ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    E poi c'è Katherine

    E POI C'E' KATHERINE

    New Entry - Tra i più attesi!!! - Soprannominato da "Vanity Fair" 'Il .... [continua]

    Wasp Network

    WASP NETWORK

    New Entry - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    The Laundromat

    THE LAUNDROMAT

    76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO - The Laundromat (lett. La lavanderia) .... [continua]

    Joker

    JOKER

    Tra i più attesi!!! - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    Marriage Story

    MARRIAGE STORY

    New Entry - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    Eurovision

    EUROVISION

    New Entry - 2020 .... [continua]

    J'accuse (L'ufficiale e la spia)

    J'ACCUSE (L'UFFICIALE E LA SPIA)

    New Entry - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO - Dal .... [continua]

    Home Page > Ritratti in Celluloide > Personaggi dietro le quinte > TRON LEGACY - Effetti e Tecnologie - Veicoli e gadgets - Note di produzione

    Dietro le quinte: TRON LEGACY - Effetti e Tecnologie - Veicoli e gadgets - Note di produzione (Film)

    Nella Galleria Video i 'Talent' raccontano il mondo di TRON: Legacy così come lo hanno realizzato e le relazioni tra i personaggi. Nella Galleria Fotografica sono inoltre presenti le ridroduzioni di alcune pagine tratte dal numero 4 del 'magazine DYou', in edicola dal 28 dicembre, che ospita uno speciale sul film e un’intervista esclusiva a Olivia Wilde proprio in occasione dell'uscita del film.

    EFFETTI E TECNOLOGIE

    TRON: Legacy” è una vetrina per le moderne tecnologie e presenta alcune novità assolute nella storia del cinema: è il primo film in 3D a integrare una testa ed un corpo completamente in digitale per dare vita al giovane personaggio di Jeff Bridges; il primo film in cui è usata una serie di costumi autoilluminati; il primo film in cui i costumi sono stati creati a partire da modelli digitali, adoperando la tenologia CNC (Computer Numerical Cutting); il primo film in 3D girato con lenti 35mm e macchine da presa con sensori 35mm. In TRON: Legacy è stata adoperata a livelli eccezionali anche la tenologia nota come facial-capture. Usando una scansione tridimensionale di Jeff Bridges, è stato realizzato uno stampo del suo viso e da esso una maschera con 52 - sensori, utilizzata come marcatore facciale per quattro camere da presa legate ad un casco di fibra di carbonio. Nel frattempo una versione digitale tridimensionale di Bridges è stata creata nel dominio digitale con decine di foto di Bridges all’età di 30 anni mosso dai 52 sensori della maschera creata apposta.
    È stato il più grande ostacolo tecnico dei filmmaker. Afferma Kosinski: “Non credo ci sia qualcosa di più complesso che ricreare un personaggio digitale che deve presenziare in un scena con un attore reale. In più è un personaggio che il pubblico conosce… e per questo abbiamo dovuto cogliere tutto il carisma di Bridges”.
    Quando interpreta Clu, Bridges indossa la maschera con i 52 sensori l’Helmet Mounted Camera (HMC); i movimenti del suo volto sono trasferiti ad un computer e vengono adoperati per controllare le espressioni e i movimenti del volto digitale. Per questo la recitazione del giovane Bridges è controllata dal Bridges reale come se il giovane Bridges fosse realmente sullo schermo. I dati inviati al computer hanno reso possibile le espressioni e i movimenti della bocca proprio come se Bridges fosse sul set. “Clu doveva sembrare, respirare e recitare esattamente come il giovane Jeff”, commenta il Premio Oscar Eric Barba, supervisore agli effetti visivi. “Jeff ci ha fornito una performance eccellente per rendere possibile tutto ciò, ma doveva essere credibile, un uomo reale e in questo caso un perfetto Jeff Bridges dei primi anni ’80. Con l’utilizzo della tecnologia E-motion Capture spingendola molto più in là di quanto non sia mai stato fatto prima”.
    TRON: Legacy è il primo film ad usare la tecnologia con l’Helmet Mounted Camera in live action, permettendo all’attore di interagire con gli altri sull scena. La tecnica, come puntualizza il produttore Sean Bailey “ci permette di poter girare scene che un tempo non era possibile fare. E rispetto al “Curioso caso di Benjamin Button” la sfida era differente: in quel caso come potesse essere Brad Pitt all’età di ottanta anni era immaginazione, nel caso di Bridges il pubblico sa com’era lui nei primi anni ottanta avendo recitato nel film "Due vite in gioco". Non era tecnologia e basta, andava utilizzata in modo del tutto nuovo”.
    Jeff Bridges ha abbracciato la nuova tecnologia su un piano personale. “Mi piace andare al cinema e ogni qualvolta vedo un film epico in cui un personaggio da ragazzo diventa vecchio, generalmente vengono chiamati più attori ad interpretare le varie fasi. Ma in questo caso per me, in qualità di attore, è molto gratificante sapere di poter interpretare me stesso o un personaggio a qualsiasi età, dall’infanzia alla vecchiaia. È molto eccitante soprattutto essere parte di una tecnologia così d’avanguardia”.
    Mentre la tecnologia tenta di creare un’esperienza molto più realistica e coinvolgente la domanda che viene da porsi è quanto potesse funzionare l’interazione tra uomini e computer. Ma le premesse di TRON: Legacy hanno un nesso con la realtà? I filmmaker volevano un film fortemente reale ma che desse anche un senso altamente scientifico. Sentivano che se il pubblico avesse sospettato che alcune premesse scientifiche fossero state intaccate allora la storia non sarebbe stata credibile. Così grazie all’aiuto del produttore Jeffrey Silver i filmmaker si sono avvalsi dell’aiuto del National Academy of Sciences’ Science and Entertainment Exchange a cui hanno rivolto domande del tipo: è possibile iniettare in un computer la versione digitale di un essere umano? E può una personalità digitale essere convertita in un essere umano? Hanno incontrato scienziati per parlare di alcune questioni fondamentali alla base di TRON: Legacy.
    Le risposte li hanno letteralmente sorpresi. Sembra che se si ha abbastanza potenza di calcolo, con l’ausilio della fisica quantistica e basandosi sulle teorie del teletrasporto quantisticoo, allora ciò potrebbe accadere. “Eravamo estasiati, tutto ciò ha dato l’input alla nostra immaginazione. La fantascienza non è detto che debba essere realtà. È un’esplorazione di ciò che ptorebbe essere possibile”, afferma Silver.
    Aggiunge il regista Kosinski: “È stato straordinario poter sentir dire da molti scienziati che il film "TRON" potrebbe ispirare le loro ricerche, portandoli a pensare da una prospettiva differente. È stata un’esperienza bellissima”.

    VEICOLI E GADGETS

    Le lightcycles (motociclette luminescenti) sono una parte importante e vitale della mitologia di TRON. Uno dei progettisti che ha lavorato ai nuovi ed eleganti modelli di TRON: Legacy è Daniel Simon, un disegnatore esperto della Bugatti, che ha iniziato il lavoro partendo dagli schizzi originali di Syd Mead, l’ideatore delle motociclette del primo film.
    Simon parla delle sfide: “Le lightcycles formano un unico oggetto con il pilota. I caschi e il corpo divengono parte integrante del design pur essendoci la necessità di avere libertà di movimento. Tutto ciò non esiste e bisogna iniziare da zero”. Aggiunge ancora Simon, “Le lightcycles sono generate da dei bastoni per cui ho dovuto modellare le parti interne, come le viti e il cambio, in grado di trasformarsi nelle animazioni all’interno del dominio digitale. È stato interessante poter sviluppare la forma di un veicolo in grado di ingrandirsi”.
    Altri veicoli presenti in TRON: Legacy sono macchine da corsa molto potenti chiamate Light Runner, poi c’è l’intercettatore, un ampio veicolo a forma di U che batte le strade per catturare i programmi ribelli, i Solar Sailers, navi cargo volanti e il Rectifier, la nave da battaglia di Clu, che è tre volte più grande di un qualsiasi aeromobile nel mondo reale, al cui interno c’è l’intero esercito di Clu.
    Ci si potrebbe aspettare che questi enormi veicoli siano stati generati completamente grazie all’ausilio della computer grafica, ma in alcuni casi invece erano strutture reali, create apposta per soddisfare il desiderio di Kosinki di miscelare costantemente il mondo reale e il mondo virtuale.
    I filmmakers hanno ingaggiato una società chiamata Wild Factory, che ha in passato costruito prototipi per la Volkswagen, per poter realizzare questi veicoli.
    Sul dorso di ogni tuta c’è un disco di luce e come per TRON anche in TRON: Legacy i dischi giocano un ruolo molto importante. Il disco di luce rappresenta una sorgente di potere, è l’essenza e la memoria di ogni programa.
    Utilizzato come un arma, il disco ritorno al programma come se fosse un boomerang. I dischi creati per il film sono anelli con 134 led, sono radio controllati e attaccati alle tute grazie all’utilizzo di un magnete. All’interno di essi sono inserite le batterie e i circuiti elettronici che danno energia alle tute luminescenti.
    Per gli abitanti di questo mondo il manganello è un elemento importante che può essere usato come arma o come memoria per conservare dati, utilità e codici e può generare la bicicletta luminescente o un altro tipo di veicolo intorno a chi lo possiede. Come spiega Kosinski: “Il manganello è come un coltellino svizzero nel mondo reale. Può formare svariati veicoli e può generare diversi tipi di armi in base alla propria specialità”.

    1 | 2

    Galleria Video:

    Tron Legacy - featurette - Lo scenografo Barren Gilford, il regista Joseph Kosinski, il produttore Sean Bailey, l'attore Garrett Hedlund e il co-produttore Justin Springer raccontano il mondo di TRON: Legacy così come lo hanno realizzato: le atmosfere, i lightcycle, il gioco dei dischi.

    Tron Legacy - featurette - I protagonisti del film: Jeff Bridges, Olivia Wilde, Garrett Hedlund raccontano le relazioni tra i personaggi (versione originale sottotitolata).

    Tron Legacy - Il primo music video dei Daft Punk 'Derezzed' tratto dalla colonna sonora del film.

    <- torna all'elenco dei personaggi dietro le quinte

    Il signor diavolo

    IL SIGNOR DIAVOLO

    Un ritorno ai demoni del passato del regista Pupi Avati al romanzo gotico e a .... [continua]

    Fast & Furious - Hobbs & Shaw

    FAST & FURIOUS - HOBBS & SHAW

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dall'8 Agosto

    Quale futuro per la saga 'Fast & Furious'?
    [continua]

    Hotel Artemis

    HOTEL ARTEMIS

    RECENSIONE - Oltre 27 anni dopo Il silenzio degli innocenti Jodie Foster ritorna nel mondo .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]