ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Comedians

    COMEDIANS

    New Entry - Gabriele Salvatores traspone sul grande schermo l'omonima e celebre pièce teatrale .... [continua]

    Casa della notte

    CASA DELLA NOTTE

    New Entry - Dal Sundance Film Festival 2020 in prima mondiale - Rebecca .... [continua]

    Swan Song

    SWAN SONG

    New Entry - .... [continua]

    Valley of the Gods

    VALLEY OF THE GODS

    New Entry - L’uomo più ricco sulla terra. Un giovane scrittore in crisi. Un’ancestrale .... [continua]

    Another Round Remake

    ANOTHER ROUND REMAKE

    New Entry - Leonardo DiCaprio acquisisce i diritti per il remake americano dell'originale danese .... [continua]

    The Nest - L'inganno

    THE NEST - L'INGANNO

    New Entry - Dal 14 Maggio on demand su: Sky Primafila, Chili, Google Play, .... [continua]

    Blacklight

    BLACKLIGHT

    New Entry - Liam Neeson torna a collaborare con il regista Mark Williams dopo .... [continua]

    Nomadland

    NOMADLAND

    Oscar 2021 - VINCITORE di 3 Premi: 'Miglior Film'; 'Miglior Regia' (Chloé Zhao), 'Miglior .... [continua]

    The Song of Names - La musica della memoria

    THE SONG OF NAMES-LA MUSICA DELLA MEMORIA

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal SAN SEBASTIÁN 2019 - Clive Owen .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Una giusta causa

    UNA GIUSTA CAUSA

    RECENSIONE - Un tributo a una delle figure più influenti del nostro tempo, seconda donna a essere nominata Giudice alla Corte Suprema. Un omaggio a tutte le donne, un invito a non farsi sopraffare - Dal 28 Marzo

    "Ho subito pensato che dovevo fare questo film, sentivo l’urgenza di raccontare la sua storia. Mi sono subito identificata con il viaggio del giudice Ginsburg. Volevo raccontare la sua storia perché anch'io ho sperimentato l’amara realtà della discriminazione e ho lottato duramente per ottenere lavori che alla fine sono stati assegnati a persone di sesso maschile. Ho sentito una similitudine nelle nostre esperienze: entrambe madri, di origine ebrea e con alle spalle una lunghissima storia d'amore basata sul rispetto umano e professionale. Il mio matrimonio dura da 32 anni, il giudice Ginsburg ha avuto un matrimonio lungo e pieno d’amore e di questo si parla molto nel film".
    La regista Mimi Leder

    Penso che ci sia qualcosa di più profondo che è fondamentale per poter capire davvero Ruth: quanto lei rispetti pienamente la Costituzione, la legge e il paese. Quello che ho imparato da lei è cosa sia davvero il patriottismo…”.
    Lo sceneggiatore (e nipote di Ruth Bader Ginsburg) Daniel Stiepleman

    (On the Basis of Sex; USA 2018; Biopic legal drama; 120'; Produz.: Amblin Partners, Participant Media e Robert Cort Productions; Distribuz.: VIDEA)

    Locandina italiana Una giusta causa

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: Una giusta causa

    Titolo in lingua originale: On the Basis of Sex

    Anno di produzione: 2018

    Anno di uscita: 2019

    Regia: Mimi Leder

    Sceneggiatura: Daniel Stiepleman

    Cast: Felicity Jones (Ruth Bader Ginsburg)
    Armie Hammer (Martin Ginsburg)
    Justin Theroux (Mel Wulf)
    Sam Waterston (Erwin Griswold)
    Kathy Bates (Dorothy Kenyon)
    Cailee Spaeny (Jane Ginsburg)
    Jack Reynor (Jim Bozarth)
    Stephen Root (Professor Brown)
    Chris Mulkey (Charles Moritz)
    Gary Werntz (Giudice Doyle)
    Francis X. McCarthy (Giudice Daugherty)
    Ben Carlson (Giudice Holloway)
    Ronald Guttman (Gerald Gunther)
    Wendy Crewson (Harriet Griswold)
    John Ralston (Tom Miller)

    Musica: Mychael Danna

    Costumi: Isis Mussenden

    Scenografia: Nelson Coates

    Fotografia: Michael Grady

    Montaggio: Michelle Tesoro

    Effetti Speciali: Mario Dumont (supervisore)

    Makeup: Gina W. Bateman

    Casting: Victoria Thomas

    Scheda film aggiornata al: 16 Dicembre 2019

    Sinossi:

    Ruth Bader Ginsburg (Felicity Jones) è una delle nove donne ad entrare, nel 1956, al corso di Legge dell'Università di Harvard e che, nonostante il suo talento, fu rifiutata da tutti gli studi legali in quanto donna. Sostenuta dall’amore del marito Martin Ginsburg (Armie Hammer) e dall'avvocato progressista Dorothy Kenyon (Kathy Bates), accetta un controverso caso di discriminazione di genere. Contro il parere di tutti, Ruth vinse il processo, determinando un epocale precedente nella storia degli Stati Uniti sul fronte della parità dei diritti. Un tributo a una delle figure più influenti del nostro tempo, seconda donna a essere nominata Giudice alla Corte Suprema.

    Synopsis:

    Ruth Bader Ginsburg is a first-year student at Harvard Law School. When her husband Martin, a second-year student, falls ill with cancer, she attends both her classes and his, taking notes and transcribing lectures while caring for Martin and their infant daughter Jane. Two years later Martin, his cancer in remission, is hired by a firm in New York. Ruth petitions Harvard Law School Dean Griswold to allow her to finish her Harvard law degree with classes at Columbia Law School in New York, but he insists on following Harvard University policies at the time and denies her request, so she transfers to Columbia. In spite of graduating at the top of her class, she is unable to find a position with a law firm because none of the firms she applies to wants to hire a woman. She takes a job as a professor at Rutgers Law School, teaching "Sex Discrimination and the Law".

    In 1970, Martin brings a tax law case to Ruth's attention. Charles Moritz is a man from Denver who had to hire a nurse to help him care for his aging mother so he could continue to work. Moritz was denied a tax deduction for the nursing care because at the time Section 214 of the Internal Revenue Code specifically limited the deduction to "a woman, a widower or divorcée, or a husband whose wife is incapacitated or institutionalized". The court ruled that Moritz, a man who had never married, did not qualify for the deduction. Ruth sees in this case an opportunity to begin to challenge the many laws enacted over the years that assume that men will work to provide for the family, and women will stay home and take care of the husband and children. She believes that if she could set a precedent ruling that a man was unfairly discriminated against on the basis of sex, that precedent could be cited in cases challenging laws that discriminate against women—and she believes that an appellate court composed entirely of male judges would find it easier to identify with a male appellant.

    Ruth meets with Mel Wulf of the ACLU to try to enlist their help, but he turns her down. She also meets with activist and civil rights advocate Dorothy Kenyon, who is cold to the idea at first but later meets with Wulf in his office and convinces him to sign on. Ruth then flies to Denver to meet with Moritz, who agrees to let the Ginsburgs and ACLU represent him pro bono after Ruth convinces him that millions of people could potentially benefit. The Ginsburgs and Wulf file an appeal of Moritz's denial with the Tenth Circuit Court of Appeals. Department of Justice Attorney James H. Bozarth asks to be the lead counsel for the defense. He does a computer search to find all of the sections of the US Code that deal with gender identity. His defense will contend that, if section 214 is ruled unconstitutional, that will open the door to challenges to all of America's gender-based laws. Ruth, having no courtroom experience, does poorly in a moot court, and Wulf convinces her to let Martin lead off arguing the tax law, with Ruth following up with equal protection arguments.

    The government offers Moritz a settlement of one dollar. Ruth makes a counter-proposal: the government will pay Moritz the sum he claimed as a deduction and make a declaration that he did nothing wrong, and also enter into the record that the gender-based portion of section 214 is unconstitutional. The government declines this proposal because of the constitutionality element. At the oral argument in the Court of Appeals, Martin takes more of their side's allotted time than he had intended. Ruth is nervous but makes several key points and reserves four minutes of her time for rebuttal. Bozarth frames his side's argument as defending the American way of life, implying that the Ginsburgs and ACLU want "radical social change" and maybe Moritz "just doesn't want to pay his taxes". In her rebuttal, Ruth is much more confident. She states that societal roles that existed one hundred years ago, or even twenty years ago, no longer apply. She does not ask the court to change society, but to keep the law up with social change that has already taken place. To a judge's objection that the Constitution does not contain the word "woman", she responds vigorously that neither does it contain the word "freedom".

    Outside the courthouse, judgment being reserved, Wulf, Moritz and the Ginsburgs celebrate that, win or lose, Ruth has finally found her voice as a lawyer. Titles over the closing scene indicate that the Court of Appeals found unanimously in Moritz's favor. Ruth went on to co-found the Women's Rights Project at the ACLU, which struck down many of the gender-based laws Bozarth identified, and in 1993 the Senate voted 96 to 3 for her to become an associate justice of the United States Supreme Court. The final scene shows the real-life Ginsburg walking up the steps of the Supreme Court building

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Ecco un’altra storia imprestata dalla realtà al cinema. E questa volta ‘il diritto di contare’ (vedi Il diritto di contare di Theodore Melfi) affonda la lama in un altro genere di rivendicazione. Non è più sulla questione razziale bensì, ‘On the basis of sex’ (‘sulla base del sesso’). Una storia vera dunque, che vede al centro della vicenda l’intera vita di una donna davvero eccezionale. Una donna che, attraversando decenni di storia americana, oltre che della sua vita privata, ha portato avanti ‘una giusta causa’, che poi è diventata anche il titolo italiano del film di Mimi Leder. Una donna che, dopo un lungo e faticoso percorso, è riuscita a fare la differenza. Prima per altri che per se stessa, creando un precedente legislativo in grado di fare da apripista alla lunga lista di leggi discriminatorie di genere.

    Tutto ha inizio nel lontano 1956. E le prime immagini che scoprono

    gradualmente i dettagli di una mise femminile in mezzo ad una fiumana di uomini diventa l’incipit simbolo di tutto il film. E’ il momento in cui Ruth Bader Ginsburg, nel film indossata da una impeccabile Felicity Jones, che per un soffio ha schivato il lezioso, fa il suo ingresso al corso di Legge dell’Università di Harvard. Una delle nove donne sperdute in una classe a schiacciante dominanza maschile. Ingresso che spira venti di orgoglio prima che siano presto mortificati ad ogni occasione pubblica. Università, quella di Harvard, che oggi, spalancherebbe le porte del lavoro a chiunque, ma non allora. Talento, grinta e determinazione, massimo impegno si estendono anche alla famiglia, e al marito in particolare che, improvvisamente, si riscopre gravemente malato: il fattivo aiuto serale negli studi di avvocatura di lui, prima ancora che dei suoi, dà un’idea piuttosto chiara del calibro di questa donna. Eppure ciò è valso a

    Ruth Bader Gisburg tutti i rifiuti possibili da parte degli studi legali quando, a fronte di due lauree con il massimo dei voti, si è accinta a cercare un lavoro. I motivi addotti oggi suonano tanto assurdi quanto quelli avanzati decenni dopo nelle autorevoli aule di tribunale: l’immagine delle donne a casa ad accudire figli e marito è vista come l’ordine naturale delle cose e l’ingresso di una donna in uno studio legale affiatato come una famiglia può suscitare la gelosia delle mogli degli stessi avvocati che ne fanno parte. Sembra fantascienza retrò, ma è semplicemente la lunga strada delle lotte per i diritti senza discriminazioni di sorta condotte ahimè, senza troppo successo, ancor prima di Ruth Bader Ginsburg: ne è testimonianza concreta il personaggio dell'avvocato progressista Dorothy Kenyon interpretato da Kathy Bates, sempre immensa anche in poco più di un cameo allargato!

    Attraversando i vari step, in una sorta

    di corsa ad ostacoli, Ruth/Jones si troverà in mezzo a fuochi contrapposti, una sorta di cartina tornasole di quel che all’epoca era considerata la norma che nessuno aveva voglia di cambiare: il solidale ed innamorato marito, a sua volta avvocato dopo aver sconfitto la malattia - il Martin Ginsburg di Armie Hammer - con una vera e propria fede nelle reali capacità professionali della moglie oltre che cooperativo anche nella cura dei figli; e l’amico avvocato Mel Wulf di Justin Theroux, un freno insolente ad ogni proposta e tentativo di portare avanti la lotta sul piano legislativo per la discriminazione di genere. Ad un certo punto emerge un caso in particolare, che non viola i diritti di una donna, bensì quelli di un uomo non sposato, che si prende cura dell’anziana madre con l’aiuto di un’infermiera e che, paradossalmente, proprio perché non sposato, non può usufruire delle detrazioni fiscali. Il

    caso in grado di creare un precedente appunto, per poter cambiare le molte altre leggi discriminatorie di genere di cui sopra, e per il quale Ruth combatterà con le unghie e con i denti. Ma un’altra presenza cruciale in grado di fare la differenza nella vita di Ruth è proprio la figlia Jane (Cailee Spaeny), sulle prime nervosa e accusatoria con la madre che reputa una despota, come del resto la maggior parte degli adolescenti ma, successivamente, una riscoperta ispirazione per la madre, in un’aura di rinnovata solidale complicità affettiva oltre che di rispetto e stima reciproche: il segno palpabile dei tempi che cambiano, con o senza il consenso delle leggi.

    E’ così che, contro il parere di tutti gli onorevoli togati, Ruth vinse il processo, determinando un epocale precedente nella storia degli Stati Uniti sul fronte della parità dei diritti. Una giusta causa si serve di una formula classica

    per raccontare questa storia affascinante e di grande rilievo storico prima che personale. Una formula vagamente patinata e, per certi aspetti, di maniera, ma dai messaggi inequivocabilmente forti quanto le contraddizioni della legislatura della costituzione americana, in cui il film si inoltra non temendo dettagli e cavilli, con cui anzi, tiene banco, tramite una sceneggiatura fluida e ben scritta: non a caso dal nipote della vera protagonista, Daniel Stiepleman. E il fatto che la sceneggiatura sia stata scritta dal nipote, peraltro con il diretto contributo della stessa Ruth Bader Ginsburg, ha aggiunto senz’altro alla storia una dimensione intima ed autentica. Quanto il film voglia essere un tributo ad una delle figure più influenti del nostro tempo, seconda donna a essere nominata Giudice alla Corte Suprema, lo esprime il suggestivo finale in cui l’interprete Felicity Jones cede il passo alla vera Ruth di oggi. Un omaggio ad personam esteso a tutte

    le donne nei termini di un caloroso invito a non farsi sopraffare. Mai!

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)








    trailer ufficiale:



    clip 'Dove sei stata?':



    clip 'Non voglio niente':



    clip 'L'articolo 214':



    clip 'Stai compromettendo la causa':



    clip 'Controlla le tue emozioni':



    clip 'Pensa di poter cambiare il paese?':

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di UNA GIUSTA CAUSA

    Links:

    • Kathy Bates

    • Wendy Crewson

    • Felicity Jones

    • Stephen Root

    • Armie Hammer

    • Jack Reynor

    • Cailee Spaeny

    1 | 2

    Galleria Video:

    Una giusta causa - trailer

    Una giusta causa - trailer (versione originale) - On the Basis of Sex

    Una giusta causa - clip 'Dove sei stata?'

    Una giusta causa - clip 'Non voglio niente'

    Una giusta causa - clip 'L'articolo 214'

    Una giusta causa - clip 'Stai compromettendo la causa'

    Una giusta causa - clip 'Controlla le tue emozioni'

    Una giusta causa - clip 'Pensa di poter cambiare il paese?'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Rifkin's Festival

    RIFKIN'S FESTIVAL

    RECENSIONE - Woody Allen torna a mettere le mani in pasta su riflessioni esistenziali di .... [continua]

    Un altro giro

    UN ALTRO GIRO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Oscar 2021: VINCITORE del Premio al 'Miglior Film Internazionale' (dedicato .... [continua]

    The Father - Nulla è come sembra

    THE FATHER - NULLA E' COME SEMBRA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Oscar 2021 - VINCITORE di 2 Premi: al 'Miglior Attore' .... [continua]

    The Invisible Woman

    THE INVISIBLE WOMAN: RALPH FIENNES TORNA ALLA REGIA CON UN DRAMMA NEL QUALE INTERPRETA CHARLES DICKENS

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - La segretissima storia d'amore di Charles Dickens .... [continua]

    Honest Thief

    HONEST THIEF

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Liam Neeson rapinatore di banche pronto a .... [continua]

    L'amico del cuore

    L'AMICO DEL CUORE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 18 Marzo .... [continua]

    Morgan

    MORGAN

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Un essere artificiale a rischio pone un .... [continua]