ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Pronti a morire

    MOVIE RETRÒ – SHARON STONE, GENE HACKMAN, LEONARDO DICAPRIO, RUSSELL CROWE, GARY SINISE - RECENSIONE ..

    C'é ancora domani

    Film d'Apertura (il 18 Ottobre) alla 18. Festa del Cinema di Roma (18-29 Ottobre 2023), ..

    Eileen

    New Entry - 18. Festa del Cinema di Roma (18-29 Ottobre 2023) - Grand Public ..

    L'imprevedibile viaggio di Harold Fry

    Dal 5 Ottobre - Una celebrazione della vita, un ritratto sincero dell'amore universale interpretato dal ..

    L'esorcista - Il credente

    Dal 5 Ottobre - Torna Ellen Burstyn nel sequel de L’Esorcista (1973) diretta oggi (2023) ..

    Il mio grosso grasso matrimonio greco 3

    Dal 5 Ottobre - Nia Vardalos torna a scrivere e questa volta anche a dirigere ..

    In the Land of Saints and Sinners

    Dal 12 Ottobre - Da Venezia 80. - Orizzonti Extra - Liam Neeson in cerca ..

    Dogman

    Dal 12 Ottobre - Da Venezia 80. - Luc Besson, racconta la storia di un ..

    Pain Hustlers-Il business del dolore

    Emily Blunt sogna una vita migliore per David Yates - Dal 27 Ottobre ..

    Home Page > Movies & DVD > Singularity

    SINGULARITY

    New Entry - I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - ITALIA: 24 July 2019 (DVD premiere)

    (Singularity; SVIZZERA/USA 2017; Drammatico Sci-Fi; 92'; Produz.: Calanda Pictures, Vantis Pictures, Voltage Pictures)

    Locandina italiana Singularity

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Synopsis

    Titolo in italiano: Singularity

    Titolo in lingua originale: Singularity

    Anno di produzione: 2017

    Anno di uscita: 2019

    Regia: Robert Kouba

    Sceneggiatura: Robert Kouba

    Soggetto: Storia di Robert Kouba e Sebastian Cepeda.

    Cast: John Cusack (Elias Van Dorne)
    Julian Schaffner (Andrew Davis)
    Jeannine Wacker (Calia)
    Carmen Argenziano (Damien Walsh)
    Eileen Grubba (Veronica Davis)
    Pavlo Bubryak (Cassiem)

    Musica: Tobias Enhus, Scott Kirkland

    Scenografia: Timothy Stuart Hildebrandt

    Fotografia: Jesse Brunt, Sebastian Cepeda

    Montaggio: Robert Kouba, Kyle Tekiela

    Scheda film aggiornata al: 13 Maggio 2022

    Sinossi:

    La storia è ambientata in un futuro prossimo e altamente tecnologico, il 2020. Sono trascorsi tre anni da quando Elias van Dorne (John Cusack), a capo delle VA Industries, la più grande azienda di robotica esistente, ha progettato Kronos, un super computer capace di porre fine a ogni conflitto e riportare la pace sulla Terra. Kronos individua come causa delle guerre e dei vari problemi del mondo l'intera umanità e decide che questa minaccia va annientata. Dà il via quindi a una guerra per depurare il mondo dalla sua peggiore infezione, l'uomo, e si serve dei vari robot presenti sul pianeta per estirparla.

    In un salto temporale di 97 anni, il film trasporta lo spettatore nel 2117, quando gli unici superstiti della razza umana sono un piccolo gruppo di persone perennemente in fuga dall'esercito di robot che li perseguita. L'unica loro fonte di salvezza è Aurora, un luogo sconosciuto a Kronos in cui gli esseri umani possono vivere in tranquillità senza la minaccia robotica. I giovani Andrew (Julian Schaffner) e Calia (Jeannine Wacker) formano un'alleanza per raggiungere questo posto sicuro senza sapere se esista veramente o no. I due riusciranno a raggiungere Aurora e sfuggire alle persecuzioni di Kronos?

    Synopsis:

    In 2020, Elias van Dorne (John Cusack), CEO of VA Industries, the world's largest robotics company, introduces his most powerful invention--Kronos, a super computer designed to end all wars. When Kronos goes online, it quickly determines that mankind, itself, is the biggest threat to world peace and launches a worldwide robot attack to rid the world of the "infection" of man. Ninety-seven years later, a small band of humans remain alive but on the run from the robot army. A teenage boy, Andrew (Julian Schaffner) and a teenage girl, Calia (Jeannine Wacker), form an unlikely alliance to reach a new world, where it is rumored mankind exists without fear of robot persecution. But does this world actually exist? And will they live long enough to find out?

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    “Distruggi l’umanità, preserva il Pianeta”

    Se si sente il bisogno di corredare un film di generose didascalie esplicative e di una voce fuori campo tanto presente da diventare una costante, vuol dire che non si tiene nel dovuto conto la dimensione del cinema, che dovrebbe essere dominante. Oltretutto, l’idea di considerare l’umanità come un cancro per il pianeta Terra, non è esattamente nuova. Poteva esserlo il taglio narrativo del film, e in un certo senso il Singularity del regista e sceneggiatore svizzero Robert Kouba – al suo debutto in un lungometraggio dopo una serie di corti – lo è, ma se invece il film non ha abbastanza nervo e spina dorsale è perché si perde per strada sul tergiversare dei due ragazzi protagonisti, prima di arrivare allo spicchio conclusivo della storia con un apprezzabile finale a sorpresa.

    Ma andiamo per gradi. ‘Nel 2017 una società per azioni rivoluzionò la robotica sotto la

    guida del suo geniale inventore Elias Van Dorne’. Peccato che all’interprete doc designato per questo fantomatico inventore, vale a dire John Cusack, sia riservato un minimale spazio defilato, quasi da dietro le quinte. Un ‘Deus Ex Machina’ neppure troppo benevolo, si direbbe, nei confronti dell’umanità: la sua creazione robotica più innovativa, Kronos, ha come unico obiettivo per l’appunto la distruzione del genere umano per preservare la sopravvivenza del pianeta Terra. La precisazione motivazionale scritta declama che nel 2019 tre famiglie su quattro possedevano un robot della ‘Va’ (l’azienda di Elias/Cusack), con il conseguente miglioramento esponenziale della qualità della vita. La ‘va produsse anche una linea di robot ad uso militare per mettere fine alle guerre globali. Ma questo non arrestò l’inclinazione naturale dell’umanità alla violenza. Anzi, aumentò. Così nel 2020 Elias/Cusack partorì la sua scoperta più rivoluzionaria in fatto di robotica e la chiamò Kronos, l’unico, a sua dichiarata convinzione,

    in grado di salvare la Terra dall’autodistruzione.

    A queste premesse vanno ad aggiungersi il fantomatico fratello dello stesso Elias/Cusack, dall’identità ibrida, osservatori manovratori al tempo stesso di quanto succede all’esterno, e un ragazzo, l’Andrew Davis di Julian Schaffner, con la madre malata. Ci viene in mente che Andrew era anche il nome de L’uomo bicentenerario interpretato dal compianto Robin Williams. Del resto in Singularity non mancano le citazioni a target ‘Sci-Fi’, tra cui ad esempio La guerra dei mondi o, l’immancabile Blade Runner sul filo dei ricordi. Beh, comunque sia, in uno scarto temporale repentino ci troviamo all’altezza cronologica di ben 97 anni più tardi. L’epurazione della Terra dall’umanità sarebbe ormai completata se non fosse per pochi superstiti che si dice abitino un luogo a cui le macchine non hanno accesso, il cui nome, Aurora, è l’evidente sinonimo metaforico di rinascita, ribadito dalla visione incantata delle spettacolari aurore boreali.

    Leggenda o

    realtà? Allo spettatore non è dato di vedere altro che lo stesso Andrew/Schaffner annaspare da solo in un ambito territoriale desolato, ‘allietato’ solo dall’incontro fortuito con una ragazza, la Calia di Jeannine Wacker. Per quanto i giovani interpreti non riescano a superare la soglia del ‘televisivo’ come acerbo tocco di stile, il film affida a loro il corpo centrale della storia. Davvero si tratta di due umani sopravvissuti? Davvero si sono incontrati per caso? Alla ragazza il padre ha dato un ciondolo particolare che tiene costantemente al collo mentre si chiede dove si trovi l’isola felice Aurora, e, riluttante, si porta dietro il ragazzo. Sia la ragazza che lo spettatore condividono l’inconsapevolezza che quel ciondolo rappresenti la chiave per il ‘decollo’ verso Aurora. Uno spazio e una dimensione dove ancora l’umanità più buona può sperare di avere un futuro, meno tecnologico ma indubbiamente più autentico, di cui non abbiamo modo

    di vedere né sapere nulla. Del resto, sarebbe un’altra storia, di cui Elias/Cusack e company non potrebbero far parte. L’umanità non sembra essere nelle loro corde né tanto meno nelle loro priorità!

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)







    trailer ufficiale (V.O.):

    Links:

    • John Cusack

    1| 2| 3

    Galleria Video:

    Singularity - trailer (versione originale)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Asteroid City

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - dal 28 Settembre - Da 76. Cannes (16-27 Maggio 2023) ..

    Retribution

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dai produttori de L’Uomo Sul Treno il remake dell’adrenalinico film spagnolo ..

    Assassinio a Venezia

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dopo Assassinio sull'Orient Express (2017) e Assassinio sul Nilo (2022), Kenneth ..

    The Palace

    Da Venezia 80. - Dal 28 Settembre - Mickey Rourke nel nuovo dramma di ..

    Felicità

    Dal 21 Settembre - Da Venezia 80. - Orizzonti - Debutto alla regia di ..

    Oppenheimer

    Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Cillian Murphy, nel ruolo del celebre scienziato ..

    In The Fire

    Dal 14 Settembre - Dal 69. Taormina Film Festival - Il thriller soprannaturale segna ..