ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Nomadland

    NOMADLAND

    Aggiornamenti freschi di giornata! (21 Gennaio 2021) - VINCITORE del LEONE D'ORO alla .... [continua]

    Kitbag

    KITBAG

    New Entry - .... [continua]

    Untitled David O. Russell Project

    UNTITLED DAVID O. RUSSELL PROJECT

    New Entry - Un cast 'iperstellato' nel nuovo progetto ancora senza titolo di David .... [continua]

    Last Looks

    LAST LOOKS

    New Entry - Mel Gibson interpreta un ex poliziotto caduto in disgrazia. .... [continua]

    Women in the Castle

    WOMEN IN THE CASTLE

    New Entry - Daisy Ridley, Kristin Scott Thomas e Nina Hoss nei panni di .... [continua]

    Northman

    NORTHMAN

    New Entry - Nella saga di vendetta vichinga ambientata in Islanda all'inizio del X .... [continua]

    Lucy and Desi

    LUCY AND DESI

    New Entry - Javier Bardem e Nicole Kidman in coppia per ricreare la celebre .... [continua]

    West Side Story

    WEST SIDE STORY

    New Entry - Dal 10 Dicembre .... [continua]

    One Night in Miami

    ONE NIGHT IN MIAMI

    New Entry - Dalla 77. Mostra del Cinema di Venezia e dal [continua]

    Don't Look Up

    DON'T LOOK UP

    New Entry - Adam McKay chiama a raccolta un cast 'all star' tra cui .... [continua]

    Home Page > Ritratti in Celluloide > L'intervista > LE PALUDI DELLA MORTE - TEXAS KILLING FIELDS - INTERVISTA alla regista AMI CANAAN MANN

    L'INTERVISTA

    LE PALUDI DELLA MORTE - TEXAS KILLING FIELDS - INTERVISTA alla regista AMI CANAAN MANN

    17/05/2012 - Cosa ha fatto per prepararsi?

    AMI CANAAN MANN: "Prepararmi a girare questo film ha significato fare ricerche sui tanti aspetti della storia. Ho passato parecchio tempo con i detective della omicidi della LASD; sono andata all’obitorio di Los Angeles; sono stata a Texas City e nella prigione di Angola in Louisiana. Sam, Jeffrey e Jessica hanno fatto lo stesso. Chloë, James e Sheryl hanno trascorso del tempo in un centro di recupero per tossicodipendenti, mentre Jason Clarke ha voluto incontrare un uomo condannato per crimini sessuali per poter comprendere cosa lo aveva spinto a compiere simili atti.
    Nonostante i crimini mostrati nel film siano un mix di finzione ispirato a vari aspetti degli oltre cinquanta casi dei Texas Killing Fields, tutti noi eravamo consapevoli di raccontare una storia profondamente legata a eventi reali e drammatici. Mi è sembrato quindi fondamentale che sia io che gli attori ci avvicinassimo con rispetto a questa realtà cercando di comprenderla il più possibile: se siamo riusciti a raccontare la storia dei Texas Killing Fields in modo autentico, forse riusciremo a risvegliare l’interesse per i tanti casi irrisolti".

    Ci può spiegare le tecniche adottate per ritrarre alcuni personaggi in un certo modo? Per esempio, non sappiamo se provare compassione o meno per Lucie. Invece, Anne è decisamente troppo matura per la sua età.

    AMI CANAAN MANN: "Sono stata veramente fortunata a poter lavorare con un gruppo di attori davvero intelligenti e di grande talento: si meritano tutti grandi riconoscimenti per la capacità di rendere attraverso le sfumature i personaggi che interpretano. Io credo che Lucie fosse, a un certo punto della sua vita, una bella ragazza con grandi ambizioni e speranze. Sheryl ha svolto un lavoro incredibile nel lasciarci intravedere chi fosse quella ragazza, anche quando sullo schermo compare la donna e la madre che è diventata.
    E’ vero, Anne è troppo matura per la sua età, ma non è assolutamente cinica, come Chloë ben rende nella sua interpretazione. Non si hai mai la sensazione che Anne sia
    consapevole di quanto sia brutta la sua situazione: se così non fosse non potremmo provare per lei la stessa compassione".

    C’è qualcosa che le fa provare rispetto o empatia per le persone ritratte in questo film?

    AMI CANAAN MANN: "Certo, rispetto e provo una profonda empatia nei confronti di tutti i personaggi. Nessuno di noi è completamente buono o cattivo. Nella vita di tutti i giorni facciamo delle scelte perché riteniamo che siano quelle giuste. La domanda che mi pongo sempre è: perché le persone fanno alcune scelte piuttosto che altre? Come ci arrivano? Quali sono i loro criteri? La mia idea è che ponendosi queste domande si possono raccontare delle storie interessanti".

    Il paesaggio gioca un ruolo importante in TEXAS KILLING FIELDS. Può spiegarci come lo ha sfruttato per raccontare la storia?

    AMI CANAAN MANN: "I veri Killing Fileds sono una vasta porzione di territorio poco fuori da Texas City, dove sono stati trovati i cadaveri, e sono comunemente noti come Texas Killing Fields. Una delle cose che mi ha colpito quando siamo andati in alcuni dei luoghi dove furono commessi questi crimini, è che da lì si vedevano una serie di raffinerie ed erano solo pochi chilometri fuori città. Questi posti mi hanno fatto pensare a una casa infestata: un luogo inquietante a due passi da tutto ciò che ci è familiare. Accadono cose strane e non sappiamo il perché. Siamo curiosi, ma anche spaventati.
    Quando assieme a mia sorella Aran Mann, la nostra scenografa, abbiamo iniziato a fare sopraluoghi per la scelta delle location in Louisiana, ci siamo imbattute in queste ampie zone contrassegnate da alberi strani e scheletrici, meravigliosi e inquietanti. Ci è stato detto che era quello che rimaneva di una folta foresta: a causa del riscaldamento globale il livello del mare si era alzato e l’acqua salata era penetrata nel terreno. Sono rimasti soltanto questi alberi scheletrici che colpiscono per la loro tragica bellezza e che sono diventati la cifra distintiva dei Killing Fields".

    Quali sono le sue influenze cinematografiche e come l’hanno aiutata a realizzare questo film?

    AMI CANAAN MANN: "L’ispirazione maggiore sono stati gli eventi reali che hanno ispirato la storia di Don: le vittime, la città, i colpevoli e gli stessi detective.
    Tutti noi siamo rimasti colpiti da questi due uomini così diversi e dalla ragazzina che li attira nel vortice della storia. E credo anche dalla possibilità di ridare voce, in maniera misteriosa, alle persone a cui era stata tolta".

    Che messaggio vorrebbe che le persone cogliessero vedendo questo film?

    AMI CANAAN MANN: "Fate attenzione".

    Ci può parlare della sua carriera nel mondo del cinema e cosa l’ha spinta a diventare regista?

    AMI CANAAN MANN: "Sono cresciuta a Dayton, in Indiana, dove il cinema e i libri non rappresentavano un punto di riferimento, se non per me e mia madre. Poi c’era la città, i vicini e le loro storie, le cose che noi ragazzini abbiamo visto, sentito e di cui eravamo a conoscenza, perché soltanto i ragazzi sanno alcune cose. C’erano delle situazioni belle o terribili che condividevamo in silenzio.
    Sono stata coinvolta per la prima volta nel lavoro di mio padre grazie alla sua serie televisiva Crime Story. Lui all’epoca stava girando L’ultimo dei mohicani e io collaboravo come assistente alla produzione nel reparto artistico. Avevo sedici anni e venivo pagata 40 dollari a settimana, che all’epoca mi sembravano una fortuna. L’esperienza mi ha cambiata e mi sono innamorata di questo mondo.
    In sostanza, crescere in Indiana mi ha ispirato e fatto venire voglia di raccontare delle storie. Il fatto di lavorare con mio padre ai suoi film e alle serie televisive mi ha portato a riflettere sul modo in cui potevano essere raccontate queste storie".

    Dal PRESSBOOK di TEXAS KILLING FIELDS


     
    1

    <- torna all'elenco delle interviste

    The Prom

    THE PROM

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Meryl Streep e Nicole Kidman protagoniste e .... [continua]

    Let Them All Talk

    LET THEM ALL TALK

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Negli USA il film debutta su HBO Max il 10 .... [continua]

    The Midnight Sky

    THE MIDNIGHT SKY

    Tra i più attesi!!! - George Clooney torna a regia e recitazione con un .... [continua]

    Il concorso

    IL CONCORSO

    RECENSIONE - Keira Knightley e Gugu Mbatha-Raw protagoniste del film leggero e vivace di Philippa .... [continua]

    Made in Italy

    MADE IN ITALY

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - L'esordio alla regia dell'attore inglese James D'Arcy .... [continua]

    Uno di noi

    UNO DI NOI

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Diane Lane e Kevin Costner tornano a far coppia sul grande .... [continua]

    Elegia americana

    ELEGIA AMERICANA

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Drammatico affresco in cui Ron Howard dipinge la crisi .... [continua]