ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    The Deep Blue Sea-Il profondo mare azzurro

    THE DEEP BLUE SEA-IL PROFONDO MARE AZZURRO

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Nomination ai Golden Globe 2013: 'Migliore Attrice in .... [continua]

    Il sesso degli angeli

    IL SESSO DEGLI ANGELI

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal 21 Aprile .... [continua]

    Blonde

    BLONDE

    New Entry - Vietato ai minori di 17 anni - E' lo stesso regista .... [continua]

    The Palace

    THE PALACE

    New Entry - Mickey Rourke nel nuovo dramma di Roman Polanski .... [continua]

    Io e Lulù

    IO E LULU'

    New Entry - Debutto alla regia di Channing Tatum (con Red Carolin) per uno .... [continua]

    Black Phone

    BLACK PHONE

    New Entry - Ethan Hawke diretto di nuovo da Scott Derrickson (Sinister) per un .... [continua]

    Memory

    MEMORY

    New Entry - Liam Neeson sicario alla sua ultima missione ma, persino un assassino .... [continua]

    Secret Team 355

    SECRET TEAM 355

    Aggiornamenti freschi di giornata! (15 Maggio 2022) -
    Spy Thriller per Jessica ....
    [continua]

    The Boys in the Boat

    THE BOYS IN THE BOAT

    New Entry - George Clooney torna alla regia con biopic sportivo degli anni Trenta.
    [continua]

    L'arma dell'inganno-Operazione Mincemeat

    L'ARMA DELL'INGANNO-OPERAZIONE MINCEMEAT

    Dal Bari Film Festival - Un'operazione pionieristica e cruciale per le sorti della Seconda guerra .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > C'era una volta in America

    C’era una volta Sergio Leone e il mito di un’America rievocata in un lungo e intenso flashback di dolorosa memoria

    I bellissimi di ‘CelluloidPortraits’ - Dal 65. Festival del Cinema di CANNES - 'CANNES CLASSICS' - 'EXTENDED VERSION' RESTAURATA con SCENE INEDITE - Dal 18 OTTOBRE e (a grande richiesta) Dall'8 NOVEMBRE al cinema - In DVD dal 7 DICEMBRE

    ’C’era una volta in America’ non posso non amarlo: è proprio la ‘summa’ di tutta la mia carriera, sia per quanto riguarda i contenuti che, soprattutto, lo stile”.
    Sergio Leone

    (C'era una volta in America; ITALIA/USA 1984; gangster drammatico; 218'; Produz.: Arnon Milchan per The Ladd Company; Distribuz.: Titanus)

    Locandina italiana C'era una volta in America

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: C'era una volta in America

    Titolo in lingua originale: C'era una volta in America

    Anno di produzione: 1984

    Anno di uscita: 1984

    Regia: Sergio Leone

    Sceneggiatura: Sergio Leone, Leonardo Benvenuti, Piero De Bernardi, Enrico Medioli, Franco Arcalli, Franco Ferrini

    Soggetto: Dal romanzo di Harry Grey The Hoods (Mano Armata)

    Cast: Robert De Niro (‘Noodles’ - David Aaronson)
    James Woods (‘Max’ - Maximilian Bercovicz)
    Elizabeth McGovern (Deborah Gelly)
    Treat Williams (James Conway O’Donnell)
    Tuesday Weld (Carol)
    Joe Pesci (Frankie Manoldi)
    Burt Young (Joe)
    Danny Aiello (Capo della Polizia Vincent Aiello)
    William Forsythe (Cockeye)
    James Hayden (Patsy)
    Darlanne Fleugel (Eve)
    Larry Rapp (“Fat” Moe)
    Amy Rider (Peggy)
    Olga Karlatos (donna nel teatro cinese)
    James Russo (Bugsy)
    Cast completo

    Musica: Ennio Morricone

    Costumi: Gabriella Pescucci

    Scenografia: Carlo Simi

    Fotografia: Tonino Delli Colli

    Montaggio: Nino Baragli

    Casting: Cis Corman e Joy Todd

    Scheda film aggiornata al: 29 Gennaio 2014

    Sinossi:

    IN BREVE

    Il quartiere del Lower East Side della New York anni '20 costituisce il campo delle gesta di una piccola banda di ragazzini. Li capeggiano due inseparabili amici: Max (James Woods) e Noodles (Robert De Niro). La strada è il loro regno per scippi, furterelli, ricatti al poliziotto di quartiere e così via. Ma i ragazzi crescono, l'epoca del proibizionismo incalza e la diffidente amicizia tra Max e Noodles sfocia nella morte e nel mistero...

    Perle di sceneggiatura

    Il celebre scambio di battute tra Noodles e Moe al momento del loro incontro da vecchi, si carica di grande significato, una sorta di linfa consuntiva del film, esprimendo “lo scorrere del tempo, i mutamenti interiori delle persone e il dolore del ritorno”:

    Moe: “Che hai fatto in tutti questi anni, Noodles?
    Noodles: “Sono andato a letto presto

    Commenti del regista

    Sul concetto di cinema:

    Per me lo spettacolo più bello è quello del mito. Il cinema è mito

    A proposito di questo suo ultimo film C’era una volta in America:

    Il tempo è il vero grande protagonista del film ‘C’era una volta in America’. Gli eventi cambiano, le cose, attraverso il tempo assumono… insomma, il tempo li determina. La cosa più difficile era far accettare al pubblico i passaggi dl tempo che però hanno un valore preciso: quello che volevo dimostrare era come attraverso il personaggio di Noodles che fa questo viaggio attraverso l’oppio – egli non sia mai uscito da quel 1930, sognando, attraverso l’oppio, tutto il suo futuro. Sapete che l’oppio è l’unica droga che crea immagini completamente nuove, ti lascia immaginare cose che non conosci e quindi questo offriva anche a me il pretesto – non essendo un regista americano – di viaggiare insieme a Noodles attraverso questa memoria del passato e quseta rêverie immaginifica che il film si porta dietro… è un’interpretazione, ecco…”.

    Da: Angela Prudenzi e Sergio Toffetti (a cura di-), Il buono, il brutto, il cattivo di Sergio Leone, Fondazione Scuola Nazionale di Cinema (Quaderni della Cineteca), Roma 2000, pp. 36-37.

    C’era una volta in America può essere un fashback, e quindi una storia che Noodles ormai vecchio ricorda al momento in cui torna sui luoghi della sua giovinezza. Ma può anche darsi che Noodles non sia mai uscito dalla fumeria d’oppio (una droga che annulla la memoria e proietta nel futuro), e che il film sia perciò il sogno di un drogato. Quel sorriso è un sigillo a questa ambiguità… Quel mistero, quel senso di vago e indefinito, quei piccoli salti narrativi fanno parte della storia, anzi ne sono un elemento quasi essenziale… E’ un omaggio alle cose che ho sempre amato, e in particolare alla letteratura americana di Chandler, Hammett, Dos Passos, Hemingway, Fitzgerald. Personaggi che, quando li ho conosciuti, erano proibiti in Italia. Li ho letti in clandestinità ai tempi del fascismo, e come tutte le cose proibite hanno assunto un significato anche superiore alla loro importanza effettiva. In secondo luogo è la ricostruzione più compiuta di quell’America che ho inseguito e sognato per anni, l’America delle contraddizioni e del mito. Infine, è una riflessione sullo spettacolo, sull’arte visiva. Non a caso, il film inizia e finisce in un teatro di ombre cinesi: il pubblico delle ombre cinesi sta alle ombre cinesi come il pubblico del film sta al film. C’è una simbiosi tra loro e noi. E’ un doppio schermo, anzi un pubblico che guarda uno schermo su cui è proiettato un altro pubblico che guarda un altro schermo”.

    (Da Francesco Mininni, Sergio Leone, Il Castoro Cinema. La Nuova Italia, n. 139, Roma 1989, pp. 12-13)

    Sui personaggi, in particolare Noodles (De Niro) in C’era una volta in America:

    I miei personaggi sono eroi perché sono raccontati con affetto. Chi è Noodles ? Noodles (Robert De Niro) è come una vetrata che uno attraversa senza sapere fino in fondo chi è e quello che vuole…”.

    Da: Angela Prudenzi e Sergio Toffetti (a cura di-), Il buono, il brutto, il cattivo di Sergio Leone, Fondazione Scuola Nazionale di Cinema (Quaderni della Cineteca), Roma 2000, p. 39

    Altre voci dal set:

    Ennio Morricone sulla musica in C’era una volta in America:

    … Il lavoro maggiore lo ha richiesto il sottolineare i momenti temporalmente diversi, e poi il film ha una componente onirica talmente significativa… Credo che il risultato sia una musica fortemente evocativa, struggente, che intreccia più temi e costituisce una struttura musicale ben più importante di quella di un semplice Leitmotiv. La sua valenza drammaturgica è indubbia. Leone sapeva quando far parlare la musica, quando sostituire le note alle parole e ai gesti, era uno dei pochi in grado di farlo. Certi sguardi sorretti dalla sola musica, credo siano nella memoria di tutti”.

    Da: Angela Prudenzi e Sergio Toffetti (a cura di-), Il buono, il brutto, il cattivo di Sergio Leone, Fondazione Scuola Nazionale di Cinema (Quaderni della Cineteca), Roma 2000, p. 78

    Pressbook:

    PRESSBOOK in ENGLISH di ONCE UPON A TIME IN AMERICA (C'ERA UNA VOLTA IN AMERICA)
    RESTAURO di ONCE UPON A TIME IN AMERICA (C'ERA UNA VOLTA IN AMERICA)

    Links:

    • Sergio Leone (Regista)

    • Robert De Niro

    • Jennifer Connelly

    • Burt Young

    • James Woods

    • Joe Pesci

    • James Russo

    • 65. Festival del Cinema di CANNES (16-27 Maggio 2012) - DAILY 19 MAGGIO - LA SCELTA DI 'CELLULOIDPORTRAITS': 'C'ERA UNA VOLTA IN AMERICA' DI SERGIO LEONE IN UNA VERSIONE PIU' LUNGA DI 25 MINUTI (Speciali)

    1 | 2 | 3 | 4

    Galleria Video:

    C'era una volta in America - trailer

    Il giudizio della critica

    The Best of Review

    Tra mito e verità

    In quest’impasto ambiguo e volutamente irrisolto di mito e verità si trova uno dei motivi più stimolanti dell’opera
    Giuseppe Rausa

    (Giuseppe Rausa, C’era una volta in America, in “Segno Cinema”, anno IV, n. 15, p. 71)

    International Press

    Italian Press

    E’ di scena la memoria

    … il tema vero di ‘C’era una volta in America’ è la memoria, che annulla il tempo e accresce la sofferenza umana… La struttura temporale a incastri consente a Leone di anticipare e/o ritardare i colpi di scena, secondo una strategia sottile, un poco misteriosa. Si ha sempre l’impressione che esista una verità da scoprire e alla fine si scopre che la verità era già evidente fin dall’inizio, dal prologo delle ombre cinesi nella fumeria d’oppio. E la storia si chiude circolarmente nella stessa fumeria, allo stesso livello temporale, sullo stesso personaggio di loser, che Robert De Niro fa suo con una straordinaria identificazione”.
    Fernaldo Di Giammatteo

    (Fernaldo Di Giammatteo, Nuovo Dizionario Univerale del Cinema di Fernaldo di Giammatteo (in collaborazione con Cristina Bragaglia)-I film, Roma 1994 (II ediz., p. 263 )

    Questo film-sogno di Sergio Leone sul mito americano è un sogno tutto europeo

    Difficile dire se c’era una volta in America è l’opera più bella del suo autore; certo è la più ambiziosa, la più meditata, la più ricca di stimoli e di cultura. Quel che si è perso in immediatezza, compattezza e favolosa ingenuità si è guadagnato in complessità (basti pensare all’ormai famosa struttura narrativa ad incastri), in intensità poetica e in suggestione evocativa… Questo è il film-sogno di Leone sul mito (del cinema) americano… Ma è un sogno tutto europeo, a cominciare dai ritmi dilatati della narrazione, all’attenzione spropositata per i dettagli, all’interesse primario volto alle situazioni più che all’azione, elemento quest’ultimo, i cui interventi fulminanti, quasi disturbano un universo che pare muoversi silenzioso e sommesso, all’epos melodrammatico che funge da costante background e avvicina quest’America all’Italia del Bertolucci di ‘Novecento’…”.
    Giuseppe Rausa

    (Giuseppe Rausa, C’era una volta in America, in “Segno Cinema”, Anno IV, n. 15, novembre 1984, p. 70)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Doctor Strange nel Multiverso della Follia

    DOCTOR STRANGE NEL MULTIVERSO DELLA FOLLIA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA (No spoiler) - Dal 4 Maggio

    "Lo stesso scrittore, Michael Waldron, ....
    [continua]

    Finale a sorpresa - Official Competition

    FINALE A SORPRESA - OFFICIAL COMPETITION

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla Mostra del Cinema di Venezia .... [continua]

    Equals

    EQUALS

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 72. Mostra del Cinema di .... [continua]

    Strangerland

    STRANGERLAND

    Dal Sundance Film Festival 2015 - RECENSIONE - In TV Domenica 1° Maggio 2022 su .... [continua]

    The Northman

    THE NORTHMAN

    Nella saga di vendetta vichinga ambientata in Islanda all'inizio del X secolo, Alexander Skarsgård, Nicole .... [continua]

    The Weather Man - L'uomo delle previsioni

    THE WEATHER MAN - L'UOMO DELLE PREVISIONI

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal 3 Marzo .... [continua]

    The Lost City

    THE LOST CITY

    Sandra Bullock, Brad Pitt, Channing Tatum e Daniel Radcliffe nella commedia romantica di Aaron e .... [continua]