ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Longing

    LONGING

    New Entry - Richard Gere protagonista della pluripremiata dramedy - Longing alla lettera .... [continua]

    The Making of

    THE MAKING OF

    New Entry - Richard Gere in una storia romantica che intreccia vita reale e .... [continua]

    Proxy

    PROXY

    New Entry - Blake Lively protagonista in un Sci-Fi che inscena una nuova vita .... [continua]

    Bones And All

    BONES AND ALL

    Dalla 79. Mostra del Cinema di Venezia - Timothée Chalamet e Taylor Russell sono .... [continua]

    Glass Onion - Knives Out

    GLASS ONION - KNIVES OUT

    Sequel del film Cena con delitto-Knives Out (2019) con il ritorno del bizzarro detective Benoit .... [continua]

    Poker Face

    POKER FACE

    Aggiornamenti freschi di giornata! (28 Novembre 2022) - Dalla 17. Festa del Cinema .... [continua]

    Black Beauty: Autobiografia di un cavallo

    BLACK BEAUTY: AUTOBIOGRAFIA DI UN CAVALLO

    I recuperati di CelluloidPortraits - Nell'ennesimo adattamento di un romanzo del 1877 scritto da .... [continua]

    Medieval

    MEDIEVAL

    RECENSIONE - Nella Boemia del XIV secolo il debole re Venceslao di Lussemburgo fatica a .... [continua]

    Causeway

    CAUSEWAY

    RECENSIONE - VINCITORE come 'Miglior Opera Prima BNL BNP PARIBAS' alla 17. Festa del .... [continua]

    Home Page > Ritratti in Celluloide > L'intervista > CRIMES OF THE FUTURE - INTERVISTA al regista e sceneggiatore DAVID CRONENBERGH (parte I)

    L'INTERVISTA

    CRIMES OF THE FUTURE - INTERVISTA al regista e sceneggiatore DAVID CRONENBERGH (parte I)

    30/08/2022 - Crimes of the Future - Intervista al regista e sceneggiatore David Cronenberg

    Di cosa parla Crimes Of The Future?

    "Nel 1966 ho visto un film danese intitolato Sult, che in danese significa fame, era diretto da Henning Carlsen ed era basato su un famoso romanzo danese di Knut Hamsun. In quel film Per Oscarsson interpreta un poeta in bolletta e sconosciuto, che vaga per le strade e fatica a farsi conoscere nell’ambito letterario. A un certo punto si trova su un ponte e sta scarabocchiando qualcosa su un blocco, viene inquadrato il blocco in primo piano, c’è scritto: 'Crimes Of The Future', e questo mi ha davvero colpito. Ho pensato: ‘Voglio leggere quella poesia’. Ovviamente non la scrive, ma poco dopo ho pensato, 'beh, ora che sto iniziando a diventare un regista, penso che mi piacerebbe vedere un film intitolato 'Crimes of the Future', e così nel 1970 ho fatto un film underground, a bassissimo budget, intitolato 'Crimes Of The Future'. Quel titolo mi aveva davvero
    suscitato qualcosa; penso che quella specie di film underground del 1970 low budget non abbia mai veramente soddisfatto tutte le cose che pensavo potessero uscire da quella poesia che non è mai stata scritta, e quindi eccoci qui, tanti anni dopo, mezzo secolo forse, e ho fatto un altro film intitolato 'Crimes Of The Future', e l'unica cosa che i due film hanno in comune è che tecnicamente parlano di 'crimini del futuro'. L'idea allora era che mentre la tecnologia cambia, mentre la società cambia, nascono delle cose che prima non esistevano e che poi vengono soppresse per vari motivi, in quanto pericolose per la società o perché sono una minaccia per qualsiasi struttura sociale esistente, da qui 'Crimes Of The Future'. Sto cominciando a riflettere sul corpo umano perché ho sempre pensato che sia ciò che siamo. La condizione umana è il corpo umano, quindi 'Crimes Of The Future' doveva implicare dei crimini che emergono da ciò che sta accadendo al corpo umano, perché il corpo si sta evolvendo, sta cambiando, in modi a volte impercettibili, altre volte visibili. In parte a causa di quello che stiamo facendo al pianeta, in parte a causa di quello che stiamo facendo a noi stessi con la tecnologia, e tutto questo mi ha incuriosito. Ho pensato che avevo voglia di fare un film che avesse a che fare con il modo in cui la società avrebbe reagito ai cambiamenti nel corpo umano che riteneva pericolosi e quindi da reprimere. Mi è sembrato un argomento interessante da esplorare; perciò è di questo che parla il film, 'Crimes Of The Future'"

    Come definirebbe questo film in poche parole?

    "Direi che 'Crimes Of The Future' riguarda i crimini commessi dal corpo umano contro sé stesso, e so che è un po' misterioso e un po' ambiguo, ma è questa la mia risposta alla sua domanda"

    Cosa la spinge a indagare sulle cose che spaventano molte persone, soprattutto adesso?

    "Ci sono molti casi a cui si può fare riferimento di persone che abbracciano una malattia, una disabilità, una mutazione; fa parte del desiderio umano fare qualcosa di buono rispetto a qualsiasi cosa offra la condizione umana, e quindi penso che Saul Tenser sia solo un esempio esagerato di tutto questo. Si è ritrovato a produrre dei nuovi organi nel suo corpo, che sarebbero considerati dei
    tumori. Nel suo caso, però, sembra che questi tumori siano in grado di organizzarsi e che abbiano una funzione precisa. Un tumore è di fatto una sorta di insieme casuale di cellule che crescono in modo incontrollabile, distruggono ogni cosa nel corpo umano, senza uno scopo apparente, e fondamentalmente sono solo distruttivi. In questo caso, invece, il suo corpo crea dei nuovi organi che sembrano avere una funzione, ma noi non sappiamo quale sia quella funzione. Il suo obiettivo è includere questi tumori nella sua vita, non per negarli, non solo per distruggerli ma per farne qualcosa. Nel suo caso, fa delle performance artistiche e con la sua assistente progetta una serie di spettacoli che prevedono l'esposizione di questi organi e la loro asportazione come se fossero
    creazioni artistiche che il suo corpo ha realizzato da sé. In parte, è un desiderio di venire a patti con la realtà del proprio corpo; è un'esigenza della nostra condizione umana che i nostri corpi cambino costantemente e richiedano da noi aggiustamenti, per affrontare quei cambiamenti"

    Pensa che questo potrebbe accadere realmente ai nostri organi?

    "Oh, penso che lo stiamo già facendo, penso che stiamo decisamente cambiando, non credo ci siano dubbi al riguardo, magari non è così ovvio come l'ho rappresentato io... Il famoso premio Nobel Gerald Edelmen ha affermato che il cervello umano non è affatto come un computer. È molto più simile a una foresta pluviale, dove c'è una lotta costante per il dominio tra i neuroni e i diversi elementi nel cervello, e questi rispondono continuamente all'ambiente. Il cervello, come super organo dell'esistenza umana, è in continua evoluzione e mutazione e quindi non ci vuole un grande sforzo per immaginare di estendere questa cosa anche ad altre parti del corpo. Prendiamo per esempio il sistema digestivo: ora comprendiamo meglio il microbioma nelle viscere umane e nell'intestino, in realtà si tratta di molti organismi viventi che comunicano con il cervello umano, c'è
    una connessione costante tra di loro. Queste cose sarebbero state considerate fantascienza anni fa, mentre ora sono intese come parte della complessità del corpo umano. Quindi, quello che ho raccontato in questo film non è un'esagerazione, è solo una sorta di previsione del futuro".

    Perché era il momento giusto per fare questo film?

    "Ho scritto la sceneggiatura di Crimes Of The Future intorno al 1998, quindi a più di vent'anni, e ci sono stati un paio di tentativi per farne un film, ma per varie ragioni non è stato finanziato. Succede, non è insolito. Ma poi un giorno, il produttore Robert Lantos mi ha telefonato e mi ha detto: 'Dai un’occhiata a quella tua vecchia sceneggiatura' e io ho risposto: 'Considerando il suo nucleo tecnologico di fantascienza, sono sicuro che è completamente irrilevante ora'. E lui ha detto 'No, dovresti rileggerla, è più rilevante che mai'. Così, l'ho letta e ho pensato che avesse ragione. Non sono mai stato uno che crede nelle profezie, non penso che l'arte sia profetica, ma può capitare di anticipare alcune cose quasi per caso, specialmente quando scrivi qualcosa che riguarda la fantascienza. Era una storia ancora molto valida. Penso che le persone ora siano più consapevoli di temi come la tossicità dell'ambiente e di come stiamo distruggendo la terra; la stiamo certamente alterando, non c'è dubbio su questo. L'idea che la tecnologia sia l'estensione del corpo umano e della volontà umana... c'è stato un tempo in cui la gente pensava che la tecnologia fosse disumana, ma per me la tecnologia è sempre stata una cosa umana. Penso che di fatto sia un riflesso, è uno specchio che riflette ciò che siamo, le parti buone e quelle cattive, le parti distruttive e le parti umane emozionanti e creative".

    Come si inserisce questo film nel corpus delle sue opere?

    "Non penso in termini di corpus delle mie opere, ogni progetto per me è una cosa separata. So che ci sono delle connessioni tra tutti i miei film, sia che li abbia scritti io stesso, sia che siano tratti da un'opera teatrale o da un romanzo. Trasformare una sceneggiatura o altro in un film è un'impresa enorme. Ci vuole molto tempo, volontà ed energia"

    Preferisce realizzare un film da una sua sceneggiatura o da una sua opera, o adattare quella di qualcun altro?

    "Non c'è differenza tra il mio copione e quello di qualcun altro, sono altrettanto duro con il mio copione come lo sarei con quello di chiunque altro. In sala di montaggio, dopo aver girato il film, sono piuttosto brutale. Devono impedirmi di creare un film di 72 minuti, spesso mi trovo nella strana posizione di avere dei produttori che mi implorano di rimettere le cose. Mi piace tagliare, è divertente vedere quanto puoi snellire un film e renderti conto che funziona ancora"


     
    1

    <- torna all'elenco delle interviste

    The Menu

    THE MENU

    Dai produttori Adam McKay e Betsy Koch di Don't Look Up e Fresh, un nuovo .... [continua]

    The Woman King

    THE WOMAN KING

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Con Viola Davis nel ruolo di Nasisca, generale dell’unità militare tutta .... [continua]

    Una notte violenta e silenziosa

    UNA NOTTE VIOLENTA E SILENZIOSA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 1° Dicembre .... [continua]

    Silent Night

    SILENT NIGHT

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Keira Knightley protagonista - al fianco di Lily-Rose Depp, Annabelle Wallis, .... [continua]

    Spirited - Magia di Natale

    SPIRITED-MAGIA DI NATALE

    Dal 18 Novembre su Apple TV+ - RECENSIONE - Nell'adattamento in chiave musicale del racconto .... [continua]

    Come per disincanto - E vissero infelici e scontenti

    COME PER DISINCANTO - E VISSERO INFELICI E SCONTENTI

    Dal 18 Novembre in streaming su Disney+ - Sequel metà animato e metà live action .... [continua]

    Black Panther: Wakanda Forever

    BLACK PANTHER: WAKANDA FOREVER

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 9 Novembre

    "Distruggi una cosa che non conta solo ....
    [continua]