ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Cry Macho

    CRY MACHO

    New Entry - Il novantunenne Clint Eastwood torna dietro e davanti la macchina da .... [continua]

    A White White Day-Segreti nella nebbia

    A WHITE WHITE DAY-SEGRETI NELLA NEBBIA

    New Entry - Il cineasta islandese Hlynur Pàlmason torna sul grande schermo con un’opera .... [continua]

    Sniff

    SNIFF

    New Entry - Helen Mirren femme fatale 'The Spider', al fianco di Al Pacino, .... [continua]

    Dune 2

    DUNE 2

    New Entry - .... [continua]

    Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli

    SHANG-CHI E LA LEGGENDA DEI DIECI ANELLI

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 1° Settembre

    In termini di ciò che verrà dopo ....
    [continua]

    Home Page > Movies & DVD > World To Come

    WORLD TO COME

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 77. Mostra del Cinema di Venezia

    (The World To Come; USA 2020; Drammatico; 98'; Produz.: Arsia Production, Hype Film, Killer Films, M.Y.R.A. Entertainment, Sailor Bear, Sea Change Media, Sony Pictures Worldwide Acquisitions (SPWA), Yellow Bear Films)

    Locandina italiana World To Come

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: World To Come

    Titolo in lingua originale: The World To Come

    Anno di produzione: 2020

    Anno di uscita: 2021

    Regia: Mona Fastvold

    Sceneggiatura: Ron Hansen e Jim Shepard

    Soggetto: Scritto da Jim Shepard.

    Cast: Katherine Waterston (Abigail)
    Vanessa Kirby (Tallie)
    Casey Affleck (Dyer)
    Christopher Abbott (Finney)
    Andreea Vasile (Madre)
    Ioachim Ciobanu (Figlio della vedova Weldon)
    Sandra Personnic-House (Mrs. Nottoway)
    James Longshore (Uomo)

    Musica: Daniel Blumberg (compositore)

    Costumi: Luminita Lungu

    Scenografia: Jean-Vincent Puzos

    Fotografia: André Chemetoff

    Montaggio: Dávid Jancsó

    Makeup: Gabriela Gociu

    Casting: Domnica Circiumaru (Casting Romania)

    Scheda film aggiornata al: 07 Giugno 2021

    Sinossi:

    In breve:

    Da qualche parte lungo la frontiera della costa orientale americana della metà del XIX° secolo, due coppie di vicini combattono contro i disagi e un isolamento che li mette alla prova sia fisicamente che psicologicamente. E vivere circondati da un paesaggio tanto bello non rende più facili le cose.

    Synopsis:

    Somewhere along the mid-19th century American East Coast frontier, two neighboring couples battle hardship and isolation, witnessed by a splendid yet testing landscape, challenging them both physically and psychologically

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Se c’è un aspetto originale in questa storia in chiave ‘lesbo’, ma fondamentalmente di riscatto sociale al femminile, è la scelta della cornice narrativa. Quasi una contraddizione in termini: una sorta di ‘bucolica’ dove però le aspre leggi di natura, con inverni freddi e nevosi, ben più invadenti e devastanti delle piacevoli primavere, nutrono i protagonisti agricoltori, più di solitudine e oggettive difficoltà gestionali che di poesia. Se poi ci aggiungiamo un pizzico di dramma familiare, come la morte prematura dell’unica figlia di quattro anni, l’incomunicabilità tra i coniugi è servita. Ma è soprattutto l’epoca - corre l’anno 1856 - a fare la differenza. Beh, della condizione femminile in ambito rurale in pieno Ottocento, possiamo già avere un’idea a prescindere dal film. Ma The World to Come, vale a dire ‘il mondo che verrà’, funziona per l’appunto come un anelito di liberazione e di emancipazione della donna, per l'appunto inimmaginabile

    in quel presente. Lo dimostra l’esperienza della prima protagonista, la Abigail di Katherine Waterston, sposata con il taciturno e sfuggente Dyer di Casey Affleck, dai modi spicci ma quieti, ben poco romantico ed incapace di sostegno per la moglie, soprattutto dopo la perdita della figlioletta. Esperienza che finisce per ‘annegare’ nello stesso flusso narrativo del film per una costante, pedante ed inarrestabile ‘voce fuori campo’, prevalentemente di lei che tiene un diario, a sua volta tallonato pedissequamente dalla regista norvegese Mona Fastvold (The Sleepwalker) che l’ha concepito. E questo ancor prima dell’entrata in scena della rossa ed esuberante Tallie di Vanessa Kirby, la vicina con un marito ben meno accomodante dell’altro, soprattutto ben più ‘limitato’, attento ad ottenere i doveri di una moglie con le buone o con le cattive. Una mentalità che in certi ambiti si è fatta strada nei decenni e che può dirsi non del tutto asfaltata

    neppure oggi.

    Beh, questo diario a cuore aperto di Abigail/Waterson che registra ogni alito di insofferenza nell’intimità del quotidiano, e di graduale attrazione tra lei e l’altra, dopo la quotidiana condivisione e reciproca solidarietà delle rispettive condizioni esistenziali, si fa pesante al limite del sopportabile, perdendo di interesse ad ogni passo in avanti. Possiamo ringraziare per questo, proprio questa voce fuori campo, tanto onnipresente da andare a sostituire letteralmente i dialoghi diretti tra i protagonisti, ridotti ai minimi termini. Il che finisce per asfissiare giocoforza anche la portata delle emozioni delle protagoniste, già condizionate, per non dire ‘mortificate’, dalle circostanze ambientali e di respiro sociale domestico dell’epoca. Le fugaci incursioni degli altri protagonisti, sempre in voce fuori campo, non fanno poi che peggiorare ulteriormente le cose. E’ dunque solo l’indubbia capacità degli interpreti di reggere sulle spalle un protagonismo tanto oneroso, a salvare in parte il naufragio totale di questa

    pellicola, che vale senz'altro più nelle intenzioni che nella messa in pratica. Una storia al femminile con uomini che restano, in vario modo, sostanzialmente ai margini, ma non abbastanza da non condizionare, in un modo o nell’altro, l’anelito di libertà delle due donne, sacrificate sull’altare delle incombenze domestiche a 360 gradi, con l’aggravante dei figli che non arrivano, o che non si vogliono. Inaccettabile per la società dell’epoca. Tanto inaccettabile da valere bene la fuga dei vicini in un altrove, lontano da loro, per andare a trovare solo un altro dramma. Ed ecco la lapidaria fine di quella inaspettata ‘ondata emozionale’ di “stupore e gioia”. Occasione per un flashback, l’unico, confezionato ad arte, come un prisma di passioni provate, condivise e perdute per sempre. E, questa volta, non per effetto del ‘proibizionismo’ vigente. Come additato dal titolo stesso del film, passioni buone solo per un mondo ancora di là da

    venire.

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)




    trailer (V.O.):

    Perle di sceneggiatura

    Links:

    • Casey Affleck

    • Katherine Waterston

    • Vanessa Kirby

    1| 2

    Galleria Video:

    The World to Come - trailer (versione originale)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Dune

    DUNE

    Tra i più attesi!!! - 78. Mostra del Cinema di Venezia (Fuori Concorso, .... [continua]

    Supernova

    SUPERNOVA

    Dalla Festa del Cinema di Roma (15-25 Ottobre 2020) - Dal 16 Settembre

    [continua]

    La ragazza di Stillwater

    LA RAGAZZA DI STILLWATER

    Cannes 2021 - Matt Damon padre disposto a tutto per amore della figlia Abigail .... [continua]

    The Night House - La casa oscura

    THE NIGHT HOUSE - LA CASA OSCURA

    Dal Sundance Film Festival 2020 in prima mondiale - Rebecca Hall protagonista in un .... [continua]

    Il collezionista di carte

    IL COLLEZIONISTA DI CARTE

    Venezia 78. - In Concorso - Dal 3 Settembre .... [continua]

    No Time To Die

    NO TIME TO DIE

    L'ultimo Bond con il volto di Daniel Craig ha come antagonista Rami Malek (Bohemian Rhapsody) .... [continua]

    Come un gatto in tangenziale - Ritorno a Coccia di Morto

    COME UN GATTO IN TANGENZIALE - RITORNO A COCCIA DI MORTO

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal 26 Agosto - SEQUEL della commedia .... [continua]