ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Il gatto con gli stivali - L'ultimo desiderio

    IL GATTO CON GLI STIVALI - L'ULTIMO DESIDERIO

    Dal 7 Dicembre .... [continua]

    Longing

    LONGING

    New Entry - Richard Gere protagonista della pluripremiata dramedy - Longing alla lettera .... [continua]

    The Making of

    THE MAKING OF

    New Entry - Richard Gere in una storia romantica che intreccia vita reale e .... [continua]

    Proxy

    PROXY

    New Entry - Blake Lively protagonista in un Sci-Fi che inscena una nuova vita .... [continua]

    Bones And All

    BONES AND ALL

    Dalla 79. Mostra del Cinema di Venezia - Timothée Chalamet e Taylor Russell sono .... [continua]

    Glass Onion - Knives Out

    GLASS ONION - KNIVES OUT

    Sequel del film Cena con delitto-Knives Out (2019) con il ritorno del bizzarro detective Benoit .... [continua]

    Poker Face

    POKER FACE

    Dalla 17. Festa del Cinema di Roma (13-23 Ottobre, Auditorium della Musica) - Alice .... [continua]

    Black Beauty: Autobiografia di un cavallo

    BLACK BEAUTY: AUTOBIOGRAFIA DI UN CAVALLO

    I recuperati di CelluloidPortraits - Nell'ennesimo adattamento di un romanzo del 1877 scritto da .... [continua]

    Medieval

    MEDIEVAL

    RECENSIONE - Nella Boemia del XIV secolo il debole re Venceslao di Lussemburgo fatica a .... [continua]

    Causeway

    CAUSEWAY

    RECENSIONE - VINCITORE come 'Miglior Opera Prima BNL BNP PARIBAS' alla 17. Festa del .... [continua]

    Home Page > Ritratti in Celluloide > L'intervista > ANGELI E DEMONI - INTERVISTA al regista RON HOWARD

    L'INTERVISTA

    ANGELI E DEMONI - INTERVISTA al regista RON HOWARD

    11/05/2009 - Il team del fenomeno globale de IL CODICE DA VINCI ritorna per l’attesissimo ANGELI E DEMONI, basato sull’omonimo bestseller di Dan Brown. Nel film l’esperto di religioni Robert Langdon, intepretato da TOM HANKS, ancora una volta scopre che antiche forze sono disposte a tutto, anche all’assassinio, per raggiungere i loro obiettivi. Quando Langdon scopre la rinascita dell’antica organizzazione degli Illuminati – la più potente organizzazione nella storia – deve anche affrontare le minacce di distruzione rivolte al nemico più disprezzato dall’organizzazione segreta: la Chiesa cattolica.
    Il Premio Oscar RONALD WILLIAM 'RON' HOWARD è sia uno stimato regista, sia produttore e attore. Da quando ha abbandonato la recitazione ha diretto molti film di successo tra cui Apollo 13, A Beautiful Mind, Il Codice Da Vinci e Angeli e Demoni, in uscita il 13 maggio.

    Angeli e Demoni è stato scritto da Dan Brown prima di creare “Il Codice Da Vinci”. Per la produzione dei film hai cambiato l’ordine. Per quale motivo?

    RON HOWARD: "Molte persone si sono trovate a leggere “Angeli e Demoni” successivamente e sapevo che per il pubblico sarebbe stato strano tornare indietro. Il personaggio di Tom, Robert Langdon, poteva svilupparsi e crescere in questo modo perchè ora può aggiungere a questa nuova avventura la precedente esperienza di aver sperimentato un altro assurdo mistero. Ciò ha certamente influenzato l’interpretazione rendendola umana e entusiasmante. Penso quindi che sia stata una scelta importante".

    In che modo il tipo di adattamento di 'Angeli e Demoni' è cambiato rispetto a “Il Codice da Vinci”?

    RON HOWARD: "Il Codice Da Vinci era così centrale nel panorama culturale che mi sono sentito più vincolato per quanto riguarda l’adattamento. Guardando indietro, sono ancora molto soddisfatto delle mie scelte. Mi sono sentito più libero con “Angeli e Demoni” che è sicuramente un romanzo molto famoso ma non implica lo stesso grado di anlisi e attenzione".

    "Anche Dan Brown mi ha detto ‘Penso che con Angeli e Demoni tu possa sentirti più libero nell’adattamento, facendo le scelte che credi opportune per renderlo un film moderno ed entusiasmante. E questo è quello che abbiamo fatto. Ci sono dei cambiamenti, ma finora durante i test screening il pubblico che ha letto il libro e ha visto il film è molto soddisfatto delle scelte che abbiamo fatto. E’ sempre oggetto di discussione e fonte di divertimento andare a vedere un film che è stato adattato da un romanzo noto".

    Avete dovuto posticipare il film e cambiare gli sceneggiatori a causa del loro sciopero. Ci sono state modifiche dalla prima idea a quello che vediamo ora?

    RON HOWARD: "Poichè era una storia piuttosto complicata che continuava ad andare avanti, ad un certo punto abbiamo dovuto cambiare scrittori a causa dei nostri impegni. Quando David Koepp è entrato a far parte del progetto ha portato una nuova prospettiva e in quel momento sono nate alcune idee creative molto interessanti".

    "Non è cambiato del tutto. Si trattava sempre di un adattamento del romanzo di Dan Brown e sapevamo quali punti cruciali volevamo portare sullo schermo. E’ stato un processo in continua evoluzione, certo è stato rimandato e, ripensandoci, ne sono felice. Questo è il 20° film da regista e circa a metà percorso ricordo di aver detto a me stesso ‘Sono contento di avere accumulato l’esperienza dei precedenti 19 film perchè l’insieme di tanti elementi lo ha reso uno dei progetti più complicati che abbia mai realizzato".

    Sappiamo che non avete ricevuto il permesso di filmare al Vaticano. Come avete superato questo problema?

    RON HOWARD: "Utilizzando tutti I mezzi tecnologici a disposizione. Mi sento tranquillo nel dire che siamo capaci di condurre il pubblico in un viaggio assolutamente realistico tra le mura del Vaticano".

    In che modo l’esperienza al CERN, il più grande laboratorio al mondo per lo studio della fisica delle particelle, ha cambiato la tua visione della scienza?

    RON HOWARD: "Non ha cambiato proprio la mia visione, ma ha certamente approfondito la mia conoscenza dei modi in cui l’essere umano sta cercando di esplorare l’universo. Ho pensato alla NASA quando sono stato qui. In questo caso la ricerca non riguarda il lancio verso lo spazio, ma l’analisi e la comprensione del mondo a livello microscopico e la creazione di questi eventi dinamici per poterli osservare. Sono tutti esperimenti di laboratorio – ogni missione compiuta dalla NASA è finalizzata a capire l’universo e il nostro posto in esso".

    Sei stato molto fedele alla scienza, girando “Apollo 13”. Ci sono state alcune lamentele per il libro “Angeli e Demoni” da parte di esperti di anti-materia per quanto riguarda i dettagli. Ti sei preoccupato di correggere le imperfezioni nella storia di Dan Brown?

    RON HOWARD: "Sì e no. Sono andato lì, ho fatto molte ricerche e ho partecipato a straordinarie riunioni con scienziati che mi hanno spiegato come si potesse realizzare una buona science fiction che fosse plausibile. Il film presenta un contesto e fa capire che del materiale molto pericoloso è stato preso dal suo posto. Il film non va a fondo per spiegare la scienza o la storia. Infatti il ritmo del film non lo consente.
    In questo caso il pubblico segue il percorso di Robert Langdon. Quello che facciamo è dare le informazioni necessarie per far capire qual è il rischio, il pericolo, per far capire cosa viene scoperto attraverso gli indizi, qual è il signifcato, come possono rapportarsi alle teorie della cospirazione e alle questioni cruciali del momento. Per questo da regista mi sono trovato a usare molte energie".

    Noi non possiamo vedere l’anti-materia, come hai fatto nel film?

    RON HOWARD: "Credi di vederla. La vedrai. Devo dire che ho passato molto tempo al CERN con il designer Alan Cameron che è stato costantemente in riunione con i fisici. Quindi non bisogna preoccuparsi, non c’è una massa di anti materia mortale che potrebbe far esplodere il Vaticano. Abbiamo costruito le storie e le cose, essendo influenzati dalle informazioni che stavamo assumendo. E’ sicuramente fiction, ma si tratta di science-fiction molto credibile".

    LA REDAZIONE

    Nota: Si ringrazia Silvia Palermo di 'Way to Blue'.


     
    1

    <- torna all'elenco delle interviste

    The Menu

    THE MENU

    RECENSIONE - Dai produttori Adam McKay e Betsy Koch di Don't Look Up e Fresh, .... [continua]

    The Woman King

    THE WOMAN KING

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Con Viola Davis nel ruolo di Nasisca, generale dell’unità militare tutta .... [continua]

    Una notte violenta e silenziosa

    UNA NOTTE VIOLENTA E SILENZIOSA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 1° Dicembre .... [continua]

    Silent Night

    SILENT NIGHT

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Keira Knightley protagonista - al fianco di Lily-Rose Depp, Annabelle Wallis, .... [continua]

    Spirited - Magia di Natale

    SPIRITED-MAGIA DI NATALE

    Dal 18 Novembre su Apple TV+ - RECENSIONE - Nell'adattamento in chiave musicale del racconto .... [continua]

    Come per disincanto - E vissero infelici e scontenti

    COME PER DISINCANTO - E VISSERO INFELICI E SCONTENTI

    Dal 18 Novembre in streaming su Disney+ - Sequel metà animato e metà live action .... [continua]

    Black Panther: Wakanda Forever

    BLACK PANTHER: WAKANDA FOREVER

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 9 Novembre

    "Distruggi una cosa che non conta solo ....
    [continua]