ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Il fuggitivo

    Corre il TRENTENNALE di un classico intramontabile, con Harrison Ford, Tommy Lee Jones & Co. ..

    C'é ancora domani

    I ‚ÄėRECUPERATI‚Äô di ‚ÄėCelluloidPortraits‚Äô - RECENSIONE - Dalla 18. Festa del Cinema di Roma (18-29 ..

    Inside

    Ancora inedito per il cinema italiano - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dalla Berlinale 2023 in ..

    Wish

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 21 Dicembre ..

    Il regno del pianeta delle scimmie

    New Entry - Il regista Wes Ball (trilogia di Maze Runner) dà vita ad un ..

    La chimera

    Dal 76. Festival del Cinema di Cannes (16 al 27 Maggio 2023) - Concorso - ..

    Nyad - Oltre l'oceano

    RECENSIONE - Annette Bening interpreta la nuotatrice Diana Nyad, protagonista di un'impresa incredibile realmente vissuta ..

    Barbie

    I ‚ÄėRECUPERATI‚Äô di ‚ÄėCelluloidPortraits‚Äô - RECENSIONE - Nel live-action basato sulla famosa linea di giocattoli ..

    Cento domeniche

    Dalla 18. Festa del Cinema di Roma 2023 - Grand Public - Dal 23 Novembre “... ..

    Home Page > Movies & DVD > Archive - Non mi lasciare

    ARCHIVE - NON MI LASCIARE

    RECENSIONE - In Streaming su piattaforma digitale

    Sulle montagne del Giappone, lo scienziato George Almore (Theo James) lavora di nascosto a un nuovo modello di androide che pu√≤ rivoluzionare il concetto di mortalit√†: sta lavorando ad un'intelligenza artificiale che sia pari a un essere umano. Il suo ultimo prototipo √® quasi pronto, ma questa √® anche la fase pi√Ļ rischiosa. Soprattutto se lo scopo di George √® di importanza vitale, riunirsi alla moglie defunta.

    (Archive; REGNO UNITO/USA/UNGHERIA 2020; Sci-Fi; 109'; Produz.: Independent in associazione con: Hero Squared, Head Gear Films, Lipsync, Metrol Technology, Quickfire Films, Untapped, XYZ Films)

    Locandina italiana Archive - Non mi lasciare

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    Short Synopsis

    Titolo in italiano: Archive - Non mi lasciare

    Titolo in lingua originale: Archive

    Anno di produzione: 2020

    Anno di uscita: 2021

    Regia: Gavin Rothery

    Sceneggiatura: Gavin Rothery

    Cast: Theo James (George Almore)
    Stacy Martin (Jules Almore/J3/J2, voce)
    Rhona Mitra (Simone)
    Peter Ferdinando (Tagg)
    Lia Williams (Casa, voce)
    Toby Jones (Vincent Sinclair)
    Richard Glover (Melvin)
    Hans Peterson (Elson)

    Musica: Steven Price

    Costumi: Tóth András e Godena-Juhász Attila

    Scenografia: Robin Lawrence e Gavin Rothery

    Fotografia: Laurie Rose

    Montaggio: Adam Biskupski

    Effetti Speciali: Robert Horv√°th (supervisore)

    Casting: Gemma Sykes

    Scheda film aggiornata al: 04 Giugno 2022

    Sinossi:

    In breve:

    Sulle montagne del Giappone, lo scienziato George Almore (Theo James) lavora di nascosto a un nuovo modello di androide che pu√≤ rivoluzionare il concetto di mortalit√†: sta lavorando ad un'intelligenza artificiale che sia pari a un essere umano. Il suo ultimo prototipo √® quasi pronto, ma questa √® anche la fase pi√Ļ rischiosa. Soprattutto se lo scopo di George √® di importanza vitale, riunirsi alla moglie defunta.

    Short Synopsis:

    2038: George Almore is working on a true human-equivalent AI. His latest prototype is almost ready. This sensitive phase is also the riskiest. Especially as he has a goal that must be hidden at all costs.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    ‚ÄúSei nata per contenerla, dovevo essere sicuro che tu provassi le sue stesse emozioni‚ÄĚ

    Non c‚Äô√® da meravigliarsi tanto del fatto che un robot provi sentimenti umani. Dalla narrativa anni Trenta agli stimolanti e piacevoli episodi anni Sessanta della celebre serie Ai Confini della realt√†, ne abbiamo visti e sentiti di casi esemplari! Per non dire dell‚Äôiceberg Sci-Fi Blade Runner di Ridley Scott o dello stesso A.I. Intelligenza Artificiale di Steven Spielberg, magari passando per l‚ÄôUomo bicentenario di Chris Columbus (con un indimenticabile Robin Williams), per l‚ÄôEx Machina di Alex Garland o per l‚ÄôAutomata di Gabe Ib√°√Īez (con un superbo Antonio Banderas). Un territorio che da sempre ha affascinato scrittori, sceneggiatori e registi, oltre che, naturalmente scienziati. Sicch√© ci si aspetterebbe oramai ben poco da questo Archive che, nel titolo italiano tiene ad aggiungere Non mi lasciare, quasi a rimarcare una specifica venatura di quel sentimento, tutto al femminile. Invece riesce

    a sorprendere, al punto da risultare spiazzante.

    Nel suo debutto alla regia, qui il visual designer di Moon Gavin Rothery - mentre lascia sul percorso alcune briciole in omaggio agli illustri precedenti, Blade Runner in particolare - cerca una sua strada che sceglie di non servirsi di grandi protagonismi n√© di effetti speciali fracassoni, per andare a recuperare piuttosto ambientazioni dal sapore antico, in linea con effetti visivi recuperati dal sci-fi pi√Ļ ‚Äėprimitivo‚Äô: le macchine di elaborazione sono spesso declinate in monocromo mentre si fa ricorso a tutta la foschia possibile in esterno, laddove ci si muove tra distese di bosco innevate. Proprio l√†, di l√¨ a poco, scopriremo di trovarci in una isolata location di ricerca in Giappone, la remota struttura di sicurezza in cui George (Theo James), uno specialista di robotica, va intensamente lavorando ad un progetto privato. E George/James comunica e collabora con J1 e J2, dei robot

    di differente livello che possono rievocare la celebre coppia di droidi in Star Wars, ma solo nell‚Äôidea di fondo. Non c‚Äô√® difatti alcun umorismo in loro e mentre J1 si limita ad esprimere opinioni e/o lamentele con rumori o grugniti meccanici che solo George riesce ad interpretare, J2 mostra un incredibile, spiccato senso di gelosia, pi√Ļ tipico di una moglie che di un robot. Il che ha pure un suo senso logico.

    Come in una struttura filmica tipo, orchestrata sulla frammentazione narrativa, costruita su schegge di memoria ad incastro, anche in Archive √® data allo spettatore la chance di ricostruire per gradi, passando dal background reale del protagonista, il perch√© si trovi in quella location di ricerca. Location di cui egli si serve, all‚Äôinsaputa dei responsabili, per tentare una sorta di avveniristica ‚Äėsovrascrittura‚Äô: riesumare la moglie che, cos√¨ come si lascia intendere, √® rimasta uccisa in un incidente d‚Äôauto. Incidente

    di cui egli si sente responsabile. La parte pi√Ļ interessante, svicolando tra indesiderate intrusioni sul campo di soggetti sconosciuti ed ambigui, si manifesta l‚Äôevoluzione umana di J2, il robot intermedio con cui George interagisce, cercando di parare i suoi colpi di umanit√† in eccesso. La sua attenzione √® ora difatti focalizzata sul terzo prototipo, che sta prendendo forma grazie all‚Äôesistenza di J1 e J2. Rothery torna dunque sul motivo di un robot in grado di sviluppare una coscienza propria: J2 sa che George non √® pi√Ļ interessato a migliorare lei, perch√© sta operando su J3, ed √® evidentemente intenzionato a sviluppare in quest‚Äôultima, tutti i miglioramenti possibili, fino alla completa ‚Äėsovrascrizione di memoria‚Äô, pescando dal fatidico ‚Äėarchivio‚Äô. Una condizione sofferta quella di J2, come dimostra la sua drammatica decisione quando si vede impotente di fronte alla ‚Äėrivale‚Äô. Non di minor interesse sono le reazioni emotive in fase di elaborazione da

    parte di J3 - Stacy Martin (Jules Almore e voce di J3 e J2) - vere e proprie incontenibili esplosioni, cui solo la paziente e amorevole dedizione di George può farle superare.

    Questo √® almeno tutto ci√≤ in cui siamo portati a credere. Vi √® mai capitato di arrivare all‚Äôepilogo di una storia e vedervi costretti a riavvolgere il nastro per tornare a rileggerla, mutandone completamente il verso? Beh, √® proprio questo il caso. Il finale di questo Archive √® il geniale colpo da maestro che raggiunge lo spettatore come un meteorite in una limpida giornata di sole per fulminarlo all‚Äôistante. E dire che la J3 ormai completamente formata nel corpo e nella mente lo aveva avvertito: ‚ÄúNo, non farlo, non rispondere, non farlo‚ÄĚ! Ci si pu√≤ immaginare in un mondo futuro di stabilire tempi e modi di dire addio ad un proprio caro? Non ci √® certo dato saperlo,

    ma è esattamente quel che Gavin Rothery ha immaginato e ricreato sul grande schermo con Archive.

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)








    trailer ufficiale (V.O.):

    Links:

    • Toby Jones

    • Theo James

    • Stacy Martin

    1 | 2 | 3

    Galleria Video:

    Archive-Non mi lasciare - trailer (versione originale) - Archive

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Prendi il volo

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 6 Dicembre ..

    Un colpo di fortuna

    Dal 6 Dicembre - Da Venezia 80. - Con il suo nuovo dramedy romantico ..

    Papà scatenato

    I ‚ÄėRECUPERATI‚Äô di ‚ÄėCelluloidPortraits‚Äô - RECENSIONE - Robert De Niro spassoso padre italiano nella ..

    Nonno questa volta è guerra

    I ‚ÄėRECUPERATI‚Äô di ‚ÄėCelluloidPortraits‚Äô - RECENSIONE - Chi ha detto che i nonni viziano ..

    Blueback

    I ‚ÄėRECUPERATI‚Äô di ‚ÄėCelluloidPortraits‚Äô - RECENSIONE - Mia Wasikowska, Radha Mitchell, Eric Bana portano ..

    La meravigliosa storia di Henry Sugar

    I ‚ÄėRECUPERATI‚Äô di ‚ÄėCelluloidPortraits‚Äô - RECENSIONE - Da Venezia 80. - Dal 27 ..

    Il mio grosso grasso matrimonio greco 3

    I ‚ÄėRECUPERATI‚Äô di ‚ÄėCelluloidPortraits‚Äô - Dal 5 Ottobre - Nia Vardalos torna a scrivere ..