ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Jumanji - The Next Level

    JUMANJI - THE NEXT LEVEL

    Aggiornamenti freschi di giornata! (15 Dicembre 2019) - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 25 .... [continua]

    Playmobil: The Movie

    PLAYMOBIL:THE MOVIE

    Aggiornamenti freschi di giornata! (15 Dicembre 2019) - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 31 .... [continua]

    Pinocchio

    PINOCCHIO

    Tra i più attesi!!! - Dopo anni di silenzio cinematografico Roberto Benigni torna al .... [continua]

    Last Christmas

    LAST CHRISTMAS

    Dal 19 Dicembre .... [continua]

    Il terzo omicidio

    IL TERZO OMICIDIO

    Dal 19 Dicembre

    "In primo luogo, volevo rappresentare in modo corretto il lavoro di ....
    [continua]

    Cetto c'è, senzadubbiamente

    CETTO C'E', SENZADUBBIAMENTE

    Ancora al cinema - Il grande ritorno al cinema di Cetto La Qualunque, l'indimenticabile .... [continua]

    L'ufficiale e la spia

    L'UFFICIALE E LA SPIA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - VINCITORE del Leone d'Argento - Gran Premio .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > L'imbroglio nel lenzuolo

    L'IMBROGLIO NEL LENZUOLO: PROTAGONISTA IL CINEMA ALLE SUE ORIGINI, CON MARIA GRAZIA CUCINOTTA, PRIMO REGGIANI E GERALDINE CHAPLIN

    Dal Taormina Film Fest 12-18 Giugno 2010 - Dal 18 GIUGNO

    "... 'L'imbroglio nel lenzuolo', da un romanzo di Francesco Costa, è una romantica e appassionata storia che sintetizza alla perfezione i miei tre grandi amori: l'armonioso concetto di femminismo, l'idea stessa di 'cinema' e la grande arte della progettazione: 'l'architettura'. La pellicola si articola attraverso la storia di personaggi infuocati e passionali, in cui l'amore che accende i cuori di due donne, Maria Grazia Cucinotta e Anne Parillaud, i sogni da grande cineasta del giovane Federico – Primo Reggiani - generano drammi e attese sullo sfondo di un'Italia del Sud in cui fa la sua prima apparizione il cinema. Il 'Lenzuolo' – il velo bianco – racchiude in sé un significato metaforico: a prima vista può essere identificato con il telo che protegge e riscalda la passione dei due amanti, ma in realtà rappresenta il simbolo della rivoluzione culturale del tempo, proprio perché su un lenzuolo bianco venne proiettato per la prima volta in assoluto il primo film della storia... ".
    Il regista Alfonso Arau

    "... Mi sono innamorata del personaggio di Marianna per la natura selvaggia in contrasto con le regole degli uomini ma in perfetta armonia con le leggi della natura. Marianna prepara rimedi con le erbe per curare le paesane del circondario e toglie il malocchio proprio come faceva mia nonna. Così alcuni racconti di mia madre si sono mescolati alla storia del film in modo naturale. Preghiere antiche, tra il sacro e il profano, con cui si cercava di allontanare l’invidia delle persone, ma anche un modo, secondo me, per dare un senso alle avversità e nascondere la fatica dei campi.
    Ed è proprio così che viene visto il cinematografo agli inizi del ‘900, come una sorta di 'sortilegio', una 'diavoleria che affascina e al tempo stesso terrorizza'. Come può 'un piccolo raggio di luce portare la vita sopra un lenzuolo e far apparire cose e persone che un istante prima non c’erano?' … si chiedono i primi spettatori di fronte alle immagini tremolanti nel buio dei piccoli teatri dell’epoca. Così il cinematografo, nell’immaginario collettivo appare come un imbroglio … e finisce con l’essere soprannominato 'L’imbroglio nel lenzuolo'
    ".
    L'attrice e produttrice Maria Grazia Cucinotta

    (L'imbroglio nel lenzuolo ITALIA 2010; drammatico; 100'; Produz.: Seven Dreams Productions/Aquellare Servicios Cinematograficos in collaborazione con Rai Cinema; Distribuz.: 01 Distribution)

    Locandina italiana L'imbroglio nel lenzuolo

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: L'imbroglio nel lenzuolo

    Titolo in lingua originale: L'imbroglio nel lenzuolo

    Anno di produzione: 2010

    Anno di uscita: 2010

    Regia: Alfonso Arau

    Sceneggiatura: Giovanna Cucinotta, Chiara Clini e Romina Nardozzi (con la supervisione di Francesco Costa)

    Soggetto: Tratto dal libro L'Imbroglio nel Lenzuolo
    di Francesco Costa (1997, pp. 286, Baldini Castoldi Dalai, collana Romanzi e Racconti)

    1905: il cinematografo conquista Napoli, ma atterrisce i cafoni del circondario ai quali pare una diavoleria che chiamano "'o 'mbruoglie dint'o lenzuolo". Marianna, erbivendola analfabeta, scopre di essere l'attrice di La casta Susanna, un film di sei minuti in cui si bagna nuda nel lago d'Averno. Ma com'è accaduto che Marianna sia diventata, a sua insaputa, la protagonista del film? La verità la sa Federico, il realizzatore della pellicola, ma intende ricostruirla anche Beatrice, la scrittrice torinese a cui era stato inizialmente offerto il ruolo... Le loro due voci si alternano, così, a quella di Marianna in un doloroso sforzo di memoria che ripercorre la storia del film e dei loro tormentati rapporti.

    Cast: Maria Grazia Cucinotta (Marianna)
    Primo Reggiani (Federico)
    Anne Parillaud (Beatrice)
    Geraldine Chaplin (Alma)
    Ernesto Mahieux (Gennarino Pecoraro)
    Giselda Volodi (Elena)
    Miguel Angel Silvestre (Giocondo )
    Ralph Palka (Console Burke )
    Nathalie Caldonazzo (Elisa De Valory)
    Mimosa Campironi (Virginia)
    Miriana Comiato (Celestina)
    Riccardo Floris (Marcello)
    Piero Cardano (Pietro )
    Modesta Maryam Aiello (Laura)
    Angelica Aragon (Teresa)
    Cast completo

    Costumi: Stefano De Nardis e Claudio Manzi

    Scenografia: Giantito Burchiellaro

    Fotografia: Vittorio Storaro

    Montaggio: Paolo Benassi

    Makeup: Sara Avanzati, Giannetto De Rossi (Make up designer)

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    Nel 1905 il cinematografo, la grande novità del momento, il miracolo a cui nessuno sa ancora dare una spiegazione, conquista il Sud dell’Italia.
    Sta per iniziare una nuova epoca caratterizzata dal progresso e dalle nuove invenzioni. Le “sciantose” vengono spodestate dal loro ruolo di “femme fatale” per essere sostituite dalle “femmine finte” che sorridono suadenti e maliziose sul lenzuolo, le biblioteche chiudono, i teatri perdono i loro spettatori.
    Ogni sera in teatro accorrono migliaia di spettatori per assistere alle prime proiezioni… «Quei piccoli raggi di luce che portano la vita sopra a un lenzuolo» …
    Anche Federico ne rimane affascinato. Guardando le immagini tremolanti che scorrono sul lenzuolo, il ragazzo intuisce la vera magia di questa nuova invenzione. Si rende conto che il cinematografo dà l’immortalità, sconfigge la morte, cosa che la medicina non è in grado di fare. Decide così di abbandonare gli studi di medicina, con gran dolore di sua madre Alma che, per sbarcare il lunario, suona il pianoforte durante le proiezioni delle prime pellicole mute nel teatro di Don Gennarino Pecoraro.
    Don Gennarino, libidinoso produttore di origine partenopea, stanco di proiettare le pellicole degli altri, confida a Federico, di voler produrre il suo primo film. Il ragazzo ha un lampo di genio: si improvvisa direttore di scena e lo convince ad affidargli l’incarico di scrivere una nuova storia, che secondo le richieste di Don Gennarino dovrà avere come protagonista una bella femmina con le “zizze” enormi mentre secondo la sorella di Don Gennarino, Elena, puritana e bigotta, dovrà essere una storia edificante. La storia scelta è quella biblica de “La Casta Susanna”.
    Federico porterà confusione e sconquasso nell’affascinante vita di Beatrice, scrittrice e giornalista torinese, trasferitasi in Sicilia in una meravigliosa villa sulle rive di un piccolo lago, per scrivere una storia a puntate sul quotidiano locale, l’Osservatore del Sud. Inoltre porterà scandalo e vergogna nell’esistenza di Marianna, protagonista inconsapevole del film. Una bellezza selvaggia, povera ed analfabeta, che si guadagna da vivere togliendo il malocchio e curando i paesani con erbe e pozioni medicamentose.

    Dal >Press-Book< de L'imbroglio nel lenzuolo

    SCHEDA FILM SOLO PER SEGNALAZIONE

    Commenti del regista

    "Durante i miei anni di studio all'Accademia di cinema, le figure a cui ero solito ispirarmi e guardare come a un modello di insegnamento, erano i grandi maestri del cinema italiano. Sapere che oggi sto realizzando un film italiano, partendo dalla lingua e dal cast fino ad arrivare alla stessa troupe, tra i cui nomi figura il grande Vittorio Storaro, autore della cinematografia, è la realizzazione di un grande sogno. Quando incontrai Maria Grazia Cucinotta al Mar del Plata Film Festival, le chiesi di accettare un ruolo accanto a Woody Allen nel cast del mio prossimo film 'Picking Up The Pieces' (Ho solo fatto a pezzi mia moglie). Ammiravo già Maria Grazia per il suo ruolo ne 'Il Postino', ma dopo aver collaborato con lei in 'Ho solo fatto a pezzi mia moglie' me ne sono completamente innamorato. Dall'idea di fare un film insieme, alla sua realizzazione, il passo è stato breve: Maria Grazia, con grande impegno e tenacia, ha concretizzato quello che noi avevamo tanto sognato e sperato di attuare.

    'L'imbroglio nel lenzuolo', da un romanzo di Francesco Costa, è una romantica e appassionata storia che sintetizza alla perfezione i miei tre grandi amori: l'armonioso concetto di femminismo, l'idea stessa di 'cinema' e la grande arte della progettazione: 'l'architettura'. La pellicola si articola attraverso la storia di personaggi infuocati e passionali, in cui l'amore che accende i cuori di due donne, Maria Grazia Cucinotta e Anne Parillaud, i sogni da grande cineasta del giovane Federico – Primo Reggiani - generano drammi e attese sullo sfondo di un'Italia del Sud in cui fa la sua prima apparizione il cinema. Il 'Lenzuolo' – il velo bianco – racchiude in sé un significato metaforico: a prima vista può essere identificato con il telo che protegge e riscalda la passione dei due amanti, ma in realtà rappresenta il simbolo della rivoluzione culturale del tempo, proprio perché su un lenzuolo bianco venne proiettato per la prima volta in assoluto il primo film della storia.

    Il lavoro superlativo di scolpire le bellezze dello sfondo paesaggistico di luoghi carichi di pathos come la Roma eterna e la bucolica Sicilia, ha dimostrato ancora una volta quale grande professionista sia Vittorio Storaro. 'La mia grande famiglia cinematografica' o più semplicemente il cast: Maria Grazia Cucinotta, Anne Parillaud (indimenticabile interprete di Nikita) Geraldine Chaplin, i giovani talenti Primo Reggiani e Miguel Angel Silvestre: grandi attori, caratteristi e comparse romani e palermitani, hanno reso indimenticabile e avvincente la produzione di questo film. La presenza di così tante e diverse identità cinematografiche di natura europea, per non parlare della gentilezza e del sostegno della Rai e della Spagna, hanno permesso di lavorare in un'atmosfera ormai insolita nel mondo cinematografico, quella in cui si può realizzare un film che rimarrà per sempre
    ".

    Commenti dei protagonisti:

    MARIA GRAZIA CUCINOTTA:

    "Spesso mi chiedono che cosa spinge un produttore ad investire in un progetto cinematografico.
    Nel mio caso, il tutto è avvenuto in modo casuale. Un giorno qualcuno ti regala un libro e tu, come per magia, pagina dopo pagina, ti innamori all’istante di quella storia e dei suoi protagonisti. Ti innamori di un’idea che stava lì da sempre e che qualcuno con passione ha saputo raccontare con originalità ed intensa emozione! Ti innamori di un sogno così straordinario ed unico da volerlo poi condividere con tutti gli altri.
    Questo film ha subito un percorso bizzarro, è nato con l’intenzione di raccontare l’arrivo del cinema muto in un’Italia appena unita, in un’Italia dove si percepivano ancora molto forti i contrasti fra Nord e Sud, e poi il cinema è diventato solo un pretesto, un filo invisibile attraverso il quale soffermarsi a raccontare la vita dei tre protagonisti del libro. Tre storie molto particolari che a loro volta ci fanno scoprire e vivere questa incredibile invenzione, che è appunto il cinema, nei suoi tre aspetti più straordinari e stravaganti. Il cinema come strumento di affermazione del talento e dell’ambizione di un’artista, come espressione della sua creatività. Il cinema come concetto di immortalità che si realizza, una risposta alla nostra profonda esigenza di durare per sempre e lasciare un segno nella memoria dell’umanità. Il cinema come luogo ideale in cui sogni e illusioni prendono vita e tutto diventa possibile, una sorta di 'Second Life', in cui ogni singolo spettatore può identificarsi e condividere le proprie emozioni. Attraverso il cinema la finzione ci svela, in tutte le sue sfumature, la sua ambiguità. Infatti, se da una parte ci consente con ingenuità di vedere realizzati i nostri sogni, dall’altra non riesce a tenere a bada l’elemento più demoniaco insito nella sua natura, che consiste proprio nel fatto che la finzione stessa a volte si sostituisce alla realtà al punto di diventare l’unica realtà possibile.

    Quando ho iniziato a lavorare a 'L’Imbroglio nel lenzuolo', sono stata totalmente assorbita da ogni singola fase della preparazione, al punto da non riuscire a vedere nella sua globalità la complessità del film e della storia che mi accingevo a raccontare. Solo il primo giorno delle riprese mi sono resa conto che stavo realizzando un progetto ambizioso, o meglio, ambizioso per una giovane produttrice! Un film in costume, un cast tecnico ed artistico internazionale, ed un set di 200 persone che ha viaggiato, con tutte le difficoltà che un’operazione del genere comporta, attraverso location meravigliose, dalla Campania alla Sicilia. Chi lavora nel cinema sa che quando un set si costituisce, nasce una sorta di famiglia allargata, dove piccole abitudini, nevrosi ed emozioni si intrecciano con la creatività ed il talento degli artisti e dei professionisti che ne fanno parte. Chi è a capo della produzione si ritrova a dover accontentare le esigenze di tutti per cui diventa naturale far arrivare sul set, ogni mattina, una baguette per colazione, se l’attrice francese ne fa richiesta, o fermare l’intero set dopo pranzo per una breve 'siesta messicana' su gentile richiesta del regista, oppure per il cuoco evitare di cucinare cibi con l’aglio se una delle attrici è allergica a questa spezia. Perchè il cinema è anche questo! È un’idea di condivisione che accompagna il film dal primo ciak fino al giorno in cui arriva nelle sale cinematografiche. Una grande avventura in cui non mancano mai gli imprevisti.
    Il 18 giugno il film arriverà nelle sale italiane, anche questa grande avventura sta per giungere al termine, ed è stato sensazionale, sia in veste di attrice che di produttrice, lavorare con attori del calibro di Geraldine Chaplin, Anne Parillaud, Ernesto Mahieux, Giselda Volodi, nonché con il giovane talento Primo Reggiani. Sono stati grandiosi nel dar vita ai personaggi di cui mi ero innamorata leggendo il libro di Francesco Costa. Ancora oggi non riesco a descrivere l’emozione di vedere Geraldine nella scena in cui accompagna al pianoforte le pellicole mute nel teatro di Gennarino Pecoraro. Era come guardare un quadro d’autore, uno di quei dipinti del Caravaggio in cui luce e ombra disegnano un’armonia quasi divina.
    Vorrei inoltre sottolineare la grande ironia di Geraldine nell’accettare un ruolo così contraddittorio con tutto ciò che il suo nome ricorda e rappresenta nella storia del cinema. Si è come scossi da un brivido, quando la figlia del grande Chaplin recitando la battuta del copione, afferma che … 'il cinematografo non ha futuro'!

    Mi sono innamorata del personaggio di Marianna per la natura selvaggia in contrasto con le regole degli uomini ma in perfetta armonia con le leggi della natura. Marianna prepara rimedi con le erbe per curare le paesane del circondario e toglie il malocchio proprio come faceva mia nonna. Così alcuni racconti di mia madre si sono mescolati alla storia del film in modo naturale. Preghiere antiche, tra il sacro e il profano, con cui si cercava di allontanare l’invidia delle persone, ma anche un modo, secondo me, per dare un senso alle avversità e nascondere la fatica dei campi.
    Ed è proprio così che viene visto il cinematografo agli inizi del ‘900, come una sorta di 'sortilegio', una 'diavoleria che affascina e al tempo stesso terrorizza'. Come può 'un piccolo raggio di luce portare la vita sopra un lenzuolo e far apparire cose e persone che un istante prima non c’erano?' … si chiedono i primi spettatori di fronte alle immagini tremolanti nel buio dei piccoli teatri dell’epoca. Così il cinematografo, nell’immaginario collettivo appare come un imbroglio … e finisce con l’essere soprannominato 'L’imbroglio nel lenzuolo'
    ".

    Links:

    • Maria Grazia Cucinotta

    • Miguel Angel Silvestre

    1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6

    Galleria Video:

    L'imbroglio nel lenzuolo - trailer.flv

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Che fine ha fatto Bernadette?

    CHE FINE HA FATTO BERNADETTE?

    Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Dal 12 Dicembre

    "È un ritratto ....
    [continua]

    L'inganno perfetto

    L'INGANNO PERFETTO

    RECENSIONE - Dal Torino Film Festival 2019 - I leggendari attori Helen Mirren e .... [continua]

    Qualcosa di meraviglioso

    QUALCOSA DI MERAVIGLIOSO

    RECENSIONE - Dal 5 Dicembre .... [continua]

    Un giorno di pioggia a New York

    UN GIORNO DI PIOGGIA A NEW YORK

    Elle Fanning, Jude Law, Rebecca Hall e Selena Gomez nella nuova commedia di Woody Allen .... [continua]

    Frozen II - Il segreto di Arendelle

    FROZEN II - IL SEGRETO DI ARENDELLE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 27 Novembre

    "Elsa è un personaggio affascinante con la ....
    [continua]

    Le Mans '66 - La grande sfida

    LE MANS '66 - LA GRANDE SFIDA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dal 14 Novembre

    "'Le Mans ’66 – ....
    [continua]

    Parasite

    PARASITE

    Ancora al cinema - VINCITORE della PALMA d'ORO al 72. Festival del .... [continua]