ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Free Guy – Eroe per gioco

    FREE GUY – EROE PER GIOCO

    New Entry - Dall'11 Agosto .... [continua]

    Come un gatto in tangenziale - Ritorno a Coccia di Morto

    COME UN GATTO IN TANGENZIALE - RITORNO A COCCIA DI MORTO

    Dal 26 Agosto - SEQUEL della commedia campione d’incassi e 'Biglietto d'Oro 2018' Come un .... [continua]

    Falling-Storia di un padre

    FALLING-STORIA DI UN PADRE

    Dal 26 Agosto - VINCITORE del Premio Danostia al 68. Sebastian Film Festival (Settembre .... [continua]

    Frammenti dal passato - Reminiscence

    FRAMMENTI DAL PASSATO - REMINISCENCE

    Dal 26 Agosto - Un thriller Sci-Fi come debutto alla regia di Lisa Joy (cognata .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Falling-Storia di un padre

    FALLING-STORIA DI UN PADRE

    Dal 26 Agosto - VINCITORE del Premio Danostia al 68. Sebastian Film Festival (Settembre 2020) - Dal Sundance Film Festival 2020 - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Esordio alla regia per Viggo Mortensen, qui anche sceneggiatore, musicista e produttore, oltre che interprete, al fianco di Lance Henriksen, Laura Linney e Sverrir Gudnason

    John (Viggo Mortensen) vive con suo marito, Eric (Terry Chen) in California, lontano dalla tradizionale vita rurale che si è lasciato alle spalle anni fa. Suo padre, Willis (Lance Henriksen), vive da solo nella fattoria isolata dove John è cresciuto. La mente di Willis è in declino, quindi John lo porta a ovest, sperando che lui e sua sorella, Sarah (Laura Linney), possano aiutare il padre a trovare una casa più vicina a loro. Le loro intenzioni alla fine si scontrano con il rifiuto rabbioso di Willis di cambiare il suo modo di vivere in qualsiasi modo.

    (Falling; CANADA/REGNO UNITO 2020; Drammatico; 112'; Produz.: Perceval Pictures, Baral Waley Productions, Scythia Films, Zephyr Films, Achille Productions e Ingenious Media; Distribuz.: BIM Distribuzione)

    Locandina italiana Falling-Storia di un padre

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: Falling-Storia di un padre

    Titolo in lingua originale: Falling

    Anno di produzione: 2020

    Anno di uscita: 2021

    Regia: Viggo Mortensen

    Sceneggiatura: Viggo Mortensen

    Cast: Viggo Mortensen (John Peterson)
    Lance Henriksen (Willis Peterson)
    Sverrir Gudnason (Willis da giovane)
    Laura Linney (Sarah Peterson)
    Terry Chen (Eric)
    Hannah Gross (Gwen)
    Bracken Burns (Jill)
    David Cronenberg (Proctologo)
    Piers Bijvoet (Will)
    Etienne Kellici (John a 10 anni)
    Ava Kozelj (Sarah a 10 anni)
    William Healy (John a 15 anni)
    Ella Jonas Farlinger (Paula)
    Grady McKenzie (John bambino)
    Carina Battrick (Sarah bambina)

    Musica: Viggo Mortensen

    Costumi: Anne Dixon

    Scenografia: Carol Spier

    Fotografia: Marcel Zyskind

    Montaggio: Ronald Sanders

    Makeup: Julia Valente (direttrice trucco); Vincent Sullivan (direttore parrucco)

    Casting: Julia Valente (direzione)

    Scheda film aggiornata al: 24 Luglio 2021

    Sinossi:

    In breve:

    Un dramma familiare che racconta la storia di John Petersen (Viggo Mortensen), un uomo gay, che vive a Los Angeles con il compagno Eric (Terry Chen) e la figlia adottiva Monica. Quando suo padre Willis (Lance Henriksen), ormai anziano, si trasferisce dalla sua fattoria a casa del figlio per trascorrere i suoi ultimi anni di vita in compagnia, John e la sua famiglia si ritroveranno a dover fare i conti con il carattere duro e conservatore dell'anziano.

    Short Synopsis:

    A conservative father moves from his rural farm to live with his gay son's family in Los Angeles

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Non poteva esserci esordio alla regia migliore per l’eclettico artista Viggo Mortensen, da sempre impegnato in molte discipline oltre alla recitazione: da scrittore a musicista, da fotografo a poeta e pittore, Mortensen ha sondato ad oggi ogni ‘visione’ artistica. Non poteva dunque mancare la regia che, con un background del genere e nel pieno della maturità, beneficia, grazie a Dio, di questa sua subliminale e ‘stellare’ formazione, nel segno delle Arti nell’Arte. A cominciare dall’elegante ed acuminata scelta di far scorrere il titolo in greco. Falling significa ‘caduta’ e il film tratta di una caduta esistenziale che ha in sé molti tratti della tragedia greca, appunto. E’ pure evidente l’ammicco alla mitologia che nobilita la ‘tragedia umana’ fin dalle sue radici. L’inevitabile e inesorabile ‘caduta’ scritta nel DNA di ognuno di noi.

    Mi dispiace di averti portato in questo mondo per poi morire”. Non è il massimo per un padre ancora

    giovane (il Willis Peterson di Sverrir Gudnason) da dire al proprio bambino e, se poi inizia a piangere come se non ci fosse un domani, l’unica a poterci fare qualcosa è la giovane madre (la Gwen di Hannah Gross) che, oltre al naturale istinto per la cura e la protezione del proprio figlio, dispone anche di ben altra amorevole pazienza. E questo non è che una briciola tra gli infiniti rigurgiti di memoria che la mente malferma di un anziano può partorire senza tregua, mentre confonde passato e presente, non riuscendo più a distinguere l’uno dall’altro. Ne abbiamo un assaggio piuttosto consistente ad effetto nella sequenza sull’aereo che ritrae la versione più anziana di Willis (Lance Henriksen da Oscar!) con il figlio John: lo stesso Viggo Mortensen che sceglie la cifra recitativa della più naturale ‘sottrazione’ come miglior scudo alla insensatezza paterna.

    Come esordio alla regia Viggo Mortensen (qui pure

    sceneggiatore, musicista e produttore oltre che interprete) non si è certo risparmiato nella sfida: riprendere intrattenendo, la demenza senile mentre intanto si lasciano riaffiorare turbolente dinamiche affettive in seno alla famiglia o, per meglio dire, alle famiglie, non è cosa da poco. E non è cosa da poco farlo in questo modo: ricreando per tutta la durata del film, un’unica soggettiva o quasi. L'incalzante montaggio alternato, ricuce, tra dramma e commedia, ogni singola scheggia di vita che, verso il crepuscolo dell’esistenza, ha prodotto nel vecchio Will una tale dose di rabbia feroce da far paura. Rabbia che quando incrocia la sua connaturata ottusità culturale da contadino, è pronta ad esplodere ad ogni angolo come una mina vagante. E, come in un flipper, finisce sempre per cozzare con chi si trova costantemente al suo fianco: quel figlio pilota che ha preso le ferie per potergli cercare un alloggio vicino e riuscire

    a sostenerlo nella sua vecchiaia. Quel figlio che ha scelto un marito (l’Eric di Terry Chen) al posto di una moglie, e adottato una bambina (Monica): ecco un altro tra i papabili motivi di attacco da parte del padre che non si fa certo scrupolo di tenere a freno la lingua o di esercitare il senso del rispetto. La figlia Sarah da adulta - Laura Linney torna a calcare le scene per un soggetto scomodo sulla vecchiaia dopo La famiglia Savage - ha, ovviamente, a sua volta, una famiglia con dei figli, in linea con i bizzarri look contemporanei, e l’incontro con quel padre mentalmente ‘compromesso’ ha esiti disastrosi. Questo malgrado i congiunti sforzi da parte di tutti di rievocare i tratti più divertenti tra le varie schegge di vita vissuta passata.

    Il montaggio, sapiente, imponente, ammaliante, si espande sempre più come se dovesse dipingere su una tela i passaggi

    mentali di questo padre per l’appunto ‘in caduta libera’. Passaggi paradossalmente nitidi quando appuntati su un passato che tenta di soverchiare tutta la nebulosità e l’incertezza del presente, saturo di ogni rimpianto e rimorso possibili. Un montaggio capace di toccare vette liriche in alcune sequenze in particolare, magari passando tra le fitta selva di esplosioni di rabbia congiunta repressa troppo a lungo. Tutto merito di una sensibilità artistica ad ampio spettro che sembra per l'appunto contraddistinguere la cifra Mortensen. Cifra che non si fa mancare il vezzo di condividere il suo nobile esordio artistico con il regista e amico David Cronenberg, facendolo partecipare in Falling con il piccolo ma significativo ruolo del proctologo che visita suo padre. Ricordiamo che per Cronenberg Viggo ha recitato da protagonista in A History of Violence, ne La promessa dell’assassino e pure in A Dangerous Method. Ma Viggo Mortensen non vuole rinunciare neppure ad un

    altro vezzo, ovvero il privilegio di passare, anche solo per poco, ad una mostra d’Arte: nell’ormai lontano Delitto perfetto, mitica pellicola di Andrew Davis, al fianco di Gwyneth Paltrow e Michael Douglas, Mortensen interpretava direttamente un pittore, quale di fatto è lui stesso nella vita reale. Sembra quindi un legame forte ed indissolubile quello tra Viggo Mortensen e l’Arte, di cui sfoggia, peraltro, una conoscenza profonda.

    Sequenze minimaliste come la caccia dell’anatra o la stessa dedica finale del film a Charles e Walter Mortensen, dicono quanto per Viggo abbia poi significato questo film sul piano personale. Se dunque Falling è così ‘viscerale’ e ben orchestrato, lo si deve evidentemente anche al fatto che rappresenta un qualcosa di molto intimo, se non completamente autobiografico. Ma Viggo Mortensen è anche un poeta, e se sono già numerosi e preziosi certi passaggi durante il film a ricordarcelo, è l’epilogo a sottoscriverlo in pieno, perché

    davvero un finale del genere di quello che vediamo in Falling, poteva pensarlo solo un poeta: mai una ‘caduta’ aveva potuto elevarsi tanto in alto! Direi che Golden Globe, Oscar e ogni altro premio possibile, sarebbero il minimo per il neo regista Viggo Mortensen.

    Secondo commento critico (a cura di )



    trailer ufficiale (V.O.):

    Links:

    • Viggo Mortensen (Regista)

    • Laura Linney

    • Viggo Mortensen

    • Lance Henriksen

    • Sverrir Gudnason

    1 | 2

    Galleria Video:

    Falling - trailer (versione originale)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Boss Level

    BOSS LEVEL

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE .... [continua]

    Penguin Bloom

    PENGUIN BLOOM

    RECENSIONE - Con Naomi Watts, Andrew Lincoln (uno dei protagonisti dell’iconica serie tv The Walking .... [continua]

    Jungle Cruise

    JUNGLE CRUISE

    A confortare l'esordio in una produzione Disney per Jaume Collet-Serra (Unknown - Senza identità, Run .... [continua]

    Uno di noi

    UNO DI NOI

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Diane Lane e Kevin Costner tornano a far coppia sul grande .... [continua]

    The Kelly Gang

    THE KELLY GANG

    RECENSIONE - Russell Crowe e Thomasin McKenzie nel western gotico di Justin Kurzel (Assassin's Creed, .... [continua]

    Black Widow

    BLACK WIDOW

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 7 Luglio

    "Ho trascorso un decennio incredibile a lavorare ....
    [continua]

    A Quiet Place II

    A QUIET PLACE II

    RECENSIONE - Dal 24 Giugno - Sequel del thriller/horror A Quiet Place - Un posto .... [continua]