ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    E poi c'è Katherine

    E POI C'E' KATHERINE

    New Entry - Tra i più attesi!!! - Soprannominato da "Vanity Fair" 'Il .... [continua]

    Wasp Network

    WASP NETWORK

    New Entry - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    The Laundromat

    THE LAUNDROMAT

    76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO - The Laundromat (lett. La lavanderia) .... [continua]

    Joker

    JOKER

    Tra i più attesi!!! - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    Marriage Story

    MARRIAGE STORY

    New Entry - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    Eurovision

    EUROVISION

    New Entry - 2020 .... [continua]

    J'accuse (L'ufficiale e la spia)

    J'ACCUSE (L'UFFICIALE E LA SPIA)

    New Entry - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO - Dal .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Oblivion

    OBLIVION: IL SECONDO LUNGOMETRAGGIO DELL'ESORDIENTE REGISTA DI 'TRON LEGACY' JOSEPH KOSINSKI VEDE PROTAGONISTA TOM CRUISE IN UN EVENTO CINEMATOGRAFICO GIRATO CON UNA SORPRENDENTE RISOLUZIONE DIGITALE 4K

    RECENSIONE ITALIANA IN ANTEPRIMA e PREVIEW in ENGLISH by JUSTIN CHANG (www.variety.com) - Dall'11 APRILE

    "Si tratta di un’avventura d’azione che si svolge nel 2077 dopo che la Terra è stata martoriata da secoli di guerra, lasciandola disabitata ed in rovina. La storia è incentrata su Jack, un riparatore di droni che deve portare a termine una grande missione. Ma un episodio avvolto nel mistero, a sua insaputa, sarà l'elemento chiave per portare alla salvezza quel che resta dell'intera umanità... C’è un’enorme differenza tra chi ignora la realtà coprendosi con i paraocchi, e chi invece intende affrontarla in prima persona, indipendentemente da quanto sia arduo il compito... Mi è sempre piaciuta l'arte fantascientifica degli anni ‘70 di Chris Foss, Peter Elson e Chris Moore, e con tecnologia VFX avanzata di oggi, si possono combinare i lavori in CGI con i paesaggi reali e creare qualcosa di unico".
    Il regista e co-sceneggiatore Joseph Kosinski

    (Oblivion; USA 2013; Azione Sci-Fi; 125'; Produz.: Chernin Entertainment/Radical Pictures/Universal Pictures; Distribuz.: Universal Pictures International Italy)

    Locandina italiana Oblivion

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SHORT SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Oblivion

    Titolo in lingua originale: Oblivion

    Anno di produzione: 2013

    Anno di uscita: 2013

    Regia: Joseph Kosinski

    Sceneggiatura: Joseph Kosinski e William Monahan

    Soggetto: Dalla graphic novel di Arvid Nelson.

    PRELIMINARIA - L'inizio della produzione:

    Nel 2005, cinque anni prima di dirigere il suo primo film TRON: Legacy, il regista Joseph Kosinski scrisse una storia di sole 12 pagine intitolata “Oblivion”. Si trattava di un’avventura fantascientifica ambientata nel 2077 – sessant’ anni dopo che un'invasione aliena aveva raso al suolo la Terra- con protagonista Jack, un riparatore spaziale incerto sul suo posto nell'universo.

    Pilota temerario che guida l'ultimo drone riparatore che protegge l’umanità stanziato sul pianeta, Jack ha il compito di preservare il mondo che una tempo conosceva, fino a quando l'incontro con una splendida sconosciuta, precipitata con la sua navicella, capovolge ogni sua certezza fornendogli una nuova realtà delle cose, che egli deve necessariamente accettare o respingere. Animato da finalità e da un destino che mai avrebbe immaginato, Jack diventa il capo delle ultime persone rimanenti sulla Terra.

    Pur coltivando il sogno di trasformare “Oblivion” in una sceneggiatura, Kosinski abbandonò il suo breve scritto fino a quando, molti anni dopo incontrò Barry Levine e Jesse Berger, i fondatori dei Radical Studios. Insieme decisero di trasformare la storia in una graphic novel, sottoforma di “ashcan copy”, (un artefatto realizzato esclusivamente per mantenere i diritti legali) scritta da ARVID NELSON, illustrata da ANDRÉE WALLIN, diretto graficamente da Kosinski, Levine e JEREMY BERGER (il direttore artistico dei Radical Studios). Tutto ciò a dimostrazione della direzione che la proprietà stava intraprendendo.

    Cast: Tom Cruise (Jack Harper)
    Morgan Freeman (Malcolm Beech)
    Olga Kurylenko (Julia)
    Nikolaj Coster-Waldau (Sykes)
    Zoë Bell (Kara)
    Melissa Leo (Sally)
    Andrea Riseborough (Victoria)
    James Rawlings (Sopravvissuto)
    Catherine Kim Poon (Addetto al controllo NASA)
    Lindsay Clift
    John L. Armijo (Addetto al controllo a terra NASA)
    Jaylen Moore (Operatore Radio)
    Andrew Breland (Sopravvissuto)
    Jordan Sudduth (Sopravvissuto)
    Efraiem Hanna (Turista)

    Musica: M.8.3

    Costumi: Marlene Stewart

    Scenografia: Darren Gilford

    Fotografia: Claudio Miranda

    Montaggio: Richard Francis-Bruce

    Effetti Speciali: Michael Meinardus (supervisore effetti speciali); Björn Mayer (supervisore effetti visivi)

    Makeup: Desne J. Holland (capo dipartimento)

    Casting: Marcia Ross

    Scheda film aggiornata al: 16 Maggio 2013

    Sinossi:

    In uno spettacolare pianeta Terra del futuro che si è evoluto fino a diventare irriconoscibile, un uomo si confronta col passato che lo porterà ad affrontare un viaggio di redenzione e ricerca mentre si batterà per salvare l'umanità.

    Jack Harper (Cruise) è uno degli ultimi riparatori di droni operanti sulla Terra. Parte di una massiccia operazione per estrarre risorse vitali dopo decenni di guerra contro una terrificante minaccia conosciuta come Scavs, la missione di Jack è quasi terminata.

    Vivendo e perlustrando gli straordinari cieli da migliaia di metri d'altezza, la sua esistenza crolla quando salva una bella straniera da uno spacecraft precipitato. Il suo arrivo innesca una serie di eventi che lo costringono a mettere in questione tutto ciò che conosceva e mettono nelle sue mani il destino dell'umanità.

    SHORT SYNOPSIS:

    A court martial sends a veteran soldier to a distant planet, where he is to destroy the remains of an alien race. The arrival of an unexpected traveler causes him to question what he knows about the planet, his mission, and himself.

    Commento critico (a cura di ROSS DI GIOIA)

    È l’anno 2077 e Jack Harper (Tom Cruise) ha un problema: deve far trascorre in fretta le ultime due settimane che è costretto a passare sulla Terra insieme alla compagna e collega Victoria (Andrea Riseborough). Jack è infatti uno degli ultimi riparatori di droni operanti su quel che rimane del nostro pianeta, il quale è stato sfregiato prima dalle forze della natura in seguito alla distruzione della Luna - terremoti, tsunami, desertificazione - e finito poi dalla guerra nucleare scatenata per fronteggiare l’invasione aliena ad opera degli Scavs. L’umanità a questo punto è stata costretta ad un esodo biblico su uno dei satelliti di Titano, mentre sulla superficie terrestre gli ultimi rimasti fanno in modo che i grossi macchinari che prosciugano le ultime risorse naturali presenti (il tutto per generare energia utile alla popolazione del nuovo pianeta) non siano distrutti dagli alieni che scorrazzano in lungo e in largo. Quando

    il sistema di difesa che dovrebbe in realtà proteggere gli umani “termina” alcuni astronauti lanciati nello spazio decenni prima, Jack inizia a mettere insieme le tessere di un imponente mosaico…

    Joseph Kosinski forse sarà sconosciuto ai più, ma è l’autore di TRON: Legacy, un film per certi versi sperimentale e carico di invenzioni e imbeccate che lo ha reso nel tempo una pietra angolare del (nuovo) genere fantascientifico. Il regista prende ora le sue visioni del domani e le introietta in una graphic novel carica di eroismo (e sentimentalismo) che lo porta lontano dalle sue stesse trovate più interessanti. Oblivion è infatti un prodotto chiaramente hollywoodiano (potrebbe anche non essere un complimento…) che è stato mondato da qualsiasi velleità di introspezione o ardita sperimentazione visiva. Kosinski si muove agile tra le intersezioni dei vari cerchi concentrici che lui stesso inanella, conducendo lo spettatore in un gioco di richiami e forzature che

    fa di Cruise l’elemento imprescindibile. L’attore, un po’ Will Smith in Io sono leggenda, un po’ Mel Gibson di Mad Max, regala una summa della sua stessa carriera, tra azione, muscoli e buoni sentimenti, relegando in secondo piano l’immaginario fantascientifico che si vorrebbe evocare. Se poi si aggiunge anche un esercito di Wall-E maleducati e indaffarati a sparare a qualunque cosa si muova, il resto viene davvero da sé. Ma se l’elenco dei riferimenti (anche sotto il profilo scenografico) è piuttosto lungo, non per questo il film va archiviato come “un altro film di fantascienza”. Seppur lontano dal lasciare una impronta del tutto originale, e nonostante le pieghe del plot siano davvero poche in una orda di abbaglianti invenzioni grafiche, Oblivion riesce però a ripercorrere senza ovvietà la strada che porta all’analisi del rapporto (in continua evoluzione) tra l’uomo e il pianeta in cui vive, così come la strenua lotta

    del genere umano contro la supremazia conquistata dalle macchine. Elementi questi che avrebbero meritato più coraggio nella sua fase di sviluppo.

    Secondo commento critico (a cura di JUSTIN CHANG, www.variety.com)

    Although Universal’s publicity department has asked that journalists refrain from spilling the secrets of “Oblivion,” the major revelations, once they arrive, will hardly surprise anyone familiar with “Total Recall,” “The Matrix” and the countless other sci-fi touchstones hovering over this striking, visually resplendent adventure. Pitting the latest action-hero incarnation of Tom Cruise against an army of alien marauders, director Joseph Kosinski’s follow-up to “Tron: Legacy” is a moderately clever dystopian mindbender with a gratifying human pulse, despite some questionable narrative developments along the way. The less-than-airtight construction and conventional resolution may rankle genre devotees, though hardly to the detriment of robust overall B.O.

    Getting the blockbuster season off to an early start on April 19, when it opens Stateside in wide release and in Imax theaters, “Oblivion” reps the latest test of Cruise’s bankability, coming mere months after he tried on a new ass-kicking persona with “Jack Reacher.” This time

    he’s Jack Harper, and without giving too much away, there’s an amusing, perhaps unintended existential subtext here about the somewhat interchangeable men of action Cruise has played over the course of his career. Still, the actor’s first foray into science fiction in eight years (if you don’t count “Rock of Ages”) comes with a more intriguing backstory than most.

    It’s the year 2077, six decades after the people of Earth fought and vanquished an evil race of space invaders called Scavengers. But victory has come at a great cost. The planet is now an uninhabitable post-nuclear wasteland, and Jack (Cruise) is one of the last men still stationed on Earth, a fighter pilot/technician assigned to fend off stray Scavengers and repair the powerful drones overseeing a massive hydroelectric energy project necessary for the survival of the human species. It all looks and sounds a bit like a live-action remake of

    “Wall-E,” right down to the way the protagonist, spurred by natural curiosity and an unexpected love interest, finds himself on a dangerous unauthorized mission.

    Until now, Jack has worked effectively enough with Vika (Andrea Riseborough), who guides his repair jobs with cool, formidable efficiency from the glassy confines of their high-tech home base (referred to as the Skytower, though it might as well be called the iPad). But unlike his partner, Jack is a dreamer and a bit of a poet, someone who can’t help reminiscing about the past or questioning everyone’s future. Haunted by pre-apocalyptic visions of a beautiful mystery woman (Olga Kurylenko), he can’t quite grasp why humanity, having won the war, has decided to permanently abandon its native planet for an uncertain future in space.

    As he steers his sleek, pod-like aircraft over a landscape of eerie, desolate beauty, dotted with craters and radiation zones as well

    as lush, unspoiled lakes and valleys, Jack can’t quite shake the feeling that all is not as it appears to be, despite the chipper directives coming from the mothership (represented by a crackling TV image of Melissa Leo, boasting a deceptively sweet Southern drawl). Indeed, the audience will likely have a clear sense of what’s going on long before scribes Karl Gajdusek and Michael DeBruyn (working from a 2005 short story that Kosinski later developed into a graphic novel) get around to spelling things out; suffice to say the title refers to more than just the physical aftermath of Earth’s cataclysmic destruction.

    Apart from an initial burst of neo-noir narration and a few moderately pulse-quickening action sequences, one of them set in the impressively imagined ruins of the New York Public Library, the first half of “Oblivion” adopts a spare, unhurried approach that conveys a powerfully enveloping sense of Jack’s

    isolation. Kosinski wastes no opportunity to linger — and you can’t blame him — on his alternately seductive and staggering visuals, richly conceived by production designer Darren Gilford and filmed with marvelous fluidity on the new Sony F65 digital camera by Claudio Miranda (following his Oscar-winning work on “Life of Pi” with another accomplished integration of cinematography and visual effects).

    This patient narrative strategy works well enough until Jack’s big questions finally start to yield answers – many of them delivered, as answers so often are, by the sage presence of Morgan Freeman – and the story’s underlying thinness and predictability gradually become apparent. The superficial cleverness of the plotting, with its elements of amnesia, self-delusion and impossible yearning, at times gestures in the direction of a Christopher Nolan brainteaser (as does the surging score by French band M83, which sounds like electronified Hans Zimmer). But the lack of comparable

    rigor, ingenuity and procedural detail is naggingly evident, as is the almost feel-good manner in which the story explains away some of its morally troubling implications.

    If “Tron: Legacy” offered up an eye-popping playground with more videogame potential than human interest, “Oblivion,” despite similarly immersive environs, provides greater moment-to-moment dramatic involvement. Cruise combines his usual physical agility and daredevil stuntwork with one of his more affable characters in a while, a high-flying dreamer trying to figure out mankind’s place in this brave new world. Although much of the picture is essentially a one-man show, Riseborough locates the blood and passion beneath Vika’s icy surface, while Kurylenko brings flickers of feeling to an underwritten role.

    Kosinski’s architectural background is apparent in the picture’s suave, rounded design concepts and clean, coherent compositions, the effect of which is gloriously enveloping in Imax. Insofar as “Oblivion” is first and foremost a visual experience, a

    movie to be seen rather than a puzzle to be deciphered, its chief pleasures are essentially spoiler-proof.

    Perle di sceneggiatura

    Comandante Jack Harper (TOM CRUISE): "Si può avere nostalgia di un luogo dove non sei mai stato? Piangere un tempo mai vissuto?".

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Paolo Centra (Universal Pictures International Italy) e Maria Grazia Giuliani (Xister)

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di OBLIVION
    ENGLISH PRESSBOOK of OBLIVION

    Links:

    • Joseph Kosinski (Regista)

    • Tom Cruise

    • Morgan Freeman

    • Melissa Leo

    • Nikolaj Coster-Waldau

    • James Rawlings

    • Zoë Bell

    • Andrea Riseborough

    • Olga Kurylenko

    • OBLIVION - La colonna sonora - Note di produzione (Dietro le quinte)

    Altri Links:

    - Sito ufficiale
    - Pagina Facebook
    - Pagina Twitter

    1 | 2 | 3 | 4

    Galleria Video:

    Oblivion - trailer 2

    Oblivion - trailer

    Oblivion - trailer HD

    Oblivion - trailer 2 HD

    Oblivion - trailer (versione originale)

    Oblivion - trailer 2 (versione originale)

    Oblivion - spot TV

    Oblivion - clip 'Vecchi ricordi'

    Oblivion - clip 'Attacco nella libreria'

    Oblivion - clip 'Ricordare non è nostro compito'

    Oblivion - clip 'Sonno Delta'

    Oblivion - Intervista video a Tom Cruise 'Jack Harper' (versione originale sottotitolata)

    Oblivion - Intervista video a Olga Kurylenko 'Julia' (versione originale sottotitolata)

    Oblivion - featurette 'Dietro le Quinte' (versione originale sottotitolata)

    Oblivion - featurette 'Il mondo di Oblivion' (versione originale sottotitolata)

    Oblivion - featurette 'La colonna sonora degli M83' (versione originale sottotitolata)

    Oblivion - featurette 'La Sky Tower' (versione originale sottotitolata)

    Oblivion - featurette 'La navicella Bubbleship' (versione originale sottotitolata)

    Oblivion - featurette 'Sul set di Oblivion - Il primo giorno in Islanda' (versione originale sottotitolata)

    Oblivion - featurette 'Sul set di Oblivion - Le riprese ad Earl's Peak' (versione originale sottotitolata)

    Oblivion - featurette 'Sul set di Oblivion - La biblioteca di New York' (versione originale sottotitolata)

    Oblivion - Il Red Carpet della Premiere mondiale di Buenos Aires

    Oblivion - Il Red Carpet della Premiere di Rio de Janeiro

    Oblivion - Intervista video a Tom Cruise 'Jack Harper' sul Red Carpet di Rio de Janeiro (versione originale)

    Oblivion - Intervista video ad Andrea Riseborough 'Victoria' sul Red Carpet di Rio de Janeiro (versione originale)

    Oblivion - la colonna sonora 'Star Waves' degli M83

    Oblivion - la colonna sonora 'Tom Cruise' degli M83

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Il signor diavolo

    IL SIGNOR DIAVOLO

    Un ritorno ai demoni del passato del regista Pupi Avati al romanzo gotico e a .... [continua]

    Fast & Furious - Hobbs & Shaw

    FAST & FURIOUS - HOBBS & SHAW

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dall'8 Agosto

    Quale futuro per la saga 'Fast & Furious'?
    [continua]

    Hotel Artemis

    HOTEL ARTEMIS

    RECENSIONE - Oltre 27 anni dopo Il silenzio degli innocenti Jodie Foster ritorna nel mondo .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]