche interpretazioni dei protagonisti (Béatrice Romand e Arielle Dombasle), inquadrando sempre gli interlocutori e mai chi parla durante i dialoghi. Sempre deliziosi saranno i dialoghi di Pauline alla spiaggia (1983), commedia su un'educazione sentimentale ambientata in un bel crepuscolo balneare settembrino, Orso d'argento al festival di Berlino. Quarto episodio delle commedie e proverbi è Le notti di luna piena (1984), riuscito e agrodolce ritratto generazionale (e, indubbiamente, morale). Il successivo, e quasi improvvisato, Il raggio verde (1986) otterrà invece il Leone d'oro a Venezia. ROHMER regala opere mai deludenti, garbate e attente alle sfumature, pur con certi eccessi di verbosità: ne sono conferma L'amico della mia amica (1987) e Reinette e Mirabelle (1987).

    Gli anni '90 sono segnati dai 'Contes des quatre saisons': in Racconto di primavera (1990) sempre teatrale e molto parlato, tra la musica di Schumann e Beethoven si narra dell'incertezza dei sentimenti, in Racconto d'inverno (1991) per il classico e rohmeriano caso del destino Félicie resta incinta senza poter contattare il padre a cui, nel loro amore estivo, aveva dato un indirizzo sbagliato. ROHMER inframmezza i racconti delle stagioni con altre opere che forse hanno in parte perso la leggerezza degli anni '60 ma rivelano un autore sempre estremamente lucido. Nel '93 L'albero, il sindaco e la mediateca, nel '95 il film a episodi Incontri a Parigi, nel '96 Un ragazzo...tre ragazze. Nel successivo Racconto d'estate (1996) si affronta un'altra, leggera, avventura balneare per un insolito tombeur des femmes, mentre Racconto d'autunno (1998) ritrova l'eleganza espressiva dei 'Contes moraux'.

    Leone d'Oro alla carriera nel 2001, sempre coerente e vitale, a 80 anni, ROHMER firma un'altra trilogia, questa volta storica. Il primo è La nobildonna e il duca (2001) dove narra la rivoluzione francese dalla parte dell'aristocrazia e dove gli attori recitano su fondali dipinti. Triple Agent - Agente speciale (2004) sarà invece un film di spionaggio ambientato negli anni '30 e ne Gli amori di Astrea e Celadon (2007) si mette in scena un romanzo pastorale di Honoré d'Urfé ambientato nel V secolo.

    Discreto sulla sua vita privata, serio e ancora attivissimo, anche per la televisione, ROHMER ha un figlio giornalista e un fratello filosofo, René Scherer.

    LA REDAZIONE

    Flash News recenti

    16/11/2019 - E' da Oscar la fine dolorosa di un matrimonio. Il 18 novembre esce il film con Scarlett Johannson e Adam Driver [leggi...]

    15/11/2019 - Woody Allen omaggia la Grande Mela nel suo film più difficile. In sala dal 28 novembre Un giorno di pioggia a New York [leggi...]

    15/11/2019 - 'Il Cardellino' in Italia dal 6 dicembre in esclusiva digitale. Da romanzo Donna Tartt il film con Nicole Kidman [leggi...]

    15/11/2019 - Spike Lee, il nuovo film è Giulietta e Romeo a Brooklyn. Il regista mescola Shakespeare con hip hop e graphic novel [leggi...]

    14/11/2019 - Il Tff tra Verdone, Hitler, Frida Kahlo e Bifo. A Torino 197 film dal 22 al 30 novembre. In concorso Padovan [leggi...]

    13/11/2019 - 'Midway', film di guerra old style. Da Emmerich un kolossal tra storia, portaerei e top gun [leggi...]

    13/11/2019 - Hitchcock a Genova, 70 scatti per il maestro del brivido. A Palazzo Ducale mostra su suoi film, il primo girato in Liguria [leggi...]

    13/11/2019 - Jennifer Lopez Wants Super Bowl Halftime Show to Be a Unifying Moment for America [leggi...]

    12/11/2019 - 'Frozen 2', il futuro è donna e non si arrende. In sala film Disney con voci di Rossi, Brignano e Sangiorgi [leggi...]

    12/11/2019 - Curioso, incredibile ma vero! - Nuove accuse a Polanski fermano promozione francese di 'J'accuse'. Disagio in Francia a pochi giorni da uscita film [leggi...]

    Zombieland - Doppio colpo

    ZOMBIELAND - DOPPIO COLPO

    Aggiornamenti freschi di giornata! (15 Novembre 2019) - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 14 .... [continua]

    Parasite

    PARASITE

    VINCITORE della PALMA d'ORO al 72. Festival del Cinema di Cannes - RECENSIONE .... [continua]

    Motherless Brooklyn - I segreti di una città

    MOTHERLESS BROOKLYN-I SEGRETI DI UNA CITTA'

    RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Edward Norton si fa .... [continua]

    Attraverso i miei occhi

    ATTRAVERSO I MIEI OCCHI

    Kevin Costner presta la voce al cane Enzo, protagonista in questa storia che scommette su .... [continua]

    Le ragazze di Wall Street

    LE RAGAZZE DI WALL STREET

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma (Auditorium Parco della Musica, 17-27 Ottobre 2019) .... [continua]

    The Irishman

    THE IRISHMAN

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    L'uomo del labirinto

    L'UOMO DEL LABIRINTO

    Tra i più attesi!!! - Dustin Hoffman e Toni Servillo in coppia nel nuovo .... [continua]